Visualizzazione post con etichetta ALIMENTAZIONE. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta ALIMENTAZIONE. Mostra tutti i post

01 dicembre 2020

10 cibi da evitare per avere quella pancia piatta che hai sempre desiderato


Tutti noi vogliamo avere la pancia piatta, ma anche con allenamenti intensivi e la dieta, la pancia rimane la parte più difficile di cui sbarazzarsi. Il segreto che ti aiuterà a perdere qualche chilo è evitare certi cibi. Probabilmente lo sai già, ma non ti farà male sentirlo: evita il cibo spazzatura, i cibi fritti e il gelato. Più ne hai, più vuoi soddisfare il tuo sempre crescente desiderio. Se sei seriamente intenzionata a sbarazzarti del grasso della pancia, devi davvero perdere l'abitudine di bere succhi acquistati in negozio e bibite gassate. Anche le bevande dietetiche rallentano il metabolismo e fanno sì che il tuo corpo immagazzini più grasso. A proposito di bevande, dovrai anche dire di no all'alcol. Alcune bevande alcoliche sono cariche di calorie, ma non si tratta solo del contenuto calorico di alcune bevande. Il consumo di alcol aumenta l'appetito, e confonde la parte del cervello responsabile di quella sensazione di sazietà nello stomaco. Insieme allo zucchero, anche il sale dovrebbe essere limitato a piccole quantità, specialmente se si soffre di pressione alta. Ricorda che un cucchiaio di maionese ha circa 100 calorie. Un altro cibo da evitare è la gomma da masticare. Quando mastichi la gomma, il tuo cervello e il tuo stomaco ricevono segnali che li preparano per un nuovo pasto. Ciò significa che la gomma innesca la sovrapproduzione di acido dello stomaco, che finisce per farti sentire affamata. TESTO NEL TEMPO: Bevande alcoliche 0:36 Bibite gassate 1:34 Gomma da masticare 2:39 Alimenti ricchi di sodio 3:19 Fast food 4:05 Maionese 4:59 Cibi fritti 5:28 Gelato 6:05 Alimenti che ti fanno gonfiare 7:04 Cibi "senza zucchero" 8:14 RIASSUNTO: -Il consumo di alcol in sé ti fa sentire affamata, quindi non importa quanto sei piena, quando vai a prendere una bottiglia di birra, di solito mangi anche uno spuntino. -Se stai seriamente cercando di sbarazzarti del grasso della pancia, devi davvero perdere l'abitudine di bere succhi acquistati in negozio e bevande gassate. -La gomma innesca la sovrapproduzione di acido dello stomaco, che finisce per farti venire fame, soprattutto di cose zuccherate. -Non solo sono dannosi per la salute i cibi ad alto contenuto di sodio, fanno anche sì che il tuo corpo trattiene i liquidi, risultando in una pancia gonfia. -Il cibo spazzatura è un mix spaventoso di grassi, zuccheri e additivi chimici che gli conferiscono un grande gusto e che influisce negativamente sui batteri buoni nell'intestino e che porta all'obesità. -Se sei una grande fan della maionese, allora dovresti sapere che questo condimento contiene almeno l'80% di grassi. - I cibi fritti nell'olio funzionano come una spugna che assorbe i grassi saturi che ingannano il cervello e quindi continui a spingere il cibo in bocca senza nemmeno accorgertene. -Più gelato mangi, più vuoi soddisfare la tua voglia sempre crescente. - Mele, lenticchie, fagioli e carciofi causano tutti aria che fa gonfiare le pance anche delle persone più magre. -I dolcificanti artificiali negli alimenti "dietetici" potrebbero non avere calorie in sè, ma ti faranno venire voglia di mangiare di più, il che porta solo ad un aumento del peso in eccesso.

24 marzo 2014

il giusto integratore - chi può aiutarti a scegliere?


Il giusto integratore



Consulente di zona Milano,Bergamo,Monza


Ecco perche io ti posso aiutare:

http://www.raymondbard.com/p/chi-e-raymond-bard.html

http://www.bancalavorofitness.com/raimondo-bardoni

Sito per ordini online
Chiedetemi il codice sconto
http://www.ultimate-italia.com/index.php

Pasto sostitutivo o barretta per aumentare la massa magra da ben 90 grammi


BARRETTONE MASS POWER GUSTO COCCO 0 CIOCCOLATO  - da  90 Grammi
Nulla a che vedere con le barrette da 25 gr. 30 gr. 40gr. che non combattono la fame...

Questo barrettone di 90 g, nutre come una bistecca + un panino + un frutto + 10 nocciole (e costa meno) e ha più vitamine e minerali

Mass Power è barretta energetico/proteica con vitamine, minerali, fattori antiossidanti.
Ottima da assumere come snack nel corso della giornata ma anche per gli sportivi che si sottopongono ad allenamenti intensi che impegnano a fondo i muscoli. Le proteine infatti contribuiscono alla crescita ed al mantenimento della massa muscolare. La componente di carboidrati permette di avere un alto apporto energetico.


Vantaggi e benefici:
- Come pasto pronto e rapido comodo da portare con sé , sano e nutriente.
- Per recuperare: dopo un allenamento/gara per nutrire i muscoli e favorire il recupero,
- Come spuntino per chi deve aumentare la sua massa magra.

