CONSULENZA

CONSULENZA TELEFONICA con Raymond Bard
Ogni giorno dalle 19 alle 20 sabato e Domenica dalle 10 alle 12
(Solo per gli iscritti e chi si iscrive a questo sito Internet)
Come fare: Effettua libera donazione tramite ricarica telefonica Wind al numero 3202181316 poi invia un messaggio per appuntamento telefonico.
A fine conversazione vi sarà chiesta una libera donazione in base al gradimento tramite bonifico bancario.



TRADUTTORE

Talalgia plantare - dolore al tallone

Dolore al piede - Talalgia plantare

Rappresenta la causa più comune di dolore al tallone.
Anche chiamata sindrome della spina calcaneare, è costituita dalla comparsa di un un dolore sotto al tallone in una zona ben precisa localizzata nella porzione postero interna dell'apofisi posteriore del calcagno, insieme alla presenza di uno sperone osseo visibile all'esame radiografico.
Tale punto corrisponde all'inserzione della banda centrale della fascia plantare e del tendine del muscolo adduttore dell'alluce sulla tuberosità plantare interna del calcagno.
Si tratta quindi di una fascite plantare inserzionale
fascite plantaretalalgia plantare

Cause

La trazione eccessiva come nel caso di un piede iperpronato o cavo o microtraumi ripetuti legati all'uso di calzature rigide come quelle antinfortunistiche, creano un' infiammazione dell'aponeurosi plantare a livello della sua inserzione calcaneare con relativa iperemia dell'osso.
Successivamente depositi di calcio si stratificano sul tessuto di granulazione prodotto dalla reazione infiammatoria, formando in tal modo il caratteristico sperone osseo, che pertanto è la conseguenza e non la causa di tale processo patologico.
sperone osseo  sperone osseo
Sintomatologia
Si tratta di un dolore acuto ad insorgenza subdola comparso a volte in coincidenza di un prolungato periodo in stazione eretta o dell'uso di calzature particolari, avvertito sotto al tallone in particolare la mattina appena si inizia a poggiare il piede in terra che migliora durante la giornata.
Il dolore è presente solo sotto carico e scompare a riposo.
Il paziente deambula con zoppia tentando di evitare l'appoggio sulla porzione interna del tallone.
Non vi sono altri segni clinici come tumefazione e arrossamento cutaneo .
La sede di tale dolore è selettiva, corrispondente al tubercolo plantare interno del calcagno.
Compare spontaneamente in pazienti piu spesso di sesso maschile nella quinta e sesta decade di età , mentre quando interessa soggetti piu giovani è di solito legata a ipersollecitazioni meccaniche di tipo lavorativo o sportivo.
Solitamente la talalgia persiste e si aggrava con il tempo, giungendo raramente a remissione spontanea e comunque mai prima di sette mesi dalla comparsa della sintomatologia.
Vi è relazione tra l'entita del dolore e la presenza dello sperone calcaneare.
Questo contrariamente a quanto si potrebbe pensare, è di solito presente nella fase di formazione iniziale della spina, coincidente alla fase di infiammazione acuta della aponeurosi plantare , e scompare alla formazione completa di essa.

Diagnosi

è basata sulla storia clinica e sull'esame obiettivo.
La precisa localizzazione del dolore in corrispondenza del tubercolo calcaneare mediale evocato dalla digitopressione profonda di tale punto, senza altre localizzazioni dolorose , ne dalla compressione del calcagno in direzione mediale - laterale, o dell'apofisi posteriore depongono per tale patologia.
L'esame radiografico standard, può evidenziare la presenza di uno sperone plantare, ed esclude altre condizioni morbose come fratture , neoplasie, o affezioni reumatiche.

Trattamento conservativo

Solitamente risolve il 90% dei casi.
Il Trattamento iniziale di solito scarsamente efficace e intrapreso direttamente dal paziente consiste nell'assunzione di comuni antinfiammatori e nell'uso di talloniere in gel viscoelastico.
Segue per frequenza il ricorso a fisioterapia specifica come le onde d'urto, l'ipertermia o la laserterapia.
dolore del tallone fisioterapia dolore del tallone
laserterapia laserterapia

