15 marzo 2016

VOLONTARIATO - OLTRE 6 MILIONI DI ITALIANI SONO PER IL NO PROFIT MA I MASS MEDIA OVVIAMENTE NON PUBBLICIZZANO

Creare una mentalità sociale
di sfiducia egoismo competizione rivalità e paura...
Genera profitto a chi detiene potere e denaro...
Ciò che non si condivide si compra....
(Raymond Bard presidente di Namaste International Community)


Anche se poco pubblicizzato dai mass media per ovvi motivi...  l'Italia è un paese dove un gran numero di cittadini pratica volontariato in varie forme: secondo l'ISTAT il numero di volontari stimato in Italia è di 6,63 milioni di persone, (tasso di volontariato totale pari al 12,6%)

Il volontariato è un'attività libera e gratuita svolta per ragioni di solidarietà e di giustizia sociale. Può essere rivolta a persone in difficoltà, alla tutela e valorizzazione dell'ambiente e promuovere la cultura della solidarietà.



Il volontario è la persona che, in modo spontaneo, si rende disponibile al servizio gratuito e disinteressato alle persone o ad una comunità dedicando tempo, professionalità e passione. Quindi, essere volontario implica una libera dedizione del proprio tempo e risorse al servizio di chi, lasciato da solo, non sarebbe in grado di riuscire nella vita. Caratteristica del volontariato è l'anteporre il benessere collettivo al massimo profitto individuale senza lasciare nessuno sotto il livello di sussistenza. Il volontariato è sempre una testimonianza di solidarietà umana; è l'espressione della volontà di una o più persone di rendersi disponibili per aiutare chi è in difficoltà. La dimensione sociale del volontariato consiste nel rappresentare e promuovere il bene comune di quella parte delle persone deboli, sfruttate ed abbandonate. Il volontariato, come un soggetto sociopolitico, è in grado di influire laddove si fanno le scelte più importanti per il paese; perché i poveri, i bisognosi, le persone in difficoltà (oggi e domani) non siano dimenticate, ma al contrario rappresentino una priorità nell'organizzazione sociale.


http://namasteintercom.blogspot.it/

ISCRIVITI O  CONDIVIDI



1 commento:

  1. Certamente il 50% di questi volontari lo fa perchè è disoccupato....
    Ma con i benefici che si provano a fare del bene.... non rinunceranno ....
    provare per credere....
    attenzione ai parassiti sociali....
    il volontariato va fatto con consapevolezza e criterio di continuita e gratitudine del ricevente...

    RispondiElimina

Questo post ti è stato utile?
Mi aiuteresti a far Crescere questo Blog ?
Puoi Commentare , Condividere e anche fare una piccola Donazione


Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

VEDI TUTTO IN VERSIONE WEB

VEDI TUTTO IN VERSIONE WEB

INTEGRATORI

BENESSERE

Macrolibrarsi

Scrivi a Raymond Bard @: raymondbard@hotmail.it

Nome

Email *

Messaggio *

POST PIÙ POLOLARI DEGLI ULTIMI 7 GIORNI