Cosa la rende speciale:
l’aminoacido Cistina aumenta il valore biologico delle proteine; 22 Vitamine, fattori antiossidanti e Minerali (incluso i "Sali" minerali); i grassi MCT (a catena media) che forniscono molta energia rapida come fossero carboidrati e tendono a non convertirsi in grasso. Alcuni minerali sono in forma di fosfati e carbonati e agiscono come tampone contro l’acido lattico, 23 g di proteine e 404 calorie a barretta.
.

Cosa contiene:
INFORMAZIONI NUTRIZIONALI
Per barretta (90 g)

Valore energetico 404 Kcal
Proteine 21 g
Carboidrati 44 g
Grassi 16 g
L-Cistina 0,25 g
Vitamina A 400 mcg
Vitamina C 30 mg
Vitamina E 5 mg
Vitamina B1 0,7 mg
Vitamina B2 0,8 mg
Vitamina B6 1,0 mg
Vitamina B12 0,5 mcg
Niacina 9 mg
Biotina 75 mcg
Acido pantotenico 3 mg
Acido folico 100 mcg
Vitamina D 2,5 mcg
Potassio 203 mg
Calcio 162 mg
Magnesio 29 mg
Fosforo 171 mg
Zinco 1,5 mg
Manganese 0,25 mg
Iodio 15 mcg
Selenio 5,76 mcg
Fluoro 4,1 mcg
Molibdeno 2,6 mcg
Selenio 5,7 mcg


Ingredienti: Sciroppo di glucosio, Proteine del latte concentrate, Copertura vegetale di cacao, Burro di cacao, Sciroppo di saccarosio, Destrosio, Cacao magro, Croccante di mandorla, MCT (trigliceridi a catena media), L-Cistina, Potassio cloruro, Miscela vitaminica (Acido L-Ascorbico (Vit, C), Nicotinamide, Acetato di DL-alfa-tocoferile (Vit, E), Calcio D-pantotenato (Calcio pantotenato), Riboflavina (Vit, B2), Piridossina cloridrato (Vit, B6), Tiamina cloridrato (Vit, B1), Retinile acetato (Vit, A), Acido pteroil(mono)glutammico (Acido folico), D-Biotina (Biotina), Colecalciferolo (Vit, D3), Cianocobalamina (Vit, B12)), Aromi, Calcio fosfato, Colina citrato, Magnesio carbonato, Inositolo, Zinco ossido, Manganese solfato, Potassio ioduro, Sodio selenito, Sodio fluoruro e Sodio molibdato.
Contiene soia e glutine.


Milano, Bergamo,Monza Brianza
Contattatemi per:
Info 
Sconti
Programmi di allenamento.

raymondbard@hotmail.it

o facebook: Raymond Bard





http://www.ultimate-italia.com/

07 dicembre 2013

Carnosina e Carnitina a cosa servono ? Integratori alimentari

Carnosina e Carnitina a cosa servono ? Integratori alimentari




La Carnosina nota anche come beta-alanil-L-istidina  è una molecola costituita da due aminoacidi  alanina e istidina, La Carnosina:
- Riduce i danni provocati dai radicali liberi
- Sostiene il ringiovanimento cellulare
- Ritarda l' invecchiamento 
- E' implicata in alcuni processi metabolici per la produzione di  energia.
- Lavora in sinergia con altri micronutrienti antiossidanti
- Può migliorare la funzione cardiaca e aumentare la guarigione delle ferite.
- Migliora la funzionalità delle membrane cellulari
- Tampona l'acido lattico prodotto dallo sforzo muscolare
- Più recupero dopo la prestazione sportiva
- Aumenta l' ATP  per la produzione di energia
 La carnosina si trova in modeste concentrazioni nei tessuti del corpo, è concentrata maggiormente nelle fibre muscolari bianche ma la possiamo assumere da alcuni alimenti: 
pollame ,manzo,maiale,pesce.
L'assunzione media giornaliera di carnosina è da 50 a 250

mg  a seconda di quanto manzo, maiale, pesce o pollame 

che una persona mangia.

Gli Integratori in commercio di solito forniscono 100 -300 mg 

carnosina per assunzione giornaliera, preciso che i dosaggi 

presi in esame per gli studi vanno da 1000 mg  3000 mg.

secondo il mio parere troppo costoso..

In confronto a creatina e altri aminoacidi, ci sono stati pochi test e ricerche sulla supplementazione di beta-alanina.
 In America ci sono state alcune segnalazioni di parestesia lievi e poco frequenti (formicolio o intorpidimento).

Consultare sempre il parere di un'esperto.