Solitamente prendiamo in cura casi resistenti alle cure sopraindicate, e intraprendiamo una terapia medica a base di galenici contenenti condroprotettori (condoitinsolfato), e metilsulfonilmetano, insieme ad un ciclo di 4 infiltrazioni con acido ialuronico iniettato previa anestesia per renderlo indolore, nel punto di inserzione della aponeurosi sul calcagno.
Associamo un programma di esercizi di allungamento della fascia plantare ottenendo la remissione quasi completa della sintomatologia 15 giorni dopo l'ultima infiltrazione.
dolore del tallone
L'efficacia di tale trattamento ci convince della componente infiammatoria ed iperemica della cartilagine inserzionale piu che quella tendinea nella genesi della talalgia. è inoltre fondamentale individuare eventuali squilibri posturali del piede in iperpronazione o accentuazioni dell'arco plantare che devono essere corretti mediante l'uso di plantari ben progettati
dolore del tallone dolore del talllone - plantari
Trattamento chirurgico Nei casi ribelli alla terapia conservativa e persistenti da oltre sette mesi è indicato il trattamento chirurgico. Grazie alla tecnologia abbiamo a disposizione una nuova tecnica miniinvasiva chiamata coblazione mediante radiofrequenze.
coblazione mediante radiofrequenze coblazione mediante radiofrequenze
Attraverso un piccolo foro transcutaneo, applichiamo un terminale generatore di radiofrequenze (topaz) direttamente sulla fascia infiammata,
applicazione terminale topaz applicazione terminale radiofrequenze
effettuando qualche perforazione della fascia stessa a livello della sua inserzione calcaneare.
dolore del tallone dolore del tallone
L'applicazione del terminale nel tessuto provoca l' escissione del tessuto degenerato e stimola la formazione di nuovi vasi sanguigni (angiogenesi), favorendo la rigenerazione di tessuto connettivo sano.
dolore del tallone dolore del tallone
Tale metodica non comporta la disinserzione della fascia plantare dal calcagno lasciando immodificata la sua funzione statica e dinamica fondamentale per il passo e la corsa.
è eseguita ambulatoriamente, in anestesia locale e non comporta immobilità post- operatoria se non per qualche giorno successivo alla procedura.

L'asportazione della "spina" è assolutamente controindicata, perchè questo comporterebbe la disinsersione di tutta la fascia plantare dal calcagno con conseguente crollo della volta..

La pratica di tale condotta chirurgica infatti è stata responsabile di molti insuccessi e dell'attuale sfiducia nella risoluzione chirurgica di tale problema.
In determinati casi comunque qualora la tensione della fascia sia eccessiva si dovrà associare alla coblazione con radiofrequenze la fasciotomia selettiva, disinserendo solo un quarto della inserzione calcaneare.
dolore del tallone
Personalmente eseguiamo la disinserzione per via percutanea, sotto guida scopica per individuare con precisione la zona interessata, sempre in regime ambulatoriale e previa anestesia locale.
dolore del tallone - percutanea
Individuato il punto disinseriamo parzialmente la fascia, e cruentiamo mediante strumentario percutaneo con una piccola fresa la zona infiammata. Segue un bendaggio imbottito per una settimana, con carico protetto da stampelle per qualche giorno.
dolore del tallone bendaggio imbottito tallone
Dopo due settimane si giunge a guarigione con completa scomparsa del dolore.

Tratto da: http://www.doloredeltallone.it/talalgia-plantare.php

 Un dolore cronico in corrispondenza della faccia
plantare del calcagno è un problema ortopedico
comune che compare più frequentemente dopo i
40 anni, colpendo con maggior frequenza gli
uomini.
La causa più frequente è dovuta alla modificazione
degenerativa dell'inserzione della fascia plantare
al calcagno, per l'azione di microtraumi ripetuti,
che va incontro a microlacerazioni, provocando
una periostite da trazione con dolore e
infiammazione 6-7-8-30-52.
Tali modificazioni degenerative a carico della
fascia plantare riconoscono numerosi fattori
concausali: aumento ponderale16-22-29-54, atrofia del
grasso del cuscinetto plantare23-25-26-38, squilibri
biomeccanici del piede come nelle sindromi
pronatorie con deficit della capacità
ammortizzante del piede, cronica trazione delle
parti molli plantari a livello inserzionale al
calcagno, che avviene durante la fase propulsiva
del passo per la dorsiflessione a livello della MT-P,
sovraccarichi funzionali, sia limitati che prolungati
nel tempo (abuso cronico)29.
Accanto a queste forme, le più frequenti, vanno
tenute presenti nella diagnosi differenziale, le
fratture da stress del calcagno18-57, le neuropatie
da intrappolamento3-27-45-55 (Tunnel tarsale, N.
Abduttore del 5° dito), la patologia miofasciale a
carico del primo strato della pianta (flessore breve
delle dita, abduttore del quinto dito, quadrato
della pianta), i dolori irradiati (radiculopatia di
L4), l'aumento della pressione intraossea del
calcagno20-24.
Infine, meno frequentemente, il dolore
sottocalcaneare è una localizzazione di numerose
patologie reumatiche, spesso il sintomo di
esordio, soprattutto delle artriti sieronegative.
Queste vanno considerate quando il dolore si
accompagna alla presenza di una formazione
osteofitosica esuberante, anche se il suo ruolo è
messo in discussione da numerosi autori

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

FORMAZIONE - LEARNING - Scegli in cosa vuoi essere il migliore

Corso Marketing Management Generale

OCCASIONE LAST MINUTE SOLO PER GLI ISCRITTI A QUESTO BLOG

OGGI SCONTI

I post + cliccati della settimana

Collaborare

Collaborare

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.