FIBROMIALGIA - SINDROME DA STANCHEZZA CRONICA - MCS - ME - STRESS LAVORO CORRELATO

Le problematiche  riguardanti lo stress lavoro correlato sono  in ascesa e le istituzioni italiane non possono più fare a meno di non vedere e non preoccuparsi. 
  
In Italia  si cominciò il 4 agosto del 1999 quando fu emanato il decreto del ministero del lavoro sui “lavori usuranti”. La considerazione che il lavoro possa determinare dei disturbi psicofisici è stato un passo avanti, ma necessitava di un ulteriore spinta. 

La “Encefalomielite mialgica sindrome da fatica cronica” (CFS/ME), “Sensibilità multipla clinica” (MCS) e la “Fibromialgia” (FM) sono malattie derivanti dal calo delle difese immunitarie con insorgenza di un deficit pscio-fisico che incide sulle normali attività della vita quotidiana e sul lavoro.

Molti differenti fattori possono scatenare una sindrome fibromialgica o cfs e simili . Per esempio eventi stressanti di tipo cronico sono quelli per la maggiore.
Stress lavoro correlato,mobbing e altre violenze psico fisiche.
Cioè ingiustizie subite ingiustamente a lungo termine e senza via d'uscita per la vittima

Queste patologie che si affronteranno hanno origine in molti casi proprio da uno stress legato al lavoro e alle condizioni in cui viene espletato.

Molte di queste malattie nascono dall’incontro di alterata suscettibilità personale con fattori ambientali; saranno pertanto considerati  le variabili  biologiche, psicologiche e  ambientali.

Lo studio con RNM funzionale (Nebel MB, Gracely RH. Neuroimaging of fibromyalgia. Rheum Dis Clin North Am 2009;35:313-27) ha posto in evidenza, nei pazienti con FM ed in quelli con sindrome da sensibilità centrale, un’ aumentata concentrazione di neurotrasmettitori eccitatori (sostanza P, glutammati, fattori di crescita neuronale) mentre  i livelli di serotonina e di norepinefrina -  neurotrasmettitori inibitori - sono ridotti a livello delle vie discendenti spinali antinocicettive.
Inoltre sono state documentate
  • ridotto potere analgesico degli oppioidi endogeni
  • disregolazione dei sistemi dopaminergico e beta-adrenergico; a questo sarebbe da attribuirsi anche  la sintomatologia cardiovascolare che spesso è presente nella FM
  • attivazione delle cellule della glia
  • anomalie dell’ormone della crescita
  • anomalia delle fibre nocicettive che trasformerebbero un dolore acuto in dolore cronico
  • Lo stress: nelle sue varie espressioni agisce come momento scatenante e perpetuante le modificazioni funzionali dei neuroni corticotropino dipendenti dell’asse neuroendocrino e del sistema immunitario - particolarmente le citochine - (Van Houdenhove B, Luyten P. Beyond dualism: the role of life stress in chronic pain. Pain 2005;113:238-9: 21. Tamiverdi F, Karaca Z, Unluhizarci K, Kelestimur F. The hypothalamo-pituitary-adrenal axis in chronic fatigue syndrome and fibromyalgia syndrome. Stress 2007;10: 13-25). Un crescente numero di indagini che dimostra  come questi sistemi interagiscano con la fisiopatologia del dolore, l’ astenia, l’ipotensione arteriosa primaria,i disturbi del donno, l’ansia.  L’elevata odierna incidenza di patologa stress-correlata riflette il disadattamento del sistema di difesa anti-stress a fronte dell’ alta e progressiva incidenza di situazioni stressanti (di ogni tipo) della vita quotidiana.


Fonti:



Sono molto graditi i vostri commenti :

Stress eccessivo da lavoro se continuato provoca gravi malattie


Stress eccessivo da lavoro se

continuato provoca gravi 

malattie . 

Lo stress da lavoro ha molte cause, tra cui lunghe ore, carico di lavoro, precarietà del lavoro, la minaccia della perdita o di aumento del lavoro, e conflitti con altri lavoratori o con il capo. I sintomi di stress da lavoro possono includere la depressione, l'ansia, un calo nelle prestazioni di lavoro, la sensazione di essere sopraffatti, stanchezza, mal di testa e un aumento di giorni di malattia e assenteismo. Le aziende e i datori di lavoro dovrebbero riconoscere lo stress da lavoro come un problema significativo per la salute e la sicurezza.


