CONSULENZA

CONSULENZA TELEFONICA con Raymond Bard
Ogni giorno dalle 19 alle 20 sabato e Domenica dalle 10 alle 12
(Solo per gli iscritti e chi si iscrive a questo sito Internet)
Come fare: Effettua libera donazione tramite ricarica telefonica Wind al numero 3202181316 poi invia un messaggio per appuntamento telefonico.
A fine conversazione vi sarà chiesta una libera donazione in base al gradimento tramite bonifico bancario.



TRADUTTORE

INAIL - IL DANNO DIFFERENZIALE - DANNO PATRIMONIALE DEL LAVORATORE

Il "danno differenziale" si configura come quella ulteriore ed eventuale quota di ristoro derivante dall'insufficienza delle indennità conseguenti a voci di danno erogate dall'INAIL in materia di infortuni sul lavoro secondo le normali regole della responsabilità civile.
Come noto, il problema della determinazione di detto danno si è posto, in via generale, con l'entrata in vigore del D. Lgs. 38/2000 (art. 13) che ha sostituito il sistema tradizionale di valutazione dell'inabilità permanente con quello del "danno biologico", nozione che fa riferimento alla "lesione dell'integrità psicofisica" suscettibile di valutazione medico legale e causativa di una menomazione valutabile secondo le tabelle di cui al D.M. 12 luglio 2000.
La questione della risarcibilità del danno "differenziale" dopo il riconoscimento legislativo dell'indennizzabilità da parte dell'INAIL del danno biologico è stata a lungo dibattuta in dottrina ed in giurisprudenza, chiamate a decidere se le somme erogate dall'INAIL fossero da considerarsi esaustive del diritto al risarcimento del danno biologico sofferto dal danneggiato/assicurato, oppure se residuasse in capo al terzo danneggiante l'obbligo di risarcire l'eventuale danno "differenziale", inteso quale maggior pregiudizio sofferto in concreto.
Muovendo dal principio assolutamente pacifico secondo cui il danno biologico, in quanto lesione del bene della salute garantito dall'art. 32 Cost., se deve essere risarcito a colui che lo ha subìto lo deve essere in maniera integrale, la giurisprudenza prevalente si è orientata verso il riconoscimento del c.d. "danno differenziale", laddove l'applicazione delle usuali tabelle di liquidazione del danno biologico portino a ritenere sussistente un danno ulteriore rispetto all'ammontare liquidato dall' Istituto (ex multis, cfr. Cass. n. 10035/2004. Per il merito, cfr. Trib. Vicenza, 4 gennaio 2007, n. 321).
E ciò sul rilievo, per un verso, che la prospettiva applicativa, esplicitata dall'art. 13 del citato decreto - secondo cui la definizione di danno biologico è prevista solo "in via sperimentale" ed ai soli "fini della tutela dell'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali", in attesa della disciplina organica e completa del danno biologico- non è quella di definire in via generale e omnicomprensiva tutti gli aspetti risarcitori del danno biologico, ma solo quella di determinarli agli specifici e limitati fini dell'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali. Per altro verso, sulla base del dettato normativo di cui all'art. 10 D.P.R. n. 1124 del 1965, commi 6 e 7, secondo cui il risarcimento spettante all'infortunato sul lavoro o ai suoi aventi diritto è dovuto solo nella misura differenziale derivante dal raffronto tra l'ammontare complessivo del risarcimento e quello delle indennità liquidate dall'Inail in dipendenza dell'infortunio, al fine di evitare una ingiustificata locupletazione in favore degli aventi diritto, i quali, diversamente, percepirebbero, in relazione al medesimo infortunio, sia l'intero danno, sia le indennità.
Una particolare applicazione del concetto di danno differenziale si è posta, nel panorama degli infortuni sul lavoro, per l'infortunio in itinere quando è provocato da incidente stradale, posto che, in questa ipotesi, oltre all'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni, viene coinvolta a tutela dell'evento anche l'assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli, disciplinata dal d.lgs. 7 settembre 2005, n. 205 (c.d. Codice delle assicurazioni private) e il danno biologico come indennizzato dall'INAIL non corrisponde al danno biologico nell'ambito R.C.A.
Anzitutto, sussistono sostanziali divergenze di riferimento a norme primarie tra l'indennizzo erogato ex art. 13 D. Lgs. 38/2000 ed il risarcimento del danno biologico in ambito R.C.A.: mentre quest'ultimo ha trovato il proprio riconoscimento nell'articolo 32 della Costituzione ed è tuttora finalizzato a risarcire il danno nella esatta misura in cui si è verificato, l'indennizzo INAIL ha dato applicazione all'art. 38 della Costituzione e risponde alla funzione sociale di garantire mezzi adeguati al lavoratore infortunato.
