MALATTIA PROFESSIONALE - ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A CROMO

MALATTIA PROFESSIONALE - ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A CROMO

Non esiste allo stato naturale. Il minerale più diffuso è la cromite.
Nei composti aventi maggiore importanza industriale il cromo è presente in forma trivalente (sali cromici) oppure in forma esavalente (cromati e anidride cromica).
In piccole quantità il Cr trivalente è un oligominerale essenziale all'organismo per il metabolismo glicidico (coadiuva l'azione dell'insulina), lipidico, e come catalizzatore di alcune reazioni enzimatiche. Sono ricchi di cromo i grassi animali (burro). E’ presente in tracce nel fumo di tabacco.
Utilizzi e fonti di esposizione
- produzione di leghe (acciai inossidabili) (Cr metallico)
- cromatura elettrolitica
- fabbricazione dei bicromati
- edilizia (presente nel cemento)
- produzione di pigmenti al Cr, nella concia del cuoio, come mordente in coloritura (bicromato di sodio)
- conservazione del legname, processi fotografici, pigmenti (bicromato di potassio)
- anticorrosivo in acciai, depolarizzatore nelle batterie (calcio cromato)
- composizione di mattoni refrattari, pigmenti, produzione di vetri e ceramiche, catalizzatore nell'industria chimica (sesquiossido cromico)
- produzione di nastri magnetici (biossido di cromo)
- galvanoplastica (cromatura) nell'ind. automobilistica, ind. chimica, aerea, elettronica, come ossidante nelle sintesi organiche e nella produzione di catalizzatori, nella produzione di litografie (triossido di Cr)
Metabolismo
La via di assorbimento prevalente è quella respiratoria, sia per il Cr III, che per il Cr VI. Quest'ultimo può venire assorbito anche per via digerente e transcutanea (all'aggressività dei composti di Cr VI nei confronti della cute, e alla capacità di penetrare anche attraverso la cute

integra in modo da potersi legare come aptene alle proteine e dare origine ad allergeni completi si devono i numerosi casi di forme eczematose).
Quando inalato il Cr III permane a lungo nei polmoni, mentre i cromati idrosolubili passano piuttosto rapidamente nel sangue.
Dopo l'assorbimento, il Cr III è trasportato per via ematica, legato alle proteine plasmatiche, mentre nel sangue circolante il Cr VI è svelabile con difficoltà (in genere si lega agli eritrociti).
Gli organi e i tessuti di accumulo sono principalmente: polmoni, osso, fegato, milza, reni, cute e tessuto adiposo. A livello cutaneo il Cr VI può essere ridotto alla forma trivalente.
La via di eliminazione prevalente è quella renale.
Manifestazioni cliniche
La forma cromica Cr III è la sola stabile, ha effetti sistemici scarsi anche ad alte dosi, può dare pneumoconiosi ed effetti allergici; da alcuni autori, però, la forma trivalente è considerata non priva di tossicità, anzi è addirittura considerata cancerogena.
Più tossico risulta il Cr VI, estremamente irritante e caustico a livello di cute e mucose; l'azione tossica del cromo esavalente e dei suoi composti è essenzialmente dovuta al loro potere ossidante. La IARC include nella tabella dei cancerogeni umani i composti del cromo esavalente e ne indica come specifica la localizzazione polmonare.
Intossicazione acuta
- apparato digerente: bruciore e dolore addominale, vomito, diarrea; precoci lesioni infiammatorie alla mucosa orale
- rene: oliguria o anuria
- app. respiratorio: infiammazione broncopneumonica e pleurica
- fegato: alterazioni della funzione, subittero
- morte per collasso circolatorio
Intossicazione cronica
- infiammazione mucosa nasale, fino a ulcerazione, atrofia e perforazione del setto
- ulcerazioni della mucosa orale, faringea, laringea, esofagea, tracheale
- apparato digerente: come sopra
- cute: forma allergica a carattere eczematoso, forma necrotica a carattere ulcerativo
- nefropatia cronica
- colorazione bluastra della cornea
- carcinoma bronchiale
Prevenzione medica
Il monitoraggio biologico si basa prevalentemente sul dosaggio del cromo urinario (CrU).

Il CrU è un’indicatore di esposizione recente e di accumulo, prevalentemente a composti solubili del cromo esavalente; il significato dell'indicatore è in funzione di alcune variabili, in particolare del momento del prelievo. Per valutare l'entità dell'esposizione giornaliera è utile determinare il CrU all'inizio ed al termine del turno di lavoro (delta CrU), che ha il pregio di eliminare le influenze delle esposizioni pregresse.
Dopo alcuni giorni dall'ultima esposizione recente il CrU basale riflette l'esposizione pregressa; mentre al termine della giornata lavorativa permette di stimare l'assorbimento recente.
Gli indicatori di effetto, quali la proteinuria elettroforetica ed il dosaggio della beta-glucoronidasi, mancano di specificità.
Per la sorveglianza sanitaria oltre agli indicatori biologici vengono impiegati gli esami di funzionalità renali, le prove di funzionalità respiratoria ed i tests epicutanei (con bicromato di potassio).

Nessun commento:

Posta un commento

Spero che l’articolo che ho scritto ti abbia dato delle informazioni utili.
Ti sei iscritto a questo blog?
Mi farebbe molto piacere ricevere un tuo commento. Mi aiuta nel proseguire il mio lavoro di diffusione di nuovi modi per stare bene e vivere serenamente.
Ti ringrazio inoltre se vorrai iscriverti nel mio blog e condividere questo articolo sui social.
Translate in Italian language.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.