Il concetto di stress ha avuto in questi ultimi anni un’evoluzione dinamica e multidisciplinare, tanto da essere identificato come rischio residuo del benessere sociale del lavoratore.
Nella fisiologia del lavoro lo stress viene interpretato come una serie di situazioni che rompono un equilibrio interiore all’organismo a livello di attività biochimiche e metaboliche inducendo una sindrome di adattamento.
 
Ogni individuo ha dapprima una reazione di difesa o di allarme in cui cerca di utilizzare tutte le energie e le risorse in suo possesso; successivamente nella fase di resistenza o di omeostasi il soggetto tramite i propri processi di difesa può raggiungere un equilibrio; nella fase di esaurimento l’individuo esaurisce le proprie capacità di adattamento alle situazioni.
 
Questo significa che lo stress è un fenomeno soggettivo che non insorge unicamente con la presenza di situazioni stressanti, ma a seguito del modo con cui ogni lavoratore vive emotivamente certe situazioni.
 
In ambito lavorativo, tanti sono gli stimoli: di natura fisica come ad esempio quantità di luce, di temperatura e rumorosità dell’ambiente, di natura chimica quali agenti cardiotossici diretti, fattori psicologici e sociali, fattori oggettivi ed organizzativi.
 
Ci sono situazioni stressanti che possono essere considerate comuni a più soggetti quali la precarietà dei contratti di lavoro, le ristrutturazioni aziendali e gli orari di lavoro con ritmi variati e altre individuali ovvero che si manifestano in singoli individui per le caratteristiche personali con cui affrontano l’attività lavorativa e i problemi dell’esistenza.
 
Tra queste ultime troviamo: a) la performance, ovvero il risultato che ogni compito richiede al singolo lavoratore; essa può essere sovradimensionata rispetto alle capacità psicofisiche e attitudinali e da ciò può scaturirne un non riconoscersi all’altezza di quanto richiesto, oppure sottodimensionata creando un senso di frustrazione per mancata valorizzazione delle proprie capacità operative; b) variazioni individuali con l’attività assegnata: a fronte di compiti uguali alcuni lavoratori necessitano di informazioni precise per lo svolgimento, necessitando pertando di un percorso attuativo rigido per non trovarsi in uno stato di ansia; altri richiedono solo il risultato finale del compito assegnato avocando a sé, in modo autonomo, le scelte decisionali e operative per il suo espletamento.
 
In queste situazioni lavorative di disfunzionalità protratte nel tempo, possono originarsi a carico dei lavoratori dei sintomi che possono interessare la sfera psichica quali fenomeni di ansia, paura, ossessione, ipocondria, isteria, paranoia, cinismo, depressione, aggressività, psico-astenia, bassa autostima.
 
Possono interessare anche alcuni organi e apparati quali il sistema cardiovascolare con ipertensione arteriosa, aritmie cardiache ecc, l’apparato gastrointestinale con gastrite, ulcera gastrica, discinesie colicistiche, colite ulcerosa, la cute con eruzioni cutanee aspecifiche, dermatite seborroica, psoriasi, alopecia areata e perdita di capelli e l’apparato osteo- articolare con dolori del rachide, periartrite scapolo-omerale, tensioni muscolari del cingolo scapolo-omerale.
 
E’ necessaria pertanto una attenta valutazione di alcuni comportamenti indicativi di situazioni di stress: tra questi, si rilevano stati di assenteismo ripetuto e prolungato causato dal desiderio di “fuga da un lavoro” non soddisfacente, diminuzione della qualità lavorativa comportante un aumento del numero degli errori, incapacità di completare il compito assegnato o rispettare i tempi di consegna, difficoltà nelle relazioni interpersonali con rifiuto delle regole, eccessivo appoggio sui superiori, incapacità a collaborare con i colleghi, eccesso di competitività, demotivazione, distacco emotivo.
 
Si ritiene pertanto che lo stress in ambito lavorativo possa essere considerato come un modo di reagire a stimoli esterni, che tuttavia se eccessivi possano comportare delle conseguenze assai gravi sullo stato di salute dell’individuo.

