Consulenza Telefonica

Consulenza Telefonica con Raymond Bard
Dal Lunedi al Venerdi dalle ore 19,00 alle ore 20,00.
Sabato e Domenica dalle ore 11,00 alle ore 15,00
Come fare:
Inviare un messaggio Whats'app al numero 3202181316 con la scritta
" Richiesta di Consulenza con libera donazione "



Terapia Chelante EDTA Quando il liquido brucia dentro le vene - Perchè solo ad alcuni?





Buongiorno cari amici Ieri 23 aprile 2014 ho fatto la mia prima flebo di EDTA a Monza (terapia chelante) per espellere i miei metalli in eccesso nel mio corpo.
(a chi è curioso gli mostro il mio incredibile  mineralogramma del capello )

Guardando la flebo sono riuscito a leggere Sodio Cloruro 0,9%  e contenuto 500 ml  

La seduta chelante è durata oltre 2 ore.

Dopo  10 minuti  ho cominciato a sentire un bruciore dal braccio destro fino a metà collo e metà dello sterno  e un dolore tipo puntura di aghi lungo la vena  del braccio destro fino alla spalla destra.
A circa metà flebo il bruciore è diventato veramente insopportabile e dato che la dottoressa mi aveva detto che era improbabile tutto questo gran dolore, pensavo fosse colpa della mia fibromialgia o una mia questione di sensibilità o percezione del dolore, Comunque dato che sapevo che non sarei morto ho cercato di resistere in tutti i modi possibili (anche con tecniche di visualizzazione e mental training).

A  3/4 di flebo non ce lo fatta più dal dolore, allora la dottoressa ha staccato l'ago dal braccio destro e lo ha messo in quello sinistro.
Ho dovuto resistere ancora un'altra mezzora..
La dottoressa mi ha detto che sono pochissimi quelli che hanno i miei sintomi  tra cui chi è molto intossicato o chi ha la sclerosi multipla, tra l'altro la flebo è stata infusa nel corpo molto lentamente.




Qualcuno di voi ha avuto la mia stessa esperienza con la prima flebo ?

E la seconda volta com'è andata?

Ho rivolto la stessa domanda nel grande forum di cfsitalia spero che qualcuno mi risponda.






6 commenti:

  1. Questo post e altri post sui metalli tossici, sensibilità chimica multipla, inquinamento alimentare e ambientale ... interessano maggiormente:

    1) chi si è ammalato per colpa dell' inquinamento chimico industriale
    2) chi lotta contro l'inquinamento ambientale
    3) Chi conosce bene la gravità di questo problema.

    ...... Per altri è:
    Perditempo
    Scomodo per ragioni di lavoro e business
    Fantascienza

    RispondiElimina
  2. MINERALOGRAMMA APPROVATO DALL' OMS E DALLA COMUNITA' SCIENTIFICA AGGIORNATA
    Vorrei precisare che questo tipo di analisi è attendibile e già si fa anche quì da noi. Il Procedimento si chiama Analisi minerale tissutale ( o Mineralogramma)
    Cito parte della mozione:
    “- Il dosaggio dei metalli tossici per mezzo dell’analisi del capello, è accettata dai membri più informati della comunità medica come dimostra la letteratura scientifica in materia:
    · La Environmental Protection Agency (EPA) nell’agosto del 1979 ha pubblicato uno studio di 300 pagine nel quale riportava oltre 400 relazioni mediche sul test del capello. Gli autori concludevano affermando che il capello è un tessuto “significativo e rappresentativo per un monitoraggio biologico per la maggior parte dei metalli
    tossici”. TOXIC TRACE METALS in MAMMALIAN HAIR and NAILS EPA-600 4.79-049, August 1979, U.S. Environmental Protection Agency, Research and Development
    · Lawrence Wilson “Nutrizional balancing and hair mineral analysis- A comprehensive guide” editor by L. D. Wilson Consultant, inc. “La ragione per cui la comunità medica non presta sufficiente attenzione ai metalli tossici, è soprattutto la diffusa ignoranza sulla loro importanza per la salute umana. Bisogna aggiungere inoltre che sono veramente pochi i medici che conoscono i metodi di rilevazione, quali il mineralogramma. Benché originariamente fossi molto scettici sull’uso dell’analisi del capello, l’esperienza clinica con oltre 4000 pazienti ha dissipato ogni mio dubbio. Bisogna tenere presente però, che il test deve essere sempre eseguito ed interpretato correttamente.”
    · G. Giberti et AL., Appunti Fisiopatologia della nutrizione, 199O.
    · OMS Organizzazione Mondiale della Sanità vedere sul sito: http://www.who.int andare su search: e cercare “metals toxicity hair”
    · Vedere anche: http://www.epa.gov
    · Toxic Metals in Human Health and Disease – The Eck Institute of Applied nutrjtion and
    Bionergetics, Ltd.1989
    · Come il mercurio causa la degenerazione dei neuroni del cervello (F.L. Lorscheider – Calgary University), video su youTube: http://www.youtube.com/watch?gl=IT&hl=it&v=C8dNNhrTjbI
    · Abstract “Metalli pesanti … è possibile una prevenzione secondaria?” 18 Ottobre 2010 Arezzo Convegno Medici dell’Ambiente.
    · Motore di ricerca PubMed: key words “Hair Mineral Analysis (652 pubblicazioni scientifiche)