La carnitina

Acetil-L-carnitina

Un aiuto per i muscoli e per il cervello
 
del dott. Anrea Poli e della dott.ssa Claudia Valla

La L-carnitina è stata scoperta nei tessuti muscolari nel 1905. È presente come carnitina libera non esterificata e come carnitina esterificata (acil-carnitina). L'acetil-L-carnitina rappresenta la forma più semplice tra le carnitine esterificate, ovvero quella nella quale il gruppo acilico legato è composto da solo due atomi di carbonio.
In pratica, l'acetil-L-carnitina è un estere dell'aminoacido trimetilato L-carnitina, composto che gioca un ruolo di fondamentale importanza nel processo di produzione di energia a partire dai lipidi. La L-carnitina, infatti, permette il trasporto degli acidi grassi a lunga catena dal citosol cellulare ai mitocondri, ove il processo continua attraverso la beta ossidazione, il ciclo di Krebs e la fosforilazione ossidativa fino alla produzione di energia in forma di ATP. L'acetil-L-carnitina riveste un ruolo cruciale in questo complicato processo, vale a dire quello di trasportatore intermedio del gruppo acetilico tra la molecola della L-carnitina e quella del CoA.
L'acetil-L-carnitina è in grado di: facilitare l'uptake di CoA nel mitocondrio durante il processo di beta ossidazione degli acidi grassi, incrementare la produzione di acetilcolina e stimolare la sintesi dei fosfolipidi di membrana. Essendo dal punto di vista strutturale molto simile alla acetil-colina, l'acetil-L-carnitina può anche esercitare un azione colino-mimetica.
Le possibili applicazioni dell'acetil-L-carnitina sono molteplici e rivestono molti ambiti, dagli integratori energetici destinati agli sportivi, a quelli contro la depressione e per la funzionalità cerebrale. La ricerca medica ha inoltre individuato alcuni indirizzi terapeutici di tipo prettamente clinico, quali ad esempio: il morbo di Alzheimer, le neuropatie diabetiche, l'ischemia e la riperfusione cerebrale nonché il miglioramento delle facoltà cognitive degenerate in seguito ad alcolismo. In questa sede ci atterremo solamente al primo ambito, ovvero quello che maggiormente si rivolge alla prevenzione od alla cura di una sintomatologia leggera e quindi non di carattere prettamente patologico.

Metabolismo
La carnitina può essere sintetizzato nel cervello, nel fegato o nel rene ad opera dell'enzima ALC-transferasi a partire da lisina, metionina ed in presenza di vitamina C ed altre sostanze che fungono da substrato o cofattori. Il tessuto del muscolo cardiaco e di quello scheletrico rappresentano le principali sedi di stoccaggio di questa sostanza.
Il metabolismo della L-carnitina è riassunto nella figura. Come si può notare, la produzione di acetil-L-carnitina avviene a partire dalla L-carnitina e dall'acetil-CoA derivato dal processo di beta ossidazione degli acidi grassi (entranti sotto forma di acil-CoA) grazie all'intervento dell'enzima carnitina-acetiltransferasi presente nella matrice mitocondriale.
La disponibilità di L-carnitina e dei suoi esteri previene l'accumulo di quantitativi tossici di acidi grassi e acil-CoA (rispettivamente nel citoplasma e nel mitocondrio) e permette l'avviamento degli acetil-CoA alla sede mitocondriale per la produzione di energia.

