IL FORUM DELLE INGIUSTIZIE

 CLICCA  QUI' .....     VAI   AL   FORUM




55 commenti:

  1. Perchè una persona che soffre di malattie strane o rare deve girare per anni in tanti ospedali ?
    aspettando mesi per ogni prenotazione ?
    Ma se paga il medico privatamente 300 0 400 euro... entro una settimana hai l'appuntamento ?
    Perchè chi ha pochi soldi è costretto a soffrire anni ?

    RispondiElimina
  2. Cosa ne pensate di quei medici specialisti che per una visita prendono dalle 200 alle 500 euro ? in pi√Ļ sono etichettati bravi e che aiutano le persone?
    Chi aiuta le persone lo fa gratis come il dott. Luigi Di Bella e altri, o con una parcella molto bassa per aiutare pi√Ļ persone possibili, compresi i meno ricchi..
    Sbaglio?

    RispondiElimina
  3. Domani udienza dove la mia ex moglie per vendetta ha inventato un abbandono di minori.. in una querela... del 2008 inventata male e infondata ....

    Il pubblico ministero l'ha presa in considerazione....
    1) Persona inattendibile co problemi mentali
    2) Gratuito patrocinio.. Perciò querele a raffica e udienza innumerevoli
    3) Perchè il pubblico ministero prende in considerazione una querela senza fare accertamenti?
    4) Perchè un innocente deve rischiare 6 anni di galera senza motivo?
    5) Perchè senza prove d'accusa si mette in piedi un lungo processo che dura anni ?
    6) La persona che ha esporto denuncia non solo non si costituisce parte civile.. ma a 2 udienze non si è presentata volutamente...
    6) Perchè anche sè trionfa la mia innocenza dovrò pagare il mio avvocato e le spese processuali di una causa che durerà oltre 6 anni ?

    Dovrei ancora sopportare ?
    Sapete quel'è il problema ? che non è la prima querela fasulla che prendo... e la storia continua...

    Morale della favola!!
    E' dall'anno 2003 che subisco ingiustizie.... solo perchè sono buono,onesto e produco reddito uccidendomi di lavoro... facendomi venire un tumore alla base del cervello,stanchezza cronica neuro muscolare e invalidità da malattia rara....

    Domani dovrei andare ancora a subire ?
    E se al mio posto ci fosse un'altro e farebbe una strage o si suicidasse... lo prendereste per pazzo o vittima ?
    o per cronaca di telegiornale, per non dire la verità sulle ingiustizie del sistema lo accusereste di instabilità mentale ?

    Meditate... alla prossima ... rimanete collegati...

    Invia tramite email
    Postalo sul blog
    Condividi su Twitter
    Condividi su Facebook

    Etichette: TOP SECRET LE VERITà NON DETTE
    Reazioni:
    5 commenti:

    Anonimo30 ottobre 2012 18:14
    Ruggiero La Ferlita
    hai tutta la mia solidarietà incondizionata. io ho sulla testa una falsa accusa di stalking e mi aspetto ogni giorno che vengano a notificarmi il processo. i pubblici ministeri sono della medesima risma dei giudici e co.: canaglie di stato. oltre a questa querela ne ho ricevute altre nel corso di 10 anni ma ancora nessun processo. senza contare tutto il fango morale, a tonnellate, che l'infame mi ha gettato addosso per 10 anni. E per quanto riguarda l'ultimo paragrafo del tuo post, personalmente sono favorevole alla giustizia privata!!!



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raymond, il mio ex marito, che mi ha abbandonata mentre ero in una situazione di salute pressoch√© disperata (quasi invalida, avevo bisogno di tantissime cure e fisioterapie), per discolparsi dell'abbandono ha dichiarato che √® stato costretto a andarsene da casa per salvare la propria incolumit√† (l'unico caso in cui per legge puoi impunemente abbandonare il tetto coniugale cos√¨ all'improvviso), e per rendere credibile tale menzogna ha sporto denuncia dicendo che l'avevo aggredito! Nonostante lo stato di salute in cui versavo palesemente (quasi immobilizzata, non in grado di nuocere ad alcuno, e peraltro sono molto minuta di costituzione e al tempo pesavo, causa infermit√†, 40 KG), e nonostante la denuncia fosse nel contesto di una separazione giudiziale, quindi palesemente fatta per pararsi il c***, senza prove, senza niente... il pubblico ministero l'ha presa in considerazione! Salvo che dopo due sedute in tribunale il giudice ha lasciato cadere tutto e ha rimproverato in aula stessa il PM, dicendogli che quella denuncia in tribunale non doveva nemmeno arrivarci. Per fortuna. Per√≤ mi chiedo pure io perch√© certi PM, pur in assenza totale di documentazione agli atti, facciano passare in tribunale certe denunce palesemente false che vanno contro ogni evidenza (bastava guardarmi, infatti in aula quando mi ha guardata come ero ridotta √® diventato rosso come un peperone, ma la sua arringa ferocissima contro di me l'ha fatta ugualmente... traumatizzandomi pi√Ļ di quanto gi√† non fossi.). Non sarebbe dovuto accadere.

      Elimina
  4. Raymond Bard30 ottobre 2012 18:15
    Grazie per la tua solidarietà.. e per la tua risposta... dato che per molti questo post è una perdita di tempo... su facebook ci sono gruppi super interessanti da 20.000 iscritti.. Sono stato vicino e ho aiutato molte persone nei miei vecchi facebook ... poi eliminati fa facebook perchè dicevo scomode verità su giudici ,avvocati e giustizia... sai qual'è il colmo ? che prima di dichiarare guerra ero dentro molti gruppi di avvocati... all'inizio mi amavano ... poi dicendo troppe verità mi hanno eliminato da facebook...

    Una cosa è sicura... io non mi suicido proprio.... come tanti poveretti.. Il veleno che ho dovuto subire ogni giorno mi ha fortificato a tal punto di essere invincibile!!!! fino alla fine !!!

    RispondiElimina

    Sergio N da Taranto30 ottobre 2012 19:17
    dopo aver fatto 60 giorni di carecre da innocente (ASSOLTO), ho subito altre 9 denunce (assolto o archiviato)....vuoi sapere il xkè?.....xkè i gruppi fwmministi ci guadagnano con le false accuse e la falsa violenza sulle donne....gli avvocati mi hanno rubato 41mila euro, nell'interesse del minore....vuoi sapere altri xkè?....anche io mi chiedo spesso se al mio posto,qualcun altro, avrebbe fatto una strage.....PROBABIMENTE, gli serve anche questo.

    RispondiElimina

    Raymond Bard30 ottobre 2012 20:33
    Ti capisco benissimo... 2 mesi di carcere è una cosa assurda... conosco benissimo i ruoli degli avvocati in questi casi... nel mio caso c'è stato un complotto contro mè... alla fine è sempre chi produce il reddito a pagare... gridano tutti la parità... ma è sempre il maschio che và a finire in mezzo una strada... domani ci sarà il mio processo... vedremo ...

    RispondiElimina

    Raymond Bard02 novembre 2012 18:15
    Buone notizie... sono stato assolto... morale della favola .... 4 anni di processi, permessi dal lavoro, rischio di galera,e qualche migliaio di euro da pagare ancora all'avvocato.... quando il pubblico ministero sbaglia .. non paga mai.... Prendere in considerazione le querele fasulle e infondate è un bel business....
    Povero chi ci capita ...

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Scaricato da facebook: malati sofferenti da malattie rare

    Santa ***** : DOTT.TIREL... LEI NON PUO' PRENDERE 400 EURO A VISITA PRIVATAMENTE ...AVENDO ANCHE IL DOPPIO LAVORO....E' UN FURTO ...SONO SANTA BOCCUZZI PUO' DENUNCIARMI.....NON VEDO L'ORA



    Santa ******** anche io come anna ho avuto parecchie testimonianze a riguardo ed e' giusto parlarne affinche' altri non spendano soldi inutili


    Santa ****** che poi lo sporanox e le minchiate che prescrive ......fatevele prescrivere dal medico curante...sempre che servano a qualcosa e NON PAGATE NULLA


    ******* Antonella la cosa pi√Ļ assurda, riceve a milano in una camera d albergo gi√† l√¨ √® tutto un programma,due parole, una visita blanda blanda che non dura pi√Ļ di 20 min.√® un sacco di soldi... ti riempe di cortisone √® quando stai male e lo cerchi al telefono, quella STRONZA della sua impiegata ti risponde che non pu√≤ venire al telefono e che devi andare a milano o ad aviano!!!!!! OVVIAMENTE PAGANDO!!!!!SIAMO MALATI NON SIAMO RICCHIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

    Piera ****** Idem Antonella. ho vissuto il tuo stesso iter e sono disgustata!!! non ti risponde xhè in realtà non c'è mai in ospedale, io, quando ero ricoverata ad Aviano l'ho visto circa 5 minuti in un giro visite. Delega tuto ai suoi collaboratori, molto validi comunque.

    RispondiElimina
  7. Aiuto a malati sofferenti...
    Si fà per vocazione o business?
    Malattie Rare
    Una persona sofferente e disperata... dopo anni di diagnosi dove ti dicono stai benissimo... poi trova su internet TIZIO i la salvezza... chiama per un'appuntamento... felice di averlo preso, sente poi la cifra di 400 euro... Una cifra da procurarsi per andare a Milano dopo 4 giorni... Una grande fatica.... poi per fortuna digitando il nome di Questo TIZIO trova dei giudizi su di lui..... (non belli)... Questa persona allora capisce... che √® meglio non andare .. e cercare di capire di pi√Ļ... poi trova per fortuna dei gruppi come questo... e scopre che quel TIZIO non √® l'unica persona al mondo che pu√≤ capirti.... Ringrazio di cuore le persone che hanno il coraggio di dire la verit√† salvando gli altri da continui dolori fisici e morali... Questa √® la mia storia.. Grazie a voi tutti.

    RispondiElimina
  8. LAVORO
    La crisi si vede e fà paura!
    I pochi lavoratori che hanno un posto di lavoro sono ritenuti FORTUNATI...
    Ho visto fortunati lavoratori lavorare come delle bestie...
    Datori di lavoro che minacciano il loro licenziamento se non fanno quello che che gli dicono... un operaio deve fare quello che prima facevano due o tre persone.... Tutte le sofferenze di questa crisi vanno senza dubbio alla classe pi√Ļ povera e ricattabile... Non ho ancora visto grandi imprenditori Vendere le loro grandi ville e macchine da 80 mila euro, o rinunciare ad altri lussi... ma ho visto operai in mezzo una strada, ho visto persone che hanno venduto anche casa dei genitori per vivere e mangiare, ho visto gente che si √® indebitata fino alla morte... ho visto gente cosi sofferente e distratta che si dimentica di dare amore a se stessa.... ai loro cari.... agli altri....
    Gran parte della gente √® cosi stupida e stordita che non reagisce.... per pigrizia o per egoismo si cerca ogni diversivo pi√Ļ stupido e insignificante... aspettando che qualcun altro risolva i problemi...

    RispondiElimina
  9. CAUSE PENALI MOLTO PERICOLOSE

    Oggi leggo la sentenza penale nei miei confronti:
    Assolto perchè il fatto non sussiste.
    Ho avuto fortuna... Solo FORTUNA ... PER COLPA DI UNA CALUNNIA DALLA EX MOGLIE HO RISCHIATO 5 ANNI DI CARCERE....

