Visualizzazione post con etichetta ADOLESCENTI. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta ADOLESCENTI. Mostra tutti i post

30 marzo 2012

LA DIETA PER GLI ESAMI

LA  DIETA  PER  GLI  ESAMI                  

Volenti o nolenti, lo stress da esame colpisce in modo più o meno intenso tutti gli studenti, dalle elementari all’università. Stress che spesso e volentieri può indurre errori dietetici, dal digiuno da “stomaco chiuso” alle overdose di bevande eccitanti (caffè eccetera) o di snack ipercalorici per “tirarsi su”. Rimedi che sembrano utili al momento per un’immediata gratificazione ma che producono alla lunga gli effetti opposti a quelli desiderati. Un’alimentazione corretta - che non vuol dire punitiva - può invece svolgere un ruolo rilevante non solo durante le settimane di studio ma anche negli impegnativi giorni degli esami.
Sostanzialmente sono quattro le regole dietetiche alla base di una buona memoria:

0. non esagerare con le calorie e mantenere un peso corretto;

0. non eccedere con grassi animali e zuccheri semplici;
0. privilegiare i carboidrati integrali e determinati grassi come quelli del pesce;
0. infine seguire una dieta variata, ricca di frutta e verdura, per assicurare un buon introito quotidiano di sostanze antiossidanti.

I primi due punti sono collegati: spesso chi segue una dieta abbondante di alimenti molto energetici – a meno che non si tratti di un atleta - è anche sovrappeso o obeso. Numerosissimi studi hanno provato che un’alimentazione ricca di colesterolo e grassi principalmente di origine animale (burro, panna, formaggi, carni grasse, salumi ecc.) ma anche di quelli vegetali presenti nei prodotti industriali, diminuisce l’efficienza delle cellule nervose, peggiorando la capacità di apprendimento e mnemoniche, e in più facilitando i processi d’invecchiamento cellulare (il cosiddetto stress ossidativo dovuto all’aumento dei radicali liberi, aumentati a causa degli errori dietetici).

Stessa azione negativa è esercitata dall’eccesso - non certamente da un consumo saltuario - di cibi dolci, quali merendine, gelati, caramelle e così via, e di alimenti a base di cereali raffinati o amidi (pane e riso bianco, pizza, patate). Tutti questi alimenti hanno in comune la caratteristica di avere un indice glicemico alto, ovvero sono in grado di innalzare notevolmente i tassi di zuccheri nel sangue (iperglicemia) rispetto anche ad altri carboidrati, come quelli integrali ad esempio. E i frequenti bruschi rialzi glicemici – con conseguenti ipoglicemie - non giovano alla concentrazione e alla salute delle nostre cellule nervose.

27 marzo 2012

I NOSTRI FIGLI - RAPPORTI TRA SCOLIOSI, CARTELLA E POSTURA SCOLASTICA

RAPPORTI TRA SCOLIOSI, CARTELLA E POSTURA SCOLASTICA

RAPPORTI TRA SCOLIOSI, CARTELLA E POSTURA SCOLASTICA


46

Sovente i genitori si pongono anche la domanda sull'influenza della cartella scolastica. Per quel che si sa sinora, portare una cartella o uno zaino, anche pesanti, per pochi minuti non è dannoso ed il problema può presumibilmente insorgere solo dopo 15'-20', compatibilmente con il rapporto tra la muscolatura del ragazzo ed il peso dei libri. Sicuramente per un ragazzo che fa dello sport, con dei muscoli sufficientemente allenati, il portare la cartella diventa uno stress positivo. Tuttavia, anche per chi fa poco movimento, è bene ricordare che la cartella rappresenta uno dei pochi momenti in cui si richiede alla colonna uno sforzo nel corso della giornata, oltretutto quasi sempre di breve durata, quindi raramente affaticante.

47

Molto più dannosa per la colonna è la posizione seduta scorretta per molte ore al giorno sui banchi scolastici, perchè influisce negativamente in modo più duraturo sulla percezione e integrazione nel sistema nervoso centrale di una postura errata permanente.

