Consulenza Telefonica

Consulenza Telefonica con Raymond Bard
Dal Lunedi al Venerdi dalle ore 19,00 alle ore 20,00.
Sabato e Domenica dalle ore 11,00 alle ore 15,00
Come fare:
Inviare un messaggio Whats'app al numero 3202181316 con la scritta
" Richiesta di Consulenza con libera donazione "



Cosa è l'encefalite è l'infiammazione delle cellule del cervello,quali sono i sintomi, trattamenti e rischi

Cosa è l'encefalite quali sono i sintomi e come curarla: trattamenti e rischi

L'encefalite è l'infiammazione delle cellule del cervello. La causa abituale è un'infezione virale. In taluni casi il virus giunge nel sistema nervoso da qualche infezione, come gli orecchioni, il morbillo o la mononucleosi infettiva. Tuttavia nella maggior parte dei casi l'encefalite è l'unico risultalo dell'infezione. Vi sono alcuni tipi di infezione cerebrale non causati da virus come per esempio la «malattia del sonno» in Africa, provocata da un protozoo flagellato trasmesso dalla mosca tse-tsè ma queste malattie sono praticamente sconosciute in Italia. 
Quali sono i sintomi? L'encefalite varia notevolmente di gravita. In casi lievi i sintomi sono quelli di qualsiasi infezione virale; febbre, cefalea e perdita di energia e di appetito. In casi più gravi la funzione cerebrale è colpita in maniera più evidente, con irritabilità, irrequietezza, sonnolenza e tal volta fotofobia. Nei casi ancora più gravi la sonnolenza diviene più profonda. fino al coma, e può esservi perdita di forza muscolare alle braccia e alle gambe, visione sdoppiata e difficoltà di parola e di udito. 

Quanto è frequente il problema?
L'encefalite lieve è piuttosto comune. Tuttavia i sintomi possono far pensare a un leggero attacco di influenza o essere indistinguibili dai sintomi della malattia sottostante, di modo che molte persone ignorano di averla. Circa 1 caso su 1000 di morbillo provoca una leggera encefalite. Attacchi gravi sono estremamente rari. 

Quali sono i rischi?
Molto dipende dal tipo di microbo che provoca la malattia e dall'età del paziente. L'encefalite nei neonati e nelle persone anziane può essere mortale, ma le persone negli altri gruppi d'età spesso si riprendono completamente anche dopo una malattia grave e lunga. Sebbene vi sia il rischio di un danno cerebrale permanente, solo una piccola percentuale di casi presenta serie conseguenze. 

Che cosa fare?
Se avvertite sintomi che indichino una possibile encefalite, chiamate il medico. Egli probabilmente vi prescriverà una serie di test diagnostici, che comprendono esami del sangue, una radiografìa del cranio o un elettroencefalogramma (EEG). Un test essenziale per le infezioni del sistema nervoso è costituita dall'esame del liquido cerebrospinale prelevato mediante puntura lombare. 

Qual è il trattamento?
Siccome i virus solitamente non rispondono agli antibiotici, il trattamento di base consiste in misure per alleviare i sintomi e per permettere al sistema di difesa naturale dell'organismo di vincere l'infezione. Per lo più il paziente viene semplicemente mantenuto comodo e ben nutrito. Talvolta farmaci steroidei possono aiutare a eliminare l’infiammazione Se il paziente è in stato di incoscienza, viene alimentato mediante un sondino gastrico e la respirazione può dover essere assistita meccanicamente mediante un respiratore, La ripresa dopo un attacco grave è in genere lenta e si può aver bisogno dell'aiuto di un fisioterapista per reimparare attività fondamentali. Non è escluso che si debba dipendere dall'aiuto dei medici e dei familiari fino a un anno dopo aver subito un grave attacco di encefalite. 