    RispondiElimina
  3. Ciao, anche io sono in cura ETDA a Monza. Dopo le prime flebo, non ho più avuto nessun tipo di problema. dolore, bruciore o altro ... e ho ripreso a fare le scale senza dover ricorrere al corrimano... :) teniamo duro!! la 10ma è finita qs sera! anno nuovo, cura "vecchia".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao facci sapere di più... che tipo di malattia e sintomi avevi.... e come adesso con 10 flebo stai bene o guarito...

      Elimina
  4. ciao. credo che il mio secondo commento sia andato perso .. :( In breve: diagnosi SM nel 2004. Ho fatto un paio di anni interferone ma senza nessun miglioramento per cui ho deciso di smettere e di fare solo, una volta all'anno, RMN con contrasto (!!). nel 2006 una ricaduta (e cortisone) e nel 2012 due forti ricadute a breve distanza (idem risolte con cortisone). l'estate scorsa ho iniziato a sentire dei formicolii nei piedi e ho deciso di iniziare la terapia EDTA. Effettivamente dopo 5 terapie tutto è andato benissimo, nessun dolore, e molta più "forza" nelle gambe. Nella pausa Natalizia è peggiorata la situazione, oggi ho un perenne formicolio, la sensazione di piedi ghiacciati, stanchezza e pesantezza. Giovedi 4a flebo. speriamo i benefici ritornino a breve...
    ah, ancora una domanda. più dell'esame del capello, perché non l'esame delle urine dopo una chelatura? così si può vedere quanto e cosa viene espulso dopo le flebo ... io ho ancora altissimo il Gd Gadolinium... :( in bocca al lupo a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Ale del tuo commento, spero che tu risolva il tuo problema.. certamente dopo la prima terapia chelante e poi ogni dieci conviene fare le analisi delle urine per vedere cosa smuove...
      Penso che oltre a una disintossicazione con chelante abbiamo bisogno di abbassare la nostra massa grassa con qualche digiuno, dieta mirata e un pò di esercizio aerobico... Questo è il vero DETOX
      .... fammi sapere come và...
      un abbraccio

      Elimina

Spero che l’articolo che ho scritto ti abbia dato delle informazioni utili.
Ti sei iscritto a questo blog?
Mi farebbe molto piacere ricevere un tuo commento. Mi aiuta nel proseguire il mio lavoro di diffusione di nuovi modi per stare bene e vivere serenamente.
Ti ringrazio inoltre se vorrai iscriverti nel mio blog e condividere questo articolo sui social.
Translate in Italian language.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

FORMAZIONE - LEARNING - Scegli in cosa vuoi essere il migliore

Corso Marketing Management Generale

OCCASIONE LAST MINUTE SOLO PER GLI ISCRITTI A QUESTO BLOG

OGGI SCONTI

Collaborare

Collaborare

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

COMPRESO QUESTO...
ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.