48

E' quindi utile insegnare a stare seduti composti, possibilmente su un banco scolastico di altezza regolabile,

49

ma ancora più importante è alternare la vita sedentaria con pause di movimento, anche brevi.

26 gennaio 2012

HO INIZIATO IN PALESTRA E AUMENTO DI PESO, PERCHE'







Perche in molti casi si ha un aumento di peso ad inizio attività fisica?

________
ATTENZIONE 
Per tutto il mese di Aprile 2020 
Raymond Bard  Master wellness coach 

CONSULENZA 
Aiuto solo chi Aiuta.. 

Stop a mail, messaggi e consulenze gratuite.. 

Donazioni per l'ospedale di Bergamo. 

Se non ti interessa puoi condividere con persone Altruiste e di 💗 grande 😘 http://www.raymondbard.com/2020/04/vuoi-parlare-con-raymond-bard-fai-una.html?m=1  

La lista appuntamenti si chiude il 30 Aprile 2020.

_____________






L'unico modo per perdere massa grassa dal nostro corpo per sempre è quello di aumentare il nostro metabolismo modificando l'intero stile di vita...

Regola d'oro: 
- L'allenamento deve provocare piacere e mai stress..
lo stress alza il cortisolo, l'ormone che fa aumentare l'adipe la ritenzione idrica e ti fa anche mangiare male.


Per pprima di tutto dobbiamo imparare cos'è il metabolismo energetico.

Cos'è il metabolismo?

Il metabolismo energetico è il sistema utilizzato dal corpo per trasformare l'energia introdotta con il cibo in energia utile alla vita per svolgere le varie attività:

- fisiologiche (respirazione, circolazione, digestione escrezione, accrescimento, ecc.); 

- produrre l’energia termica necessaria a mantenere la temperatura corporea intorno ai 37 gradi; 

- compiere qualsiasi attività mentale e muscolare.

- Un metabolismo equilibrato permette una buona distribuzione energetica a ogni cellula o apparato.


"Aumentando la nostra massa muscolare in modo corretto aumentiamo il nostro metabolismo"

"Aumentando il nostro metabolismo aumentiamo il nostro consumo energetico " 
 la "disintossicazione cellulare" e il modellamento corporeo.


La prima cosa da fare è incrementare la massa muscolare per accelerare il metabolismo e consumare la massa grassa.


Perciò, per chi vuole perdere peso è essenziale aumentare il metabolismo aumentando la massa magra.

Sicuramente, di due individui sovrappeso 
che vanno in palestra dimagrirà prima chi ha più massa muscolare a parità di allenamento.

Le persone che ottengono ottimi risultati sono quelle che in poco tempo aumentano di molto la loro forza,risvegliando più fibre muscolari dormienti da anni...
(reclutazione muscolare)


 Sicuramente chi è assiduo frequentatore di palestre ed è abituato ad allenarsi conosce bene il fenomeno dell'aumento di peso e volume... 
Certo per la maggior parte delle persone che non conoscono le cause di questa trasformazione  è motivo di sconforto e di abbandono dell'attività sportiva... 

Non è bello vedere un aumento di peso nelle primissime settimane di sacrificio e impegno.

Molte persone si iscrivono in palestra per veder scendere l'ago della bilancia, tuttavia, inizialmente vi è un processo molto importante che fa aumentare di peso e abbassare le aspettative..

Tale processo non è un aumento della massa grassa, ma è un meccanismo positivo di idratazione cellulare...


Ul altro meccanismo e l'aumento delle scorte di glicogeno e degli aminoacidi nei muscoli.

Tutto ciò e un processo di adattamento iniziale positivo.

 L'idratazione cellulare è fondamentale per il benessere dell'organismo, essa è stimolata proprio dall'attività fisica.

Tutti hanno sentito parlare del fatto che per il 60/70 % siamo acqua, tale dato non va mai trascurato quando si parla di peso. 

Le persone più attive sono più idratate dei sedentari

Infatti, l'attività fisica è uno stimolo positivo per il corpo che inizia a lavorare , idratando le cellule di acqua e sangue aumentando il metabolismo.
(La ritenzione idrica è un altro discorso legato a un infiammazione o eccesso di tossine) .

