TRADUTTORE

La spondilite anchilosante - Stanchezza,rigidità muscolare,mal di schiena cronico

La Spondilite Anchilosante (SA) è una malattia infiammatoria cronica che colpisce principalmente le articolazioni sacro-iliache e la colonna vertebrale, ma che può coinvolgere anche le articolazioni periferiche.
La SA, con l’artrite reattiva, l’artrite psoriasica, le artriti associate a malattie infiammatorie intestinali (morbo di Crohn, rettocolite ulcerosa) e le spondiloartriti indifferenziate, fa parte del gruppo delle spondiloartropatie (SpA).
I sintomi della spondilite anchilosante sono correlate all'infiammazione della colonna vertebrale, giunti, e altri organi. 
La fatica è un sintomo comune associato con infiammazione attiva. L'infiammazione della colonna vertebrale provoca dolore e rigidità nella parte bassa della schiena, gluteo zona superiore, collo, e il resto della colonna vertebrale. 
La comparsa di dolore e rigidità è di solito graduale, e peggiora progressivamente con perdita di gamma di movimento notevole nel corso di mesi portando sempre più dolore e sofferenza.
Il dolore lombare (dolore alla schiena bassa) e il dolore gluteo sono manifestazioni comuni di infiammazione attiva nella colonna lombare e le articolazioni sacro-iliache. 
I sintomi di dolore e rigidità sono spesso peggiori al mattino, dopo lunghi periodi di inattività o dopo qualche ora di attività motoria o lavorativa.
Il Movimento graduale, il calore e una doccia o bagno caldo diminuiscono la rigidità attenuando il dolore..
Gli ambienti freddi e/o umidi sono da evitare.
"Si consigliano degli esercizi mirati di allungamento e di bilanciamento muscolare con numerose istruzioni  posturali e  l'eliminazione di tutti i movimenti dannosi del quotidiano".....  Per attenuare la rigidità ed evitare curvature innaturali delle strutture schieletriche"
 Raymond Bard Personal Trainer
La spondilite anchilosante cronica può provocare per causa dell'infiammazione della colonna vertebrale per lungo tempo  una completa fusione ossea della colonna vertebrale (anchilosi). (colonna a canna di bambu’) determinando nel paziente un profondo grado di disabilità. 
Una volta fuse le vertebre, il dolore nella spina dorsale diminuisce o scompare, ma l'individuo affetto ha una completa perdita di mobilità del rachide. (alcune volte il dolore si sposta verso il piede o verso la colonna cervicale)
Queste vertebre attaccate sono particolarmente fragili e vulnerabili alla rottura (frattura) quando coinvolto in un trauma, come veicoli a motore incidenti. Una improvvisa comparsa di dolore e la mobilità nella zona spinale di questi pazienti può indicare la rottura delle ossa. Il collo inferiore (rachide cervicale) è l'area più comune per tali fratture.
Spondilite cronica può causare "anchilosi" curvatura in avanti della parte superiore del tronco (colonna vertebrale toracica), che limita la capacità respiratoria.
La Spondilite può colpire anche le aree in cui le costole si attaccano alla spina dorsale, limitando ulteriormente la capacità polmonare. 
La Spondilite anchilosante può causare infiammazione e cicatrizzazione dei polmoni, causando tosse e mancanza di respiro, in particolare con l'aumentare   dell'attività motoria  e  infezioni  . 
Quindi, difficoltà di respirazione può essere una grave complicanza della spondilite anchilosante.
Le persone con spondilite anchilosante può anche avere l'artrite nelle articolazioni diverse da quelle della colonna vertebrale. Questa caratteristica si verifica più frequentemente nelle donne.
 I pazienti possono notare dolore, rigidezza, gonfiore, calore, e / o arrossamento articolazioni come i fianchi, ginocchia, e caviglie. Occasionalmente, le piccole articolazioni delle dita dei piedi può diventare infiammato o “salsiccia” a forma di. Infiammazione può verificarsi nella cartilagine intorno allo sterno (costocondrite) nonché nei tendini dove i muscoli allegare all'osso (tendiniti) e negli allegati legamenti alle ossa. 
Alcune persone con questa malattia sviluppano Tendine d'Achille, provocando dolore e rigidità nella parte posteriore del tallone, soprattutto quando si spinge con il piede mentre si cammina sopra. Infiammazione dei tessuti della parte inferiore del piede, fascite plantare, si verifica più frequentemente in soggetti con spondilite anchilosante.
Entesite
L'entesite è invece un tipo di infiammazione che va a colpire quella parte di muscolo che si trova tra un tendine ed un legamento e si presenta di solito:
  • nella tibia e precisamente nella parte superiore;
  • dietro oppure sotto il tallone;
