CONSULENZA

CONSULENZA TELEFONICA con Raymond Bard
Ogni giorno dalle 19 alle 20 sabato e Domenica dalle 10 alle 12
(Solo per gli iscritti e chi si iscrive a questo sito Internet)
Come fare: Effettua libera donazione tramite ricarica telefonica Wind al numero 3202181316 poi invia un messaggio per appuntamento telefonico.
A fine conversazione vi sarà chiesta una libera donazione in base al gradimento tramite bonifico bancario.



TRADUTTORE

Stress eccessivo da lavoro se continuato provoca gravi malattie


Stress eccessivo da lavoro se

continuato provoca gravi 

malattie . 

Lo stress da lavoro ha molte cause, tra cui lunghe ore, carico di lavoro, precarietà del lavoro, la minaccia della perdita o di aumento del lavoro, e conflitti con altri lavoratori o con il capo. I sintomi di stress da lavoro possono includere la depressione, l'ansia, un calo nelle prestazioni di lavoro, la sensazione di essere sopraffatti, stanchezza, mal di testa e un aumento di giorni di malattia e assenteismo. Le aziende e i datori di lavoro dovrebbero riconoscere lo stress da lavoro come un problema significativo per la salute e la sicurezza.


Il concetto di stress ha avuto in questi ultimi anni un’evoluzione dinamica e multidisciplinare, tanto da essere identificato come rischio residuo del benessere sociale del lavoratore.
Nella fisiologia del lavoro lo stress viene interpretato come una serie di situazioni che rompono un equilibrio interiore all’organismo a livello di attività biochimiche e metaboliche inducendo una sindrome di adattamento.
 
Ogni individuo ha dapprima una reazione di difesa o di allarme in cui cerca di utilizzare tutte le energie e le risorse in suo possesso; successivamente nella fase di resistenza o di omeostasi il soggetto tramite i propri processi di difesa può raggiungere un equilibrio; nella fase di esaurimento l’individuo esaurisce le proprie capacità di adattamento alle situazioni.
 
Questo significa che lo stress è un fenomeno soggettivo che non insorge unicamente con la presenza di situazioni stressanti, ma a seguito del modo con cui ogni lavoratore vive emotivamente certe situazioni.
 
In ambito lavorativo, tanti sono gli stimoli: di natura fisica come ad esempio quantità di luce, di temperatura e rumorosità dell’ambiente, di natura chimica quali agenti cardiotossici diretti, fattori psicologici e sociali, fattori oggettivi ed organizzativi.
 
Ci sono situazioni stressanti che possono essere considerate comuni a più soggetti quali la precarietà dei contratti di lavoro, le ristrutturazioni aziendali e gli orari di lavoro con ritmi variati e altre individuali ovvero che si manifestano in singoli individui per le caratteristiche personali con cui affrontano l’attività lavorativa e i problemi dell’esistenza.
 
Tra queste ultime troviamo: a) la performance, ovvero il risultato che ogni compito richiede al singolo lavoratore; essa può essere sovradimensionata rispetto alle capacità psicofisiche e attitudinali e da ciò può scaturirne un non riconoscersi all’altezza di quanto richiesto, oppure sottodimensionata creando un senso di frustrazione per mancata valorizzazione delle proprie capacità operative; b) variazioni individuali con l’attività assegnata: a fronte di compiti uguali alcuni lavoratori necessitano di informazioni precise per lo svolgimento, necessitando pertando di un percorso attuativo rigido per non trovarsi in uno stato di ansia; altri richiedono solo il risultato finale del compito assegnato avocando a sé, in modo autonomo, le scelte decisionali e operative per il suo espletamento.
 
In queste situazioni lavorative di disfunzionalità protratte nel tempo, possono originarsi a carico dei lavoratori dei sintomi che possono interessare la sfera psichica quali fenomeni di ansia, paura, ossessione, ipocondria, isteria, paranoia, cinismo, depressione, aggressività, psico-astenia, bassa autostima.
 
Possono interessare anche alcuni organi e apparati quali il sistema cardiovascolare con ipertensione arteriosa, aritmie cardiache ecc, l’apparato gastrointestinale con gastrite, ulcera gastrica, discinesie colicistiche, colite ulcerosa, la cute con eruzioni cutanee aspecifiche, dermatite seborroica, psoriasi, alopecia areata e perdita di capelli e l’apparato osteo- articolare con dolori del rachide, periartrite scapolo-omerale, tensioni muscolari del cingolo scapolo-omerale.
 
E’ necessaria pertanto una attenta valutazione di alcuni comportamenti indicativi di situazioni di stress: tra questi, si rilevano stati di assenteismo ripetuto e prolungato causato dal desiderio di “fuga da un lavoro” non soddisfacente, diminuzione della qualità lavorativa comportante un aumento del numero degli errori, incapacità di completare il compito assegnato o rispettare i tempi di consegna, difficoltà nelle relazioni interpersonali con rifiuto delle regole, eccessivo appoggio sui superiori, incapacità a collaborare con i colleghi, eccesso di competitività, demotivazione, distacco emotivo.
 