Sicuramente in tal caso l'aumento di peso è estremamente positivo e utile contro l'invecchiamento.


Se trattieni più acqua intracellulare , glicogeno, aminoacidi, e aumenti la tua temperatura basale al risveglio,  vul dire che il tuo metabolismo si è attivato per l'efficienza dell'organismo.
Certamente un allenamento eccessivo e mal adattato alla  singola persona determina un eccesso di acqua e ormoni dello stress oltre a un intasamento delle scorie del nuovo metabolismo.

(Per qualsiasi preparazione atletica e fitness personalizzata cliccare su consulenza Raymond Bard)


Conviene dare un sguardo per capire cos'è l'over training e cosa causa...
 http://www.raymondbard.com/2014/05/over-training-super-allenamento.html
 
Se nelle prime settimane si aumenta da 0,5 ad 3 kg... (senza stress, stanchezza e se avete letto,riletto e capito questo articolo) questo significa che tutto sta andando benissimo!  cioè l'allenamento con i pesi và alla grande...


Perchè non può essere grasso? E' matematico per mettere un solo chilo di grasso dovresti mangiare 9000 calorie in più di quelle che assumi in un mese...   

Il muscolo pesa più del grasso :Avere una muscolatura tonica implica un aumento del peso. Il muscolo pesa molto più del grasso (a parità di volume). Quindi il fatto di essere aumentata di peso non significa che sei ingrassata.

A cosa serve avere più muscoli?  I muscoli bruciano calorie e quindi più ne hai più calorie bruci, anche stando fermo. 

Ogni kg di muscolo acquisito tramite allenamento a riposo e senza stress, richiede per la sua manutenzione, sostentamento e funzioni di tono basale, circa 90  Kcal al giorno.

Cioè se metti 5kg di muscoli in più..
il tuo metabolismo ti fara consumare quasi 500 kcal al giorno in più..

Perciò cerca un bravo personal trainer nella tua città e converti i primi 5 kg di grasso in 5 kg di muscolatura attiva..


Puoi aumentare i muscoli con esercizi di resistenza o di sollevamento pesi 
(con esercizi da 8 a 15 ripetizioni) almeno due volte a settimana.

Puoi anche aumentare ulteriormente il tuo metabolismo e abbassare la tua massa grassa più velocemente associando esercizi  aerobici associati ai pesi.


Tutto chiaro vero?

In alcuni casi non è tutto cosi semplice...

Ci sono alcuni organismi che non sopportano lo stesso..

Dato che il nostro corpo è un'insieme di oltre 100 miliardi di cellule autonome che si comportano secondo l'ambiente interno ed esterno al corpo 
Se non hai risultati Sicuramente non hai letto Il Benessere totale


Perciò se siete stressati in modo eccessivo i vostri sforzi in palestra non saranno ricompensati 
anzi a medio e lungo termine molto dannosi.

Raymond Bard

NB: QUESTO VALE PER TUTTI
Oggi più che mai il nostro organismo è soggetto a molti stress e per questo risponde in ogni soggetto in un modo diverso... 
Oggi un personal trainer attento deve valutare tutte le varianti possibili tra una persona e l'altra e ciò che ha letto e studiato nei numerosi libri di benessere a 360 gradi... 
NON esiste una scheda o un programma per tutti o diviso in 3 biotipi......
Calcolate che una dettagliata anamnesi supera abbondantemente 2 ore in queste due ore il personal trainer o l'educatore dovrà farvi moltissime domande.... Più domande vi farà e più attento e mirato sarà il vostro programma di allenamento da fare in palestra e il giusto recupero neuro muscolare da fare fuori dalla palestra... 
Ecco perchè dico sempre.....  cercate ciò che meritate... 
Non badate mai a spese per il vostro benessere... 
Affidatevi a persone sagge ...
Risparmiate su vizi,vacanze,telefonini,vestiti,ecc ma non sulla vostra salute e sulla vostra conoscenza e  coscienza... 
Cercate sempre un maestro che vi spiega tutti i processi biologici fisici mentali di ogni cosa che fate...  chi non li sa spiegare non li ha capiti neanche lui... 