    Con tutta la mia sacrosanta ragione,testimoni e prove schiaccianti vinco per fortuna....
    LEGGO LE CONCLUSIONI DEL GIUDICE: mi vengono i brividi e rileggo pi√Ļ volte...

    Il giudice non prende in considerazione un'importante test perchè è sorella dell'imputato.. cioè io.
    UNO SBAGLIO IMPERDONABILE...
    1) LE TEST ERA SORELLA E CON LO STESSO COGNOME DELLA PERSONA CHE MI HA ACCUSATO... IN HA TESTIMONIATO A MIO FAVORE...
    2) HA CAPITO CHE IO ERO A CENA CON LE FIGLIE... MENTRE LE DUE TESTIMONI HANNO DETTO CHE ERO A CENA CON LORO E NON AVEVO LE FIGLIE CON ME...

    SAPETE CHE L'UDIENZA è SCRITTA E REGISTRATA?
    CHE IO HO RISCHIATO LA GALERA
    E CHE UN GIUDICE COSI POCO ATTENTO E MOLTO NERVOSO E SBRIGATIVO ROVINA O HA ROVINATO LA VITA A POVERI INNOCENTI ... O LASCIATO A PIEDE LIBERO DELINQUENTI?

    ADESSO CHIEDO, SE C'è UN GIORNALISTA CHE HA UN MINIMO DI CORAGGIO DI DIVULGARE O APPROFONDIRE LA MIA STORIA... O HA GIà SPORCATO LE MUTANDE PER PAURA?
    GRAZIE ... CHI NON DENUNCIA LE INGIUSTIZIE è COMPLICE...
    RISPONDETE QUI SOTTO SUL COMMENTO.

    RispondiElimina
  10. PADRI SEPARATI E POSSESSO DELLA CASA CONIUGALE

    CHI MI SA' AIUTARE?
    Sono un padre separato e la mia ex moglie vive insieme alle mie figlie nella mia casa di proprietà... le figlie tra alcuni mesi compiono 18 anni e sono stati affifati a entrambi i genitori non vanno a scuola e non lavorano...
    Posso chiedere al giudice di rientrare in possesso della mia abitazione quando compiono 18 anni?
    Premetto :
    - In abito in affitto e non riesco a reggere le spese.
    - La mia ex moglie non ha mai lavorato vive con il suo compagno nella mia abitazione e le mie figlie (neanche lui lavora).
    Devo mantenere con gli alimenti e la casa per tutta la vita, figlie ,ex moglie col compagno ?
    Io vorrei entrare in possesso di casa mia e mantenere direttamente le mie figlie con vitto e alloggio ed educazione allo studio o alla ricerca di un lavoro...
    La giustizia come si comporta in questi casi?

    RispondiElimina
  11. L'assegnazione della casa familiare

    Il godimento della casa familiare √® attribuito tenendo prioritariamente conto dell’interesse dei figli.

    In altre parole si tender√† ad assegnare la casa al coniuge che vivr√† pi√Ļ tempo con i figli.

    Il Giudice tiene conto dell'assegnazione della casa familiare nella regolazione dei rapporti economici tra i genitori, considerando anche l’eventuale titolo di propriet√†.

    Ci√≤ vuol dire che il coniuge assegnatario, ma non proprietario, potrebbe veder ridotto l’apporto economico dell’altro coniuge (proprietario), gravato degli oneri fiscali.

    Ogni altro impegno economico relativo alle spese di gestione della casa, ivi comprese quelle condominiali, resta a totale carico del coniuge che gode dell’abitazione.

    Il diritto al godimento della casa familiare viene meno nel caso in cui l’assegnatario non abiti o cessi di abitare stabilmente nella casa familiare o conviva more uxorio o contragga nuovo matrimonio.

    Qualora uno dei coniugi cambi la residenza o il domicilio, l’altro coniuge pu√≤ chiedere la ridefinizione degli accordi o dei provvedimenti adottati, ivi compresi quelli economici, se il mutamento interferisce con le modalit√† dell’affidamento.
    L'opponibilità dell'assegnazione a terzi

    Il provvedimento di assegnazione e quello di revoca sono trascrivibili ed opponibili a terzi ai sensi dell’articolo 2643 del Codice Civile.

    Ciò è stabilito espressamente dall'articolo 155 quater del Codice Civile, introdotto dalla riforma del 2006.

    Prima dell'introduzione di questa norma, era in dubbio se l'assegnazione della casa coniugale non trascritta fosse opponibile ai terzi.

    Sul punto era intervenuta la Cassazione a Sezioni Unite la quale aveva affermato che il provvedimento di assegnazione della casa coniugale √® opponibile, anche se non trascritto, al terzo che abbia successivamente acquistato, per nove anni dalla data dell’assegnazione. Se il provvedimento √® stato trascritto, √® opponibile al terzo anche oltre i nove anni (Cassazione, Sezioni Unite, sentenza n. 11096/2002).

    La nuova disciplina, per evitare ogni dubbio, ha specificato che il fine della trascrizione √® l’opponibilit√† ai terzi.

    Oggi, quindi, il coniuge assegnatario, per rendere l'assegnazione opponibile ai terzi, dovrà richiedere la trascrizione del provvedimento di assegnazione.

    RispondiElimina
  12. Il mantenimento dei figli maggiorenni

    Il legislatore del 2006 ha anche previsto che il Giudice possa disporre in favore dei figli maggiorenni non indipendenti economicamente il pagamento di un assegno periodico.

    Tale assegno, salvo diversa determinazione del Giudice, √® versato direttamente all’avente diritto.

    Ai figli maggiorenni portatori di handicap grave ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, si applicano integralmente le disposizioni previste in favore dei figli minori.

    RispondiElimina
  13. Legge italiana e aiuto alle famiglie.

    Stamattina ero alle poste italiane ed ho visto una straniera (non è la prima volta) che ha inviato un vaglia di 500 euro al suo paese

    Adesso mi chiedo come di fà a riuscire a mettere da parte la bellezza di 500 euro al mese?
    Forse perchè non hanno un mutuo o un alto affitto come noi ?
    dato che il comune gli ha dato la casa popolare?
    Perchè loro riescono a comprarsi una grande casa al loro paese con i soldi che guadagnano in lombardia... e noi non riusciamo neanche a combrare un box nella nostra bassa italia?
    Ma la legge funziona?
    Cosa posso fare per avere pi√Ļ diritti?
    devo scappare all'estero?
    Come si fà a mettere da parte qualcosa per le emergenze?
    grazie

    RispondiElimina
  14. Molti lavorano come gli schiavi,sfruttati e ricattati dai datori di lavoro.... inviano i soldi al loro paese con il pensiero di andare a raggiungerli al pi√Ļ presto.... non nego che alcuni conoscono i loro diritti e li sfruttano bene... meglio di molti italiani... anndando a rivendicare case popolari e sussidi senza vergogna....

    RispondiElimina
  15. LA GIUSTIZIA GIUSTA...
    pensate che in una mia udienza... nelle conclusioni del giudice c'era scritto che non aveva preso in considerazione un valido testimone perchè era mio parente !!!!! cosa c'è di strano? il testimone era fratello (con lo stesso cognome) della mia controparte e discolpava me'...... ma dove ca...... sono i giornalisti e la giustizia?

    HO LE PROVE SCRITTE ...
    LA MIA STORIA L'HO MANDATA AI GRUPPI DI GIORNALISTI... LA PAURA LI HA RESI MUTI E SORDI....

    RispondiElimina
  16. DA NON CREDERE .... GIUSTIZIA? Padre separato paga sempre!!!

    L’ex moglie, che vive con i figli maggiorenni e non autosufficienti, non perde il diritto all’affido della casa coniugale bench√© la stessa sia di propriet√† esclusiva dell’ex coniuge anche nell’ipotesi che i figli risiedano solo saltuariamente nella dimora di famiglia e vivano per lo pi√Ļ altrove per motivi di studio o perch√© alla ricerca di un lavoro. Cos√¨ ha sentenziato la Cassazione respingendo il ricorso di un marito separato che voleva rientrare in possesso della casa coniugale, di cui ne era proprietario al cento per cento, motivando che ormai il figlio maggiorenne non viveva pi√Ļ con la madre ma solo saltuariamente. “La presenza del figlio soltanto saltuaria per la necessit√† di assentarsi per motivi di studio e lavoro – spiegano gli Ermellini con sentenza 6861 – anche per non brevi periodi, non pu√≤ far venire meno di per s√© il requisito dell’abitare, sussistendo pur sempre un collegamento stabile con l’abitazione del genitore, ove il figlio ritorni ogni volta che gli impegni glielo consentano”. Anzi i Supremi Giudici aggiungono che il trasferimento del figlio in un altro Comune, come testimoniato dai registri anagrafici “potrebbe essere collegato a una ricerca di lavoro, magari provvisoria”. Quindi la casa coniugale, intestata al solo marito, nel caso in cui i figli ci vivano solo per brevi periodi rimane comunque alla ex. L'assegnazione della casa familiare, anche se tradotta in termini economici, particolarmente valorizzati dalla Legge n. 898 del 1970, articolo 6, comma 7 (come sostituito dalla Legge n. 74 del 1987, articolo 11), √® abbinata all’affidamento dei minori. Infatti proprio nell’interesse di questa a poter rimanere nell'habitat domestico in cui e' cresciuta, e non deve quindi essere trattata come se fosse una componente dell'assegno previsto dalla Legge n. 898 del 1970, articolo 5, per far fronte alle necessit√† economiche del coniuge meno abbiente, alle quali e' destinato unicamente il predetto assegno. Quindi, anche se l'immobile sia in comunione dei beni, l’assegnazione del beneficio resta subordinata all'imprescindibile presupposto dell'affidamento dei figli minori o della convivenza con figli maggiorenni ma economicamente non autosufficienti: nel caso contrario infatti, √® discutibile in materia di costituzionalit√† legittima del provvedimento, che, non potendo automaticamente essere modificato a seguito del raggiungimento della maggiore eta' e dell'indipendenza economica da parte dei figli, diverrebbe in un vero e proprio esproprio e quindi violazione del diritto di propriet√† (una sorta di usufrutto), per tutta la vita del coniuge assegnatario, in danno del comproprietario (Cass. 2006/1545; 2007/10994; 2007/17643). In passato, la maggior parte della giurisprudenza non prendeva in considerazione, dopo la separazione personale, il diritto di abitazione della casa familiare da parte del coniuge non proprietario e non titolare di alcun rapporto di locazione, sul rilievo che, in assenza di una specifica disposizione di legge che autorizzasse il giudice ad un tale tipo di intervento, il coniuge proprietario e quindi, gestore del diritto reale o personale non poteva essere privato del godimento del bene di sua propriet√† (v. Cass. civ., Sez. Un., n. 11096/02).