  • nello sterno a causa dell'infiammazione delle costole.
Altre zone del corpo colpite da spondilite anchilosante sono gli occhi, cuore, e reni. 
I pazienti con spondilite anchilosante possono sviluppare infiammazione dell'iride (irite), la parte colorata dell'occhio. Irite è caratterizzata da arrossamento e dolore negli occhi, soprattutto se si guarda luci. Attacchi ricorrenti di irite può colpire entrambi gli occhi. Oltre al diaframma, il corpo ciliare e coroide dell'occhio può diventare infiammato; questo viene indicato come uveite. Irite e uveite possono essere complicazioni gravi di spondilite anchilosante che possono danneggiare l'occhio e alterare la visione e può richiedere un oculista di (oculista) cure urgenti. 
Trattamenti speciali per infiammazioni oculari gravi sono discussi nella sezione di trattamento di seguito. (Va notato che irite e infiammazione della colonna vertebrale può verificarsi in altre forme di artrite, come l'artrite reattiva [precedentemente noto come sindrome di Reiter], artrite psoriasica, e l'artrite della malattia infiammatoria intestinale.)
Una rara complicanza della spondilite anchilosante comporta cicatrici del sistema elettrico del cuore, provocando anormale battito cardiaco lento (indicato come blocco cardiaco). Un pacemaker cardiaco può essere necessario in questi pazienti di mantenere un'adeguata frequenza cardiaca e uscita. In altri, la parte dell'aorta più vicina al cuore può diventare infiammato, conseguente fuoriuscita della valvola aortica. In questo caso, i pazienti possono sviluppare mancanza di respiro, vertigini, e scompenso cardiaco.
Spondilite avanzata può portare a depositi di materiale proteina chiamata amiloide nei reni e causare insufficienza renale. Malattia renale progressiva può portare a stanchezza cronica e la nausea e può richiedere la rimozione dei prodotti di scarto accumulati nel sangue da una macchina di filtraggio (dialisi).
Quale la terapia?
La fisioterapia, le corrette abitudini posturali, i farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) sono alla base del trattamento del dolore e della rigidità causate dalla SA. FANS comunemente utilizzati sono l’indometacina, il diclofenac, il naproxene , il piroxicam e i più recentemente introdotti inibitori specifici della Cox-2 come il celecoxib e l’etoricoxib. La chinesiterapia è la base della terapia: deve essere specifica, costante e regolare. I FANS riducono il dolore, migliorano l’infiammazione e vengono considerati, in questa malattia, “curativi”. Il loro uso, per gli effetti dannosi specie gastro-entrici, va peraltro monitorato.
I corticosteroidi ed i farmaci anti-reumatici modificanti la malattia (DMARDs), quali la sulfasalazinail methotrexate sono attivi nel controllare i sintomi articolari periferici ma non nei sintomi a carico della colonna vertebrale. Inoltre tali farmaci  non hanno la capacità di rallentare l’evoluzione del danno alla colonna vertebrale.
La terapia della SA si è recentemente arricchita di nuovi farmaci in grado di bloccare una sostanza  chiamata Tumor Necrosis Factor  alfa (TNF alfa) responsabile del mantenimento della infiammazione nella SA. Tali farmaci sono in grado di sopprimere l’infiammazione e quindi risolvere il dolore e probabilmente prevenire l’evoluzione del danno articolare (anchilosi della colonna vertebrale). La prima di queste molecole, sintetizzate mediante tecniche di biotecnologia genetica, è  stata l’ infliximab, un anticorpo monoclonale chimerico (uomo/topo) che lega selettivamente ilTNF-alfa solubile rendendolo inattivo. Vi sono evidenze che l’impiego di infliximab nelle fasi iniziali del processo spondilitico, può determinare una reversione dell’edema osseo (segno di infiammazione) evidenziato in risonanza magnetica a carico delle articolazioni sacroiliache e della colonna vertebrale a testimonianza di una regressione del danno flogistico. Oltre a infliximab sono oggi disponibili altri farmaci biologici anti TNFalfa: etanercept che è il recettore antagonista del TNFalfa e adalimumab, altro anticorpo monoclonale.
Anche per queste nuove molecole vi sono forti evidenze sulla loro efficacia nella SA. 
Queste molecole rappresentano una reale terapia per la spondilite.
Un trattamento che in alcuni casi viene effettuato nei pazienti con spondilite che hanno infiammazione (edema) dell’osso è quello con  pamidronato o con altri bisfosfonati che sono farmaci che si usano nella terapia della osteoporosi e che riducono il riassorbimento osseo. Il trattamento con tali farmaci viene fatto  per infusione endovena per alcuni mesi di terapia.