Chi cerca risposte con forte motivazioni mi contatti privatamente... 



CONSULENZA TELEFONICA  
AI SOLI ISCRITTI A QUESTO SITO.
(Non tempestatemi di mail, se siete veramente interessati scrivete sotto nei commenti, le risposte che vi darò possono essere utili anche agli altri)









Ringrazio tutti per la lettura del mio post
Spero che vi sia stato di aiuto..
Vi invito gentilmente di condividere, di iscrivervi al mio Blog e aggiungermi su facebook e twetter 
Su facebook ho creato numerosi gruppi che trattano di fitness benessere naturopatia, filosofia orientale, pilates, yoga, body building, progetti sociali, ed eventi gratuiti di ginnastica all'aperto..
a presto Raymond





SCRIVI QUI SOTTO NEI COMMENTI:

Non tempestatemi di mail,
 se siete veramente interessati e altruisti scrivete sotto nei commenti, le risposte che vi darò possono essere utili anche agli altri 


______________________

TI PIACE IMPARARE TANTE COSE?

SEI UNA PERSONA POSITIVA E ALTRUISTA?

TI PIACEREBBE MUOVERE IL TUO PRIMO PASSO PER MIGLIORARE QUESTO MONDO PARTENDO DALLA MENTALITA' DI CHI TI STA INTORNO?

Cerca Raymond Bard 
su Google Facebook Instagram YouTube 










22 gennaio 2012

Praticare sport migliora le prestazioni scolastiche di bambini e adolescenti.

Bambini e adolescenti: praticare sport migliora le prestazioni scolastiche!



Se si pensava che tutti i bambini molto abili nello sport fossero poi una frana a scuola…beh, dobbiamo ricrederci!

A confermare il contrario, infatti, è stato uno studio condotto dai ricercatori della University Medical Centre di Amsterdam, diretto da Amika Singh e pubblicato sulla rivista “Archives of Paediatrics & Adolescent Medicine“, sulla base di ricerche precedenti.

Dopo aver analizzato i dati raccolti da 14 studi che hanno coinvolto campioni di dimensioni che vanno dai 53 ai 12mila partecipanti di età compresa tra i 6 e i 18 anni, gli studiosi hanno scoperto che praticare attività fisica può migliorare le prestazioni scolastiche dei bambini e degli adolescenti.

L’esercizio fisico, quindi, aiuterebbe a sviluppare le facoltà mentali, aumentando il flusso di sangue e ossigeno al cervello, riducendo lo stress e migliorando l’umore.


I ricercatori, inoltre, spiegano che l’attività può aumentare i fattori di crescita che aiutano a generare nuove cellule nervose e assistono al “riclabaggio” dei neuroni. 
 

La ricercatrice Amika Singh ha spiegato:

«I bambini imparano a partecipare e collaborare insieme nello sport e anche a rispettare le regole. Ciò può significare che sono più disciplinati e in grado di concentrarsi meglio anche durante le lezioni. La gente ci chiede allora: ‘Quanto esercizio devo fare per ottenere una A’? Non lo sappiamo, ma vorremmo arrivare a stabilirlo…»

Gli esperti sottolineano come, per motivi di salute, i bambino debbano essere attivi almeno un’ora al giorno, ma è anche vero che bisogna guardare anche altre cose, come il tipo di attività praticare e per quanto tempo.

05 novembre 2011

RAPPORTI TRA SCOLIOSI, CARTELLA E POSTURA SCOLASTICA

RAPPORTI TRA SCOLIOSI, CARTELLA E POSTURA SCOLASTICA


46

Sovente i genitori si pongono anche la domanda sull'influenza della cartella scolastica. Per quel che si sa sinora, portare una cartella o uno zaino, anche pesanti, per pochi minuti non è dannoso ed il problema può presumibilmente insorgere solo dopo 15'-20', compatibilmente con il rapporto tra la muscolatura del ragazzo ed il peso dei libri. Sicuramente per un ragazzo che fa dello sport, con dei muscoli sufficientemente allenati, il portare la cartella diventa uno stress positivo. Tuttavia, anche per chi fa poco movimento, è bene ricordare che la cartella rappresenta uno dei pochi momenti in cui si richiede alla colonna uno sforzo nel corso della giornata, oltretutto quasi sempre di breve durata, quindi raramente affaticante.