    RispondiElimina
  17. LAVORO - MALATTIA RARE O INTROVABILI E LA LEGGE 104

    E' LEGGITTIMO ...
    CHE UN LAVORATORE CHE NELL'ARCO DELLA SUA ATTIVITA' LAVORATIVA DI CIRCA 20 ANNI ABBIA SVILUPPATO VARIE MALATTIE DI TIPO OSTEO-ARTICOLARI, RESPIRATORIE E NEUROTOSSICHE OLTRE A STRESS LAVORATIVO ADESSO SI TROVI NELLA IMPOSSIBILITA' DI LAVORARE PER 8 LUNGHE ORE ACCUSANDO DOLORI INSOPPORTABILI NONOSTANTE LE MASSICCE DOSI DI MEDICINALI ASSUNTI PER LAVORARE...
    LE INNUMEREVOLI ASSENZE DAL LAVORO PER MAL DI SCHIENA E DOLORI OSTEO-ARTICOLARI POTREBBERO PORTAE AL LICENZIAMENTO...
    LA LEGGE 104 TUTELA LE MALATTIE RARE O INTROVABILI ?
    LA LOMBOSCIATALGIA CON ERNIA DISCALE L5-S1 E D9-D10 + SPONDILO ARTRITE + COXARTROSI + MICROADENOMA ALL'IPOFISI + FASCITE PLANTARE E TALLONITE DA 14 MESI ... SONO SUFFICIENTI PER LA LEGGE 104 ?
    BISOGNA SOPPORTARE DOLORE E FARMACI FIN QUANDO UN MEDICO BRAVO TROVI IL NOME GIUSTO PER LA MALATTIA ? O ARRIVARE ALLA PARALISI ?
    GRAZIE

    RispondiElimina
  18. In questi ultimi 2 anni sto facendo passi da gigante riguardo alla mia malattia.... Riguardo ai nomi e almeno al riconoscimento di essa.
    Per questo devo ringraziare due persone molto disponibili e geniali, la dottoressa Nicoletta Carlo Stella di Pavia e il Dottore Antonio Cerreto di Trezzo, Con loro sto avanzando a passi veloci, pi√Ļ veloci della mia malattia che mi vorrebbe paralizzare...
    Se non sono paralizzato è solo per fortuna e genialità mia di due bravi dottori.

    In meno di 2 anni abbiamo trovato delle cose che gli altri dottori non hanno trovato... e neanche cercato bene....
    Certo non condanno gli altri... che molte volte fanno risparmiare alla sanit√† tanti soldini risparmiando sugli esami..... Senza capire che poi la malattia peggiora e diventano pi√Ļ malattie con pi√Ļ denaro da spendere...
    Certo non è tutta colpa loro... purtroppo qualcuno glielo insegna !!!

    RispondiElimina
  19. Ho perso la causa con la mia ex azienda solo xche ' i giudici si stanno "scusando" con le aziende xche ' dagli anni 70 ad oggi hanno dato sempre torto a loro e quindi oggi le vogliono aiutare. Ci sono multinazionali che nn falliscono se reintegrano un lavoratore. √ą una vergogna.

    RispondiElimina
  20. Attenzione !!! Per denaro molti si vendono e venderebbero amici e familiari...
    Viviamo in un mando corrotto pieno di bestie assetate di denaro.
    In molte situazioni come la tua c'è sempre il Dio denaro che ci mette la sua presenza attraverso i suoi devoti discepoli...
    Il mala ritorna sempre indietro e con gli interessi...

    RispondiElimina
  21. Ricordiamoci che c'è sempre qualcuno che sta peggio di noi.....
    Certo qualche stupido direbbe: "a me non interessa"

    E Io rispondo: La realtà di ogni individuo ha migliaia di varianti al minuto e tutto può accadere anche se siete sicuri di aver calcolato e pianificato attentamente il vostro futuro o la vostra vita (legge della fisica quantistica)
    Chi non fa niente per il bene altrui, o si gira dall'altra parte quando avviene un'ingiustizia, non è solo un vigliacco ma anche complice...
    Armatevi di coraggio e difendete i diritti umani...
    Perchè oggi è toccato a lui... ma domani può toccare a te...

    Raymond Bard

    Mandatemi l'amicizia se la pensate come mè.... viceversa toglietemi dai contatti.
    Buona vita...

    RispondiElimina
  22. DENUNCIA DI IRREGOLARITA' SU MALATTIE LAVORATIVE

    Ho fatto un sogno:
    Ho sognato di avere problemi seri e per inalazione cronica di sostanze tossiche pericolose..
    Ho contattato alcuni medici privati chiedendo aiuto..
    Uno di questi medici aveva chiamato l'azienda esponendo il problema e contrattando il compenso per insabbiare tutto...
    Il falso medico affamato di denaro da mè avrebbe preso poco denaro dato che non ho disponibilità.... Ma con questa azione porta a casa molto...
    Poi avevo anche informato 2 giornalisti per questo caso grave che dopo aver capito la gravit√† e promesso di aiutarmi ma non si sono pi√Ļ visti...
    Appena mi sono svegliato ho capito: " quando c'è molto denaro di mezzo le persone che ti volevano aiutare cambiano direzione come una bandiera...
    Oggi sono veramente rare le persone altruiste che rinunciano al denaro e si mettono in posizioni scomode a difesa degli indifesi...
    Questo è un sogno ! ?

    RispondiElimina
  23. Martedì visita Reumatologica per Fibromialgia
    - entro
    - la dottoressa mentre mi saluta apre la mia pagina al computer
    - mentre parlo ricopia quello che c'era già scritto nelle precedenti visite
    - verifica punti di pressione tender point
    - riconferma palexia 150 mg ore 8 e 100 mg ore 18 + xanax 5-10 gocce prima di andare a dormire.

    Morale della favola:
    viaggio in auto andata e ritorno 3 ore
    gasolio
    2,5 euro di parcheggio
    costo visita
    durata visita 6 minuti e avanti un altro...
    Prossima visita tra 7 mesi.

    Soddisfazione zero.

    RispondiElimina
  24. mafie, corruzione, evasione fiscale e malavita in genere, ruota tutto intorno al denaro. l'unico deterrente è aggredire i loro patrimoni, sempre, ovunque ed in modo totale. se una persona non è in grado di chiarire e dimostrare la provenienza lecita del benessere che lo circonda gli va confiscato tutto senza esitazione. la galera poi non li spaventa tanto o non ci vanno o escono presto di lì. NON CI SONO ALTRE VIE.

    RispondiElimina
  25. mafie, corruzione, evasione fiscale e malavita in genere, ruota tutto intorno al denaro. l'unico deterrente è aggredire i loro patrimoni, sempre, ovunque ed in modo totale. se una persona non è in grado di chiarire e dimostrare la provenienza lecita del benessere che lo circonda gli va confiscato tutto senza esitazione. la galera poi non li spaventa tanto o non ci vanno o escono presto di lì. NON CI SONO ALTRE VIE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, Certamente in una società dove tutti contribuiscono direttamente e indirettamente con il proprio lavoro e consumismo... Quei pochi che hanno accumulato enormi ricchezze le hanno assimilate in due soli modi:
      1) Tramite lo sfruttamento di persone
      2) Tramite un sistema diverso dalla legalità

      Secondo il mio parere NON ESISTE NESSUN RICCO POTENTE INNOCENTE E ONESTO !!!

      Elimina
  26. Con la presente vorrei sfogare la mia sensazione di impotenza e frustrazione , di fronte alle ingiustizie che da oltre un anno sono costretta ahimè a subire passivamente , senza che nessuno ( organizzazioni sindacali di ogni sigla e provincia ,avvocati di organizzazioni sindacali di ogni sigla e provincia ) riesce a porre fine ad una serie di azioni subdole e mirate soltanto ad indurre i lavoratori a licenziarsi e di conseguenza a perdere il posto di lavoro . Parlare di mobbing è una parola molto grossa , a detta di molti . Io personalmente mi ritengo vittima di una infame strategia aziendale che per salvaguardare i propri interessi e quelli di compiacenti funzionari , sovente ricorre allo strumento del trasferimento fuori sede , con motivazioni che giustifichino la loro perversa innocenza ,per stancare e fiaccare il lavoratore e mi ripeto , indurlo ad abbandonare il lavoro .
    Vi chiedo perdono non mi sono ancora presentata .
    Mi chiamo M G N , sono nata ad Erice in provincia di Trapani , quarant’anni fa . Sono sposata e madre di due figli . Lavoro , se cos√¨ si pu√≤ definire ,come cuoca presso la Elior Ristorazione S.p.A e dal 10 Agosto 2013 ,pur avendo firmato un contratto a tempo indeterminato , mi ritrovo a casa , senza stipendio , in quanto la suindicata ditta mi ha posto in permesso non retribuito . Ma penso che sia il caso di riavvolgere il nastro e ripartire dall’inizio di una triste storia che nell’arco di quasi due anni ha fortemente compromesso la mia condizione psico-fisica e modificato fortemente la mia vita di coppia e la mia serenit√† familiare.
    Nel Settembre del 2008 sono stata assunta dalla Ditta Le Palme Ristorazione di Paceco (TP) , per svolgere le mansioni di cuoca , presso il comando provinciale dei vigili del fuoco di Trapani , ho accettato l’incarico sapendo perfettamente che cucinare per molte persone , comporta l’assumersi di grosse responsabilit√†. Prima di allora avevo maturato delle esperienze in vari ristoranti della zona del trapanese , avevo ricoperto svariate mansioni sempre nell’ambito della cucina ,ma non avevo avuto esperienza sulla ristorazione collettiva . Grazie ai consigli di mio marito,cuoco anche lui ,il quale vanta una trentennale esperienza nel campo della ristorazione ed al mio spirito di adattamento , posso affermare con convinzione , di avere svolto le mie mansioni nel migliore dei modi ,raggiungendo dei risultati al di sopra delle aspettative . Nel mondo delle ditte della ristorazione collettiva , si bada molto al risparmio ,si utilizzano di fatto dei prodotti mediocri , ma sulla carta dei capitolati di appalto compaiono prodotti di eccellente qualit√† . Demagogia a parte ,Il tutto viene affidato all’abilit√† del cuoco che se √® capace , pu√≤ trasformare un rospo in un principe . In quel periodo , all’interno del comando provinciale , tra i vari turni di servizio A-B-C-D , regnava la pi√Ļ totale discordanza . Chi pi√Ļ , chi meno , aveva di che lagnarsi sul cibo , sulla qualit√† delle derrate alimentari ed addirittura c’ era un intero turno di vigili del fuoco che sistematicamente si rifiutava di consumare il pasto in mensa . Infatti si erano muniti di un fornellone ( tipo cucina da campo ) e si cucinavano nel garage dove vengono custoditi i mezzi antincendio . La motivazione ufficiale di questa forma di protesta era quella di non accettare la scarsa qualit√† delle derrate alimentari che la ditta utilizzava per confezionare i pasti giornalieri .

