TRADUTTORE

EUFORBIA E FORME TUMORALI DELLA PELLE - I nostri antenati sapevano sicuramente come curarsi da brutte malattie e dal plagio.


I nostri antenati sapevano sicuramente come curarsi da  brutte malattie e dal plagio.


Tutto ciò che c'insegnano i libri di scuola è solo una piccola parte di tutto ciò che esiste..
Quella piccola parte di informazione universale che troviamo nei nostri libri di studio convenzionale chi la estrae ?
Chi decide cosa omologare o no ?
E' vero che la storia viene scritta dai vincitori?
Chi decide ciò che è meglio sapere o non sapere?
E' vero che ciò che si trova già in natura non si può brevettare?
Sapete che nessuna multinazionale farmaceutica può brevettare ed avere l'esclusiva decennale di un prodotto che già esiste in natura?
Sapete che da alcuni rifiuti tossici industriali si ricavano materie prime per ricavare farmaci e molecole farmacologiche?
Sapete la differenza di costo di produzione per ricavare principio attivo da una tonnellata di piante particolari , o da una tonnellata di rifiuti industriali?

Adesso penso che alcuni vostri neuroni periferici si siano svegliati dal letargo...
e direte: Forse in ciò che mi hanno insegnato c'è dell'altro.......

Anni fà molti curiosi e ricercatori (come me) giravano molte biblioteche che approfondire le conoscenze... Tempo fa una ricerca poteva durare anche molti mesi, e poi magari integrata dopo anni di esperienze ed ulteriori ricerche...

Oggi se hai una buona dote sinaptica neurale (non intelligenza) ,creatività e un pò di genialità, e poco accanimento razionale con elasticità delle vecchie convinzioni... su internet puoi trovare molto e  in poco tempo.

Ecco uno dei miei studi su una pianta già utilizzata da millenni e adesso dimenticata dall'uomo intelligente e acculturato di medicina moderna...

Euphorbia peplus (L.Euforbia minore)

I nostri antenati ignoranti in medicina curavano alcune macchie della pelle (macchie vive che si espandevano)con un trattamento comodo pulito e senza effetti collaterali...
con la linfa di alcune piante particolari, tra queste
l' Euforbia.
Il nome del genere e della famiglia, deriva dal medico greco Euphorbos (I sec. a.C.) che utilizzava il succo lattiginoso prodotto da queste piante nei suoi preparati. Euphorbos era il medico personale di Giuba II (re berbero della Mauretania 52 a.C. - 23 d.C.) e fu egli stesso a denominare, in suo onore la pianta, descritta in un suo trattato che scrisse per illustrarne le virtù terapeutiche.
euforbia_minore

Quando gli steli sono tagliati, molti membri trasudano una linfa lattiginosa

 (lattice), che ha un gusto sgradevole ed è nocivo se ingerito in significativo

 quantità. 

Proprietà

Da http://www.fungoceva.it/erbe_ceb/Euphorbia_peplus.htm Sostanze contenute: euforbina, saponine. Tutta la pianta contiene un lattice biancastro, amaro e appiccicoso, tossico e irritante. 
Le sue foglie trovano impiego come vescicante. Usare solo sotto stretto controllo medico. Contiene una sostanza che è in sviluppo clinico avanzato per il trattamento della dermatite attinica e potrebbe essere molto utile anche per il melanoma. 

Da http://www.ilquotidianoitaliano.it/?p=54589 L'Euphorbia Peplus, secondo un recente studio, potrebbe contrastare alcuni tumori della pelle, escluso quello più aggressivo fra tutti, ovvero il melanoma. Questa pianta è molto comune, ma a quanto pare contiene una linfa, che oltre ad essere già utilizzata per la rimozione delle verruche, sarebbe capace anche di contrastare i tumori cutanei. La ricerca del Queensland Institute of Medical Research di Brisbane in Australia, pubblicata su Journal of Dermatology, ha evidenziato che l'applicazione della linfa una volta al giorno per tre giorni, dopo un mese di studio ha dato evidenti risultati, 41 lesioni su 48 sono guarite e soprattutto dopo 15 mesi dal trattamento il 65% di esse non si sono ripresentate. La sperimentazione è però solo all'inizio: è stata, infatti, testata su un numero davvero esiguo di pazienti e soprattutto i medici temono il rischio del fai da te, sconsigliandolo vivamente, poiché si ha comunque a che fare con una pianta tossica della quale non si conoscono ancora completamente i benefici. 