47

Molto più dannosa per la colonna è la posizione seduta scorretta per molte ore al giorno sui banchi scolastici, perchè influisce negativamente in modo più duraturo sulla percezione e integrazione nel sistema nervoso centrale di una postura errata permanente.

48

E' quindi utile insegnare a stare seduti composti, possibilmente su un banco scolastico di altezza regolabile,

49

ma ancora più importante è alternare la vita sedentaria con pause di movimento, anche brevi.

30 ottobre 2011

SOLO IO , Sono responsabile della mia vita

Sono responsabile della mia vita

La vita non è qualcosa che ti accade. La tua vita è il risultato di come tu rispondi alle opportunità e alle sfide che si presentano. Di fronte a qualsiasi evento, anche quelli sui quali non hai nessun controllo, tu puoi sempre decidere come reagire e come affrontarlo. Non incolpare gli altri, non prendertela con la sfortuna, la tua vita è una tua scelta.
I pensieri positivi alimentano la mia energia
Il semplice fatto di iniziare una giornata elaborando un pensiero positivo, piuttosto che indugiare sulla negatività, può fare la differenza tra successo e delusione. Focalizzati sul bicchiere mezzo pieno, senti ed espandi l’energia che scaturisce da un atteggiamento positivo.

06 ottobre 2011

Body building Che cos’è

Body building Che cos’è



Il body building è letteralmente la “costruzione del fisico”, ossia l’intervento volto a sviluppare la massa muscolare secondo criteri di bellezza propri di questa disciplina, che prevedono un accrescimento dei muscoli decisamente superiore rispetto alla norma.
A che cosa serve

Il fine di questa trasformazione corporea non è lo sviluppo della forza fisica ma esclusivamente il raggiungimento di fini estetici, ossia la “bellezza” secondo i canoni del body building.

L’accrescimento muscolare può essere perseguito anche per fini agonistici, ossia con lo scopo di partecipare alle competizioni nazionali e internazionali organizzate dalle diverse associazioni che regolano la disciplina; in queste competizioni il body builder viene giudicato per le proporzioni, l’armonia e la simmetria che lo sviluppo muscolare ha dato al suo corpo.
Come si pratica

L’accrescimento muscolare è ottenuto praticando costantemente faticosi esercizi fisici e seguendo una dieta mirata.

Gli esercizi comportano generalmente sforzi brevi e intensi e sono svolti con carichi (come pesi, bilancieri e specifici macchinari), da spingere o sollevare.

L’allenamento si diversifica sulla base dell’entità del carico, del numero di ripetizioni dell’esercizio, dell’intensità con cui si sollecita un certo gruppo muscolare e anche della durata del tempo di risposo riservato a un determinato gruppo di muscoli in modo che possa rigenerarsi e sviluppare una massa maggiore.

La dieta è basata generalmente sul consumo di numerosi pasti nell’arco della giornata e sulla preferenza per alimenti ricchi di proteine come carne, uova, latte e pesce. Sono consumati spesso anche alimenti ricchi di carboidrati come riso e pasta per restituire all’organismo le energie spese.
Chi può praticarlo

Il body building è una disciplina che richiede un allenamento costante con il quale si cerca di portare i muscoli al massimo sforzo che possono sopportare; per questo è adatto solo a chi non ha patologie muscolari, cardiache o fisiche in generale.

È quindi sconsigliato nell’età dello sviluppo per evitare una stimolazione della muscolatura troppo consistente e un’eccessiva riduzione della massa grassa.
Controindicazioni

Per lungo tempo, e in particolare negli anni ’80, nel mondo del body building è stata tollerata l’assunzione di sostanze che favoriscono lo sviluppo della massa muscolare ma che, nelle dosi in cui spesso erano assunte, possono dare luogo a disturbi e scompensi metabolici anche gravi.

In particolare si è verificato un vasto uso di steroidi anabolizzanti che, avendo un’azione simile all’ormone maschile testosterone, incrementavano la massa muscolare.