    RispondiElimina
  27. In quel periodo ,la sottoscritta pur essendo arrivata da poco e non conoscendo nessuno , con tanta pazienza sono riuscita ad intraprendere un rapporto di mediazione e soprattutto a creare un rapporto di fiducia tra la sottoscritta ed i vari turni , che ha portato la calma e il ritorno alla consumazione dei pasti da parte dei vigili protestatari . Nel mese di Febbraio del 2009 ,la ditta ha lasciato il comando provinciale per la scadenza dell’appalto ed Io ho preferito cambiare sede di lavoro , seguendo la stessa . La situazione generale al comando provinciale e la poca collaborazione da parte di certi colleghi ,mi hanno indotto a prendere questa decisione . Di solito , quando si avvicendano la varie ditte che si aggiudicano l’appalto del servizio di mensa , la prassi prevede che la ditta uscente licenzia e la ditta subentrante assume gli operai che sono in forza all’organico .La proposta di rimanere l’avevo ricevuta ma ho optato per quanto detto prima .Quando la ditta Le Palme ha terminato l’appalto anche nella nuova sede la sottoscritta √® stata licenziata . No problem . La buona volont√† mi ha portato ad occuparmi di altre attivit√† e comunque mi permetteva di guadagnarmi il mio onesto salario. Un bel giorno d’Estate , vengo contattata dal titolare della Ditta Belice Pasti che a Febbraio era subentrata alla Ditta Le Palme presso la mensa del comando provinciale. Il Signor Caltagirone (questo il nome del titolare) mi ha chiesto se ero disposta ad essere assunta nuovamente per svolgere le mansioni di cuoca . La proposta scaturiva da due fattori , il primo era quello che il cuoco che era rimasto a cucinare non godeva pi√Ļ della fiducia del titolare e pertanto successivamente ha pagato la sue colpe , il secondo motivo era quello che il mio nome era stato acclamato dai vari turni dei vigili i quali , avrebbero gradito il mio ritorno per confezionare loro i semplici pasti che la sottoscritta riusciva a preparare , durante la precedente parentesi , nonostante la pochezza delle materie prime. Considerato che certe situazioni di carattere generali erano cambiate , ho deciso di accettare l’assunzione . Cos√¨ nel mese di Settembre del 2009 sono ritornata a svolgere le mansioni di cuoca presso la mensa del comando provinciale dei vigili del fuoco di Trapani . In breve tempo mi sono guadagnato la fiducia del titolare e potendo utilizzare delle derrate alimentari qualitativamente di gran lunga superiori a quelle che metteva disposizione la precedente ditta ,sono riuscita a portare avanti un lavoro soddisfacente e producevo delle pietanze molto gradite all’utenza . Qualsiasi chiarimento , qualsiasi problema , si discuteva con il titolare . Il mio carattere molto aperto e solare mi ha portato ad essere benvoluta dai vari turni dei vigili .

    RispondiElimina
  28. Zelante nello svolgere la mia attivit√† giornaliera e sovrapponendo il sorriso al muso duro ho portato avanti il mio lavoro sino al 31 Dicembre 2011. Durante questo periodo ho ricevuto qualsiasi comunicazione per iscritto e ho firmato qualsiasi variazione alle mie mansioni . Nel periodo da Febbraio 2011 a Ottobre 2011 , sono stata assegnata per motivi organizzativi al distaccamento dei vigili del fuoco presso il distaccamento dentro l’aeroporto di Birgi . Ho firmato la lettera di assegnazione ho lavorato e garantito tutti i servizi . Viaggiavo giornalmente ed ho avuto un rimborso delle spese del carburante , sotto forma di missione . Ho accettato sempre di buon grado le proposte della ditta in quanto da entrambe le parti si era creato un rapporto di reciproca disponibilit√† . Avevo carta bianca per tutte le organizzazioni di ordinativi vari per tutte le variazioni di carattere pratico inerenti al mio operato .E soprattutto ero consapevole che la mia permanenza presso il distaccamento di Birgi non era definitiva . Infatti alla fine della crisi libica sono rientrata ,con tanto di comunicazione scritta , presso il comando provinciale di Trapani . Alla fine del mese di Novembre 2011 ho ricevuto il preavviso di licenziamento in quanto , la gara di appalto per il servizio di mensa era stato aggiudicato ad una nuova ditta . Fino a qui tutto fila liscio come l’olio . Alla fine di Dicembre 2011 il mio rapporto di lavoro con la Ditta Belice Pasti ha termine . Il 2 Gennaio 2012 , assieme agli altri addetti alla mensa ed agli altri cuochi miei colleghi , abbiamo firmato i nostri contratti con la Ditta Avenance , che da l√¨ a qualche tempo sarebbe poi diventata Elior Ristorazione S.p.A. Ho apposto la mia firma su un contratto a tempo indeterminato di trenta ore settimanali ,che prevedeva la mia sede di lavoro presso il comando provinciale dei vigili del fuoco sede di Trapani. Da questo momento in poi , di indeterminate sono state le mie sofferenze e i trasferimenti che ho subito con precisione chirurgica , con il solo scopo di ledere la mia dignit√† professionale ed umana , scombussolare la mia serenit√† familiare e soprattutto per farmi rinunciare di fatto al mio posto di lavoro . Ho apposto la firma su quello che a tutt’oggi ,si √® rivelata la mia condanna a morte .Ma andiamo al nocciolo della questione .Il Direttore di mensa della Elior , Signor Salvatore Giacalone ,(personaggio di grande flemma e spiccata indole doppiogiochista) a voce , mi comunica la mia destinazione per svolgere le mie mansioni , indovinate dove ? Aeroporto di Birgi , distante 26 Km da casa mia da percorrere quattro volte al giorno per assicurare il servizio di mensa , sia a pranzo che a cena . Nel dare il mio consenso , gli ho chiesto come mai mi mandavano a Birgi . La risposta √® stata quella che il collega cuoco , che fino ad oggi aveva prestato servizio a Birgi , avendo un contratto a trentasei ore , era pi√Ļ utile al comando provinciale di Trapani . Ci tengo a precisare che il collega cuoco ,√® residente a Marsala cio√® a pochi chilometri da Birgi e soprattutto per esigenze sue personalissime , con la precedente ditta , preferiva sempre rimanere dentro la sede di lavoro tutto il giorno e faceva rientro a casa solo la sera a fine servizio . La cosa potrebbe sembrare insignificante ma ,si ricongiunger√† con la vicissitudini e gli eventi che si sono susseguiti che elencher√≤ pi√Ļ avanti. Non insisto . Prendo per buona la giustificazione e dal giorno seguente alla firma del contratto mi sono recata a svolgere le mie mansioni di cuoca presso la sede assegnata a voce .

    RispondiElimina
  29. La sede non mi √® nuova , in quanto fino a due mesi prima ci lavoravo per conto della precedente ditta . I vigili in servizio mi conoscono , sanno come lavoro e conoscono anche il mio modo di ragionare . Dopo qualche giorno , mi accorgo che l’andazzo generale del lavoro presenta i primi sintomi di complicanza . La ditta fornisce delle derrate alimentari di scarsa qualit√† , frutta e verdura fresca che non sarebbe degna neanche per darla ai maiali . Cominciano le lamentele da parte dei vigili presso il comando ma , non vengono prese in considerazione . Piuttosto sembrerebbe che la colpa di tale lagnanza sarebbe da attribuire alla sottoscritta . Dopo appena diciassette giorni di servizio , (17/01/2012) ricevo la prima lettera di contestazione da parte della ditta , la quale mi accusa di non avere rispettato le norme sull’ HCCP . Rispondo con le mie motivazioni e ricevo un ammonimento scritto. Dopo circa venti giorni (03/02/2012) ricevo un’altra contestazione con delle motivazioni di vario genere . Rispondo a mia difesa e ricevo una decurtazione di un ora di retribuzione. Trascorrono pochi giorni (12/03/2012) e ricevo un telegramma dove mi viene comunicato che mi vengono assegnate delle ferie che la sottoscritta non ha nemmeno richiesto . Durante questo periodo della mia assenza ,nella cucina del distaccamento di Birgi , avviene un fatto gravissimo . Nel frigorifero della cucina , viene rinvenuto un pezzo di carne mal conservato che presentava dei chiari segni di putrefazione . Fino al mio ultimo giorno di servizio , questa carne non c’era da dove √® spuntata? E’ successo un putiferio ma pi√Ļ che altro tanto fumo e poco arrosto . Infatti alla ditta, il comando provinciale ha comminato una sanzione pari al 10% del costo pasto giornaliero relativo a quella giornata , che se vogliamo considerare √® pari a € 14.00 ( la somma √® ottenuta sottraendo al totale dei pasti giornalieri il 10% e cio√® € 7.50 a pasto x 20 ) . Per tutelare la mia posizione , decido di iscrivermi al sindacato CISL . Questa mossa alla ditta Elior non √® piaciuta. Nei mesi successivi √® un susseguirsi di tante lettere di contestazione , di tante risposte e deduzioni fornite con l’ausilio del sindacato . Alle deduzioni in mia discolpa ( ancora adesso vorrei capire di che cosa mi si incolpava) ricevevo ulteriori sanzioni e provvedimenti disciplinari che si sono sommati ai precedenti. Nel mese di Settembre 2012 in seguito ad una asserita “non gradibilit√†” da parte del comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Trapani , ricevo un telegramma nel quale si evince il mio trasferimento ,presso il comando provinciale dei VV.F. di Palermo .

    RispondiElimina
  30. Il mio posto a Birgi √® stato preso dal collega cuoco con il contratto a trentasei ore . Adesso per la ditta le sei ore in pi√Ļ del mio collega non erano pi√Ļ un problema. Nel mese di Novembre 2012 ,dopo un periodo di malattia , mi presento in servizio a Palermo . Nella mensa di Palermo c’era gi√† il personale in servizio e pertanto la mia presenza era in esubero .Il mio turno di servizio era inquadrato nella fascia oraria tra le 17.00 e le 22.00 .Orario studiato ad arte per non permettermi di viaggiare da Trapani con i mezzi pubblici . Nel contesto del servizio di mensa giornaliero non ricoprivo un ruolo primario . Infatti il cibo veniva preparato a pranzo e riscaldato la sera . Chi si occupava di riscaldare i pasti era una addetta alla mensa ,(una figura professionale ,appena al di sotto di quella di cuoco) questa persona che di solito dovrebbe occuparsi d’altro (si √® rivelata una confidente del direttore di mensa ,il Sig. Giacalone , lo chiamava addirittura “Amore mio” .Il motivo c’era ,il suo contratto era di quaranta ore settimanali , superiore a quello mio , e le venivano pagati fino all’ultimo secondo di straordinario effettuato. La signora arrivava cos√¨ ad accumulare fino a settanta ore settimanali. Complimenti , per me la parola straordinario √® rimasta una chimera . La sottoscritta “ Cuoca” stava a guardare . Alla ditta conveniva cos√¨ . Sono diventata pendolare di lunga percorrenza e non mi hanno mai rimborsato un centesimo di carburante. Dal mese di Novembre 2012 , ecco che si arriva al mese di Febbraio del 2013 . Per la prima volta in quattro mesi la ditta tramite un delegato , tale Giuseppe Di Fresco che ricopriva delle mansioni non ancora chiare, mi chiede sempre a voce se sono disponibile ad effettuare un cambio di turno nel mio orario settimanale. Il cambio consisteva nell’effettuare il mio turno di servizio la domenica , anzich√© il sabato . Ho accettato il cambio e cos√¨ la mattina del 24 Febbraio 2013 , mi presento in servizio . Come al solito nel frigo ho trovato delle pietanze gi√† cotte dall’altro cuoco ed anche della carne tritata che avrei dovuto usare per preparare il rag√Ļ . L’aspetto del macinato non era dei migliori e di conseguenza la sottoscritta ha optato per la preparazione di una pietanza diversa . I vigili in servizio hanno pranzato senza problemi , terminato il mio turno ho fatto rientro a casa .

