La crisi economica incide sulla salute mentale - Lavoro e società


La crisi economica incide sulla salute mentale


pubblicata da Andrea Mazzoleni il giorno Martedì 2 ottobre 2012 alle ore 20.46 ·

La crisi economica incide sulla salute mentale

Cresce con la crisi il senso di insicurezza e precarietà, aumentano i malesseri personali e sociali e diventano preoccupanti gli effetti sulla salute mentale.  
I dati dell'OCSE parlano chiaro : in tutti i paesi la percentuale di lavoratori che soffrono di malattie mentali è aumentata negli ultimi 5 anni.  La crisi e la deregolamentazione del mercato del lavoro sembrano essere all'origine di questa situazione confermando come l'incertezza sul lavoro e la precarietà economica aumentino il disagio personale e sociale.
Anche in Svizzera la situazione assume caratteri preoccupanti.  Recentemente uno studio della Segreteria di stato dell'economia (SECO) ha evidenziato un aumento negli ultimi 10 anni delle persone che percepiscono "spesso" e "molto spesso" situazioni di stress legate al lavoro. Rispetto al 2000 il 30% in più delle persone attive si sente stressato in maniera cronica, ovvero in maniera prolungata. La quota delle persone che non percepisce "mai" o "qualche volta" lo stress ha fatto registrare un calo dal 17.4% al 12.2%. Dallo studio non emergono differenze nella percezione dello stress a seconda del ramo economico, della categoria professionale, dello status socioeconomico o del sesso.
La globalizzazione e la crisi economica sono due processi che hanno destabilizzato le comunità mondiali per quanto riguarda lo sviluppo industriale ed economico. La crisi economica ha prodotto sacche di disoccupazione, di lavoro precarizzato, ma soprattutto di instabilità sociale.
Tale disagio si è riflesso sulla psiche dei lavoratori e dei loro familiari che hanno visto cambiare la loro condizione con effetti dirompenti sia individuali che collettivi.
La preoccupazione maggiore riguarda soprattutto la dimensione umana, o forse sarebbe meglio dire dis-umana, che si cela dietro questa situazione.  La crisi, la precarietà e la deregolamentazione del mercato del lavoro generano una sofferenza infinita in chi non ha nessuna responsabilità nelle scelte politiche e economiche ed è invece costretto a pagarne le conseguenze.
La mancanza di un impiego o la paura di perderlo sono fra gli elementi che più destabilizzano il benessere emotivo, soprattutto quando si è giovani. È stato dimostrato, in uno studio pubblicato sull'American journal of public health, che la disoccupazione è un forte fattore di rischio per la depressione nei giovani adulti fra i 30 e 40 anni : quanto più tempo si trascorre fuori dal mercato del lavoro, tanto maggiore è la probabilità di sviluppare sintomi depressivi.
La manifestazione concreta di questa situazione la si può quantificare con un incremento che passa dal 10 al 40 per cento delle richieste di consulto specialistico psichiatrico.
Il disagio sociale è così spesso un fenomeno legato al senso di incapacità nel presente e alla incertezza sulle prospettive future. Come il disagio aumenta, così aumenta il pericolo di cadere in comportamenti devianti che vanno dalla microcriminalità alle dipendenze con diffusione trasversale.
Nella presente situazione, oramai cronica, di difficoltà nella gestione delle risorse sanitarie, di costi fuori controllo, di conflitti fra partner sociali ed istituzionali, di preoccupazioni per il cittadino, di consapevolezza della necessità di un utilizzo più attento di molti servizi e prestazioni, ci si deve chiedere se non sia il caso di affrontare il problema in modo diverso. Se non sia cioè giunto il momento di considerare le cose in modo totalmente nuovo pena l’esasperazione ed il dis-controllo ulteriore con tutto ciò che comporta questa deriva. La salute ed il benessere psicologico, fisico e sociale così come la ricerca e la formazione in questo ambito, devono infatti essere considerati non più dei costi, degli oneri, quanto invece un’opportunità, un investimento, un’occasione di crescita e sviluppo. Perché investire nella salute non solo è possibile, ma è anche una grande opportunità per la società civile ed il progresso. Investire nella salute significa investire nel benessere delle persone, della comunità e della società tutta. È un indicatore di sviluppo e di evoluzione di un intero sistema sociale ed economico.
La politica e l’economia devono quindi anche saper inventare e difendere quegli spazi aperti al mondo dell’intersoggettività ove accogliere coloro che, nella loro esistenza disagiata, soffrono della loro stessa presenza alla vita, della loro fisicità imprigionata in un corpo malato, della propria anima solitaria ed esiliata in un mondo e in una realtà fenomenologica e psicologica insostenibile, incomprensibile, invivibile.

Nessun commento:

Posta un commento

Questo post ti ha dato informazioni utili ?
Un tuo commento mi aiuta a migliorare e nel proseguire la mia Mission.
Ti ringrazio inoltre se vorrai iscriverti nel mio blog e condividere questo articolo nei tuoi social.

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.