Per le prestazioni sportive
I livelli di carnitina totale, di carnitina libera, di carnitina esterificata presenti nel nostro organismo possono essere misurati tramite il prelevamento di campioni di urina, plasma e tessuto (biopsie muscolari) umano. Grazie alla misurazione dei metaboliti della carnitina che accompagnano l'esercizio fisico, è stato possibile stabilire che l'allenamento intenso determina un'ingente domanda metabolica di carnitina. In tal caso l'assunzione esogena di carnitina può facilitare significativamente l'entrata degli acidi grassi nei mitocondri e la conseguente produzione di ATP.
Per garantire una continua disponibilità di energia durante l'esecuzione di un'attività fisica particolarmente intensa, possono essere assunte indistintamente sia la forma libera della L-carnitina che quella esterificata dell'acetil-L-carnitina (singolarmente od in miscela). I meccanismi che, in entrambi i casi, entrano in gioco sono riassumibili come segue:
  • Incremento dell'efficienza metabolica di utilizzazione delle molecole ad alta energia (lipidi).
  • Incremento della possibilità di bruciare grassi durante l'esecuzione dell'attività fisica.
  • Incremento dell'efficienza con la quale sono bruciati gli zuccheri.
  • Diminuzione del rapporto lattato/piruvato con relativo incremento della disponibilità energetica a livello cellulare.
  • Livelli ottimali di creatina contribuiscono a contrastare il naturale innalzamento di acetil-CoA che si verifica durante l'esercizio fisico.
  • Incremento diretto dell'attività degli enzimi che partecipano alla respirazione cellulare (più veloce produzione di energia).
  • Riduzione del dolore muscolare che può seguire un intenso esercizio fisico.
  • Riduzione dell'incremento dei battiti cardiaci durante l'istante di massima intensità dello sforzo.
  • Incremento della resistenza degli atleti durante sforzi prolungati.
  • Diminuzione della formazione di radicali liberi durante l'esercizio fisico.
Per le prestazioni intellettuali
Per la presenza del gruppo acetilico, l'acetil-L-carnitina è in grado di oltrepassare la barriera ematoencefalica ed è quindi più adatta della L-creatina libera ad ottimizzare la funzione cellulare nel distretto cerebrale.
In particolare, l'acetil-L-carnitina può prevenire il naturale deterioramento cellulare che può verificarsi in seguito al perduramento di situazioni di stress od all'invecchiamento. Coll'avanzare dell'età, infatti, la quantità di acetil-L-carnitina presente nel nostro cervello diminuisce. Per questa ragione, l'integrazione con tale sostanza è particolarmente indicata per le persone anziane. L'acetil-L-carnitina risulta di grande utilità anche nel caso in cui le cellule cerebrali siano state private di ossigeno per un breve lasso di tempo. È stato infatti verificato che, grazie alla somministrazione di acetil-L-carnitina, il recupero dei pazienti colpiti da ictus può essere più veloce.
Il meccanismo con il quale l'acetil-L-carnitina può prevenire il deterioramento delle cellule cerebrali ed ottimizzare la loro funzionalità coinvolge diverse modalità. L'acetil-L-carnitina, oltre ad aiutare le cellule cerebrali ad avere a propria disposizione energia prontamente disponibile, agisce anche da potente antiossidante e contribuisce ad incrementare il livello di un importante messaggero molecolare, l'acetil-colina. La disponibilità di energia è particolarmente importante per le cellule cerebrali che, come è noto, non sono sostituibili.
L'acetil-L-carnitina è inoltre in grado di diminuire la perdita di recettori cellulari che normalmente avviene coll'avanzamento dell'età. Tali recettori sono quelli che permettono la comunicazione tra diversi neuroni: ottimizzare la loro funzionalità significa dunque ottimizzare la funzionalità cerebrale. L'acetil-L-carnitina agisce anche a livello dei neurotrasmettitori, vale a dire delle molecole che partecipano dal punto di vista chimico alla trasmissione dell'impulso.
Proprio per la sua capacità di incrementare la vitalità e l'energia a livello intellettuale, l'assunzione di acetil-L-carnitina risulta indicata anche nel trattamento della depressione, soprattutto di quella che compare in età avanzata.
In alcune sperimentazioni, inoltre, l'acetil-L-carnitina si è dimostrata in grado di:
  • diminuire l'accumulo di lipofuscina, un indice di invecchiamento nel cervello;
  • aumentare il livello del fattore di crescita NGF (nerve growth factor) che costituisce un composto importante nel mantenimento della funzionalità dei neuroni. Dato che col progredire dell'età i neuroni rispondono meno alla benefica azione dell'NGF, l'azione dell'acetil-L-carnitina si manifesta coll'incrementare anche la sensibilità dei neuroni nei confronti di tale composto;
  • mantenere la guaina mielinica di rivestimanto dei nervi (importante per il mantenimento della salute e funzionalità dei nervi stessi);
  • preservare l'informazione genetica custodita negli acidi nucleici RNA e DNA;
  • aiutare le cellule cerebrali ad utilizzare fonti energetiche alternative, quali ad esempio i lipidi od i corpi chetonici. L'assunzione di acetil-L-carnitina aiuta le cellule del nostro cervello ad adattarsi a livelli minori di glucosio nel sangue quali quelli che possono verificarsi tra un pasto (ipoglicemia). In tale modo è garantito al cervello un costante ed adeguato apporto di energia;
In sintesi, possiamo affermare che l'acetil-L-carnitina:
  • mantiene i neuroni vitali ed in salute;
  • aiuta i neuroni ad inviare ed a ricevere i segnali;
  • protegge i neuroni ed i loro recettori dal danneggiamento inflitto dallo stress.
Dal momento che il cervello sovrintende a tutti i processi che regolano lo stress e l'invecchiamento, agendo positivamente in ambito cerebrale, l'acetil-L-carnitina contribuisce al mantenimento dello stato di salute globale del nostro organismo.
Dosi e tossicità
Le dosi normalmente consigliate per l'acetil-L-carnitina variano dai 250 ai 2.000-3.000 mg/die a seconda del tipo e dell'indirizzo della formulazione6. A titolo indicativo, è possibile riportare i seguenti dosaggi:
  • per il mantenimento della funzionalità intellettuale: 250-1.000 mg/die
  • contro la depressione e per il sistema immunitario: 500-2.000 mg/die
  • per la performance sportive: da sola od assieme alla L-carnitina in dosi da 500 a 2.000 mg/die.
In corrispondenza dei dosaggi più elevati e/o prolungati, in alcuni soggetti possono presentarsi sogni più vivaci. Se si stanno assumendo farmaci a base di acido valproico (es. Depakote, Depakene), ma anche fenitoina (Dilantin) potrebbe essere necessario incrementare l'utilizzo di carnitina (in questi casi è sempre opportuno consultare prima il medico).

FIGURA: Metabolismo della L-carnitina e dell'Acetil-L-carnitina.

ACETIL N-CARNITINA
Tabella riassuntiva 

Proprietà, azioni, impieghi: 
Miglioramento delle performance sportive ed intellettuali, aiuto per la memoria, per il sistema immunitario e per il mantenimento delle facoltà intellettive, contro la depressione, contro la sindrome da affaticamento cronico, etc. 

Dose consigliata:
- Per il mantenimento della funzionalità intellettiva: 250-1.000 mg/die
- Contro la depressione e per il sistema immunitario: 500-2.000 mg/die
- Per le performance sportive: da sola od assieme alla L-carnitina in dosi da 500 a 2.000 mg/die. 

Quando iniziare ad assumerla:
Per il miglioramento delle facoltà intellettive, è' consigliabile iniziare ad assumerla con l'inizio dell'età adulta (18-20 anni) in concomitanza di periodi di intenso stress fisico ed intellettuale e con maggiore regolarità dopo i 40 anni. 

Possibili sinergie con: 
Magnesio, acido folico, Vit B12, Zinco, Vit. E, Vit. B6, CoQ10, Ginkgo biloba, Rhodiola rosea, Rhododendro caucasico, Cardo mariano, Kawa kawa, Centella asiatica, Semi di pompelmo, Mirtillo, Valeriana. 

Precauzioni per l'utilizzo:
Non è consigliabile l'utilizzo da parte dei soggetti colpiti da epilessia o da sindromi maniaco-depressive bipolari. 

Possibili Effetti Collaterali:
In corrispondenza dei dosaggi più elevati e/o prolungati, in alcuni soggetti si possono presentare sogni più vivaci. 