    RispondiElimina
  31. Alla fine del mese (quindi appena cinque giorni dopo ) mi reco presso la cucina del comando di Palermo e dopo essermi cambiata stavo per iniziare il mio turno di servizio , quando vengo avvicinata da un funzionario dei vigili del fuoco di Palermo il quale mi dice se ero stata avvisata dalla mia ditta circa la impossibilit√† di prestare servizio presso lo stesso comando . Mi ha invitata a dismettere la mia divisa da lavoro e ad abbandonare la caserma dei vigili . La sottoscritta all’oscuro di tutto , per evitare di complicare la situazione , ha eseguito le direttive . Dopo avere lasciato la caserma ho chiamato il Sig. Di Fresco , che fungeva da referente per la ditta , chiedendo delle spiegazioni in merito a questa novit√† . Mi rispose che c’era stata una dimenticanza nel consegnarmi una comunicazione da parte della ditta e che me l’avrebbe fatta avere all’indomani . Quel giorno ho fatto 160 Km inutilmente. La stessa sera telefonai all’avvocato Barraco della CISL di Trapani , la quale mi disse che l’indomani mi dovevo presentare al lavoro , in quanto non avevo ricevuto nessuna comunicazione per iscritto . Il giorno dopo mi reco nuovamente al lavoro e vengo contattata dal Signor Di Fresco , il quale mi consegna un telegramma dove si evince il mio ulteriore trasferimento . Non volendo creare dei problemi a nessuno , ho chiesto se cortesemente potevo andare a ritirare il mio vestiario da lavoro che tenevo custodito nell’armadietto . Permesso accordato . Per potere recarmi nello spogliatoio , sono stata scortata da un vigile del fuoco all’andata e da un altro al ritorno . Quale grave reato ho commesso per meritare tutto questo! Dopo quattro mesi di permanenza presso quella struttura , sono stata trattata come la peggiore terrorista del territorio . La mia nuova destinazione in seguito all’ulteriore trasferimento ! L’Istituto dei ciechi di Palermo , struttura dove la ditta ha un appalto di servizio di mensa . Dopo qualche giorno , ricevo la comunicazione ufficiale da parte della ditta , dove in seguito ad una asserita “non gradibilit√†” da parte del comando provinciale dei vigili del fuoco di Palermo , dopo che la ditta ha potuto constatare la disponibilit√† per potermi collocare in un’altra struttura ,vengo trasferita presso l’Istituto dei ciechi .

    RispondiElimina
  32. Nel contempo ricevo altres√¨ una lettera di contestazione , dove mi si accusa che l’utenza di Palermo muoveva delle lagnanze circa la presenza di un pezzo di carne che gocciolava sangue in un bancone . Roba da film dell’orrore . Giusto giusto in quale data ? Proprio quella del 24 Febbraio 2013 ovvero , quando ho cambiato il mio turno di servizio e guarda caso mi sono trovata sola in cucina e senza che nessuno potesse testimoniare in mio favore . Alla suddetta contestazione , ho fatto rispondere all’avvocato della CISL di Trapani e la ditta con molta innocenza si limitava ad un ammonimento scritto . Ridicoli. Non c’√® rapporto tra la gravit√† dell’ipotetico fatto grave e la comminata sanzione . Per molto meno mi avevano sanzionato di un giorno lavorativo .Sempre per non perdere il lavoro , dopo un breve periodo di malattia , mi reco presso la struttura in oggetto e da quel momento in poi per la ditta Elior sono diventata solo zavorra da scaricare non appena terminato l’appalto . Durante il mio periodo di permanenza presso l’Istituto dei ciechi , non ho mai ricevuto nessuna contestazione . Ho espletato le mie mansioni ho rispettato i miei turni di lavoro ed ho trovato la solidariet√† di un collega cuoco che, purtroppo anch’egli adesso si trova nella mia stessa penosa situazione. Durante questo periodo , ho avuto modo di schiarirmi le idee e di intraprendere delle iniziative che mi hanno fatto capire come tutto fosse stato organizzato a puntino , sotto una regia occulta protetta da una forma di potere intoccabile ,al fine di farmi perdere il mio posto di lavoro . Il tutto di seguito semplificato ed esplicito . Per tutelare i miei diritti , a tutt’oggi sono in attesa della sentenza del giudice del lavoro di Trapani , che dovrebbe pronunciarsi sulla illegittimit√† dei miei trasferimenti , ho avuto modo di chiedere accesso gli atti presso i comandi dei VV.F di Trapani e Palermo e preso visione di questi ultimi , viene fuori che la ditta ha stipulato un sottocontratto con entrambi i comandi nei quali ci sono degli articoli e delle clausole delle quali noi dipendenti non ne siamo a conoscenza e che a mio avviso servono soltanto a parare il culo a qualche funzionario corrotto che ha a cuore la permanenza della ditta in entrambe le strutture , Trapani e Palermo .

    RispondiElimina
  33. Mi chiedo , ma le ditte che hanno preceduto la Elior non avevano di questi sottocontratti ? Oppure questi sotterfugi sono ad uso e costume delle multinazionali come la ditta Elior , allo scopo di sfoltire gli organici ? Il comando di Trapani a tutt’oggi , non ha fornito una giustificazione evidente per la mia “ non gradibilit√†” . Il comando di Palermo invece nella motivazione , dichiara che il mio nominativo non risultava nell’elenco dei lavoratori che prestano abitualmente servizio presso la mensa e che avevo causato delle lagnanze per non essermi attenuta al rispetto della preparazione del pasto del 24 Febbraio . Scusate!! Ma la sottoscritta ha ricevuto un trasferimento per recarmi al lavoro presso il comando provinciale di Palermo. Mi sembra che non ho preso iniziative abusive . Il mio pensiero a questo punto √® quello che la ditta Elior , all’indomani del mio trasferimento credeva di mettermi nelle condizioni di disagio estremo , sia per la distanza , sia per l’orario che mi avevano appioppato . Il fatto che la sottoscritta abbia sovvertito il pronostico li ha spiazzati e pertanto hanno architettato la farsa del pezzo di carne gocciolante . Per l’altra motivazione in merito al mio mancato inserimento tra i nominativi dei lavoratori , il comandante o chi per Lui doveva controllare sul buon andamento delle presenze giornaliere dov’era?? Ma si ! Loro erano talmente presi a consumare i prodotti contenuti nei cesti natalizi che la ditta Elior , gli aveva omaggiato che si erano dimenticati di controllare un’abusiva dentro la loro caserma . Alla luce di questa ulteriore considerazione , posso tranquillamente affermare che lo scopo della ditta era gi√† chiaro dal momento che ha deciso di accantonare quattro unit√† lavorative presso una struttura in scadenza di appalto in maniera che li avrebbe scaricati alla ditta subentrante . E qui comincia l’altra parte della telenovela infinita . La ditta Elior , con sei mesi di anticipo rispetto alla scadenza del contratto di appalto , comunica alla direzione dell’Istituto dei ciechi di Palermo , che non ha intenzione di rinnovare l’appalto ne di partecipare ad una nuova gara . Durante il periodo di tempo tra Giugno e Luglio 2013 , vengo a sapere che la Regione Siciliana , non vuole destinare le somme spettanti all’Istituto dei ciechi . Il previsto bando di gara per l’aggiudicazione del servizio di mensa , non pu√≤ essere espletato in quanto non c’√® la copertura finanziaria . La ditta Elior per mettersi al riparo da equivoci e mantenersi in regola con la dignit√† , stipula un accordo con la CISL di Palermo , nel quale si dichiara che per mantenere intatto il livello occupazionale , in attesa che venga espletata una nuova gara d’appalto , si impegna a segnalare i nominativi dei quattro lavoratori che dovranno essere assorbiti dalla subentrane ditta che si aggiudicher√† l’appalto . Nel frattempo gli stessi lavoratori , liquidatigli ferie e ROL , saranno posti in permesso non retribuito . Questo accade il 5 Agosto 2013 .

    RispondiElimina
  34. Nei mesi successivi si sono accadute molte cose . Presso la sede dell’Ispettorato del Lavoro di Palermo ,si sono svolti degli incontri tra la ditta Elior ,le organizzazioni sindacali e i quattro lavoratori . Nel frattempo la direzione dell’Istituto dei ciechi , avendo ottenuto la copertura finanziaria ,aveva espletato la gara per il servizio di mensa , la ditta che si √® aggiudicata la gara risulta essere la Nicol my chef di Salemi (TP) . Ai successivi incontri , indetti dalle organizzazioni sindacali ,presso l’Ispettorato del Lavoro di Palermo , col il solo scopo di risolvere la situazione dei lavoratori , la ditta Nicol my chef , la direttrice dell’Istituto dei ciechi di Palermo , pur essendo state entrambe invitate , non si sono mai presentate . Tra un incontro e l’altro ricevo un telegramma da parte della ditta Elior , dove si evince ,che la ditta Nicol my chef non ha intenzione di assumere i lavoratori , di conseguenza considerate le disponibilit√† delle strutture ospitanti , si dispone il mio trasferimento presso una struttura di ROMA . Proprio cos√¨ ROMA . E chiss√† , forse sar√† qualche appalto a termine , cos√¨ se decidessi di trasferirmi a Roma , magari dopo qualche mese mi potrebbero trasferire pure in Francia , tanto la ditta ha degli impianti anche l√¨ e gi√† che siamo in movimento , perch√© no ? A questo trasferimento sono seguiti altri incontri ,presso l’ispettorato di Palermo ,dove vengono stilati dei verbali . La ditta Elior preso atto che la ditta Nicol my , dopo tanti tira e molla aveva deciso di offrire il servizio che si era aggiudicato presso l’Istituto dei ciechi invia alla sottoscritta un telegramma dove viene sospeso il trasferimento per Roma , in attesa che la Ditta Nicol my chef assuma tutti e quattro i lavoratori . Previsione che si √® rivelata sbagliata in quanto alla fine di Ottobre , la ditta Nicol my chef si presenta presso l’Istituto dei ciechi con il personale alle sue dipendenze e inizia ad assicurare il servizio di mensa , infischiandosene degli accordi sindacali , delle comunicazioni preventive e soprattutto delle regole contrattuali che assicurano il passaggio del personale da una ditta all’altra . La scorrettezza √® stata impugnata dai legali delle organizzazioni sindacali e noi lavoratori siamo in attesa di sviluppi . Qualche giorno addietro la sottoscritta riceve sempre dalla ditta Elior una comunicazione , per conoscenza , dove si evince che la ditta informa l’Ufficio Servizi del centro per l’impiego di Palermo , che intende avviare la procedura di licenziamento per giustificato motivo oggettivo , ex art. 7 , commi 1 e legge n. 604/66 come modificato dall’art.1 comma 40 della legge 28 Giugno 2012 , n.92 . In alternativa al licenziamento c’√® sempre la possibilit√† di essere trasferita a Roma . Ad oggi sono in attesa di ulteriori sviluppi della situazione che purtroppo, a questo punto, non dipendono pi√Ļ dalla mia volont√† .

