CONSULENZA

CONSULENZA TELEFONICA con Raymond Bard
Ogni giorno dalle 19 alle 20 sabato e Domenica dalle 10 alle 12
(Solo per gli iscritti e chi si iscrive a questo sito Internet)
Come fare: Effettua libera donazione tramite ricarica telefonica Wind al numero 3202181316 poi invia un messaggio per appuntamento telefonico.
A fine conversazione vi sarà chiesta una libera donazione in base al gradimento tramite bonifico bancario.



TRADUTTORE

Le dimissioni di Benedetto XVI e la profezia di Malachia sull’ultimo Papa - Adesso cosa succede ?

Le dimissioni di Benedetto XVI e la profezia di Malachia sull’ultimo Papa


Papa Benedetto XVI ha annunciato le sue dimissioni a partire dal prossimo 28 febbraio. L’annuncio è stato fatto direttamente dal Santo Padre, nel corso di un suo discorso in latino in Vaticano. “Il papa ha annunciato che rinuncerà al suo ministero alle 20.00 (le 19 Gmt) del 28 febbraio. Comincerà allora il periodo di ‘sede vacante‘”, ha precisato padre Federico Lombardi, con un annuncio praticamente senza precedenti nella storia della Chiesa Cattolica.
Torna subito in mente la profezia del vescovo irlandese Malachia che intorno al 1140 profetizzò, appunto, le successioni papali, “sino al tempo in cui Pietro sarebbe ritornato sulla terra per riprendere le chiavi della Chiesa“; secondo alcuni, queste profezie sono state scritte con la collaborazione ispirata di San Bernardo. Questa profezia fu pubblicata per la prima volta dal benedettino dom Arnold Wion nel 1595 nel suo libro “Lignum Vitae” e fino ad oggi hanno rispecchiato in modo incredibilmente realistico quanto poi accaduto davvero. Nell profezie di Malachia, Giovanni Paolo II (1978 – 2005) venne identificato come ”De labore solis“. Karol Wojtyla verrà ricordato come il papa polacco, e molto probabilmente Malachia si riferiva al fatto che egli proviene da un paese dell’est (“levante del sole”); ma c’è anche chi ha appuntato l’attenzione sull’enorme lavoro di diffusione della fede intrapreso durante il suo pontificato: egli è il Papa che in assoluto ha visitato più paesi del mondo, ed ha portato la Chiesa a possedere un “regno” su cui sembra non tramontare mai il sole. Consultando il registro delle eclissi solari della Nasa si è scoperto un fatto molto curioso, infatti risulta che papa Giovanni Paolo II, nato il 18 maggio 1920, è nato proprio il giorno di una eclissi solare; ed è morto il 2 aprile 2005, giorno in cui non è avvenuta alcuna eclissi. Tuttavia la salma del pontefice è dovuta rimanere esposta alle folle per un periodo insolitamente lungo, per l’eccezionale numero di fedeli presentatisi per rendere l’ultimo saluto. Per tale ragione il funerale e la tumulazione sono avvenuti solo l’8 aprile 2005. Tale giorno è stato anch’esso giorno di eclissi solare.
L’avvento al soglio pontificio di Benedetto XVI combacia, nelle profezie di Malachia e Nostradamus, con l’arrivo di un “Papa Nero”. Nello  stemma di Benedetto XVI nel cantone sinistro dello scudo vi è una testa di moro (un re negro) con labbra, corona e collare rosso appunto il “De Gloria Olivae”, il Papa Nero di Malachia prima dell’Apocalisse.
Il successore di Giovanni Paolo II, il cardinale tedesco Joseph Ratzinger, viene indicato attraverso il segno dell’ulivo, simbolo di pace: egli stesso nella sua prima Udienza Generale del 27 aprile 2005 ha voluto richiamarsi a Benedetto XV, il Papa che tentò in ogni modo di porre fine alla prima guerra mondiale: “egli“, ha detto Ratzinger, “fu coraggioso e autentico profeta di pace, e si adoperò con strenuo coraggio dapprima per evitare il dramma della guerra, e poi per limitarne le conseguenze nefaste. Sulle sue orme desidero porre il mio ministero a servizio della riconciliazione e dell’armonia tra gli uomini e i popoli, profondamente convinto che il grande bene della pace è innanzitutto dono di Dio“. Ma, come è stato segnalato, Benedetto XVI presenta altre sorprendenti attinenze con il motto di Malachia. Innanzitutto i membri dell’ordine benedettino sono noti anche come “olivetani“. Ancor più impressionante è il fatto che Ratzinger sia nato nel Sabato Santo del 1927, il 16 aprile, al culmine del periodo pasquale. Tutto il periodo è difatti sotto il segno dell’Ulivo, anche in considerazione del fatto che Gesù e i discepoli risiedettero per tutto il tempo proprio presso il Monte degli Ulivi, dall’ingresso in Gerusalemme fino all’arresto!
Dopo Benedetto XVI, secondo Malachia, dovrebbe esserci l’ultimo papa, il “Petrus romanus”. Il nome è quanto mai suggestivo: Pietro fu il primo pontefice, un altro Pietro sarà l’ultimo. A costui Malachia non ha dedicato un semplice motto, bensì alcuni versi latini: “In persecuione extrema sacrae romanae ecclesiae sedebit Petrus romanus, qui pascet oves in multis tribulationibus; quibi transactis, civitas septis collis diruetur, ed Judex tremendus judicabit populum suum. Amen“.E cioè: Durante l’ultima persecuzione della Santa Romana Chiesa, siederà Pietro il romano, che pascerà il suo gregge tra molte tribolazioni; quando queste saranno terminate, la città dai sette colli sarà distrutta, ed il temibile giudice giudicherà il suo popolo. E così sia.

 Tratto da: http://www.strettoweb.com/2013/02/le-dimissioni-di-benedetto-xvi-e-la-profezia-di-malachia-sullultimo-papa/62796/

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

FORMAZIONE - LEARNING - Scegli in cosa vuoi essere il migliore

Corso Marketing Management Generale

OCCASIONE LAST MINUTE SOLO PER GLI ISCRITTI A QUESTO BLOG

OGGI SCONTI

I post + cliccati della settimana

Collaborare

Collaborare

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.