Possibili interazioni con: 
Se si stanno assumendo farmaci a base di acido valproico (es. Depakote, Depakene), ma anche fenitoina (Dilantin) potrebbe essere necessario incrementare l'utilizzo di carnitina (consultare il medico)


Andrea Poli e Claudia Valla
Divisione dietetica ACEF Via Umbria 8/14 Fiorenzuola d'Arda (PC) Tel. 0523/291411 Fax 0523/291429
Le informazioni presentate in questa rubrica hanno solo scopo educativo. Si basano su studi scientifici, esperienze cliniche o usi tradizionali. I risultati riportati non avvengono necessariamente in tutti gli individui. Consultare sempre il proprio medico, dietologo o farmacista prima di intraprendere l'uso di qualsiasi integratore dietetico. Le informazioni qui riportate non vogliono avere alcun valore di prescrizione medica.

Bibliografia
1 Alternative Medicine Review - Monograph. Acetyl-L-Carnitine. Volume 4, Number 6, December 1999 available on:http://www.thorne.com/altmedrev/mono-acetyl4-6.html.
2 John H. Furlong N.D. Acetyl-L-Carnitine: Metabolism and Applications in Clinical Practice Alt Med Rev 1996;1(2):85-93.
3 Bucci L. I nutrienti come aiuti ergogeni per lo sport e per l'esercizio fisico. Sandro Ciccarelli Editore SRL., Firenze 1999, pag 48-54.
4 Crayhon R. The carnitine miracle. M. Evans and Company Inc. New York, 1999.
5 Patti F et al. Effects of L-acetil-carnitina on functional recovery of hemiplegic patients. Clinical Trials Journal 1988; 25 (Suppl 1), 87-101.
6 Bratman S. Natural Health Bible. Edited by Stepven Bratman, M.D. & David Kroll, PhD 1999, p 151-153.

22 agosto 2013

Perchè ci sentiamo insoddisfatti e inadeguati - Come ristrutturare la realtà - Raymond Bard


Perchè ci sentiamo insoddisfatti ?

Stiamo vivendo la nostra vita?

Un pesce che cerca di arrampicarsi per tutta la vita su un albero si sentirà sempre inadeguato.

Una rana che cerca di scalare una montagna si sentirà infelice e stanca.

Ogni essere vivente è diverso dagli altri, ognuno ha bisogno di un habitat adeguato!!

Molte persone vivono una vita schematica come se fossero dei robot , ma la nostra essenza o parte divina dentro noi non è d'accordo, essa  non cresce non comunica e non si evolve.

Lo scopo di ogni umano è l'interazione con tutto ciò che esiste per  l'evoluzione dell'essere in termini di consapevolezza  e non una vita fatta di obiettivi  e progetti economici e materiali.

Alle 100 miliardi di cellule che compongono il nostro corpo non interessa avere il conto in banca o un'auto lussuosa, il nostro cervello è stato assunto come amministratore del nostro corpo in termini di benessere e condivisione cellulare.
Peccato che i mezzi d'informazione hanno corrotto l'amministratore (il cervello) ed egli non fà più il suo dovere...
Per sentirsi bene preferisce la carta colorata con tanti zeri che una passeggiata in mezzo alla natura insieme alle persone più care..

Dentro te c'è una vocina che ti chiede aiuto e cambiamento.
Ti voglio dare dei  consiglio infallibili per ristrutturare in fretta la tua realtà per farti avvicinare al tuo sentiero di vita


1) Esci di casa sorridente e allegra
2) Sorridi ad ogni persona che vedi emanando positività
3) Incontra più persone possibili e conosci più persone possibili
4) Usa poco l'auto e approfitta per camminare molto a piedi o prendi mezzi di trasporto pubblico
5) Cerca di scambiare parole e sorrisi con più persone possibili
6) Accetta  gli inviti  di queste nuove persone (opponendoti alla tua mente razionale e calcolatrice)
7) Sorridi a persone animali e alla natura.
8) Non ascoltare la mente razionale e segui l'intuito 

In una sola settimana conoscerai tantissime persone molti di questi ti presenteranno ancora altre persone in più
ti troverai in posti nuovi.

Raccoglierai i frutti in meno di una settimana e sarai cosi contenta che ti abituerai a vivere una nuova vita.

Questo mio metodo ha cambiato la vita a molte persone 
chi cercava l'anima gemella l'ha trovata tramite un'amica che ha conosciuto al  secondo giorno di questo metodo, un altra persona ha trovato un lavoro part time tramite amici degli amici (altro che inviare 150 curriculum al giorno)
altre persone nel giro di qualche mese hanno cambiato città o nazione.


Ogni nostra azione positiva interagisce con l'universo tramite catene energetiche umane.
Bisogna cominciare da oggi 
Esci di casa e semina positività,felicità e altruismo.


Auguri e buon cammino
Raymond Bard

15 giugno 2013

Artrite reumatoide e malattie infiammatorie - La ricerca degli anticorpi anticitrullina ha una elevatissima specificità e sensibilità diagnostica.


I test più utili per la diagnosi di artrite reumatoide sono: anticorpi anti citrullina (CCP), Fattore reumatoideVesPCR e altri

 La ricerca degli anticorpi anticitrullina ha una elevatissima specificità e sensibilità diagnostica.