    RispondiElimina
  35. Che schifo di storia ! Il 2 Gennaio 2012 ho apposto la mia firma (unica e sola fin’ora) su un contratto a tempo indeterminato , dove c’√® esplicitamente scritto che vengo assunta per prestare servizio presso il comando provinciale dei VV.F di Trapani e dopo quasi due anni mi ritrovo trasferita a Roma e rischio seriamente di perdere il mio posto di lavoro , solo per avere fatto valere il mio senso di responsabilit√† nel non volere utilizzare delle derrate alimentari scadenti e chiss√† forse perch√© il mio atteggiamento troppo zelante ha dato fastidio a qualcuno . Questa √® l’Italia . Nel torbido della corruzione e degli imbrogli otto persone su dieci , si adeguano . Molti preferiscono abbassare la testa e optare per il lecchinaggio ed il paraculismo (la ditta Elior questi elementi li gradisce e li premia pure). Due persone su dieci ( una sono Io) alzano la testa , perch√© hanno dignit√† da vendere , vengono stritolate dalla predominante supremazia padronale e dalla intoccabile impunit√† delle ditte che non hanno nessuna legge contraria che li possa contrastare nell’umiliazione quotidiana dei lavoratori seri ed onesti . Quando leggo e rileggo gli articoli, i commi e le postille , in favore dei lavoratori, nei contratti collettivi nazionali del lavoro , sottofirmati da tutte le parti possibili ed immaginabili , oggi , mi viene solamente da ridere !!

    RispondiElimina
  36. Oggi al tribunale ho visto un pò di cause ed ho capito:

    - Almeno 30 udienze in mezza giornata
    - Il giudice sostituiva un'altro giudice che non c'era, perciò non penso che aveva letto le 4 file da 50 cm di fascicoli sul tavolo.
    - Tutti i procedimenti avvenivano con fretta e ansia
    - A volte il giudice fraintendeva cosa dicevano gli avvocati, alcuni cercavano di spiegare una o 2 volte il concetto ma poi per non rendersi antipatici al giudice si ammutivano ingoiando il rospo con un falso sorriso.
    - Parlo di cause penali
    - oggi ho capito, come fretta e incomprensioni fatte in un' aula di tribunale possono far cambiare il destino di una persona...
    Certamente questo non lo sentirete mai da un'avvocato dato che questo √® la normalit√† del loro lavoro e in pi√Ļ nessuno si espone contro un sistema che gli da da mangiare e vivere bene...
    Questo è un mio punto di vista.
    R.B

    RispondiElimina
  37. Inalazione di rifiuti tossici:

    Uno tizio che ha inalato per 6 ore polveri da metalli pesanti (rifiuti tossici industriali) mentre una ruspa li miscelava a pochi metri da lui.

    Finito al pronto soccorso per soffocamento e intossicazione viene dimesso dopo 5 ore con l'invito di recarsi al pi√Ļ presto in una medicina del lavoro...

    In 2 giorni di day hospital gli hanno fatto di tutto spirometria,radiografie, prove allergiche ecc.

    Cioè tutto di tutto tranne le analisi del sangue e urine.
    il paziente essendo un poco preparato gli dice perchè non gli fanno quelle analisi e il medico risponde "noi andiamo per esclusione"
    ma alla fine non gli vengono fatte.

    Conclusione: Atopia

    La persona capì subito che nei loro protocolli qualcosa non quadrava...
    Allora cercò per diversi giorni su internet ma non trovò niente, nessuna medicina del lavoro ha mai diagnosticato l'intossicazione da metalli pesanti o da rifiuti tossici industriali....

    Anzi trovò solo uno studio del 2007 dove 140 operai dell' ILVA di taranto furono esaminati perchè non stavano molto bene ma risultarono tutti sani.
    Solo alcuni avevano dei metalli alti nel sangue ma nelle conclusioni Scrissero: "molto probabilmente quegli operai avevano mangiato crostacei nei giorni prima"

    Ecco cosa vuol dire Atopia
    (Per favore non ridete)
    stato allergico che induce reazioni anomale al contatto con agenti normalmente innocui (allergeni).
    In particolare il termine atopia definisce quei casi in cui esiste una tendenza familiare a sviluppare un'allergia, con sintomi quali febbre da fieno, asma, orticaria, dermatite eczematosa.

    Non preoccupatevi questo è un racconto di un sogno..... diciamo così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. METODI
      Sono stati esaminati 195 lavoratori dell’impianto siderurgico di Taranto con possibile esposizione ad arsenico inorganico e a cromo e due gruppi di controllo composti da 105 soggetti residenti in prossimit√† dello stabilimento e 144 soggetti residenti a circa 20 Km da questo. Le informazioni sulle caratteristiche personali, stile di vita, esposizione professionale e non professionale ad arsenico inorganico e a cromo e patologie organiche sono state raccolte mediante questionario. L’arsenico inorganico ed il cromo urinario sono stati determinati con spettrofotometria ad assorbimento atomico.
      RISULTATI
      L’esposizione occupazionale ad arsenico inorganico e a cromo √® risultata notevolmente al di sotto dei valori limite ambientali indicati da organizzazioni internazionali. L’eliminazione urinaria di arsenico inorganico e di cromo √® risultata contenuta nei limiti dei valori di riferimento rilevabili in soggetti non esposti professionalmente ai due metalli e non sono emerse differenze tra i tre gruppi. Il cromo urinario non √® risultato associato, correlato o dipendente da alcuna delle variabili studiate. L’arsenico urinario invece √® risultato associato al consumo di acqua minerale, alla residenza in zona industriale ed al consumo di molluschi negli ultimi tre giorni precedenti la raccolta delle urine. Il consumo di molluschi e/o crostacei condiziona l’eliminazione urinaria di arsenico inorganico. I lavoratori dello stabilimento siderurgico non hanno mostrato una maggiore esposizione a cromo e ad arsenico inorganico rispetto ai soggetti della popolazione generale residenti in prossimit√† dello stabilimento e di questi ultimi rispetto a quelli residenti a circa 20 Km dallo stesso. I risultati supportano l’ipotesi che l’arsenico inorganico determinato con la spettrofotometria in assorbimento atomico possa derivare anche dal catabolismo di composti organoarsenicali contenuti nei molluschi e/o nei crostacei assunti con la dieta.

      http://www.sicurezzaonline.it/homep/infcro/infcro2008/infcro200811/infcro20081107.htm

      Elimina
  38. Padre separato di Roma:

    malato dorme in un garage auto, non ha denaro per gli avvocati,non ha i soldi per le medicine,per lo stato e per la giustizia e per la moglie e i figli è una cattiva persona perchè non passa 600,00 euro gli alimenti.
    moglie e figli arrabbiati gli fanno un precetto di recupero crediti forzato e partono in vacanza al mare in sardegna.
    morale della storia.........
    scrivetela voi...

    RispondiElimina
  39. La mia storia
    Invalido e sofferente per una vita fatta di ingiustizie e sofferenze
    Ecco come si ammalano i padri separati
    Sono un padre separato disperato, dopo oltre 10 anni di ingiustizie subite dalla mia ex moglie oggi mi ritrovo con 2 figlie maggiorenni insensibili alla figura paterna e diseducate alla vita alla scuola e al mondo del lavoro.

    Nell'anno 2003 la mia ex moglie ebbe un' esaurimento nervoso con depressione bipolare, era impossibile starle vicino litigava con tutti, era nervosissima con lui e con i piccoli figli, gridava tutto il giorno.

    Dopo mesi di depressione in primavera diventò molto euforica energica megalomane (Sintomi della depressione bipolare) comincio a uscire di casa dal mattino alle ore 6 fino a tarda sera portando i figli con sé, il marito ritornato dal lavoro dopo circa 9 -10 ore lavorative non trovava mai nessuno in casa.
    La moglie giorno dopo giorno divent√≤ sempre pi√Ļ euforica e nervosa con manie di grandezza e sfavalderia, non stava mai in casa ed era sempre agitata e si arrabbiava per nulla con tutti.
    Gridava sempre che era destinata a una vita migliore, una vita pi√Ļ libera e senza limiti e padroni.
    Frequentava amiche separate che si davano alla bella vita tra discoteche e bei regali dai numerosi amanti,
    Dopo numerosi lavaggi del cervello le amiche la convincono di separarsi e unirsi a loro.
    Con l'aiuto e la grande esperienza in materia insieme prepararono un astuto piano,
    La moglie innescava continuamente litigi e scontri alzando le mani varie volte contro il marito.
    Dopo vari tentativi di istigazioni e aggressioni verso il marito riusci ad ottenere un certificato dal pronto soccorso che diceva cosi: Signora si presenta al PS piangendo in stato confusionale presenta un livido al braccio,prognosi 2 giorni di crema voltaren.
    Con questo certificato va dai carabinieri e querela l'ex marito per aggressione e cominciare pratiche di separazione.
    Il marito di tutto questo non sa ancora niente... (sapeva solo di avere una moglie che non si voleva curare)
    Il marito si accorge solo che la signora pian piano porta via i vestiti di casa dicendo di darli ai parenti.
    Mentre il marito lavorava e faceva gli straordinari per mantenere moglie la casalinga e i figli,
    la moglie va in giro per caserme dei carabinieri a denunciarlo dicendo che veniva picchiata brutalmente esibendo sempre quel certificato.
    Quando il marito comincia a capire che qualcosa chiede spiegazioni e la moglie sparisce di casa con i figli.
    Il marito ritorna casa da lavoro non trova nessuno, erano tutti spariti e solo dopo 2 giorni gli viene detto che la signora con le figlie era andata a casa di parenti per riflettere sul rapporto coniugale.
    Poi il marito verrà a sapere dopo mesi, che la signora si era allontanata dichiarando con querela dai carabinieri che il marito era pericoloso e molto violento perciò moglie è figlie sono dovute scappare.
    (peccato che lui non sapeva ancora niente... neanche di essere violento o raggirato da un grande complotto... egli lavorava e metteva a posto il disordine in casa e cercava moglie e figlie, a quei tempi il telefono cellulare era raro.)
    Dopo qualche mese il marito riceve l'ordinanza di rilascio della sua abitazione (di esclusiva proprietà) perchè dovevano rientrare moglie e figli.

    Il povero uomo disorientato per ciò che gli stava accadendo... deve lasciare l'abitazione per andare a vivere per mesi in un box seminterrato di 15 mq preso in affitto.
    Quattro giorni dopo che il marito lascia la casa andare ad abitare in un box la ex moglie cambia la serratura e insieme ai figli partono per le vacanze estive nella casa al mare.

    L'ex moglie gli negava la visione dei figli.
    I servizi sociali contro una donna agguerrita erano impotenti e incompetenti... la ex moglie ben addestrata diceva alle assistenti sociali di farsi i fatti propri... c'era di mezzo un avvocato,un tribunale e c'erano di mezzo delle violenze.

    RispondiElimina
  40. Continuo (padre separato ammalato per ingiustizie subite
    Per molti anni questo padre ha visto pochissime volte le figlie, quelle poche volte che le ha viste sempre sotto ricatti ed estorsioni di denaro oltre al mantenimento versato.

