CONSULENZA

CONSULENZA TELEFONICA con Raymond Bard
Ogni giorno dalle 19 alle 20 sabato e Domenica dalle 10 alle 12
(Solo per gli iscritti e chi si iscrive a questo sito Internet)
Come fare: Effettua libera donazione tramite ricarica telefonica Wind al numero 3202181316 poi invia un messaggio per appuntamento telefonico.
A fine conversazione vi sarà chiesta una libera donazione in base al gradimento tramite bonifico bancario.



TRADUTTORE

Ecco dov’è il punto G, il punto del massimo piacere femminile.

 Ecco dov’è il punto G, il punto del massimo piacere femminile.

Esiste, non è un mito, una chimera o una leggenda: esiste, esiste sul serio!
Stiamo parlando del Punto G, ossia il punto che, se stimolato, può provocare nelle donne il massimo piacere sessuale. Dove si trova? vi starete chiedendo, ebbene il punto G si trova tra l’apparato genitale e quello urinario, forma un angolo di 35° con la parete laterale dell’uretra.
Immagino già i vostri sugardi sbigottiti…procediamo con ordine e vediamo di chiarire il tutto.
La ricerca è stata condotta dal luminare Adam Ostrzenski dell’Institute of Gynecology di St. Petersburg, in Florida, e la scoperta è avvenuta sul corpo deceduto di una donna ottantenne. Il punto-G, altrimenti detto il Punto di Grafenberg, ha preso il suo nome dal ginecologo tedesco Ernst Grafenberg, che per primo lo individuò oltre 50 anni fa, anche se non lo situò in maniera precisa: il dottore credeva si trovasse sulla parete frontale della vagina, a un’altezza di circa 2 cm e mezzo.
Contro tutti i detrattori del Punto G e prima di Ostrzenski, è stato Emmanuele Jannini, docente di Sessuologia Medica dell’Universita’ degli Studi de L’Aquila, ad individuarlo: la ricerca è avvenuta, a suo tempo, su un campione di donne, analizzate grazie all’ecografia transvaginale. I risultati della ricerca sono poi stati pubblicati sul Journal of Sexual Medicine, la stessa rivista dove ha pubblicato anche Ostrzenski.
Questa ricerca, non solo ha portato all’individuazione del punto G, ma addirittura il tessuto è stato misurato: lunghezza 8,1 millimetri, larghezza da 3,6 a 1,5 mm, altezza 0,4 mm. La sua formazione è simile a quella del tessuto erettile, ossia di tipo cavernoso, quindi come quello dei genitali maschili e del clitoride.
Ma una domanda è lecita: sarà uguale in tutte le donne? avrà le stesse dimensioni e ispessimento? In realtà sembra che le uniche fortunate siano coloro che raggiungono il famoso orgasmo vaginale.
Credavate che vi lasciassi così, eh? E invece no, ecco la foto, che dovrebbe chiarire il tutto: Fonte: http://www.today.it/donna/punto-g-esiste.html

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

FORMAZIONE - LEARNING - Scegli in cosa vuoi essere il migliore

Corso Marketing Management Generale

OCCASIONE LAST MINUTE SOLO PER GLI ISCRITTI A QUESTO BLOG

OGGI SCONTI

I post + cliccati della settimana

Collaborare

Collaborare

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.