Come viene diagnosticata la spondilite?

Non esiste un esame specifico che fornisca la diagnosi di spondilite:l'unica cosa da fare in presenza anche solo di uno dei sintomi di cui si è accennato prima, è rivolgersi al proprio medico di famiglia. Quest'ultimo nel caso sospetti qualcosa che va oltre il semplice mal di schiena, farà eseguire al paziente tutta una serie di esami:
  • quelli del sangue completi e verificare se il paziente è anemico;
  • la VES, che sta per velocità di eritrosedimentazione;
  • calcolare la percentuale di proteina C ( CRP: proteina C reattiva )che viene prodotta dal fegato.
Sia la VES che la CRP forniscono informazioni utili relativamente allo stato infiammatorio dell'organismo e i loro valori elevati ed i punti in cui l'infiammazione è rilevata, fanno pensare ad una probabile diagnosi di spondilite anchilosante. Una volta avuti i risultati e la diagnosi di spondilite è quasi certa, il medico di famiglia può inviare il paziente dallo specialista che prende il nome di reumatologo che si occupa appunto dei muscoli e delle articolazioni.
Una volta che il reumatologo ha in mano gli esiti degli esami del sangue può a sua discrezione richiedere egli esami più approfonditi per valutare meglio lo stato infiammatorio del paziente e tra questi le radiografie, risonanza magnetica ed ecografie.

Raggi X

Le radiografie fanno uso di raffiche brevi ed intense di raggi x, per vedere lo stato di parti dure del corpo, che consentono di valutare i danni fatti dalla spondilite ed in particolare verificare:
  • eventuali lesioni nella parte bassa della colonna vertebrale o articolazioni della parte sacro iliaca;
  • formazione di calcificazione tra una vertebra e l'altra.

Risonanza magnetica

Si basa su altre fonti energetiche ed in particolare un campo magnetico, che consentono di visualizzare l'interno del corpo nei minimi particolari, cosa non fattibile con il solo ausilio dei raggi X.

Ecografia

Si basa sull'utilizzo di onde sonore e consente di valutare lo stato infiammatorio di tendi e legamenti in prossimità delle ossa.

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

FORMAZIONE - LEARNING - Scegli in cosa vuoi essere il migliore

Corso Marketing Management Generale

OCCASIONE LAST MINUTE SOLO PER GLI ISCRITTI A QUESTO BLOG

OGGI SCONTI

I post + cliccati della settimana

Collaborare

Collaborare

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.