    Quest' uomo ha sempre lavorato duramente per mantenere i suoi figli,
    Quest' uomo ha anche fatto dei lavori pericolosi per la sua salute per estremo dovere
    Quest'uomo ha sempre pagato il mutuo della casa dove abitano la ex moglie e i figli.
    Quest'uomo ha dovuto inventarsi qualsiasi lavoro per pagare i molti avvocati che la moglie gli scagliava contro.
    Quest'uomo ha ricevuto false accuse e affrontato molte cause civili e penali ( l'ex moglie non pagava l'avvocato avendo il gratuito patrocinio).
    Quest' uomo ha dovuto sopportare la presenza di un'altro uomo (convivente della ex moglie) nella sua casa coniugale con le sue figlie.
    Quest'uomo ha dovuto pagare anche le spese condominiali (8 anni di arretrati) della sua ex moglie e il suo nuovo compagno (disoccupato)
    I figli in tutti questi anni hanno subito un enorme plagio e diseducazione verso la figura paterna
    Quest'uomo ha regalato 2 telefonini e molte ricariche telefoniche ai suoi figli ma non l'hanno mai chiamato
    I figli hanno un buon rapporto con il padre solo quando sono con lui.. Quando sono con la madre il padre e come se fosse inesistente.
    Adesso io mi chiedo, cosa può capitare ad un uomo privato ingiustamente dall'affetto dei figli?
    Cosa può capitare ad un uomo che ha dovuto lottare per moltissimi anni contro una giustizia ingiusta?
    Cosa può capitare quando un uomo è stanco esausto e continua a lavorare in un ambiente malsano e continua ad alzarsi dopo essere continuamente schiacciato ?
    Qualcuno di voi si è mai chiesto che fine fanno i padri separati colpiti da ex mogli senza scrupoli tutelate dalla macchina giustizia?

    Certo questo la TV e i giornali non ve lo spiegano... (non ci sono motivi di lucro)

    Vi dico io cosa capita ad una persona che subisce una vita senza mai reagire.
    LA PERSONA SUBISCE DEI DANNI PERMANENTI E DEGENERANTI AL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO.
    Tutto comincia con una sindrome da stanchezza cronica e poi la malattia multi sistemica colpisce tutti gli organi e apparati collegati al sistema nervoso.
    Divulgate quello che le tv non dicono

    RispondiElimina
  41. LAVORARE CON MOLTA SOFFERENZA FINO A RIMANERE PARALIZZATO..
    SAPETE QUANTE PERSONE SONO COSTRETTE A LAVORARE perchè non riconosciuta l'invalidità o perchè non riescono a pagarsi cure visite e farmaci ?
    Oggi 21 maggio 2014 mi sveglio ogni mattina alle 8,30 prendo subito il palexia, sono distrutto,stanco, pieno di dolori, rigido, incapace di camminare e di parlare, non riuscirei neanche a fare una telefonata...
    Pian piano comincio a stare un pò meglio... Comincio a lavorare alle ore 10 e finisco alle ore 14,00 dopo devo cercare un letto per andare a dormire almeno un paio di ore perchè i dolori e la stanchezza cronica aumentano fino al punto di avere dei colpi di sonno e mancanza di riflessi e attenzione..
    Il palexia che dovrebbe durare 12 ore nel mio caso dura dalle 8,30 alle 14,00/14,30 la dose successiva la prendo alle ore 18 per poi tirare fino a sera...
    Perchè vorrei togliere il palexia ma i dottori non vogliono?
    Il palexia mi serve solo per poter andare a lavorare... perchè senza lavoro non si vive in questo mondo dove le regole umanitarie sono state fatte da perfetti idioti..
    E' vero che il palexia mi permette di stare in piedi per pi√Ļ di 40 minuti o un ora, e soffro di meno quando dopo un ora di lavoro mi devo sedere ogni 15 minuti ... ma poi i dolori ritornano con tutti gli interessi...
    voi direte non esistono tutele sul lavoro? non esistono tutele assicurative INPS e INAIL? quante persone in italia vivono come me? adesso vi chiedo se conoscete un giornalista coraggioso che si metta anche contro i suoi padroni per un grande problema ditegli di intervistarmi... mandatelo da me... che gli racconto la mia storia... dal titolo: "Ammalato e sofferente per una vita attiva contro le ingiustizie" racconterò della mia storia e di tante altre storie di persone che si sono ammalate perchè troppo sensibili ed emotive in un mondo di idioti assetati di denaro...
    Passaparola ... tanto prima o poi viene fuori la mia storia pazzesca...

    RispondiElimina
  42. LAVORO
    PREMIO DI Profitto

    Nelle aziende dove gli operai rischiano la vita, la salute,l'infortunio si √® pensato bene di fare dei premi con grandi ricompense per premiare i pi√Ļ diligenti... e penalizzare al massimo chi si assenta,chi si ammala,chi chiede permessi per visite specialistiche,chi fa ritardi,richiami verbali,chi esce prima dal posto di lavoro,chi osserva la regole, chi non si oppone a continui cambi di mansione,chi lavora meno ecc.ecc.
    Il premio che viene decurtato a queste persone andrebbe a quelle pi√Ļ brave... Cio√® all'interno dell'azienda tutti controllano gli altri...
    Se fai ammonire qualcuno a fine anno ti si alza il premio...
    Il datore di lavoro per ogni suo dipendente avrà un libro o tesserino per scrivere cosa si rifiuta di fare durante l'anno..
    Parlo di aziende dove i lavoratori sono a contatto con sostanze chimiche pericolose (rifiuti tossici industriali).
    Con 80 euro si compra il voto di mezza italia e per 1800 euro al mese di premio un uomo di compra la morte, la sofferenza,la malattia....
    Poveri giovani.... cosa gli aspetta in questo nuovo mondo dove i furbi vanno bene avanti... sulla pelle degli altri

    RispondiElimina
  43. Oggi nell'era della multimedialità e delle energie wifi...
    ci sono malati che soffrono ogni giorno per malattie fantasma....
    Malattie generate da intossicazione chimica...
    I metalli pesanti sotto forma di polveri sottili viaggiano invisibili per chilometri fino a quando un corpo umano le accoglie...
    Consiglio a chi è esposto ( operai metalmeccanici,chimici,acciaierie, forni industriali, e persone che abitano nei pressi di rifiuti tossici e industrie chimiche) di fare il mineralogramma del capello .
    Io personalmente dopo anni di problemi di salute (visite,esami,test) ho scoperto che i metalli sono la causa o la concausa della mia fibromialgia, stanchezza cronica, rigidità e infiammazione cronica di muscoli e nervi...
    Certo poi trovata la causa comincia la caccia ai responsabili... I responsabili solo in italia sono in una botte di ferro per merito di leggi e protocolli ospedalieri che li coprono da decenni...
    Si parla sempre di rifiuti tossici... ma non si parla di chi ci ha lavorato da anni come operaio ... non si parla mai dei morti e malati di metalli pesanti... Certo nelle cause di morte si da la colpa a un organo corporeo non funzionante, o cellule danneggiate per qualsiasi altro motivo....
    Dimenticavo .. In italia non esiste la mafia, non esistono i malati del lavoro, non esistono industrie che inquinano...
    In italia è difficile essere risarciti quando il danno è stato creato da grandi organizzazioni...
    Peccato per loro... che in italia una persona su 10.000 pecore non si arrende e combatte fino alla morte invece di mettere la testa sotto la sabbia come uno struzzo...

    RispondiElimina
  44. QUANDO NON CI SONO SOLDI .. E COMANDANO I LADRI,,, CHI CI VA DI MAZZO?
    Ho sentito il patronato solo per telefono e mi è stato riferito che l'inail stà respingendo una grandissima quantità di domande, ma che provvederanno ad informarsi quanto prima sul da farsi. Secondo me c'è parecchia gente senza scrupoli che gioca sul fatto che tanta gente non può permettersi una causa giudiziaria per vedersi riconoscere i propri diritti. A questo proposito Lei potrebbe darmi informazioni in merito ai tempi e indicativamente ai costi per portare avanti una causa contro la decisione dell'inail presso il tribunale del lavoro competente? Grazie Cordiali salutihttp://www.medicitalia.it/consulti/archivio/225753-ricorso_inail_malattia_professionale.html

    RispondiElimina
  45. I METALLI NEL CORPO PORTANO MALATTIE E SOFFERENZA...
    Un corpo contaminato di metalli pesanti è perennemente infiammato, dolente e rigido...
    Ci potrebbe essere una ditta che butta nell'aria polveri metalliche anche a 3 km da te e nessuno lo saprà mai....
    TRASFORMIAMO LE CHIACCHIERE IN FATTI.... IL MINERALOGRAMMA E' LA PROVA CERTA DI UN' ESPOSIZIONE A METALLI PESANTI... All'interno di questa pagina potete leggere quali sono i primi sintomi e le malattie causate da chi è stato intossicato...
    Questa pagina raccoglie i risultati delle analisi per poi poter iniziare una battaglia legale di massa... e se la massa vuole restare seduta in poltrona ...la battaglia la faccio io per voi... ma per favore passate parola... servono i mineralogrammi di persone esposte. https://www.facebook.com/pages/Raccolta-analisi-di-persone-esposte-a-metalli-e-sostanze-tossiche/642752199127612?fref=ts

    TRASFORMIAMO LE CHIACCHIERE IN FATTI.... IL MINERALOGRAMMA E' LA PROVA CERTA DI UN' ESPOSIZIONE A METALLI PESANTI... All'interno di questa pagina potete leggere quali sono i primi sintomi e le malattie causate da chi è stato intossicato...
    Questa pagina raccoglie i risultati delle analisi per poi poter iniziare una battaglia legale di massa... e se la massa vuole restare seduta in poltrona ...la battaglia la faccio io per voi... ma per favore passate parola... servono i mineralogrammi di persone esposte. https://www.facebook.com/pages/Raccolta-analisi-di-persone-esposte-a-metalli-e-sostanze-tossiche/642752199127612?fref=ts

    RispondiElimina
  46. Situazione lavoro a Milano
    Settore (rifiuti chimici)

    Dopo 25 anni di lavoro e malattie professionali
    a un lavoratore dopo un malore gli viene detto....
    "Il lavoro è questo se non ti va bene.. ne troviamo altri"
    è vero, c'è cosi tanta voglia di lavorare che molti farebbero
    di tutto per avere un qualsiasi lavoro.
    Nessuno si preoccuperebbe di un cancro o di lavorare nelle
    peggiori realt√† di schiavit√Ļ...
    Le grosse aziende pagano e controllano i controllori...
    Nessuno immagina cosa avviene dentro alcune aziende.
    La situazione lavoro rende l'uomo infelice e sofferente..
    Il grande potere del meccanismo lavoro è così potente
    che l'uomo somatizza o si sfoga con la società o la famiglia.
    La peggiore sofferenza senza via d'uscita è proprio il proprio
    posto di lavoro, specialmente quando sei finito nella tana
    delle persone pi√Ļ cattive avide e viscide di questo pianeta...

    RispondiElimina
  47. A MOLTI PIACE FARE GLI SPETTATORI.....
    ASPETTANO SEMPRE CHE GLI ALTRI SI FACCIANO AVANTI ANCHE PER LORO....
    è COME QUANDO SI STA IN FILA 30 CARRELLI ALLE CASSE DEI SUPERMERCATI E NESSUNO CHIEDE DI APRIRE UN'ALTRA CASSA... TUTTI ASPETTANO CHE QUALCUNO LO FACCIA ANCHE PER LORO.... MA QUANDO APRONO LA NUOVA CASSA.... ALLORA TUTTI SONO PRONTI A CORRERE PER ESSERE I PRIMI!!! VI è MAI CAPITATO?