Da http://www.leo-pharma.com/Home/About-us/Media-Centre/News/New-treatment-for-actinic-keratoses-submitted-in-Australia--Brazil-and-EU.aspx
LEO Pharma ha annunciato la presentazione di una domanda di autorizzazione all'immissione in commercio per Picato ® (ingenol mebutate) gel per il trattamento delle cheratosi attiniche sul cuoio capelluto, viso, o il corpo, in Australia, Brasile e Unione europea, rispettivamente.
Picato ® è un gel per uso topico contenente ingenol mebutate, derivato dalla pianta di Euphorbia peplo, che è indagato per il suo effetto sulla cheratosi attiniche e non-melanoma, cancro della pelle.
Le Cheratosi attiniche appaiono come rossi, la pelle squamosa lesioni principalmente visto sulla faccia, la testa, le mani e il corpo. La maggior parte delle lesioni sono causate da esposizione a lungo termine UV e riguardano un numero crescente di persone soprattutto in Europa, USA e Australia.5 La condizione della pelle è pre-maligne e può portare a carcinoma a cellule squamose, un tipo di non-melanoma cancro della pelle, che è il secondo tipo più comune di pelle cancer.6 Secondo gli studi, il 60 al 80 per cento dei casi di carcinoma a cellule squamose iniziano come attinica keratoses.7

Da:http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19703528
Dipartimento di Scienze Farmaceutiche, Università degli Studi di Trieste, P.zle Europa, 1, 34127 Trieste, Italia. cateni@units.it
I composti isolati sono stati dimostrato di possedere notevoli proprietà antiproliferativa nei confronti delle cellule tumorali umane coltivate linee KB e IMR-32.

Cerebrosidi con attività antiproliferativa da Euphorbia peplis L.

Due nuovi cerebrosidi sono stati isolati dalle piante intere di Euphorbia peplis L. sono state stabilite le strutture di spettroscopia FT-IR, MS FAB, EI-MS, ESI-MS, 1D e 2D spettroscopia NMR. Le strutture dei cerebrosidi stati caratterizzati come 1-O-beta-D-glicosidi phytosphingosines, che comprendeva una comune catena lunga base, (2S, 3S, 4R, 8Z)-2-ammino-8 (Z)-octadecene- 1,3,4-triolo con 2-idrossi acidi grassi di lunghezze di catena variabile (C25, C22) collegato al gruppo amminico. I composti isolati sono stati dimostrato di possedere notevoli proprietà antiproliferativa nei confronti delle cellule tumorali umane coltivate linee KB e IMR-32.
 
Da: http://lib.bioinfo.pl/pmid:12769694
Dipartimento di Scienze Farmaceutiche, Università degli Studi di Trieste, Piazzale Europa 1, 34127 Trieste, Italia. cateni@univ.trieste.it
Recentemente, glicolipidi sono stati trovati in possesso di promozione dell'attività antitumorale mentre glyceroglycolipids isolati da Euphorbiaceae hanno mostrato una interessante attività anti-infiammatoria in vivo.

Il Euphorbiaceae famiglia è ampiamente distribuito in tutto entrambi gli emisferi e gli intervalli in forma morfologica di piante grasse del deserto grandi alberi e tipi di erbacee, anche di piccole dimensioni. Molte specie contengono un succo lattiginoso che è più o meno tossici, specialmente per animali a sangue freddo, e può produrre una dermatite simile a quella da edera velenosa. Procedure di separazione e caratterizzazione delle frazioni meno polari degli estratti vegetali sono stati ampiamente descritti in letteratura per il loro contenuto in derivati ​​diterpene. Nella continua ricerca di composti biologicamente attivi da Euphorbiaceae, una serie di studi sulla isolamento e delucidazione struttura glyceroglycolipids (GGLs) e glicosfingolipidi (GSLs) sono stati effettuati per sviluppare le risorse nuovi medicinali da prodotti naturali Euphorbiaceae.Glyceroglycolipids sono principali costituenti della membrana dei cloroplasti nel regno vegetale. Recentemente, glicolipidi sono stati trovati in possesso di promozione dell'attività antitumorale mentre glyceroglycolipids isolati da Euphorbiaceae hanno mostrato una interessante attività anti-infiammatoria in vivo. Glicosfingolipidi sono presenti nello strato esterno del doppio strato lipidico-in membrane biologiche e si pensa di partecipare a reazioni antigene-anticorpo e la trasmissione di informazioni biologicamente.Prodotti di degradazione degli sfingolipidi, sfingosina e lysosphingolipids, inibire la proteina chinasi C, un enzima chiave nella regolazione cellulare e trasduzione del segnale.Sfingolipidi e lysosphingolipids influenzano in modo significativo le risposte cellulari e presentano attività antitumorali promotore in varie cellule di mammifero. Queste molecole possono funzionare come modulatori della funzione delle cellule endogene ed eventualmente come secondi messaggeri.
 euforbia_minore1.jpg euforbia_minore.jpg euforbia_minore2.jpg
Raymond Bard  
Ricercatore libero senza padroni e sostenitori in denaro.

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

FORMAZIONE - LEARNING - Scegli in cosa vuoi essere il migliore

Corso Marketing Management Generale

OCCASIONE LAST MINUTE SOLO PER GLI ISCRITTI A QUESTO BLOG

OGGI SCONTI

I post + cliccati della settimana

Collaborare

Collaborare

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.