02 aprile 2012

CORTISOLO TROPPO ALTO O TROPPO BASSO - stress

Cortisolo e stress -  troppo o poco ?



Come viene prodotto, come agisce, come controllarne la secrezione

Oggi il  cortisolo  √® conosciuto anche come "l'ormone dello stress", in quanto prodotto sotto particolari situazioni di stress psico-fisico .
Forse per√≤ non tutti sanno che sebbene una sua "eccessiva produzione'" sia indiscutibilmente nociva all'organismo,  altrettanto dannosa  √® la sua "sottoproduzione"', in quanto livelli minimi di cortisolo sono comunque necessari al buon funzionamento del nostro corpo.
Troppo cortisolo o troppo poco?
Un esempio particolarmente interessante √® quello di una persona affetta da stress cronico o da sindrome depressiva. La sovra-produzione di cortisolo crea in un primo momento un effetto "tossico" in quanto l'ormone contrasta l'operare delle cellule cerebrali deputate al buon umore, distruggendole. 
In una seconda fase, per√≤, quando nel cervello interviene un meccanismo naturale di autoprotezione dal cortisolo, se questo venisse di colpo ridotto drasticamente si creerebbe un  deficit cortisolico  nelle cellule cerebrali, con conseguenti problemi psicologici e di memoria.
Ora veniamo allo stress da esercizio fisico: sappiamo che durante l'attivit√† fisica i livelli di cortisolo aumentano per poi rientrare nella norma non appena il soggetto ritorna in una condizione di riposo e tranquillit√†. Questo effetto "a  breve termine'" produce dei benefici alla nostra salute, rafforzando il sistema immunitario, la memoria, il controllo dell'appetito, la perdita del peso, i livelli di energia, i livelli di infiammazione e la salute sessuale.
I problemi sorgono quando l'attivit√† fisica viene protratta troppo a lungo nel tempo e/o troppo frequentemente. In questo caso la produzione di cortisolo aumenta; ma attenzione: a lungo andare si registreranno minori livelli di cortisolo durante gli allenamenti, ed una continua produzione in eccesso durante le fasi di riposo. Questo significa che lo stato di stress cui √® sottoposto l'organismo si cronicizza, con conseguente stanchezza, aumento di peso, depressione e  scarse prestazioni, in modo analogo a quanto succedeva nel su menzionato esempio di autodifesa del cervello.
L'obbiettivo di una corretta gestione dell'allenamento non dovrebbe quindi essere tanto o solo quello di evitare "picchi di cortisolo", quanto quello di evitare situazioni croniche (perduranti nel tempo) in cui tale ormone è prodotto in eccesso o in difetto. L'ideale sarebbe quello di mantenere delle oscillazioni normali in risposta a situazioni di stress e relax.

Tratto anche da: http://www.my-personaltrainer.it/fisiologia/ormoni/cortisolo-troppo-poco.html

Nessun commento:

Posta un commento

Questo post ti ha dato informazioni utili ?
Un tuo commento mi aiuta a migliorare e nel proseguire la mia Mission.
Ti ringrazio inoltre se vorrai iscriverti nel mio blog e condividere questo articolo nei tuoi social.

Clicca su post pi√Ļ vecchi

Clicca          su       post pi√Ļ vecchi

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicit√† . Non pu√≤ pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non √® responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilit√† di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.