TRADUTTORE

Scienziati giapponesi hanno identificato una forma di vitamina B-12 che protegge contro le malattie neurologiche e l'invecchiamento

Methylcobalamin: una svolta potenziale in malattie neurologiche



Scienziati giapponesi hanno identificato una forma di vitamina B-12 che protegge contro le malattie neurologiche e l'invecchiamento da un meccanismo unico che si differenzia da terapie correnti.

Alcuni dei disturbi che possono essere prevenuti o trattati con questa terapia vitamina naturale, chiamato metilcobalamina , comprendono stanchezza cronica sindrome, morbo di Parkinson, neuropatie periferiche, morbo di Alzheimer, distrofia muscolare e l'invecchiamento neurologico. Gli americani hanno accesso immediato a questa forma di unico e nuovo di vitamina B-12, e, a differenza dei farmaci da prescrizione, costa pochissimo ed è privo di effetti collaterali. vitamina B-12 è una etichetta generale di un gruppo di composti biologici essenziali sa come cobalamins. Le cobalamine sono strutturalmente legati alla emoglobina nel sangue, e una carenza di vitamina B-12 possono causare anemia. La preoccupazione principale dei medici convenzionali è quello di mantenere un adeguato stato di cobalamina per proteggere contro l'anemia. La forma più comune di vitamina B12 è chiamata cianocobalamina . Tuttavia, negli ultimi dieci anni, una serie di malattie neurologiche centrali e periferiche sono stati collegati ad una carenza di cobalamina molto specifico, la metilcobalamina forma, che è necessario per proteggere contro le malattie neurologiche e dell'invecchiamento. Il fegato converte una piccola quantità di cianocobalamina in metilcobalamina all'interno del corpo, ma sono necessarie maggiori quantità di metilcobalamina per correggere difetti neurologici e proteggere contro l'invecchiamento. studi pubblicati dimostrano che alte dosi di metilcobalamina sono necessari per rigenerare i neuroni e la guaina mielinica che protegge gli assoni dei nervi e dei nervi periferici. CFIDS e B-12 Nel numero estivo 1998 Salute vigilanza , un importante articolo di ricerca ha riportato una nuova affascinante scoperta. Oltre il 60% di CFIDS e fluido spinale "FM pazienti conteneva livelli subnormali di vitamina B-12. D'altra parte, vitamina B-12 livelli nel sangue non si è discostato significativamente da valori normali.Secondo la piramide trattamento del dottor Paul Cheney per la CFS, la vitamina B-12 nella sua forma non cianocobalamina - la [digitare solo allora] commercialmente disponibili - è un potente disintossicante del cervello. Studi recenti suggeriscono che in Europa deve essere somministrato in dosi elevate nella gamma di 10 - 20 mg al giorno, o anche più. Questa integrazione di metilcobalamina potrebbe proteggere la funzione cognitiva dei pazienti con CFIDS prevenendo la morte delle cellule cerebrali. Una causa di morte delle cellule cerebrali è la tossicità del glutammato. Le cellule cerebrali usano il glutammato come neurotrasmettitore, ma purtroppo il glutammato è una spada a doppio taglio nel senso che può anche uccidere le cellule cerebrali. Il rilascio di glutammato dalle sinapsi è un mezzo comune attraverso cui i neuroni comunicano tra loro. comunicazione efficace significa rilascio controllato del glutammato al momento giusto nelle cellule giuste, ma quando glutammato viene rilasciato in quantità eccessive, la comunicazione intercellulare cessa.L'alluvione del glutammato in neuroni ricevono li porta ad iperattività e l'eccessiva attività porta alla degradazione cellulare. La buona notizia è che ora può essere possibile per proteggere le cellule cerebrali dalla tossicità del glutammato prendendo supplementazione methylcobalamin. In uno studio nel Journal of Pharmacology , è stato dimostrato che la metilcobalamina protetti contro glutammato-,-aspartato e neurotossicità nitroprussiato indotta nei neuroni corticali di ratto. ricercatori hanno concluso che la metilcobalamina protegge contro la neurotossicità aumentando la metilazione della cellula cerebrale. Il CFIDS e fibromialgia Salute Resource raccomanda terapie metilazione miglioramento come la vitamina B6, la vitamina B-12, acido folico e trimetilglicina (TMG), prese insieme, per proteggere contro le malattie cardiache, ictus e altre malattie legate all'invecchiamento. Gli scienziati che hanno condotto gli studi metilcobalamina sottolineano che l'assunzione continua di metilcobalamina è necessario per proteggere contro la neurotossicità. Così per metilcobalamina per essere efficace nella protezione contro la malattia neurologica, la supplementazione giornaliera può essere necessaria. Una dose appropriata a proteggere contro l'invecchiamento neurologico potrebbe essere 1-5 mg al giorno sotto la lingua in forma di losanga. utile Un recente studio tedesco appare in Neurofarmacologia ha mostrato Metilcobalamina ridotto la quantità di tempo soggetti dormivano; qualità del sonno era migliore e soggetti svegliò sentirsi riposati, con una migliore attenzione e concentrazione.Parte di questo effetto era apparentemente dovuto alla soppressione della melatonina durante il giorno perché la supplementazione