CONSULENZA

CONSULENZA TELEFONICA con Raymond Bard
Ogni giorno dalle 19 alle 20 sabato e Domenica dalle 10 alle 12
(Solo per gli iscritti e chi si iscrive a questo sito Internet)
Come fare: Effettua libera donazione tramite ricarica telefonica Wind al numero 3202181316 poi invia un messaggio per appuntamento telefonico.
A fine conversazione vi sarà chiesta una libera donazione in base al gradimento tramite bonifico bancario.



TRADUTTORE

Come si individua e misura lo stress da lavoro?

Come si individua e misura lo stress da lavoro?

"L'individuazione di un problema di stress è possibile attraverso un'analisi di numerosi fattori. Ne elenco alcuni: l'organizzazione e i processi di lavoro (pianificazione dell'orario di lavoro, grado di autonomia, grado di coincidenza tra esigenze imposte dal lavoro e capacità/conoscenze dei lavoratori, carico di lavoro, ecc.); le condizioni e l'ambiente di lavoro (esposizione ad un comportamento illecito, al rumore, al calore, a sostanze pericolose, utilizzo di software particolarmente complessi, ecc.); la comunicazione (incertezza circa le aspettative riguardo al lavoro, prospettive di occupazione, un futuro cambiamento, ecc.); fattori soggettivi (pressioni emotive e sociali, sensazione di non poter far fronte alla situazione, percezione di una mancanza di aiuto...).
Un alto assenteismo o un'elevata rotazione del personale, conflitti interpersonali o lamentele frequenti da parte dei lavoratori, sono alcuni dei sintomi che possono rivelare la presenza di stress da lavoro. Per la misura dello stress occupazionale si pongono due ordini di problemi: stabilire un nesso di casualità tra stress e alterazioni di parametri biologici o patologie, distinguendo in particolare la quota occupazionale di stress dalla quota dovuta ad altre cause psico-sociali; in secondo luogo, quantificare il peso dello stress da lavoro nella insorgenza di patologie le cui cause possono essere multifattoriali.
Anche se, nel posto di lavoro, gli stimoli fisici e ambientali possono rappresentare agenti stressanti potenzialmente pericolosi, quelli che stanno emergendo maggiormente, come fattori psico-sociali di stress negativo, sono il mobbing, il burn out e la ‘sindrome corridoio'".
Ci può dare alcune definizioni delle malattie che ci ha elencato?
"Il burn out sinteticamente può essere definito come una progressiva perdita di idealismo, energia e scopi, vissuta da operatori sociali, professionali e non, come risultato delle condizioni in cui lavorano. È una sindrome presente in particolare nei lavori di assistenza e di contatto e relazione diretta con il pubblico (infermieri, medici, assistenti sociali, ecc.), ove la questione del burn out -  ovvero del ‘bruciare' le energie - è tale da rendere insopportabile quel lavoro dopo un certo numero di anni.
Altra malattia di cui si sente spesso parlare è il mobbing. Il nome della malattia deriva dall'inglese to mob, ‘attaccare', ‘accerchiare'. Non esiste una definizione univoca di mobbing che sia internazionalmente riconosciuta. Nell'ambito dell'Unione Europea è abbastanza frequente definirlo come 'un comportamento ripetuto, immotivato, rivolto contro un dipendente o un gruppo di dipendenti, tale da creare un rischio per la sicurezza e la salute', intesa sia in senso fisico che mentale.
In Italia, anche per le implicazioni medico-legali e legali che il fenomeno può comportare, c'è la tendenza a valutare la ‘intenzionalità' di chi lo attua e si preferisce definirlo come 'una condizione di violenza psicologica, intenzionale e sistematica, perpetrata in ambiente di lavoro per almeno sei mesi, con l'obiettivo di espellere il soggetto dal processo o dal mondo del lavoro'.
Come si può diagnosticare il mobbing? Come si può capire se una persona ha dei sintomi legati al lavoro o legati a situazioni familiari preesistenti?
"La valutazione del mobbing è particolarmente complessa. Non esiste un'unica modalità valida per ogni contesto; inoltre la raccolta dei dati riguardanti i precedenti fisiologici e patologici personali ed ereditari dei pazienti, e di quelli in ambito occupazionale, nel caso del mobbing, richiede l'intervento e la collaborazione interdisciplinare del medico del lavoro, dello psichiatra e dello psicologo, con tempi di raccolta dei dati clinici lunghi e con ripetute verifiche e confronti da parte degli specialisti.
La complessità e multidisciplinarietà dell'esame è richiesta dalla delicatezza della diagnosi e dalla difficoltà di verifica dei dati anamnestici, che poggia essenzialmente sull'attendibilità della persona e della storia lavorativa".
Esistono altri tipi di malattie da stress?
"Una malattia meno nota è la 'sindrome corridoio', che si può definire come la non capacità di distinguere tra la sfera lavorativa e la sfera della vita privata. Sempre più spesso la famiglia genera o amplifica le tensioni fisiche, emotive e comportamentali, restituendole al contesto lavorativo. La conseguenza è che di fronte a normali stimoli lavorativi la soggettività individuale risulta a rischio di scompensi biologici e comportamentali.
Nel contesto di vita contemporanea si sono annullati i filtri che gestivano le singolarità del quotidiano lavorativo e di quello privato; si è infatti creato un ‘corridoio' senza soluzione di continuità tra gli stimoli propri dell'ambiente di lavoro e quelli della vita familiare o privata che sia.
D'altra parte non è raro che le tensioni lavorative vengano trasportate nella vita privata, non strutturata a compensarle, e quando tali tensioni assumono carattere di cronicità e di eccesso possono provocare rotture comunicative e quindi incomprensioni, frustrazioni, solitudine e aggressività".
Come si può riconoscere e prevenire la sindrome da stress negativo?
"Anche se non sono stati ancora fatti degli studi approfonditi sull'influenza dei vari fattori scatenanti, si può intuire come uno stato di stress negativo incida nelle prestazioni lavorative; è evidente l'importanza che assume la giusta considerazione dello stress in ambito lavorativo, com'è altrettanto evidente che il benessere ambientale sia la migliore strategia preventiva.
Per riconoscere la sindrome occorre fare attenzione ai seguenti disturbi: fisici, a carico di diversi apparati quale quello cardiovascolare, gastrointestinale, della cute, della muscolatura; psico-emozionali, spesso presenti nei soggetti sottoposti a stress; comportamentali, con conseguente aumento di rischio di incidenti, alcoolismo e dipendenza da droghe.
Un lavoratore stressato ha un rischio maggiore di incorrere in un infortunio o di sviluppare tali situazioni morbose. Se il problema di stress da lavoro è identificato, bisogna agire per prevenirlo, eliminarlo o ridurlo. La responsabilità di stabilire le misure adeguate da adottare spetta al datore di lavoro, che deve programmare una politica aziendale specifica in materia di stress e/o attraverso misure specifiche mirate per ogni fattore di stress individuato. Queste misure possono essere collettive e/o individuali, e devono essere attuate con la partecipazione e la collaborazione dei lavoratori e/o dei loro rappresentanti.
Si possono introdurre misure specifiche per ciascun fattore di stress individuato, oppure le misure possono rientrare nel quadro di una politica anti-stress integrata che sia contemporaneamente preventiva e valutabile. Una volta definite, le misure anti-stress dovrebbero essere riesaminate regolarmente per valutarne l'efficacia e stabilire se sono ancora appropriate o necessarie. I correttivi consistono in informazione, formazione, prevenzione e sensibilizzazione".
 
