Consulenza Telefonica

Consulenza Telefonica con Raymond Bard
Dal Lunedi al Venerdi dalle ore 19,00 alle ore 20,00.
Sabato e Domenica dalle ore 11,00 alle ore 15,00
Come fare:
Inviare un messaggio Whats'app al numero 3202181316 con la scritta
" Richiesta di Consulenza con libera donazione "



AFFATICAMENTO E SINDROME DA AFFATICAMENTO CRONICO - CFS - ME - E LLTRE MALATTIE RARE...

AFFATICAMENTO E SINDROME DA AFFATICAMENTO CRONICO - CFS - ME - E LLTRE MALATTIE RARE...

        
L’affaticamento e la sindrome da affaticamento cronico causata dal virus di Epstein-Barr, è caratterizzata da una sensazione di spossatezza fisica e mentale che può essere causata da fattori estremamente diversi come problemi digestivi, Candida albicans, anemia, sforzo fisico, carenze nutritive, cattiva alimentazione (la causa principale), disturbi del sonno, perdita di peso, obesità, noia o depressione, allergie, allergie alimentari (soprattutto grano, segale, avena e latte), fumo, alcool, farmaci, stress o tensione emotiva o da qualsiasi tipo di malattia. Alla sensazione di spossatezza possono aggiungersi mal di testa, mal di schiena, irritabilità e indigestione.
Prima di iniziare qualsiasi tipo di terapia è necessario sottoporsi ad un accurato esame medico, effettuato da uno specialista, per individuare la causa della stanchezza.

        Ci sono molti diversi tipi di stanchezza e altrettante cause. La maggior parte delle persone non conosce la causa della propria stanchezza e quelli che la conoscono non hanno voglia di fare i cambiamenti necessari per migliorare questa situazione. In questi casi, quando una persona si stanca di essere malata e affaticata, esiste un rimedio. I cambiamenti nello stile di vita sono tutti importanti, e devono includere l’alimentazione, l’esercizio fisico e la nutrizione. E’ molto importante anche imparare a gestire lo stress.


C’è un tipo di stanchezza che non risponde alle cure tradizionali e che richiede tempo per essere diagnosticata. Si tratta della sindrome di immunodisfunzione da affaticamento cronico, che dà sintomi simili a quelli dell’influenza, come dolore alle articolazioni, mal di testa, mal di gola, spossatezza, bruciore agli occhi, febbre, brividi e dolori muscolari. 


Se la malattia si prolunga, possono manifestarsi anche confusione e perdita della memoria a breve termine. Con questo tipo di stanchezza, qualsiasi attività fisica, sottrae all’individuo le sue riserve di energia, ed è quindi da sconsigliare.

Per diagnosticare questa malattia è necessario sottoporsi ad una lunga serie di analisi.

        Una lieve carenza di magnesio può provocare l’affaticamento cronico.


 Una dieta carente di potassio causa debolezza muscolare, irritabilità e la sensazione di stanchezza. 

Le carenze di vitamine del complesso B (specialmente tiamina), vitamina C, D e ferro possono causare affaticamento. Bisogna ricordare però che anche il consumo eccessivo di vitamine e minerali può causare stanchezza, è necessario quindi consultare uno specialista per stabilire i livelli giusti per ogni individuo. Il fabbisogno cambia con l’età e con il sesso.

Una dieta ben equilibrata può prevenire, alleviare o diminuire i sintomi dell’affaticamento (vedi Carboidrati, Grassi e Proteine nella Parte III per sapere come il corpo utilizza queste sostanze nutritive produttrici di energia). Ogni persona ha un fabbisogno diverso e deve scoprire di che tipo di stanchezza soffre e quali sono le sostanze nutritive necessarie per combattere una certa malattia o disturbo. Generalmente l’obesità contribuisce alla stanchezza a causa del fatto che c’è una maggior massa corporea da mantenere. Per la persona magra, un consumo quotidiano di calorie inferiore a 1000 o 1200, può causare stanchezza.

        Il ciclo cibo/energia/lavoro deve funzionare senza intoppi perché il corpo possa svolgere i suoi compiti quotidiani. Il corpo utilizza le proteine per trasformare gli alimenti in riserve di energia. Il tipo di alimenti consumati determina la quantità e la qualità di quell’energia. Se ci sono sostanze nutritive che mancano (e ce ne sono molte) nella ricerca di quest’energia, una delle conseguenze è la fatica. 


Gli alimenti che imitano le buone fonti di energia sono l’alcool, i carboidrati raffinati come i biscotti, le merendine, la farina bianca, le caramelle, le bibite gassate e lo zucchero bianco. Questi alimenti dovrebbero essere consumati solo quando c’è la necessità di energia immediata, e andrebbero altrimenti evitati.

        I carboidrati, sia quelli semplici che quelli complessi, sono l’alimento principale e sono essenziali per l’organismo. I carboidrati dovrebbero fornire dal 50 al 60% delle calorie della giornata. Le allergie al grano, alla segale e all’avena possono causare stanchezza, ma esistono prodotti privi di glutine. La stanchezza dello zucchero è causata dal rapido aumento dell’energia istantanea che produce e dal successivo crollo dopo che è stata usata. Il periodo discendente è quello che causa il desiderio intenso di altri dolci e così il ciclo continua. Questo tipo di stanchezza crea una sorta di dipendenza perché più dolci si consumano, maggiore sarà la quantità necessaria per raggiungere lo stesso picco di energia. Il corpo inizia a consumarsi e tutto l’organismo ne risente. I carboidrati come le merendine e le caramelle sono efficaci per ottenere energia immediata, ma una dieta che ne contiene troppi ottiene il risultato contrario. Bisogna usarli solo sporadicamente quando la fine del compito è vicina ma è necessario un ultimo slancio di energia per finire il lavoro iniziato. Per un’energia di lunga durata da usare più lentamente sono consigliati gli alimenti come semi, noci e verdure che contengono amido. La frutta, ricca di carboidrati semplici, è indicata per un apporto rapido di energia.