Come nasce un’encefalite? “Quella da morbillo è il suo effetto più devastante, da cui la necessità di vaccinare i bimbi fin da piccoli. Da herpes viene presa dal neonato durante la fase di nascita e anche in questo caso è devastante. In entrambi le ipotesi non c’è bisogno di una profilassi per le persone che sono state vicine al paziente perché non si trasmette”. 
E invece con lo pneumococco? Si tratta di un batterio che la maggior parte di noi ha già dentro di sè, nascosto nelle orecchie o nella gola. Per motivi difficilmente spiegabili, spesso dopo un forte stress con l’abbassamento delle difese immunitarie, può ‘liberarsi’ e attraverso il sangue attaccare le meningi e l’encefalo. Anche in questo caso non c’è bisogno di profilassi”.



Altro sull' Encefalite


L’encefalite è un’irritazione e gonfiore del cervello, di solito a causa di infezioni. E’ più spesso causata da una infezione virale. Molti tipi di virus la possono causare. L’esposizione al virus può avvenire attraverso:
  • Inalamento di goccioline respiratorie da una persona infetta;
  • Contaminazione alimentare;
  • Morsi di insetti;
  • Contatto con la pelle.
Nelle zone rurali, gli arbovirus, condotti da zanzare o zecche, o ingeriti accidentalmente, sono la causa più comune. Nelle aree urbane, gli enterovirus sono più comuni, tra cui:
  • Coxsackievirus;
  • Echovirus;
  • Poliovirus.
Altri virus che possono causare l’encefalite sono:
  • Adenovirus;
  • Citomegalovirus;
  • Virus dell’encefalite orientale equina;
  • Epstein-Barr virus;
  • Infezione da Herpes simplex;
  • Morbillo;
  • Orecchioni;
  • Rabbia;
  • Rosolia;
  • Varicella (o herpes zoster);
  • Virus del Nilo occidentale.
Pazienti affetti da AIDS e altri ad alto rischio possono sviluppare encefalite a causa di parassiti quali:
  • Alcuni nematodi;
  • Cisticercosi;
  • Toxoplasmosi.
Anche se la maggior parte delle forme di encefalite sono causate da virus, la condizione può anche essere causata da malattie batteriche, come ad esempio:
  • Sindrome di Lyme;
  • Sifilide;
  • Tubercolosi.
Molto raramente, una reazione allergica alle vaccinazioni, malattie autoimmuni e gli effetti del cancro possono anche causare encefalite. E’ una malattia piuttosto rara. Gli anziani e bambini sono più vulnerabili e possono avere i casi più gravi.
SINTOMI: Quando il virus entra nel flusso sanguigno, può causare infiammazione del tessuto cerebrale circostante e delle membrane. I globuli bianchi invadono il tessuto cerebrale in quanto tentano di combattere l’infezione. Il tessuto cerebrale si gonfia (edema cerebrale), e può distruggere le cellule nervose, causare sanguinamento nel cervello (emorragia intracerebrale), e danni cerebrali. I sintomi comprendono:
  • Goffaggine, andatura instabile;
  • Confusione, disorientamento;
  • Sonnolenza;
  • Febbre;
  • Mal di testa;
  • Irritabilità o difficoltà nel controllarsi;
  • Sensibilità alla luce;
  • Torcicollo;
  • Vomito.
Sintomi che segnalano uno stato di emergenza sono:
  • Perdita di coscienza, scarsa reattività, coma;
  • Debolezza muscolare o paralisi;
  • Attacchi epilettici;
  • Improvviso cambiamento delle funzioni mentali come il diminuito interesse per le attività quotidiane, la mancanza di humor o umore inappropriato alla situazione, disturbi nella capacità di giudizio, rigidità estrema, auto-censura, indecisione, o sottrazione dall’interazione sociale;
  • Perdita della memoria (amnesia).
DIAGNOSI: Nella visita possono presentarsi:
  • Riflessi anomali;
  • Aumento della pressione intracranica;
  • Confusione mentale;
  • Ulcere alla bocca;
  • Debolezza muscolare;
  • Rigidità del collo;
  • Segni in altri organi, come il fegato e polmoni;
  • Lividi;
  • Problemi nel parlare.
I test possono includere:
  • Risonanza magnetica al cervello;
  • Scansione TC del capo;
  • Analisi del liquido cerebrospinale, del sangue o delle urine (tuttavia, tale prova è raramente utile);