Oggi è noto che l’abuso di queste sostanze può causare scompensi metabolici e infertilità negli uomini e fenomeni di mascolinizzazione, con irregolarità nel ciclo mestruale e riduzione del seno, nelle donne.

Educazione posturale

Educazione posturale spiegata brevemente...
Potrei scrivere per giorni interi sulla struttura semi-mobile del nostro corpo,una struttura perfetta composta da oltre 100 miliardi di cellule..


Come postura si intende la posizione del corpo nello spazio e la relativa relazione tra i suoi segmenti corporei.

La corretta postura altro non è che la posizione più idonea del nostro corpo nello spazio per attuare le funzioni antigravitazionali con il minor dispendio energetico sia in uno stato dinamico che statico; ad essa vengono a concorrere vari fattori ( neurofisiologici, biomeccanici, emotivi, psicologici e relazionali).
Per quanto riguarda l'equilibrio esso va definito come il miglior rapporto tra il soggetto e l'ambiente circostante; ne deriva che il corpo, sia in statica che in dinamica, assume un equilibrio ottimale a seconda degli stimoli ambientali che riceve e del programma motorio che adotta.

La postura di un individuo è frutto del vissuto della persona stessa, determinato da stress, traumi fisici ed emotivi, posture professionali scorrette ripetute e mantenute nel tempo, respirazione scorretta, squilibri biochimici derivati da una scorretta alimentazione, ecc.. 

In base a ciò la postura dell'uomo è in costante e progressiva modificazione.

I fattori precedentemente elencati incidono a livello muscolare determinando un aumento dello stato di contrazione che si aggiunge al tono basale preesistente.

Questo permanente stato di eccitazione con il passare del tempo crea stati di accorciamento muscolare permanente, tecnicamente definiti retrazione muscolare.

La retrazione muscolare è reversibile solo attraverso tecniche di fibrolisi del tessuto connettivale che avvolge i muscoli e con applicazioni di stretching globale attivo.

Gli effetti della retrazione muscolare o contratture croniche si manifestano a livello articolare sotto forma di compressione, rotazione assiale e traslazione, determinando modificazioni della struttura scheletrica (scoliosi, iperlordosi, ipercifosi, valgismo e varismo delle ginocchia, ecc.).





Il nostro corpo come l’universo si regge in perfetto equilibrio.

 L'uomo interagisce di continuo con l'universo per mezzo di sostanze, di vibrazioni e di energie. 
Per un perfetto svolgimento dei processi vitali un individuo deve interagire con l'universo, con gli altri uomini,animali,vegetali,minerali,metalli,pietre.ecc.(solo l'insieme è il tutto). 

 Qualsiasi squilibrio fisico psichico energetico và esaminato nella sua integralità tenendo in considerazione contemporaneamente i fattori emozionali, fisici, mentali, genetici, ambientali e sociali che lo riguardano. Questo equilibrio psicoenergetico-funzionale se alterato, genera malessere,malattia,dolore,intolleranze a cibi e intollerabilità verso altre persone.
 Ogni disfunzione psico-energetica genera dei sintomi di preavviso... questi sintomi molte volte non sono riconoscibili da noi stessi, perchè sono lontani o non associabili alla parte malata o squilibrata... 

 Qualsiasi male accusate... andate a trovare la causa !!! Se curate solo il sintomo, lo squilibrio si ripresenterà più intenso e da un'altra parte del corpo. Il nostro corpo dovrà essere curato o riequilibrato livello totale, ogni cellula del nostro corpo incorpora le informazioni di tutte le altre cellule, perciò il nostro corpo non si cura pezzetto per pezzetto ma nella sua totalità !!!
 Raymond Bard.