I  sintomi di stress lavoro-correlato

I segni o sintomi di stress da lavoro possono essere fisici, psicologici e comportamentali.

I sintomi fisici includono:

  • Fatica
  • Tensione muscolare
  • Mal di testa
  • Palpitazioni cardiache
  • Disturbi del sonno, come l'insonnia
  • Disturbi gastrointestinali, come diarrea o costipazione
  • Disturbi dermatologici.

I sintomi psicologici sono:

  • depressione
  • Ansia
  • Scoraggiamento
  • Irritabilità
  • Pessimismo
  • Sensazioni di essere sopraffatti e incapaci di far fronte agli impegni
  • Difficoltà cognitive, come la ridotta capacità di concentrarsi o prendere decisioni.

I sintomi comportamentali comprendono:

  • Un aumento dei giorni di malattia e assenteismo
  • Aggressività
  • La diminuzione della creatività e delll'iniziativa
  • Un calo nelle prestazioni di lavoro
  • Problemi con le relazioni interpersonali
  • Sbalzi d'umore e irritabilità
  • Diminuzione della tolleranza alla frustrazione e impazienza
  • Disinteresse
  • Isolamento.

Quali sono i principali fattori di stress legati al lavoro?

Tutti i seguenti problemi sono stati identificati come potenziali fattori di stress nei luoghi di lavoro. Un approccio di gestione del rischio identificherà quali esistono nel vostro luogo di lavoro e ciò che li provoca. Essi includono:
  • Organizzazione della cultura
  • Pratiche di cattiva gestione
  • Contenuto del lavoro e richieste
  • Ambiente di lavoro fisico
  • Le relazioni sul posto di lavoro
  • Gestione del cambiamento
  • Mancanza di sostegno
  • Conflitto di ruolo
  • Trauma.

Le cause di stress lavoro-correlato

Alcuni dei fattori che comunemente causano stress da lavoro sono:
  • Lunghe ore di lavoro
  • Pesante carico di lavoro
  • I cambiamenti all'interno dell'organizzazione
  • Tempi stretti
  • Modifiche ai premi e ai bonus
  • Precarietà del lavoro
  • Mancanza di autonomia
  • Lavoro noioso
  • Competenze insufficienti per il lavoro
  • Supervisione eccessiva
  • Ambiente di lavoro inadeguato
  • La mancanza di risorse adeguate
  • Mancanza di attrezzature
  • Poche opportunità promozionali
  • Molestia
  • Discriminazione
  • Scarsa qualità del rapporto con i colleghi o con i capi

Dove trovare aiuto in caso di forte stress?

  • Il medico
  • Psicologo
  • Il tuo manager
  • Responsabile delle risorse umane sul posto di lavoro
Stress e inail

Per l’Inail il fenomeno è di difficile tracciabilità anche se è possibile affermare che per il 64% dei casi di malattia da stress collegato al lavoro è stata riconosciuta dall’INAIL una indennità in capitale, mentre appena il 9% una rendita e per il 27% solo una indennità per inabilità temporanea al lavoro o sono stati riconosciuti senza indennizzo.
Da un punto di vista numerico gli uomini detengono la maggioranza dei casi, il 60% del totale, mentre la metà dei casi è nella fascia di età centrale (il 46% tra i 46 e i 55 anni) con una percentuale del 20% ha un’età anagrafica di oltre 56 anni. I soggetti più a rischio da stress da lavoro-correlato sono gli impiegati, circa il 59% dei casi, seguiti dagli operai, il 21%, e a ruota da quadri e dirigenti con il 20%.
Il settore economico maggiormente colpito è il terziario con il 42% dei casi riconosciuti, mentre la pubblica amministrazione e l’industria possono esprimere il 29% dei casi.
L’Inail ha deciso di fare il punto della situazione sul rischio da stress correlato e agli strumenti operativi che l’Istituto mette a disposizione al fine di valutare la nuova problematica che ogni datore di lavoro deve adempiere.
Lo stress da lavoro correlato è oggi considerato un rischio che deve potere essere evidenziato, monitorato e gestito attraverso opportune strategie di prevenzione. Non solo, la nuova problematica è stata recepita dal Testo unico sulla sicurezza, ossia ildecreto 81/2008, in seguito ad una valutazione nel quadro europeo con l’Accordo dell’8 ottobre 2004.
Video del convegno per lo stress lavoro correlato 30 minuti circa


Tratto da:


Il sistema e gli stupidi - Sono andata da un medico bravissimo, pensa che una sua visita costa 400 euro e ho dovuto aspettare 3 mesi....