mattina metilcobalamina riduce la sonnolenza, diminuendo i livelli di melatonina durante il giorno. sclerosi multipla Secondo un recente studio condotto presso la Vanderbilt University, chlamydia pneumoniae potrebbe collegare la sclerosi multipla (SM) per CFIDS. Questo rende l'effetto pubblicata del trattamento metilcobalamina sulla MS di grande importanza per coloro che soffrono di CFIDS. Uno studio nel Journal of Internal Medicine ha studiato la somministrazione giornaliera di 60 mg di metilcobalamina per i pazienti con sclerosi multipla cronica progressiva (SM), una malattia che ha una prognosi sfavorevole e funzionalità diffusione lato demielinizzazione nel sistema nervoso centrale. Sebbene disabilità motoria non migliora, ci sono stati miglioramenti clinici in MS disabilità visive e uditive correlate. Lo scienziato ha affermato che la metilcobalamina potrebbe essere una efficace aggiunta al trattamento immunosoppressivo per, SM cronica progressiva. Quelli con forme meno gravi di SM possono considerare di aggiungere metilcobalamina al loro regime di trattamento quotidiano. Gli effetti della metilcobalamina sono stati studiati in un modello animale di distrofia muscolare. Questo studio, pubblicato in Neuroscience Letter guardò degenerazione dei morsetti del motore assoni. Nei topi che ricevevano la metilcobalamina, germogli nervose sono stati più frequentemente osservati e la rigenerazione dei terminali dei nervi motori si sono verificati in siti che precedentemente stavano degenerando. Nervi rigeneranti poche sostanze hanno dimostrato di rigenerare i nervi negli esseri umani con neuropatie periferiche. Tuttavia, uno studio nel Journal of Neurological Science postulato che la metilcobalamina potrebbe aumentare la sintesi proteica e aiutare a rigenerare i nervi.Gli scienziati hanno dimostrato che dosi molto elevate di metilcobalamina producono la rigenerazione dei nervi nei ratti di laboratorio. Gli scienziati hanno affermato che ultra-alte dosi di metilcobalamina potrebbero essere di uso clinico per i pazienti con neuropatie periferiche. L'equivalente umano dose di scienziati impiegati è di circa 40 mg di metilcobalamina sublinguale somministrato quotidianamente. Coloro che soffrono di neuropatie periferiche spesso assumono acido alfa lipoico. Sulla base della nostra nuova comprensione della neuropatia periferica, può essere prudente che chiunque utilizzi l'acido alfa lipoico anche prendere almeno 5 mg al giorno di metilcobalamina sublinguale somministrato per garantire che l'acido alfa lipoico sarà biodisponibile per i nervi periferici.Cancro / funzione immunitaria A studio sulla rivista Oncology ha esaminato gli effetti della metilcobalamina su diversi tipi di tumori nei topi. La somministrazione di metilcobalamina per sette giorni soppressa fegato, polmone e ascite crescita tumorale. I topi che ricevevano la metilcobalamina sopravvissuti più a lungo rispetto ai topi di controllo ha fatto. Nei topi irradiati prima inoculazione delle cellule tumorali, metilcobalamina non migliorava la sopravvivenza. Gli effetti della metilcobalamina sulla funzione immunitaria umana è stata studiata nel Journal of Clinical Immunology . Lo studio ha mostrato che la metilcobalamina dimostrato notevoli effetti sulle cellule migliorando T quando le cellule T sono state esposte a certi antigeni. Gli scienziati hanno anche dimostrato che la metilcobalamina ha migliorato l'attività delle cellule T helper. Gli scienziati hanno concluso che la metilcobalamina potrebbe modulare la funzione dei linfociti aumentando le attività di regolamentazione delle cellule T. americani hanno bisogno di sapere su questa importante terapia naturale che potrebbe prolungare la durata della vita sana umana. Una ricerca della letteratura scientifica rivela 334 studi pubblicati sulla metilcobalamina. Tuttavia, non sarebbe esagerato dire che praticamente nessuna medici sanno di esso o la raccomanda.Methylcobalamin dovrebbe essere considerata per il trattamento di una malattia neurologica. Ad esempio, sulla base di suoi meccanismi d'azione unica, metilcobalamina potrebbe essere efficace nel rallentare la progressione delle malattie "incurabili" come la ALS (malattia di Lou Gerhig). Poiché metilcobalamina non è un farmaco, c'è poco incentivo economico per condurre costosi studi clinici su di esso, quindi potrebbe essere un lungo periodo di tempo prima di sapere quanto sia efficace questa singolare forma di vitamina B-12 è nel rallentare la progressione delle malattie comuni come il morbo di Parkinson.L'assunzione sublinguale di metilcobalamina è una terapia naturale accessibile ed efficace, e ha dimostrato anche sicuro quando somministrato in dosi massicce.

Tratto e  poi Tradotto:
http://www.prohealth.com/library/showarticle.cfm?libid=481

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

FORMAZIONE - LEARNING - Scegli in cosa vuoi essere il migliore

Corso Marketing Management Generale

OCCASIONE LAST MINUTE SOLO PER GLI ISCRITTI A QUESTO BLOG

OGGI SCONTI

I post + cliccati della settimana

Collaborare

Collaborare

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.