  • Elettroencefalogramma;
  • Puntura lombare;
  • Test che consentono di rilevare gli anticorpi per un virus (esami sierologici);
  • Test che rilevano piccole quantità di DNA del virus (reazione a catena della polimerasi).
TERAPIA: Gli obiettivi del trattamento sono fornire cure di supporto per aiutare l’organismo a combattere l’infezione, e per il sollievo dei sintomi. Riorientamento e sostegno emotivo per persone confuse o deliranti può essere utile. I farmaci possono includere:
  • Antivirali, come ad esempio aciclovir (Zovirax) e foscarnet (Foscavir), per il trattamento di herpes o altre gravi infezioni virali;
  • Antibiotici, se l’infezione è causata da alcuni batteri;
  • Farmaci anti-epilessia (come la fenitoina), per prevenire le convulsioni;
  • Steroidi (come ad esempio desametasone), per ridurre il gonfiore del cervello (in rari casi);
  • Sedativi, per il trattamento di irrequietezza o irritabilità;
  • Acetaminofene, per febbre e mal di testa
Se la funzione del cervello è gravemente colpita, interventi come la terapia fisica e terapia vocale possono essere necessari dopo che la malattia è ritenuta sotto controllo.
PROGNOSI: Il risultato varia. Alcuni casi sono lievi e di breve durata, e la persona guarisce pienamente. Altri casi sono gravi, durevoli o permanenti, ed in alcuni la morte è possibile. La fase acuta dura normalmente per 1-2 settimane. Febbre e altri sintomi scompaiono progressivamente o improvvisamente. Alcune persone possono richiedere diversi mesi di tempo per riprendersi completamente. Possibili complicazioni possono essere danni cerebrali permanenti, ma anche problemi di udito, memoria, muscolari, sensoriali, vocali e di vista.
Contattare un medico se si hanno febbre improvvisa o altri sintomi dell’encefalite.
PREVENZIONETenere sotto controllo le zanzare (il morso di una zanzara può trasmettere alcuni virus) può ridurre la possibilità di alcune infezioni che possono portare all’encefalite. Si può fare applicando i repellenti antizanzare e utilizzando un abbigliamento lungo, se possibile, per evitare il contatto. Vaccinare gli animali per prevenire l’encefalite provocata dal virus della rabbia. Le vaccinazioni umane sono disponibili e includono:
  • Una vaccinazione per prevenire una forma di encefalite virale che colpisce spesso le persone che vivono in dormitori o in campo militare;
  • Morbillo;
  • Herpes zoster.
Fonti: [Bleck TP. Artropodi carico virus colpisce il sistema nervoso centrale. In: Goldman L, Ausiello D, eds. Cecil Medicina. 23a ed. Philadelphia, PA: Elsevier Saunders, 2007; Modlin JF. Infezioni da enterovirus. In: Goldman L, Ausiello D, eds. Cecil Medicina. 23a ed. Philadelphia, PA: Elsevier Saunders, 2007; http://health.nytimes.com/health/; Nath A. Berger jr. Encefalite virale acuta. In: Goldman L, Ausiello D, eds. Cecil Medicina. 23a ed. Philadelphia, PA: Elsevier Saunders, 2007; Whitley RJ. Herpes simplex virus infezioni. In: Goldman L, Ausiello D, eds. Cecil Medicina. 23a ed. Philadelphia, PA: Elsevier Saunders, 2007]
Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Nessun commento:

Posta un commento

Spero che l’articolo che ho scritto ti abbia dato delle informazioni utili.
Ti sei iscritto a questo blog?
Mi farebbe molto piacere ricevere un tuo commento. Mi aiuta nel proseguire il mio lavoro di diffusione di nuovi modi per stare bene e vivere serenamente.
Ti ringrazio inoltre se vorrai iscriverti nel mio blog e condividere questo articolo sui social.
Translate in Italian language.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

FORMAZIONE - LEARNING - Scegli in cosa vuoi essere il migliore

Corso Marketing Management Generale

OCCASIONE LAST MINUTE SOLO PER GLI ISCRITTI A QUESTO BLOG

OGGI SCONTI

Collaborare

Collaborare

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.