Sono andata da un medico bravissimo, pensa che una sua visita costa 400 euro e ho dovuto aspettare 3 mesi....

Quante volte sentiamo parole simili..
Quel professionista ha una parcella alta  perciò è più bravo degli altri.
Perche  è più bravo?

Era pubblicizzato in un giornale?
La mia amica o amico è andato ?
Ha uno studio bellissimo che comunica benessere economico?
E' promosso o pubblicizzato da enti o altri organi ?
La sua parcella è solo per quelle persone ricche?
E famoso, illustre ha scritto articoli e libri ?

Ognuno di noi attribuisce la sua bravura in base ai suoi punti di vista...
Quello più comune è quello della parcella molto costosa.

E qui che mi chiedo, Ha più influenza il DIO Umanitario (amore guaritore umanitario altruista)  o il DIO DENARO ?

Aiutare e guarire gli altri è una vocazione o un meccanismo di profitto economico?

Esempio per diventare ricchi in molti settori:
Ecco Cosa Serve?
- 1 laurea
- uno studio spettacolare
- un camice bianco ben stirato o un abito che ispira denaro.
- parcella poco abbordabile che fa pensare..(cavoli 600 euro per parlarci un pò...  è uno bravo)
- distacco e superiorità col cliente
- poca confidenza cosi il cliente non fa troppe domande
- studio sempre pieno... e non entra in confidenza o in umanità
-  cercare di sistemare un problema o una situazione che produrrà e alimenterà sempre un qualche sistema economico.

Lo studio sempre pieno:
Semplice lo studio è pieno perchè:

Lo specialista lavora in molte città italiane. 

perciò i pazienti raccolti in 2- 3 -4 mesi si guardano in faccia e si chiedono :
Questo medico è bravissimo tutti questi spendono 500 euro per lui....
Come sono fortunata... ad avere avuto questa fortuna di essere qui...
Questo è senza dubbio bravissimo.

Peccato che pochi sanno che per malattie invalidanti l'inps e l'inail non considerano i certificati fatti al di fuori da ospedali pubblici.


Il sistema che genera le sentinelle del sistema
I laureati o graduati.

Ogni sistema economico e di ordine per la civiltà  ha dei meccanismi  ben ordinati ..
il sistema  necessita di un programma specifico e auto aggiustante.

Una volta  creati e ampliati i bisogni e le paure dell'umanità. il sistema diventa sempre più indispensabile. 
(sopravvivenza,lavoro,malattie,paure,morte,delinquenza)

Questo sistema ha creato degli schemi che ogni uomo deve imparare a memoria.

Questo avviene prima dai genitori (già schiavi del sistema) poi dall'istruzione scolastica, per alcuni anche per l'istruzione alla leva militare, o educazione marziale e poi nel mondo del lavoro...  

e se tutto questo non basta...
l'ultimo meccanismo di recupero per le anime ribelli. "la malattia"

Il sistema arruola le future sentinelle in fase alle capacità genetiche degli individui...
Poi li promuove con dei certificati (lauree,ruoli politici,militari,ecc.)
Questi sono le sentinelle del sistema..
Persone emerse dalla massa non per caso....

Adesso vi chiederete: Ecco perchè una persona buona,umanitaria  e onesta non farà mai il generale, o il capitano o il grande dottore.

Questo sistema è basato sul profitto e sulla spremitura di alcuni umani per produrre ricchezza ad alcuni.

Molti si chiedono perchè le persone buone si ammalano e soffrono...

Molti si chiedono se è giusto far smettere di giocare un bambino per farlo studiare per 5 ore al giorno.

molti si chiedono perchè la malattia ha colpito proprio loro...

molti si chiedono perche molte persone sono insensibili e cattive ed altre no...

molti si svegliano a 60 anni scoprendo di aver vissuto una vita non loro...