    RispondiElimina
  48. Comunicazione di un padre separato al suo avvocato
    dopo udienza al tribunale di bergamo 9 ottobre 2014

    Udienza penale della magistratura a una madre che non ha fatto vedere nei dovuti modi le figlie per oltre 6 anni al padre, il padre si costituisce parte civile per il risarcimento del danno proprio e alla prole.


    Ciao grazie della comunicazione.
    Ti devo confidare che dalla data dell'udienza mi è rimasto un'amaro in bocca e una sfiducia nella giustizia enorme..
    in quell'udienza ho visto una grande concentrazione sulla verit√† degli eventi gli orari e altri particolari, mi sembra che a nessuno per il momento importi di cose molto pi√Ļ importanti cio√® il grande danno e disagio procurato da una madre alle figlie e all'ex marito.
    Io e le mie figlie in questo processo siamo le parti lese,(non la giustizia) ma mi sembra che alla giustizia importi solo che la mia ex moglie non abbia ottemperato agli ordini di un giudice.

    Continuo a chiedermi se i rappresentanti di giustizia si sono resi conto che oggi (ormai troppo tardi) c'è un padre ferito che porta un grosso dolore per non aver passato del tempo con le sue figlie,assistenti sociali che se ne sono lavate le mani, di non averle potute educare nel migliore dei modi, di non aver potuto annullare il plagio della madre e la sua figura mono genitoriale,
    Oggi sembra che nessuno si è accorto di una giustizia lenta e ingiusta che hanno sofferto due minori che oggi all'età di 19 anni non conoscono la sensibilità e l'amore reciproco tra figlie e padre.

    RispondiElimina
  49. PADRE SEPARATO MALATO TRADITO ANCHE DALLE FIGLIO DA DUE ANNI MAGGIORENNI

    CRESCIUTE CON LA MADRE IMPEDENDO LE VISITE DEL PADRE...

    TALE MADRE TALE FIGLIE

    - Dato che la mamma ha impedito molte volte gli incontri
    con il padre le figlie ragionano come la mamma.

    - Le figlie hanno gli stessi principi della mamma , non lavorare
    e vivere sulle spalle degli uomini, da due anni maggiorenni
    pretendono casa e alimenti a vita.

    - Questo era il progetto di una madre malata, questo lo avevo
    denunciato invano a giudici avvocati servizi sociali e famigliari

    - Oggi questo padre separato costretto a pagare mutuo alimenti
    affitto avvocati ,cause penali fatte dalla moglie per vendetta,ecc,
    oggi quest'uomo molto malato è costretto a lavorare part-time
    imbottito di farmaci antidolorifici,antinfiammatori, e altri farmaci
    per poter lavorare e pagare il mutuo della casa dove abitano ex
    moglie e convivente e due figlie maggiorenni.

    - Questo padre √® stato ricoverato pi√Ļ volte all'ospedale e pronto
    soccorso, questo padre cerca aiuto morale dalle figlie e loro
    rispondono che non vogliono essere stressate e vogliono vivere
    senza pensieri.
    - Oggi questo padre accusa la giustizia il tribunale di bergamo,
    i giudici gli avvocati i servizi sociali tutto il sistema corrotto
    che campa sulle spalle di chi lavora e si ammala perchè persona
    onesta responsabile previdente...
    Sono tantissimi i padri separati buoni a stare male e vivere
    dentro magazzini e box auto mentre le ex mogli vanno in vacanza
    3 volte l'anno e vivono di parassitismo.
    Un giorno se morirò sarà colpa di un sistema corrotto che vive
    sulle spalle di persone sensibili separati e non...
    Oggi vivo come ospite da chi mi vuole bene...

    RispondiElimina
  50. LAVORO LICENZIAMENTO PER .....
    Oggi è stata una giornata "TOSTA", ricca di confronti con persone
    intelligenti come Cosimo e Giovanni, con pensieri sicuramente diversi, ma
    con valori comuni, ho incontrato nuova gente....Come sempre ho detto quello
    che pensavo e voglio ringraziare proprio tutti per la fiducia che mi
    dimostrate ogni giorno. In questi giorni si discute molto dell'ART. 18, ma
    non fatevi ingannare, non bisogna mai perdere la speranza, lottare sempre
    con rettitudine, e vincere si può....C'è chi prende le mazzette e chi come
    me RICEVE lettere (email)....rimarrò per sempre povero.....

    Buon fine settimana a tutti. Domenico F+++++++

    (per motivi legati alla privacy ho tolto i nomi)

    Gentilissimi Segretari della CISL,
    Sono M........., dipendente ..............., azienda .............. in
    ............
    Vorrei segnalare l'ottimo intervento del funzionario FEMCA CISL, Domenico
    +++++++.
    Da mesi sono in malattia a causa di un'operazione grave a livello
    vertebrale. Sono stata sottoposta a intervento di stabilizzazione vertebrale
    con inserimento di viti e placche. Per tutelarmi ho chiesto informazioni su
    cosa fare e a chi rivolgermi. In molti mi hanno fatto un solo nome: Domenico
    ++++++ della CISL.
    Nella mia azienda c'è solo ....(altro sindacato) con due delegati, allora ho
    deciso di iscrivermi alla CISL.
    Dopo aver quasi finito il comporto ed aver preso tre mesi di aspettativa per
    poter continuare le mie cure è arrivato il momento di rientrare a lavorare.
    Sono, così, stata convocata dal capo del personale, da subito categorico:
    "Ti licenzio! Se accetti entro due giorni ti regalo sei mensilità. Se
    aspetti oltre i due giorni ti licenzio lo stesso senza nessun indennizzo
    economico!"
    Sono rimasta molto delusa dal suo atteggiamento ed ho risposto che mi sarei
    consultata con Frustagli.
    Non riporto quanto esclamato da ........ nei confronti di ++++++.
    Nel consultarmi con Domenico, mi ravvisava alcuni vizi legati alla
    procedura, primo fra tutti che il medico di fabbrica non mi aveva ancora
    visitata per conclamare la mia eventuale inabilità.
    Successivamente ho effettuato la visita dove il medico confermava una
    diagnosi di "Idoneità con limitazioni" a svolgere il mio lavoro.
    A quel punto sono intervenuti Domenico ++++++ e l'Avv. ************
    che hanno inviato un fax alla direzione dell'azienda chiedendo la
    possibilità, per un determinato periodo, di svolgere un'altra mansione fino
    alla mia completa guarigione. Quindi di farmi rientrare al lavoro,
    altrimenti sarebbero andati per vie legali.
    A quel punto l'azienda ha ritrattato è fatto due proposte. Soldi o posto di
    lavoro?
    Inutile discutere con Domenico....mi ha fatto una testa che non vi dico,
    anche perché ho perso fiducia nei confronti dell'azienda: sono stata
    "obbligata" ad accettare il posto di lavoro.
    Ma è così testardo anche con voi?
    Naturalmente sono felice di riavere un lavoro, giustizia è stata fatta,
    anche se nella trattativa sono riusciti ad ottenere un adeguamento del mio
    stipendio alla nuova mansione.
    Appena avrò la possibilità vorrei diventare una delegata della CISL!!
    Mi chiedo...ma quanti ********* ci sono nel mondo? E nel sindacato?
    Basti guardare il mio caso per capire che alcuni sindacalisti (o ex-tali) lo
    facciano solo per lavoro e non abbiano nessuna filosofia di vita a
    riguardo....
    Credo che una persona come Domenico debba essere valorizzata in un contesto
    apicale preciso e sono sicura che tutta la CISL ne trarrebbe un vantaggio
    enorme.

    Cordiali saluti.
    M........................................

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Risposta di un Segretario Generale

      Buon giorno,
      quale responsabile di questa struttura non posso che essere soddisfatto
      delle sue parole e ringraziarla.

      Per chi come noi ha scelto di lasciare la propria azienda per impegnarsi a
      tempo pieno al servizio dei lavoratori, questa è la gratificazione migliore
      che si può ricevere.

      In un momento in cui “va di moda” attaccare il sindacato ed i sindacalisti
      la migliore risposta che possiamo dare è avere sul campo tanti operatori
      come Domenico.

      Come dice un proverbio cinese “fa pi√Ļ rumore un albero che cade, che cento
      che crescono”… di alberi che crescono ne abbiamo molti ma spesso l’attenzione
      si sofferma su quello che cade.

      Confidiamo che la sua testimonianza possa essere diffusa tra amici, colleghi
      e conoscenti, questa e l’unica arma che abbiamo.

      Se decider√† per l’impegno sindacale e lo spero veramente, avremo modo di
      conoscerci.

      Cordiali saluti

      Elimina
  51. INAIL TROPPO FRETTOLOSA A CHIUDERE GLI INFORTUNI DEI LAVORATORI
    Ti racconto una mia esperienza personale. Caso analogo al tuo, con gravi lesioni alla mano come esito di trauma da schiacciamento. Dopo circa 90 giorni di malattia l'INAIL rimanda il lavoratore (che bada bene era ancora in attesa di un ulteriore intervento per cercare di ridurre i danni dell'infortunio, e quindi sia tecnicamente che clinicamente non guarito...) in ditta dicendo "Fatti vedere dal tuo MC, che stabilirà il da farsi....". Ho quindi visitato il lavoratore, su richiesta congiunta sua e del ddl, e ritenendolo ancora non guarito, l'ho rispedito all'INAIL, con un certificato nel quale si chiedeva la riapertura dell'infortunio. Segue grossa litigata con il collega (???) dell'INAIL, riapertura dell'infortunio per altri due mesi (e per fortuna che era guarito...) ed invalidità finale del 53% del poveraccio in questione, che non è stato licenziato solo perchè il ddl si è "inventato" un posto di addetto alle pulizie..... Solo a questo punto ho emesso un certificato di idoneità alla nuova mansione.
    Pertanto ti consiglierei di visitare il lavoratore (ovviamente previa rischiesta scritta del medesimo o al limite del lavoratore e ddl insieme) e, se non lo ritieni guarito o non puoi dare una idoneit√† (e del resto come fai se non sai quali sono i postumi permanenti?), rimandalo all'INAIL con una continuazione di certificato, ti farai degli "amici" ma √® il modo pi√Ļ corretto di agire nei confronti del lavoratore (e del ddl); se l'INAIL ti fa storie, richiedi una consulenza dei colleghi della ASL. Se il lavoratore rifiuta di farsi visitare da te perch√® ritiene di non essere guarito (lo pu√≤ fare) segnala la cosa all'INAIL, e riapri l'infortunio.
    Sarebbe comunque bello se qualche Collega dell'INAIL, e so che ci leggono in tanti, ci illuminasse sul perchè di tante riammissioni al lavoro un pò frettolose. Spero non sia solo una questione di soldi....

    https://www.medicocompetente.it/…/thread/792/certificato-in…

    RispondiElimina

Questo post ti ha dato informazioni utili ?
Un tuo commento mi aiuta a migliorare e nel proseguire la mia Mission.
Ti ringrazio inoltre se vorrai iscriverti nel mio blog e condividere questo articolo nei tuoi social.

Clicca su post pi√Ļ vecchi

Clicca          su       post pi√Ļ vecchi

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicit√† . Non pu√≤ pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non √® responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilit√† di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.