Le erogazioni di somme effettuate dall'INAIL sono inoltre qualificabili alla stregua di un mero indennizzo, cioè di un istituto che, a differenza del risarcimento, non appare necessariamente riconducibile ad un fatto illecito (contrattuale o aquiliano) e che può, pertanto, prescindere dall'elemento soggettivo di chi ha realizzato la condotta dannosa e persino dalla individuazione di un responsabile diverso dallo stesso danneggiato.
Il Codice delle assicurazioni private,inoltre, prevede, per il risarcimento del danno biologico, la predisposizione di apposite tabelle, rispettivamente per le menomazioni sino al 9% (micropermanenti) (art. 139) e poi di quelle comprese tra il 10 e il 100% (art. 138), che danno luogo ad importi maggiori rispetto a quelli risultanti dall'applicazione delle tabelle di riferimento per l'INAIL.
Anche per ciò che riguarda il creditore il diritto all'indennizzo erogato dall'INAIL si struttura in modo diverso dal risarcimento del danno liquidato dalla R.C.A.:mentre, infatti, il diritto alla rendita erogata dall'Istituto si estingue con la morte dello stesso beneficiario, il diritto al risarcimento entra a far parte del patrimonio ereditario del danneggiato.
Peraltro, con riguardo al valore capitale delle rendite a carico dell'INAIL, deve tenersi conto, anziché del meccanismo generale di adeguamento degli importi dovuti a titolo di danno al potere di acquisto della moneta, del meccanismo legale di rivalutazione triennale delle rendite previsto dall'art. 116, comma 7, D.P.R. n. 1124 del 1965, salva, per la parte non coperta, la rivalutazione secondo gli indici Istat.
La palese differenza sussistente tra l'indennizzo INAIL ed il risarcimento del danno, sotto il profilo della struttura e degli effetti, esclude inoltre l'utilizzabilità dei parametri di cui al citato art. 13 quali riferimenti vincolanti ai fini della liquidazione dell'eventuale risarcimento del danno biologico secondo criteri equitativi.
Ne consegue che in caso di infortunio in itinere per incidente stradale provocato da altri il danneggiato può usufruire della peculiare protezione accordata dal sistema di sicurezza sociale e contemporaneamente ottenere più facilmente il danno differenziale dalla compagnia assicuratrice del responsabile civile.
Tale danno "differenziale" deve essere determinato, una volta accertato il complesso risarcibile secondo i principi ed i criteri di cui agli art. 1223, 2056 c.c. e ss, sottraendo dalle sole voci corrispondenti al danno biologico e al danno patrimoniale, l'importo delle prestazioni liquidate dall'INAIL, tenendo conto dei rispettivi valori come attualizzati alla data dell'accertamento (Trib. Vicenza, n. 321/2007 cit.).
Le prestazioni economiche riconosciute dall'INAIL consistono nell'indennizzo in capitale, se la menomazione è di grado pari o superiore al 6%, ma inferiore al 16%, o l'indennizzo in rendita, qualora la menomazione sia pari o superiore al 16%. Non sono, per converso, indennizzabili, alla stregua della normativa vigente, le menomazioni all'integrità psicofisica di grado inferiore al 6%, nonché tutte quelle lesioni che non incidono sulla capacità lavorativa e non sono suscettibili di valutazione medico-legale.
A livello operativo, pertanto, nella liquidazione del danno "differenziale" da infortunio in itinere causato da incidente stradale, occorre procedere come segue:
  • se la lesione è valutabile in misura inferiore al 6%, l'INAIL non corrisponde alcun indennizzo a titolo di danno biologico e di danno patrimoniale. Pertanto, il danneggiato dovrà chiedere il risarcimento di tutti i danni alla Compagnia tenuta al risarcimento dalle norme di R.C.A.;
  • se la lesione è valutabile dal 6% al 15%, l'INAIL indennizza il danno biologico in capitale, secondo i criteri previsti nelle tabelle allegate al Decreto del 2000, così come aggiornate con il Decreto del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali e del Ministro dell'economia e delle finanze del 27 marzo 2009. Alcun indennizzo è dovuto per conseguenze patrimoniali. Ne consegue che il danneggiato, dovrà richiedere il danno differenziale biologico alla Compagnia di Assicurazione, in uno all'importo totale del danno patrimoniale.
  • se la lesione è valutabile sopra il 15%, l'INAIL indennizza il danno biologico in rendita, con un ulteriore quota di rendita per le conseguenze patrimoniali. In queste ipotesi, secondo la giurisprudenza prevalente, il raffronto deve essere operato non posta per posta, ma avuto riguardo all'ammontare complessivo dei rispettivi ristori, sulla base del disposto dei commi 6° e 7° dell'art. 10 del DPR n. 1124/1965, sopra citati (Trib. Vicenza, n. 321/2007 cit.).
È pacifico, inoltre, che l'Inail non risarcisce il danno morale né voci di danno non patrimoniale diverse dal danno biologico (Cass. 27.5.2009 n. 12326). Questi danni, pertanto, devono essere integralmente risarciti al danneggiato dalla Compagnia tenuta al risarcimento dalle norme di R.C.A.