Non ponetevi troppo domande....
Se no  vi ritroverete in un ospedale a dialogare con persone che non parlano la vostra lingua..... e vi prenderebbero per pazzi...

Certamente quelle persone sono li , perche sono state scelte dal sistema.

Sapete cosa mi fa più senso.. che queste persone cattive .. (cercate su google "gli uomini robot tra noi )
assetate di denaro stanno distruggendo il genere umano.... "quello sano".

Certamente tra laureati  e altre altezze certificate vi sono alcune persone umanitarie... ma chiedete a loro come si sentono a trovarsi ingabbiati in un gruppo di persone diverse....

Queste persone sicuramente si ammaleranno e usciranno da un mondo non adatto a loro.

Fate molta attenzione a ciò che scrivo...
Sicuramente a qualche sentinella del sistema darà molto fastidio e si attiverà contro di me....

Mentre le buone persone diranno però quello che dice non è sbagliato... 

Qual'è la differenza?

Quello cattivo mi risponderà e mi perseguirà...
Mentre le persone buone difficilmente appoggiano gli altri... magari scrivendo:"vero, è così,  e cosi perchè io.... "

Ciao a tutti da Raymond Bard istruttore del benessere 



Ognuno sceglie la propria strada.... 
Attenzione alla scelta...




Centro di riferimento della fibromialgia Ospedale Luigi Sacco di Milano -

AISF
ASSOCIAZIONE   ITALIANA  SINDROME  FIBROMIALGIA  

Centro di riferimento della fibromialgia Ospedale Luigi Sacco di Milano.

Finalmente dopo mesi e mesi di " Lei non ha niente" un ospedale che riconosce un male di nome Fibromialgia
Ecco il sito:


 

Raymond Bard Istruttore Fitness per Bambini riconosciuto FIEFS e dalla AICS (entrambi Enti riconosciuti dal CONI) L'attività motoria e le implicazioni nel processo di sviluppo cognitivo in età evolutiva

Istruttore Fitness per Bambini


L'attività motoria e le implicazioni nel processo di sviluppo cognitivo in età evolutiva

Raymond Bard  Istruttore Fitness per Bambini riconosciuto FIEFS e dalla AICS (entrambi Enti riconosciuti dal CONI). Attestato di formazione conseguito alla nonsolofitness.



L'allenamento nei bambini: aspetti tecnici e psicologici nel lavoro con i bambini.

Cosa rappresenta il movimento in questa età particolare e le sue implicazioni sullo sviluppo intellettivo, del linguaggio e della personalità.






La preparazione di un istruttore di fitness per bambini comprende:


  • L'età evolutiva, definizione, storia, oggetto dello studio
  • Introduzione alla motricità: gli schemi motori di base
  • Le capacità e le abilità motorie
  • Le capacità coordinative generali e speciali
  • Il ruolo dell'attività motoria nel processo evolutivo
  • Lo sviluppo motorio, cognitivo e della personalità
  • Il ruolo pedagogico delle attività fisiche e sportive
  • Lo sviluppo psicomotorio in età evolutiva
  • Le tappe dello sviluppo psicomotorio da 0 a 3 anni
  • Lo sviluppo motorio in relazione alla formazione della personalità nella fase dai 3 ai 7 anni
  • La fase preadolescenziale e puberale
  • Il ruolo del gioco nella formazione del sè
  • Il gioco simbolico ed il gioco funzionale
  • Dominanza e lateralità
Lo stimolo motorio finalizzato al miglioramento della prestazione abile
  • Le fasi sensibili
  • Le abilità motorie
  • Dalle abilità motorie alle abilità sportive
  • La capacità di efficienza e prestazione fisica
  • L'espressione e la sollecitazione della forza nel corso dell'età evolutiva
  • L'espressione e la sollecitazione della resistenza nel corso dell'età evolutiva
  • L'espressione e la sollecitazione della velocità nel corso dell'età evolutiva
  • L'espressione e la sollecitazione della mobilità articolare nel corso dell'età evolutiva
  • Il ruolo del feedback nel processo di apprendimento e produzione motoria
  • Dall'input alla performance
  • I benefici dell'attività sportiva nei soggetti in età evolutiva
  • La scelta dello sport ideale
Dalla teoria alla pratica
  • Premesse generali per l'applicazione di proposte operative, il ruolo dell'esperto della motricità
  • Proposte operative e relativa finalità
  • Esercizi di coordinazione oculo-manuale
  • Esercizi per la coordinazione globale
  • Esercizi per la stimolazione dell'equilibrio statico, dinamico e in volo
  • Esercizi per la stimolazione del senso del ritmo
  • Esercizi per stimolare la percezione del proprio corpo e dello spazio.

