CONSULENZA

CONSULENZA TELEFONICA con Raymond Bard
Ogni giorno dalle 19 alle 20 sabato e Domenica dalle 10 alle 12
(Solo per gli iscritti e chi si iscrive a questo sito Internet)
Come fare: Effettua libera donazione tramite ricarica telefonica Wind al numero 3202181316 poi invia un messaggio per appuntamento telefonico.
A fine conversazione vi sarà chiesta una libera donazione in base al gradimento tramite bonifico bancario.



TRADUTTORE

Come creare un’associazione sportiva - MILANO E BERGAMO - UNIAMOCI INSIEME PER CREARE UN'ASSOCIAZIONE -


VUOI ENTRARE

IN SOCIETA' CON NOI?

 VUOI AIUTARCI A CREARE UN'ASSOCIAZIONE?


asssprt




Il tuo sogno nel cassetto è quello di creare un’associazione sportiva? Non è difficile e neanche troppo dispendioso, basta seguire alla lettera alcune semplici regole. In primis, per mettere su un’associazione, che sia sportiva o non, è necessario redigere uno statuto e un atto costitutivo e avere almeno due o tre soci fondatori. E’ importante sapere che, per redigere uno statuto, non bisogna fare dei semplici copia e incolla da altri statuti ma redigerlo ad hoc con tutti i dati necessari, affinché esso sia corretto e a norma di legge.

Cosa bisogna indicare nello statuto?
Per prima cosa occorre indicare con precisione qual è l’oggetto sociale, ovvero lo scopo dell’ente. A questo riguardo è importante precisare che l’oggetto sociale di un ente no profit deve essere sempre non commerciale e lo scopo deve essere sempre ideale.
Serve poi una sede e una denominazione. Nello statuto bisogna indicare i dati anagrafici e il codice fiscale di 2-3 soci fondatori e una prima attribuzione di cariche e scopi. Un’associazione deve avere , infatti, un presidente, un vice presidente, un segretario ed eventuali consiglieri.
Come costituire uno statuto? Si può farlo con atto privato da registrare all’Agenzia delle entrate, cosa che farà risparmiare rispetto ad una scrittura privata presso un notaio. Subito dopo occorre accreditare l’Associazione all’Agenzia delle entrate con un modulo apposito, secondo l’art. 30 del DL 185/2008. Passati 60 giorni, bisogna compilare il modello EAS, che dovrà essere consegnato all’Agenzia delle Entrate.
Il modello EAS può essere scaricato anche dal sito dell’Agenzia delle Entrate che, a questo proposito, specifica che: ”Le quote e i contributi associativi nonché, per determinate attività, i corrispettivi percepiti dagli enti associativi privati, in possesso dei requisiti richiesti dalla normativa tributaria, non sono imponibili. Per usufruire di questa agevolazione è necessario che gli enti trasmettano in via telematica all'Agenzia delle Entrate i dati e le notizie rilevanti ai fini fiscali, mediante un apposito modello”.
Assieme allo statuto dell’associazione occorre redigerne l’Atto costitutivo, in cui bisognerà elencare:
Dove e quando l'associazione viene costituita;
Chi sono i Soci fondatori;
Come viene denominata l'associazione;
Chi sono i primi componenti degli organi di controllo dell'associazione;
Tramite compilazione di un apposito modulo, occorrerà farsi rilasciare un codice fiscale( utile per la gestione fiscale dell’agenzia) dall’Agenzia delle entrate territoriale.
Consigli utili
Bisogna tenere presente che un’associazione sportiva e non, per funzionare bene è preferibile che si affili a qualche sponsor o a più enti di promozione; un’associazione è fatta da organi sociali, che vanno definiti nello statuto: assemblee di soci e organi amministrativi, che servono a far funzionare l’associazione tramite meccanismi di delega delle funzioni. Tutto questo concorre a determinare la trasparenza dell’attività e la più facile gestione delle attività connesse all’associazione.
Il regime contributivo di un’associazione no profit
Perché una’associazione sia definita no profit occorre che nell’oggetto si indichi la sua natura non commerciale. Questo darà luogo anche ad una serie di agevolazioni fiscali. Per costituirsi in questo modo, l’associazione deve prevedere dei Libri sociali in cui siano indicate tutte le entrate dell’associazione come: quote di iscrizione all'associazione, nel caso modificabili per particolari categorie di soci (ad es. benemeriti, sostenitori); contributi annuali dei soci, ordinari e straordinari; versamenti volontari dei soci; sovvenzioni, donazioni e lasciti testamentari; contributi provenienti da enti nazionali, locali o internazionali, istituti di credito o altri soggetti privati.
Infine, i libri sociali sono soggetti a vidimazione e devono essere accessibili a tutti i soci: “La bollatura dei libri contabili rappresenta una delle competenze ascritte al registro delle imprese sia dalla normativa codicistica che dal DPR n. 581/1995.
Competente alla bollatura è la Camera di Commercio nella cui provincia è ubicata la sede legale del richiedente, anche le associazioni senza scopo di lucro che non sono iscritte al Registro Imprese o al REA o altri soggetti non iscrivibili al Registro Imprese (es.: enti pubblici, U.S.L, fondazioni, liberi professionisti) possono richiedere la vidimazione di registri e libri contabili.”

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

FORMAZIONE - LEARNING - Scegli in cosa vuoi essere il migliore

Corso Marketing Management Generale

OCCASIONE LAST MINUTE SOLO PER GLI ISCRITTI A QUESTO BLOG

OGGI SCONTI

I post + cliccati della settimana

Collaborare

Collaborare

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.