        Le proteine sono necessarie non solo per trasformare gli alimenti ma anche per essere usate quando sono terminate le altre sostanze necessarie alla produzione di energia. Gli alimenti ricchi di proteine sono le carni magre, ma soprattutto i pesci bianchi, le uova, i formaggi magri o a basso contenuto di grassi (in alcuni casi di sindrome da affaticamento cronico i latticini possono essere controindicati), le combinazioni di diversi cereali (fate delle prove per le allergie) e i legumi.
Il corpo ha bisogno di una certa quantità di grassi per funzionare e i grassi aumentano la sensazione di sazietà nello stomaco. Tuttavia, una quantità eccessiva di grassi per la persona affaticata può essere stancante. Il riposino pomeridiano o il desiderio di farlo sono comuni nelle persone che consumano grandi quantità di grassi. La percentuale dei grassi nelle calorie quotidiane dovrebbe essere del 20-30% (dai 45 ai 50 grammi) e i grassi saturi non dovrebbero superare il 10%. Il corpo tende a usare i grassi per formare riserve di energia, di conseguenza bisognerebbe consumare meno grassi, perché le riserve di energia sono quelle che costituiscono i chili superflui. L’affaticamento cronico può essere causato da un eccesso o da una quantità insufficiente di cibo. Le persone sovrappeso spesso consumano gli alimenti sbagliati e sono carenti delle sostanze nutritive necessarie per trasformare il cibo in energia. Maggiore è il peso da trasportare, maggiore l’energia necessaria per far funzionare quel peso. Il dimagrimento diminuisce i sintomi dell’affaticamento cronico.

        Le sostanze nutritive e gli altri ingredienti naturali sono importanti. La somministrazione di dosi abbondanti di vitamina C e B12 ha dato risultati incoraggianti. Le altre sostanze nutritive che possono essere d’aiuto sono la tiamina, la riboflavina, la vitamina B6, la biotina, la niacina, la vitamina E e il folato. I minerali indicati sono il ferro, lo iodio e il magnesio. Sono benefici anche il lievito di birra, l’AL 721, la sostanza anaricetam, che potenzia la memoria, il minerale germanio, l’isoprinosine e l’acido L-aspartico (non oltre i 1,5 g al dì). Un altro trattamento usato per la fatica è il fattore di trasferimento, che prevede l’innesto di cellule sane nell’organismo per neutralizzare la fatica. Questa terapia ha dato buoni risultati anche in combinazione con altri metodi.


L’esercizio è considerato l’aspetto più importante della cura per la fatica perché potenzia la vitalità e le endorfine secrete nel corso dell’attività fisica liberano la mente dalla depressione. Ad eccezione delle persone alle quali è stata diagnosticata la sindrome da affaticamento cronico, qualsiasi sia la causa della fatica, l’esercizio fisico mette in moto i cambiamenti che alla fine sconfiggeranno la fatica. (NO FAI DA TE)


Per le persone sovrappeso, l’esercizio che favorisce la perdita di peso è essenziale perché i loro livelli di energia sono inferiori (vedi la Parte II). Le erbe indicate sono la schisandra, l’estratto di ginkgo biloba, la damiana, il gotu kola, il pepe di Cayenna, il ginseng siberiano, il guaranà, la cimicifuga racemosa e l’acacia.

SOSTANZE NUTRITIVE CHE POSSONO ESSERE EFFICACI NELLA CURA DELL’AFFATICAMENTO:


OrganiSostanzaQuantità
GeneraleVitamina A50.000 UI per 1 mese, poi 25.000 UI al dì
Beta-carotene15.000 UI al dì
Complesso B100 mg 3 volte al dì (iniezioni)
Acido folico
Vitamina C5000-10.000 mg al dì
Vitamina D
Vitamina E400-800 UI per 1 mese, poi 400 UI al dì
Ferro
Calcio1500 mg al dì
Magnesio1000 mg al dì
Manganese
Potassio1000 mg al dì
Selenio200 mcg al dì
Zinco50 mg al dì
Iodio
Germanio200 mg e oltre
Coenzima Q1075 mg al dì
AL 721Secondo le dosi prescritte
Isorpinosina
Acido L-aspartico
Acidi grassi insaturiOlio di ribes nero
Fibre
ProteineAminoacidi in forma libera
Enzimi proteoliticiTra i pasti
Aglio2 capsule coi pasti
Lievito di birraSecondo le dosi prescritte
MegadophilusSecondo le dosi prescritte

Nessun commento:

Posta un commento

Spero che l’articolo che ho scritto ti abbia dato delle informazioni utili.
Ti sei iscritto a questo blog?
Mi farebbe molto piacere ricevere un tuo commento. Mi aiuta nel proseguire il mio lavoro di diffusione di nuovi modi per stare bene e vivere serenamente.
Ti ringrazio inoltre se vorrai iscriverti nel mio blog e condividere questo articolo sui social.
Translate in Italian language.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

FORMAZIONE - LEARNING - Scegli in cosa vuoi essere il migliore

Corso Marketing Management Generale

OCCASIONE LAST MINUTE SOLO PER GLI ISCRITTI A QUESTO BLOG

OGGI SCONTI

Collaborare

Collaborare

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.