Cerco altri professionisti nella tua città:


La fibromialgia e la legge per il riconoscimento dell'invalidità che non arriva - L'ignoranza verso i malati non fa risparmiare il sistema sanitario.

La fibromialgia e la legge per il riconoscimento dell'invalidità che non arriva.

Cos'è la FM ?
http://www.raymondbard.com/search?q=fibromialgia

Immaginate una persona che ha solo 5 ore di autonomia fisica e mentale...(esaurimento psicofisico)

Immaginate una persona sana che invece di andare a dormire la sera, (ore 23,30) dopo una lunga giornata di lavoro si mette uno zaino pesante sulle spalle e
cammina in salita tutta la notte.....    fino al pomeriggio del giorno dopo.....  come si sentirebbe?

Ecco, provatelo e capirete veramente cos'è l'esaurimento energetico psico-fisico che provano alcuni malati di fibromialgia e stanchezza cronica.
Vi posso assicurare che ho tutte le competenze per poterlo affermare!!!
Adesso provate ad immaginare che alcuni individui lavorano ben 8 ore al giorno.

Dovete sapere che il fibromialgico lavoratore non migliora con l'attività lavorativa...  lavorando  per 8 ore e magari svolgendo una mansione poco adatta alla sua malattia , dopo qualche mese la sua autonomia cala inevitabilmente  da 8 a 6, poi a 5, poi a  4 ore, e poi a 3 ore  e poi sempre meno... fin quando non si alza più dal suo letto.

Immaginate che questa persona prima di uscire da casa ha bisogno di portare con se pastiglie e calcolare accuratamente i tempi in base alla propria autonomia...  cioè  i tragitti, il numero di soste , i tempi di riposo dove e quando ecc.

Immaginate che questa persona  per non perdere il posto di lavoro si debba imbottire di anti dolorifici, anti infiammatori, soppressori del snc e soffrire ugualmente... 

In più mesi e mesi di malattia ... 
Cosa succede poi alla lunga? 
Semplice... 
Non solo il sistema sanitario paga mesi di malattia e farmaci,
... in più, con gli effetti collaterali dei farmaci e l'usura da eccesso lavoro e stress cronico...  il danno diventa sempre più grave e costoso in tutti i sensi.... (salute - economico) 
Allora signori miei..  Come avete capito bene.. 

...... E non parliamo poi del mobbing .... che ricevono questi lavoratori...  ormai diventati rottami da buttare per le aziende del profitto.

L'ignoranza verso i  malati non fa risparmiare il sistema sanitario.
Raymond Bard Wellness Trainer in prima linea contro le ingiustizie e l'ignoranza cronica.

Firma la petizione

http://firmiamo.it/si-all-invalidita-per-i-malati-di-fibromialgia/aftersign


https://www.facebook.com/groups/citazionifamoseraymonbard/?fref=ts

Hai una villa o uno spazio ? - Un modo semplice per essere altruisti felici e circondati da tanti amici - Il comodato d'uso


Un modo semplice per essere altruisti  felici e circondati da tanti amici.






Possiedi una grande villa tra Bergamo e 

Milano?

o anche in altri luoghi ?



Non riesci a venderla o affittarla ?
Ti dà fastidio vederla abbandonata ?
Ti piacerebbe vederla sempre in perfette condizioni ?(taglio erba,idraulica,pittura,impianto elettrico,ecc.)
Ti piacerebbe darla in COMODATO D'USO senza responsabilità alla persona con più referenze possibili ?
Ti piacerebbe ricavarne dei benefici a livello di benessere,piacere e divertimento ?
Ti piacerebbe che qualcuno per tè si accolli le spese di manutenzione E bollette,ecc?
Ti piacerebbe partecipare a feste ed eventi culturali ricreativi e sportivi ?
Ti piacerebbe avere intorno a te persone selezionate con cui puoi condividere idee,hobby,ideali e realizzare sogni mai avverati?