Ci può fare qualche esempio?
"Si possono applicare vari metodi che devono essere adattati alle situazioni contingenti. Ne enumero alcuni: misure di gestione e di comunicazione in grado di chiarire gli obiettivi aziendali e il ruolo di ciascun lavoratore, di assicurare un sostegno adeguato da parte della direzione ai singoli individui e ai team di lavoro, di portare a coerenza responsabilità e controllo sul lavoro, di migliorare l'organizzazione, i processi, le condizioni e l'ambiente di lavoro; la formazione dei dirigenti e dei lavoratori per migliorare la loro consapevolezza e la loro comprensione nei confronti dello stress, delle sue possibili cause e del modo in cui affrontarlo, e/o per adattarsi al cambiamento; l'informazione e la consultazione dei lavoratori e/o dei loro rappresentanti, in conformità alla legislazione europea e nazionale, ai contratti collettivi e alle prassi". 

Tratto da:
 http://www.inail.it/Portale/appmanager/portale/desktop?_nfpb=true&_pageLabel=PAGE_SALASTAMPA&nextPage=INAIL_Regioni/2009/Lavoro_e_occupazione/Maggio/14/info1136035121.jsp

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

FORMAZIONE - LEARNING - Scegli in cosa vuoi essere il migliore

Corso Marketing Management Generale

OCCASIONE LAST MINUTE SOLO PER GLI ISCRITTI A QUESTO BLOG

OGGI SCONTI

I post + cliccati della settimana

Collaborare

Collaborare

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.