 In base al D.Lgs. n. 38/00 per infortuni relativi a danni valutati in misura pari o superiore al 16%,  l'Inail corrisponde un indennizzo in rendita che è costituita da due quote: la prima, relativa al danno biologico, viene individuata nell'apposita tabella (tabella Inail, n.d.r.) con riferimento esclusivo alla menomazione; la seconda quota viene riferita al danno patrimoniale e calcolata sulla base della retribuzione del grado di menomazione e del corrispondente coefficiente di cui all'apposita tabella. E' evidente che rispetto a quanto liquidato al danneggiato in sede di causa civile per il risarcimento dei danni, andranno defalcate dall’importo complessivo le somme relative alle voci omogenee oggetto sia della liquidazione giudiziale sia di quella assistenzialistica. In altre parole, se il giudice liquida all’attore sia il danno biologico (o, per meglio dire, complessivamente inteso nella sua riformulazione post sentenza di San Martino, non patrimoniale) che il danno patrimoniale, bisognerà detrarre dalla somma individuata dal giudicante sia la quota capitale messa a disposizione dall’Inail a titolo di biologico, sia quella messa a disposizione a titolo di danno patrimoniale.  Laddove, invece,  il giudice liquidi solamente un danno non patrimoniale complessivamente considerato (biologico permanente e temporaneo, morale, etc.), ma non quello patrimoniale, andrà detratta dalla somma risarcitoria complessivamente individuata dal giudicante solo la parte Inail erogata a titolo di danno biologico. In altre parole, deve essere defalcata da quanto spettante all’attore la parte di rendita erogata dall’Inail a titolo di indennizzo per il danno biologico. Non dovranno invece essere scomputate quelle parti di danno erogate dall’INAIL a titolo diverso, come ad esempio la rendita costituita dall’INAIL quale ristoro del danno patrimoniale subito dal lavoratore che abbia subito una menomazione superiore al 15% di invalidità permanente.

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

FORMAZIONE - LEARNING - Scegli in cosa vuoi essere il migliore

Corso Marketing Management Generale

OCCASIONE LAST MINUTE SOLO PER GLI ISCRITTI A QUESTO BLOG

OGGI SCONTI

I post + cliccati della settimana

Collaborare

Collaborare

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.