14 aprile 2012

ARTICOLO 41 COMMA 2 IDONIETà ALLA MANSIONE DEL LAVORATORE

Al comma 2 dell'art. 41 viene aggiunta un'ulteriore tipologia di visita di idoneità alla mansione, ovvero quella che deve precedere la ripresa del lavoro, nel caso in cui, per motivi di salute, il lavoratore sia stato assente continuativamente per più di sessanta giorni. Anche in questo caso la tipologia di visita per "lunga malattia" di cui alla lett. e-ter), presuppone necessariamente una delle ipotesi di sorveglianza sanitaria di cui al comma 1 dell'art. 41; in assenza di tale presupposto, questa visita, come del resto tutte le altre, dovrà considerarsi illegittima.
La nuova disposizione impone al medico competente di formulare, in ogni caso, il giudizio di idoneità/inidoneità per iscritto, e di quel giudizio darne copia, invece di informarli semplicemente per iscritto, al lavoratore e al datore di lavoro.
Le modifiche alla disciplina della sorveglianza sanitaria si concludono con la sostituzione del comma 1 e l'abrogazione del comma 2 dell'art. 42. Il nuovo comma 1 si presenta come una contrazione dei due commi precedenti, in cui scompaiono, in particolare, i riferimenti all'art. 2103 c.c. ed all'art. 52 del D.lgs. n. 165/2001.
Nel nuovo art. 42, viene, inoltre, meno il riferimento all'obbligo di adibire, "ove possibile" il lavoratore ad una mansione "compatibile con il suo stato di salute" ed a quello che il lavoratore adibito a mansioni inferiori conservi, oltre la retribuzione, anche la qualifica originariamente prevista per le mansioni precedentemente svolte. Ne consegue che, dopo il correttivo, il datore di lavoro dovrà attuare le misure indicate dal medico competente e qualora le stesse prevedano un'inidoneità alla mansione specifica, dovrà adibire il lavoratore, ove possibile, innanzitutto a mansioni equivalenti o, in difetto, a mansioni inferiori.
Meritevoli di menzione sono anche le modifiche apportate dall'art. 15 del d.lgs. n. 106/2009, all'art. 25, comma 1, del testo unico, dedicato agli obblighi del medico competente.
La modifica più significativa è certamente l'abrogazione della lett. f): viene meno l'obbligo di inviare "all'ISPESL, esclusivamente per via telematica, le cartelle sanitarie e di rischio nei casi previsti dal presente decreto legislativo, alla cessazione del rapporto di lavoro, nel rispetto delle disposizioni di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196".
Insieme a tale obbligo del medico competente, viene conseguentemente meno la facoltà del lavoratore interessato di chiedere copia delle predette cartelle all'ISPESL anche attraverso il proprio medico di medicina generale".
Nella nuova stesura della lett. c) si conferma che il medico competente "istituisce, aggiorna e custodisce, sotto la propria responsabilità, una cartella sanitaria e di rischio per ogni lavoratore sottoposto a sorveglianza sanitaria", ma tale cartella, diversamente dal passato, "è conservata con salvaguardia del segreto professionale e, salvo il tempo strettamente necessario per l'esecuzione della sorveglianza sanitaria e la trascrizione dei relativi risultati, presso il luogo di custodia concordato al momento della nomina del medico competente"; viene pertanto meno la previsione secondo la quale, solo "nelle aziende o unità produttive con più di 15 lavoratori il medico competente concorda con il datore di lavoro il luogo di custodia", cosicché, all'atto della nomina del medico dovrà essere concordato anche il luogo di custodia delle cartelle sanitarie e di rischio, le quali, tuttavia, resteranno, in ogni caso (vale a dire anche se il luogo di custodia concordato fosse la sede dell'azienda o dell'unità produttiva), sotto l'esclusiva responsabilità dello stesso.
La lett. e) viene interamente riformulata: il medico competente è obbligato a consegnare al lavoratore, alla cessazione del rapporto di lavoro "copia della cartella sanitaria e di rischio"; mentre rimane invariato l'obbligo di fornire al lavoratore "le informazioni necessarie relative alla conservazione della medesima", del tutto nuova e condivisibile è la previsione secondo la quale: "l'originale della cartella sanitaria e di rischio va conservata, nel rispetto di quanto disposto dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, da parte del datore di lavoro, per almeno dieci anni, salvo il diverso termine previsto da altre disposizioni del presente decreto".

Nessun commento:

Posta un commento

Questo post ti è stato utile?
Mi aiuteresti a far Crescere questo Blog ?
Puoi Commentare , Condividere e anche fare una piccola Donazione


Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

VEDI TUTTO IN VERSIONE WEB

VEDI TUTTO IN VERSIONE WEB

INTEGRATORI

BENESSERE

Macrolibrarsi

Scrivi a Raymond Bard @: raymondbard@hotmail.it

Nome

Email *

Messaggio *

POST PIÙ POLOLARI DEGLI ULTIMI 7 GIORNI