Se  leggendo queste righe percepisci qualcosa che alimenta anche la tua fantasia,il tuo cuore, la tua parte umanitaria, allora puoi 
contattarmi  io sono Raymond Bard coach life, ricercatore scientifico personal trainer del benessere psico-fisico e realizzatore di sogni, impegnato nella lotta contro le ingiustizie e i disagi umani
.Digita "Raymond Bard" su Google e scopri chi è .... 



Cos'è il comodato d'uso ?
Il "comodato è essenzialmente gratuito" (testuale nell'art. 1803 c.c., rubricato "definizione"), in quanto, se vi fosse un pagamento in denaro, ci troveremmo di fronte ad un altro tipo di contratto e cioè alla locazione (ciò che, nel linguaggio comune, viene sempre chiamato affitto, mentre tale nome spetta solo alla locazione di beni produttivi; art. 1615 c.c.). Dunque è pleonastico ed errato parlare di comodato gratuito: il comodato è sempre gratuito o non è un comodato.
Esiste tuttavia il comodato oneroso, che si verifica allorquando chi riceve in comodato il bene si obbliga ad adempiere ad una prestazione che, tuttavia, non assurge a corrispettivo del godimento. Es: la concessione in comodato della propria villa per il periodo estivo, in cambio della semina dell'erba in giardino, e della cura delle siepi.
La Cassazione ha qualificato come oneroso un comodato che prevedeva, da parte del comodatario, il pagamento di una somma periodica idonea al solo rimborso delle spese (Cass. 2001, n. 3021).
In alcuni casi è possibile che il contratto di comodato preveda un risarcimento per le spese vive della cosa: caso frequente è che il condominio negli immobili sia a totale carico del comodatario (colui che ha ricevuto la cosa).

attribuisce al comodatario precisi obblighi e responsabilità, fra i quali quelli di: a) custodire e conservare il bene oggetto di comodato con la diligenza del buon padre di famiglia; b) sostenere le spese di manutenzione ordinaria necessarie per evitare il deterioramento non fisiologico del bene stesso; c) non concedere il bene in godimento a terzi senza la preventiva autorizzazione del comodante; 

