CONSULENZA

CONSULENZA TELEFONICA con Raymond Bard
Ogni giorno dalle 19 alle 20 sabato e Domenica dalle 10 alle 12
(Solo per gli iscritti e chi si iscrive a questo sito Internet)
Come fare: Effettua libera donazione tramite ricarica telefonica Wind al numero 3202181316 poi invia un messaggio per appuntamento telefonico.
A fine conversazione vi sarà chiesta una libera donazione in base al gradimento tramite bonifico bancario.



TRADUTTORE

Nasce la rete del cohousing - Nasce la rete del cohousing a Roma - La sua funzione è quella di coordinare le varie iniziative e sensibilizzare l’opinione pubblica


La sua funzione è quella di coordinare le varie iniziative e sensibilizzare l’opinione pubblica, ma soprattutto vuole fare pressione a livello politico....
Sarà che a Roma la vita è molto dura, gli affitti sono alle stelle, il tessuto sociale è sempre più sgretolato, ma qui molta gente è convinta che vivendo in un cohousing migliorerebbe la qualità della vita, le bambine/i crescerebbero più felici, diminuirebbe lo stress e pure il traffico. Però chiunque abbia provato a realizzare un cohousing con le proprie forze ha visto fallire tutti i tentativi perché il mercato immobiliare è spietato, la speculazione è molto forte e la burocrazia è ottundente. Cosi i vari gruppi si sono organizzati.
Le associazioni già presenti sul territorio ed i vari gruppi informali che stanno cominciano a prendere forma si sono uniti per avere un’unica voce ed hanno creato la Rete per il cohousing. La sua funzione è quella di coordinare le varie iniziative e sensibilizzare l’opinione pubblica, ma soprattutto vuole fare pressione a livello politico, affinché il cohousing venga riconosciuto ed adottato dagli organi amministrativi.  La Rete ha come obbiettivo anche quello di allargarsi e di racchiudere tutte le associazioni esistenti a livello nazionale. A Roma è riuscita a raggiungere alcune importanti conquiste.
I primi risultati
Un primo successo si è avuto nel gennaio 2009, quando il consigliere comunale Giulio Pelonzi ha inserito il cohousing all’interno del Documento di Programmazione Finanziaria (DPF) del PD definendolo come “progetto pilota, una sperimentazione che il Comune potrebbe portare avanti a livello non solo cittadino ma anche regionale e nazionale”. A seguito di ciò il Comune di Roma ha voluto approfondire l’argomento ed ha incaricato l’Associazione MIDA, specializzata in pratiche di vita sostenibile, di redigere uno studio sulla fattibilità legislativa ed economica di un cohousing nell’area metropolitana di Roma.
Lo studio è stato presentato il 15 dicembre in Campidoglio offrendo suggerimenti e strumenti pratici  all’amministrazione e alle addette/i ai lavori per poter agire concretamente. “Abbiamo approfondito l’aspetto pratico della realizzazione e cioè le norme urbanistiche, la legislazione esistente in merito e le formule di approvvigionamento finanziario, con tanto di esempio pratico di un progetto su di un’area esistente” spiega Mauro Furlotti presidente dell’Associazione. ”Vogliamo che questa iniziativa abbia un carattere sì divulgativo, ma anche propositivo e pratico, per questo abbiamo invitato non solo i rappresentanti delle istituzioni ma anche i costruttori.”
Inoltre, a Novembre del 2009 è stato emanato un Bando del Comune di Roma per la Riqualificazione degli Immobili agricoli (PRIA) (www.comune.roma.it/ Dipartimenti e altri uffici/Dipartimento III/) nel quale il cohousing è stato inserito come intervento migliorativo a livello sociale. Nell’assegnazione dei punteggi, nel caso in cui le proprietarie/i stipulino un accordo preventivo documentato con “associazioni di cohousing” otterranno un punto in più. Il Bando mira a riqualificare le aziende agricole dell'agro romano ed a reperire alloggi in affitto a canone basso all'interno degli edifici attualmente inutilizzati presenti nelle aree agricole per i quali sarà possibile ottenere un cambio di destinazione d’uso a residenziale. Questa iniziativa risolverà in parte il problema dei gruppi di reperimento dell’immobile, ma le limitazioni sono molte: i membri non avranno la possibilità di comprare casa e per poter accedere all’affitto calmierato dovranno rispondere ai requisiti propri dell’housing sociale (tetto di reddito, impossibilità di accedere al libero mercato etc). Inoltre nel bando non viene specificato cosa si intende per associazione di cohousing, il che potrebbe portare a disguidi ed inganni di vario tipo. In generale poi vi sono molte perplessità rispetto alle ripercussioni che il bando avrà sul territorio: c’è infatti chi vi legge un ennesimo saccheggio dell’agro romano, guidato da interessi speculativi piuttosto che da una pianificazione ragionata.

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

FORMAZIONE - LEARNING - Scegli in cosa vuoi essere il migliore

Corso Marketing Management Generale

OCCASIONE LAST MINUTE SOLO PER GLI ISCRITTI A QUESTO BLOG

OGGI SCONTI

I post + cliccati della settimana

Collaborare

Collaborare

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.