02 ottobre 2011

PSICOFITNESS "La Rivoluzione del Benessere" - NEUROSCIENZA - Raymond Bard

Il progetto "Psicofitness" si propone di riportare nell'ambito della scienza il campo del benessere psicofisico.
 In tempi sono sicuramente maturi: moltissimi di noi in un modo o nell'altro si dedicano a pratiche di benessere: dallo yoga alla meditazione, dalla cura dell'alimentazione all'esercizio fisico, dal cercare gruppi che siano in sintonia con noi alla gestione delle nostra emotività. Nonostante la straordinaria diffusione di queste pratiche ed alla crescita esponenziale dell'industria del benessere, come ben descritto dall'economista Paul Zane Pilner ne "La Rivoluzione del Benessere", l'ambiente medico e scientifico si rivolge ad esse con scetticiscmo attribuendo i loro effetti alla semplice suggestione oppure al semplice rilassamento che indurrebbero, trascurando ciò che le neuroscienze stanno chiaramente dimostrando in questi ultimi anni. Molte pratiche rivolte al benessere cambiamo il funzionamento del nostro cervello, proteggendolo, disintissicandolo e addirittura stimolandone la crescita. Purtroppo a tutt'oggi le pratiche del benessere, proprio per la disattenzione dell'ambiente scientifico, si basano principalmente sul buon senso e sull'esperienza ma mancano di una base validata scientificamente e, visto che incidono profondamente sulla qualità di vita di ognuno di noi, è arrivato il momento di creare questa base, capace di aiutarci a discriminare tra pratiche realmente efficaci da quelle che non lo sono. Proprio per questo nasce la Psicofitness, come progetto capace di dare un fondamento scientifico a ciò che la pratica ci dimostra, cioè che possiamo star bene e con il benessere psicofisico creare la piattaforma indispensabile per il lungo cammino verso una vita felice. Il libro "Psicofitness. Una nuova scienza per il benessere della mente" rappresenta la prima tappa di questo progetto. Una tappa che è necessariamente incompleta ma che rappresenta il nucleo di partenza di un cammino che diventerà sempre più deciso e determinato a partire dal coinvolgimento di tutti Voi, che come me cercate la via verso la serenità, con i vostri suggerimenti, le vostre critiche ed il vostro incoraggiamento..... Tra le aree principali di impegno dell'equipe psicofitness, sono di particolare rilievo l'area della prevenzione e benessere rivolto alle istituzioni scolastiche e l'area benessere aziendale rivolto al mondo dei manager che presentano particolari difficoltà nella gestione dello stress e del proprio benessere psicofisico. Ecco alcuni principi guida di questo progetto: L'importanza di rispettare la Persona Umana La centralità del Metodo e del Pensiero Scientifico come Guide Imprescindibili. La necessità di pensare alla persona come un Soggetto Complesso che è il risultato della sua genetica, delle esperienze di vita e del contesto relazionale in cui vive. La consapevolezza delle Profonda Ignoranza sui meccanismi della nostra mente e del nostro cervello e della lunga strada che la ricerca e la riflessione umana dovrà percorrere. L'importanza dell'attività di Team nella gestione della conoscenza e della salute mentale. Il ruolo centrale di una discussione aperta e trasparente come punto di partenza per la crescita individuale e sociale. Riguardo l'alimentazione ..Non dimentichiamoci che ogni alimento è composto da sostanze che non soltanto forniscono energia, ma contengono sostanze capaci di influenzare i neurotrasmetittori da cui dipendono le nostre emozioni ed il nostro umore e colpiscono anche i nostri sensi, soprattutto l’olfatto, il gusto e la vista...........La combinazione alimentare ottimale per ciascuno di noi dipende dall’integrazione dei nostri bisogni fisici e mentali ed la nostra psicofitness dipende dalla capacità di trovare la corretta chiave di lettura dei nostri bisogni. In questo senso decondizionarsi dai bisogni indotti dalla cultura e dal mercato per ricondizionarci ai nostri bisogni naturali ascoltando attentamente il nostro corpo, è la strada maestra verso una alimentazione orientata ad un benessere psico-fisico.......

Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

VITAMINA C e ZINCO tutto quello che pochi sanno

  CERCA LE MIE PUBBLICAZIONI A RIGUARDO  DAL 2010 A OGGI  https://www.google.com/search?q=vitamina+C+Raymond+Bard&gs_ivs=1 Vitamina C Pu...

Macrolibrarsi

Scrivi a Raymond Bard @: raymondbard@hotmail.it

Nome

Email *

Messaggio *