Ecco un contratto già pronto:
CONTRATTO DI COMODATO
Stipulato oggi <data>, in <luogo>
TRA: 
Il Sig. <nome e cognome> nato a <luogo di nascita> il <data di nascita> domiciliato in<località> via <indirizzo>
- comodante - 
E:
Il Sig. <nome e cognome> nato a <luogo di nascita> il <data di nascita> domiciliato in<località> via <indirizzo>
- comodatario -
Le parti convengono e stipulano:
1 - Il sig. <nome e cognome> (d'ora in poi chiamato comodante), consegna al sig. <nome e cognome> (d'ora in poi chiamato comodatario), perché se ne serva, per l’uso consentito per destinazione, il seguente bene: <descrizione>
2 - Il Comodatario si servirà del bene sopra descritto, con la dovuta diligenza, esclusivamente per il seguente scopo: <descrizione>, impegnandosi a non destinare il bene a scopi differenti.
3 - La durata è fissata in mesi (oppure anni) e giorni <numero> con decorrenza dal<data> e scadenza il <data>. Alla scadenza del termine convenuto il comodatario è obbligato a restituire l'immobile oggetto del presente contratto. Se però durante il termine convenuto sopravviene un urgente e imprevisto bisogno al comodante questi può esigerne la restituzione immediata. Il domicilio del comodatario viene eletto, ai fini di questo contratto, all'indirizzo dell'immobile ceduto in comodato, anche qualora in seguito più non occupi i locali.
4 - Il comodatario è tenuto a custodire e conservare la cosa con la diligenza del buon padre di famiglia e non può concedere a terzi il godimento della stessa, neppure temporaneo, sia a titolo gratuito sia a titolo oneroso.
5 - Il comodatario è costituito custode dell'immobile oggetto del presente contratto ed è direttamente responsabile verso il comodante e i terzi dei danni causati per sua colpa da spandimento di acque, fughe di gas, ecc. e da ogni altro abuso o trascuratezza nell'uso dell'immobile.
6 - Le migliorie, riparazioni o modifiche eseguite dal comodatario restano acquisite al comodante senza obbligo di compenso, anche se eseguite con il consenso del comodante salvo sempre per il comodante il diritto di pretendere dal comodatario il ripristino dei locali nello stato in cui questi li ha ricevuti. La mutata destinazione d'uso dei locali o l'esecuzione di lavori in contrasto con le norme urbanistico-edilizie produrranno ipso jure la risoluzione del contratto per fatto e colpa del comodatario. Il silenzio o l'acquiescenza del comodante al mutamento d'uso pattuito, a lavori non autorizzati, alla cessione del contratto, che eventualmente avvengano, avranno esclusivamente valore di tolleranza priva di qualsiasi effetto a favore del comodatario.
7 - Sono a carico del comodatario le spese per servirsi della cosa; egli ha diritto al rimborso se trattasi di spese straordinarie, necessarie ed urgenti.
8 - Il comodante è esonerato dal comodatario da ogni qualsiasi responsabilità per danni che allo stesso potessero derivare dal fatto, omissione o colpa del portiere, di inquilini o di terzi in genere. Il comodante si riserva il diritto di non fornire il servizio di vigilanza (se esistente) per alcuni periodi ed eventualmente di sostituire il servizio di portierato (se esistente) con adeguati mezzi meccanici. Parimenti il comodante è esonerato da ogni responsabilità per l'eventuale scarsità o mancanza d'acqua, del gas o dell'energia elettrica e per la mancata fornitura di qualsiasi servizio, ivi compreso il riscaldamento/condizionamento, l'ascensore e il citofono anche se dovuto a guasti degli impianti o ritardi nella riparazione degli stessi.
9 - Le spese di registrazione del presente atto sono a carico del sig. <nome e cognome>. 
10 - È fatto espresso divieto di cessione di contratto, senza consenso scritto del comodante. Il comodatario potrà servirsi dell'immobile solo per l'uso determinato dal contratto; in caso contrario il comodante potrà richiedere immediata restituzione dell'immobile, oltre al risacimento del danno.
11 - Per quanto non previsto si rinvia al codice civile all'articolo 1803 e seguenti Codice Civile
Letto, approvato e sottoscritto.



Il comodante


Il comodatario

....................................


 ....................................

Ai sensi degli artt. 1341 e 1342 del C.C. si approvano specificatamente le seguenti clausole: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11

Il comodante


Il comodatario

....................................


 ....................................

Contatta Raymond Bard e insieme prepareremo la strada verso una vita diversa...
Info: 320 2181316

Forse vi può interessare:

Tu..Chi sei veramente ?
La nostra apparenza esteriore, l'aspetto fisico, la professione, il titolo di studio,il conto in banca e la posizione sociale è ciò che si nota di più nel mondo attuale...
Ma queste finte qualità non impressionano a lungo nessun individuo a noi vicino e neanche noi stessi..... 
Se non si trasmettono, dietro queste apparenze: l'amore per il prossimo,la positività, lo scambio energetico, la nostra esistenza sarà inutile per noi e per a l'intero universo.
La ricchezza più grande sta nel condividere pensieri, parole e fatti con persone diverse.
Ogni persona conosciuta (mai per caso) ci regala parte di sè...
Fate in modo di gioire aiutando gli altri ....

Noi siamo energia ...

Ecco il mio nuovo progetto... sono disposto a vendere tutto e dedicarmi agli altri..

Progetto piccoli paradisi per altruisti !!!

Sto cercando degli spazi in comodato d'uso gratuito con condizioni di custodia, manutenzione e piccole ristrutturazioni da parte mia...
Mi puoi aiutare? conosci qualcuno?

http://www.raymondbard.com/2013/05/cercasi-persona-ricca-fuori-che-vuole.html

http://www.raymondbard.com/2013/05/perche-questa-idea-vedo-tantissimi.html

http://www.raymondbard.com/2013/05/le-persone-buone-esistono-ma-bisogna.html

http://www.raymondbard.com/2012/09/possiedi-una-grande-villa-tra-bergamo-e.html

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.