Si ritiene pertanto che lo stress in ambito lavorativo possa essere considerato come un modo di reagire a stimoli esterni, che tuttavia se eccessivi possano comportare delle conseguenze assai gravi sullo stato di salute dell’individuo.

I  sintomi di stress lavoro-correlato

I segni o sintomi di stress da lavoro possono essere fisici, psicologici e comportamentali.

I sintomi fisici includono:

  • Fatica
  • Tensione muscolare
  • Mal di testa
  • Palpitazioni cardiache
  • Disturbi del sonno, come l'insonnia
  • Disturbi gastrointestinali, come diarrea o costipazione
  • Disturbi dermatologici.

I sintomi psicologici sono:

  • depressione
  • Ansia
  • Scoraggiamento
  • Irritabilità
  • Pessimismo
  • Sensazioni di essere sopraffatti e incapaci di far fronte agli impegni
  • Difficoltà cognitive, come la ridotta capacità di concentrarsi o prendere decisioni.

I sintomi comportamentali comprendono:

  • Un aumento dei giorni di malattia e assenteismo
  • Aggressività
  • La diminuzione della creatività e delll'iniziativa
  • Un calo nelle prestazioni di lavoro
  • Problemi con le relazioni interpersonali
  • Sbalzi d'umore e irritabilità
  • Diminuzione della tolleranza alla frustrazione e impazienza
  • Disinteresse
  • Isolamento.

Quali sono i principali fattori di stress legati al lavoro?

Tutti i seguenti problemi sono stati identificati come potenziali fattori di stress nei luoghi di lavoro. Un approccio di gestione del rischio identificherà quali esistono nel vostro luogo di lavoro e ciò che li provoca. Essi includono:
  • Organizzazione della cultura
  • Pratiche di cattiva gestione
  • Contenuto del lavoro e richieste
  • Ambiente di lavoro fisico
  • Le relazioni sul posto di lavoro
  • Gestione del cambiamento
  • Mancanza di sostegno
  • Conflitto di ruolo
  • Trauma.

Le cause di stress lavoro-correlato

Alcuni dei fattori che comunemente causano stress da lavoro sono:
  • Lunghe ore di lavoro
  • Pesante carico di lavoro
  • I cambiamenti all'interno dell'organizzazione
  • Tempi stretti
  • Modifiche ai premi e ai bonus
  • Precarietà del lavoro
  • Mancanza di autonomia
  • Lavoro noioso
  • Competenze insufficienti per il lavoro
  • Supervisione eccessiva
  • Ambiente di lavoro inadeguato
  • La mancanza di risorse adeguate
  • Mancanza di attrezzature
  • Poche opportunità promozionali
  • Molestia
  • Discriminazione
  • Scarsa qualità del rapporto con i colleghi o con i capi

Dove trovare aiuto in caso di forte stress?

  • Il medico
  • Psicologo
  • Il tuo manager
  • Responsabile delle risorse umane sul posto di lavoro
Stress e inail

Per l’Inail il fenomeno è di difficile tracciabilità anche se è possibile affermare che per il 64% dei casi di malattia da stress collegato al lavoro è stata riconosciuta dall’INAIL una indennità in capitale, mentre appena il 9% una rendita e per il 27% solo una indennità per inabilità temporanea al lavoro o sono stati riconosciuti senza indennizzo.
Da un punto di vista numerico gli uomini detengono la maggioranza dei casi, il 60% del totale, mentre la metà dei casi è nella fascia di età centrale (il 46% tra i 46 e i 55 anni) con una percentuale del 20% ha un’età anagrafica di oltre 56 anni. I soggetti più a rischio da stress da lavoro-correlato sono gli impiegati, circa il 59% dei casi, seguiti dagli operai, il 21%, e a ruota da quadri e dirigenti con il 20%.
Il settore economico maggiormente colpito è il terziario con il 42% dei casi riconosciuti, mentre la pubblica amministrazione e l’industria possono esprimere il 29% dei casi.
L’Inail ha deciso di fare il punto della situazione sul rischio da stress correlato e agli strumenti operativi che l’Istituto mette a disposizione al fine di valutare la nuova problematica che ogni datore di lavoro deve adempiere.
Lo stress da lavoro correlato è oggi considerato un rischio che deve potere essere evidenziato, monitorato e gestito attraverso opportune strategie di prevenzione. Non solo, la nuova problematica è stata recepita dal Testo unico sulla sicurezza, ossia ildecreto 81/2008, in seguito ad una valutazione nel quadro europeo con l’Accordo dell’8 ottobre 2004.
Video del convegno per lo stress lavoro correlato 30 minuti circa


Tratto da:


Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

FORMAZIONE - LEARNING - Scegli in cosa vuoi essere il migliore

Corso Marketing Management Generale

OCCASIONE LAST MINUTE SOLO PER GLI ISCRITTI A QUESTO BLOG

OGGI SCONTI

I post + cliccati della settimana

Collaborare

Collaborare

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.