 Uno studio, recentemente pubblicato, ha messo a confronto il Fattore Reumatoide e gli anti-Citrullina come marcatori di Artrite Reumatoide, i dati indicano che sebbene la sensibilità sia circa la stessa, intorno al 70%, la specificità degli anti-CCP è significativamente più alta, oltre il 90%. Pertanto gli anti-citrullina sembrano essere un potente mezzo a disposizione del clinico che deve poter discriminare tra un soggetto con Artrite Reumatoide, spesso senza sintomi specifici, e la popolazione normale o altre forme artritiche o altre malattie reumatiche o diverse condizioni infiammatorie.

ANTI-CCP: ANTICORPI ANTI PEPTIDE CICLICO CITRULLINATO   
ACCURATEZZA DIAGNOSTICA: Gli anticorpi anti-ccp sono altamente specifici (95%)per Artrite Reumatoide (AR).
RILEVAZIONE PRECOCE : Gli anticorpi anti-ccp sono già presenti nelle prime fasi della malattia.
VALORE PROGNOSTICO: Il titolo anticorpale correla con l'aggressività della malattia. Elevati valori di anti-ccp sembrano essere prognostici della forma erosiva della malattia.

QUESTO TEST RAPPRESENTA UN VALIDO STRUMENTO:
  • Nella diagnosi precoce di AR in pazienti con  processo infiammatorio a carico della sinovia
  • Nella differenziazione di AR rispetto ad altre artriti infiammatorie
  • Nella differenziazione di AR rispetto a CTDs quali il LES nella forma erosiva
  • Nella conferma di diagnosi in pazienti FR sieronegativi
  • Nell'identificazione di pazienti che svilupperanno forme severe di AR
  • Nel monitoraggio dell'efficacia terapeutica


Dal momento che gli anti-citrullina sembra siano rilevabili molto prima del Fattore Reumatoide, è possibile che si debba perfino riconsiderare le linee guida classificative dell’Artrite Reumatoide (vedi
box). Infatti uno dei criteri tradizionali è la presenza nel siero di RF. Inoltre gli anti-citrullina, si  comportano  come marcatori precoci di malattia infatti sono dimostrabili in pazienti che lamentano sintomi da pochi mesi. La medicina di laboratorio mette a disposizione un dosaggio immunoenzimatico delle IgG specifiche per il peptide citrullinato.
I risultati possono essere espressi in modo QUALITATIVO
- Negativo
- Dubbio
- Positivo
oppure in maniera QUANTITATIVA facendo riferimento ad una curva standard che esprime valori in Unità/ml (U/ml). E’ opportuno ricordare che la misurazione riguarda un’attività anticorpale e non una concentrazione; attività che dipende da diversi fattori, come ad esempio l’avidità degli anticorpi.
I valori di riferimento sono:
< 5 U/ml NEGATIVO
> 5 U/ml POSITIVO

Tratto da:
http://www.analisilopresti.it/artritereumatoide.html
http://www.salvatidiagnostica.it/cat10_art133_Anti---Citrullina.html

01 giugno 2013

Sebastiano Sessa Personal Trainer di Siracusa - Dati personali ed esperienze lavorative


Dedico questa pagina del mio sito ad un personal trainer  di Siracusa molto preparato ed attento a ciò che fà, mi chiama tutte le settimane per consultarsi con me su nuove tecniche e strategie.

Ecco il suo curriculum:


DATI  PERSONALI
Nome e Cognome    Sebastiano Sessa
Telefono cellulare  340/6786249
Luogo e data di nascita   Siracusa  09/04/1981
ESPERIENZE  LAVORATIVE  MATURATE
Data    febbraio 2010
Nome e indirizzo del datore di lavoro        New Emotion Wellness Center
Tipo di azienda o settore                             Sport e benessere
Tipo di impiego    Tecnico sala attrezzi
Principali mansioni e responsabilità       Sala pesi
Data    Da settembre al 30 novembre 2009
Nome e indirizzo del datore di lavoro    New Fitness World Club
Tipo di azienda o settore                                       Sport e
benessere
Tipo di impiego    Istruttore di fitness e ginnastica posturale
Principali mansioni e responsabilità    Responsabile sala attrezzi
Data    Da febbraio a maggio 2009
Nome e indirizzo del datore di lavoro     Space Dance Centro Fitness
Tipo di azienda o settore        Sport e benessere
Tipo di impiego    Istruttore di fitness
Principali mansioni e responsabilità    Sala attrezzi
Nome e indirizzo del datore di lavoro    Club palestra piscina ”Sagittario”
Tipo di azienda o settore    Sport e fitness
Tipo di impiego    Istruttore nuoto
Data    Da giugno a settembre 2008 stagione estiva
Nome e indirizzo del datore di lavoro    Hotel  Villaggio del Pino località
Calabria
Tipo di azienda o settore    Turismo
Tipo di impiego    Istruttore di ginnastica e fitness
Principali mansioni e responsabilità    Tecnico fitness
Data    Da maggio 2007 a giugno 2008
Nome e indirizzo del datore di lavoro    Cittadella dello sport di Siracusa
Tipo di azienda o settore
Settore istruzione tecnica
Tipo di impiego    Istruttore di nuoto
Data    Da febbraio a marzo 2008
Nome e indirizzo del datore di lavoro    La Fonte del Benessere Health and
Fitness Center centro medico e fisioterapia
Tipo di azienda o settore    Sport e benessere
Tipo di impiego    Istruttore sala fitness, istruttore di ginnastica posturale
Principali mansioni e responsabilità    Responsabile sala attrezzi

ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE
Data  Anno 2002
Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione    Istituto Enrico fermi
Principali materie / abilità professionali oggetto dello studio      Chimica
fisica, chimica organica, chimica analitica, tecnologia impianti
Qualifica conseguita    Diploma di Perito Industriale Capotecnico
specializzazione: chimico
ISTRUZIONE E FORMAZIONE
DATA: GENNAIO-APRILE 2011
Corso base riflessologia plantare, massaggio riflessogeno plantare
Principali materie/ abilità professionali oggetto dello studio Tecniche di
manipolazione sul piede preparatoria alla seduta, apparato uropoietico,
apparato nervoso, apparato linfatico, apparato respiratorio, apparato
cardiocircolatorio, apparato digestivo, apparato osteomuscolare, punti
sciatici, organi di senso, apparato genitale, apparato endocrino
Qualifica conseguita Attestato di base di riflessologia plantare con
certificato del maestro Mark Joseph Rosano
DATA GIUGNO 2011
Seminario di specializzazione e aggiornamento  Dott. Gaetano Gibellino
specialista in ortopedia, fisioterapia e medicina dello sport; Articolazione
della spalla e del ginocchio
Principali materie/ abilità professionali oggetto dello studio lussazione
della spalla, artrosi della spalla,  periartrite scapolo omerale,
calcificazione del tendine del sovraspinato; articolazione del ginocchio,
condropatia di rotula, rottura del menisco, rottura del legamento crociato
anteriore
Data     Aprile 2010
Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione    Centro Sportivo Educativo
Nazionale di Roma Presidente Prof. Francesco Proietti
Principali materie / abilità professionali oggetto dello studio
Tecniche di allenamento, anatomia, fisiologia, biomeccanica
Qualifica conseguita        Diploma Personal Trainer e possesso tesserino tecnico
iscrizione all’albo professionale
Livello nella classificazione nazionale   Riconosciuto dall’Ente di Promozione
Sportiva del Coni
Data      11 aprile 2010
Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione    Master  in Alimentazione e
Nutrizione Dott. Luca La Fauci  Biologo Nutrizionista
Principali materie / abilità professionali oggetto dello studio
Accertamento e valutazione dello stato nutrizionale, integratori alimentari e
alimenti
Data  06 Febbraio 2010  salone Open Land  Siracusa
Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione       Ho partecipato al
congresso fermiamo il doping: Dott. Franco Battaglia- Presidente ASD Medical
Athletic Center, Prof. Giuseppe Cappello- Educazione alla salute, Dott.
Giambattista Cassisi- Coord. Regionale antidoping
Principali materie / abilità professionali oggetto dello studio    Il Doping e i
suoi effetti
Data     ottobre – novembre sostenuto il 15-11-2009
Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione    Corso di aggiornamento
continuo on-line sulle basi medico-scientifiche della nutrizione vegetariana Dr.
ssa Luciana Baroni e Dott. Nicola Di Nisio www.scienzavegetariana.it
Principali materie / abilità professionali oggetto dello studio     Tipi di
vegetarismo,la salute dei vegetariani,vitamina B12,gli acidi grassi essenziali
nell’alimentazione vegetariana,la dieta vegetariana per l’esercizio,il training
e la performance atletica,colesterolo e cardiopatia,dieta e cancro,dieta e
cancro della prostata,dieta e cancro della mammella,il ferro nella dieta vegana,
il calcio,le proteine,minerali,vitamine e antiossidanti
Qualifica conseguita    Attestato di partecipazione sulle basi medico
scientifiche della nutrizione vegetariana superamento test di valutazione
finale punteggio (voto 37/50)
Livello nella classificazione nazionale     Accreditato presso il Ministero
delle Sanità nell’ambito del programma ECM-EDUCAZIONE CONTINUA IN MEDICINA  10
crediti formativi
Data    Maggio 2009
Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione      Centro Sportivo
“Sagittario” con il Docente Dottor. Concetto Mazzone Laureato in Fisioterapia-
Osteopata, docente presso il Corso di Laurea in Fisioterapia Università di
Catania
Principali materie / abilità
professionali oggetto dello studio    Elementi di fisiologia e fisiopatologia
della postura, la colonna vertebrale, il cingolo scapolare,  il cingolo pelvico
e il disco intervertebrale, gli effetti del sistema muscolo connettivale sull’
apparato scheletrico, l’appoggio plantare e i suoi effetti sulla postura, parte
speciale: le ernie discali lombari
Qualifica conseguita    Master specializzazione: patologie della colonna
vertebrale e valutazione posturale
Livello nella classificazione nazionale     Riconosciuto dall’Ente di Promozione
Sportiva del Coni
Data    Dal 24/05/08  al  8/06/08
Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione     Centro Sportivo
Educativo Nazionale di Roma
Principali materie / abilità
professionali oggetto dello studio        Riepilogo argomenti del I livello,
integratori, primo soccorso,traumatologia dello sport, prevenzione infortuni
Qualifica conseguita    Diploma istruttore di fitness e body building II livello
Livello nella classificazione nazionale     Riconosciuto dall’Ente di Promozione
Sportiva del Coni
ISTRUZIONE E FORMAZIONE
Data    Dal 3 al 4 maggio 2008
Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione    Centro sportivo “
Sagittario”
Principali materie / abilità
professionali oggetto dello studio    Cenni di fisiologia muscolare e
biomeccanica, struttura muscolare, fibre bianche e fibre rosse, ipertrofia e
iperplasia, cenni di posturologia (colonna vertebrale), tecniche di
allenamento, principi di alimentazione e integrazione sportiva
Qualifica conseguita    Master di aggiornamento
Livello nella classificazione     Riconosciuto dall’Ente di Promozione Sportiva
del Coni
ISTRUZIONE E FORMAZIONE
Data     23/24 febbraio 2008
Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione         A.I.C.S.
(Associazione Italiana Cultura e Sport) Actives e Wellness Point del Presidente
Prof. Cirino Sampugnaro
Principali materie / abilità  professionali oggetto dello studio    Nutrizione,
alimenti micronutrienti (vitamine, minerali, antiossidanti, acqua),
macronutrienti (carboidrati o glucidi, proteine, grassi, fibre alimentari),
glucagone, il metodo a Zona, acidi grassi Omega3, Eicosanoidi, indice glicemico
degli alimenti
Qualifica conseguita     Master in nutrizione e metodo a Zona
Livello nella classificazione nazionale    Consulente in nutrizione riconosciuto
sul territorio nazionale
ISTRUZIONE E FORMAZIONE
Data      Anno 2007
Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione    Centro Sportivo Educativo
Nazionale di Roma del Prof. Francesco Proietti
Principali materie / abilità professionali oggetto dello studio    nutrizione,
alimentazione, principali tipi di diete, esercitazione in sala pesi
Qualifica conseguita    Diploma istruttore fitness e body building I livello
Livello nella classificazione nazionale     Riconosciuto dall’Ente di Promozione
Sportiva del Coni, rilascio patentino di abilitazione tecnico
LINGUE STRANIERE      Inglese – Francese
Capacità di lettura                          Scolastica
Capacità di scrittura            Scolastica
Capacità di comunicazione                 Buona
Qualifica conseguita    Attestato certificato di competenza inglese di base e
intermedio
CAPACITÀ E COMPETENZE TECNICHE
Con computer, attrezzature specifiche, macchinari.
Ho frequentato un corso di preparazione di informatica per E.C.D.L. presso l’
Istituto Tecnico Filippo Juvara con rilascio di attestato
Buona conoscenza del  programma World, navigazione e ricerche su Internet,
posta elettronica
ULTERIORI INFORMAZIONI    Sito internet http://sites.google.com/site/wwwsebastianosessatrainercom ; qualifica istruttore di nuoto e acqua  fitness  rilasciata dalla federazione italiana nuoto in data 05/05/2007
Potete approfondire la mia conoscenza scrivendo sul motore di ricerca google alla voce personal trainer consulente in nutrizione
Donatore AVIS
Dicono di lui
Sebastiano è definito da coloro che lo conoscono una persona molto seria e professionale, nell’ambito del suo lavoro che svolge con passione, diligenza e dedizione verso gli utenti che presentano particolari problemi. Cordiale, paziente, amico.
Slogan
Il mio obiettivo, il tuo benessere fisico.
Curriculum
- Diploma istruttore nazionale 1°livello riconosciuto dal CONI e possesso patentino di abilitazione Presidente Nazionale Prof. Francesco Proietti
- Diploma istruttore nazionale 2° livello riconosciuto dal CONI
- Master in integrazione sportiva e metodologie di allenamento
- Partecipazione presso Villaggio Valtur
- Incontro salute e benessere conferenza/dibattito Centro Olistico “Cristaldi-Salus attestato di partecipazione conseguito in data 05/05/2011
- Master in patologie della colonna vertebrale e valutazione posturale
- Congresso fermiamo il doping, il doping e i suoi effetti 06/02/2010
- Corso di aggiornamento continuo on-line sulle basi medico-scientifiche della nutrizione vegetariana Dr.ssa Luciana Baroni ottobre/novembre 2009
- Master in articolazione della spalla e del ginocchio, Dott. Gaetano Gibellino specialista in ortopedia, fisioterapista e medicina dello sport
- Operatore massaggio plantare, massaggio riflessogeno plantare, giudizio di valutazione buono maestro del corso Mark Joseph Rosano
- Brevetto istruttore di nuoto, rilasciato dalla Federazione Italiana Nuoto, FIN 05/05/2007
- Acqua fitness
Specializzazione
- Diploma di Personal Trainer, possesso tesserino tecnico
- Iscritto all’albo nazionale tecnici C.S.E.N.
- Master in nutrizione e metodo a Zona Prof Cirino Sampugnaro 23/24 Febbraio 2008
Servizio offerto
- Ginnastica corpo libero
- Posturale
- Esercizi per la cervicale
- Tonificazione
- Programmi personalizzati di allenamento
- Stretching per la mobilità articolare
- Consulenza alimentare, consigli nutrizionali
Sito web:

10 maggio 2013

MOLTI MI CHIEDONO COSA SONO GLI INTEGRATORI? di Sebastiano Sessa Personal Trainer

Sebastiano Sessa Personal trainer 

MOLTI MI CHIEDONO COSA SONO GLI INTEGRATORI? 
E PERCHE' SONO COSI' IMPORTANTI?

SONO QUELLE SOSTANZE CHE COMPLETANO LA NOSTRA ALIMENTAZIONE, E LAVORANO PER DARE UN SISTEMA AL NOSTRO BENESSERE.
VANNO QUINDI AD INTEGRARE CIO' CHE MANCA NELLA NOSTRA ALIMENTAZIONE QUOTIDIANA, PURTROPPO CON LA VITA FRENETICA E CON GLI IMPEGNI NON SEMPRE SI RIESCE AD ASSUMERE TUTTI I NUTRIENTI NECESSARI.

DOCUMENTARIO LA CARNE É DANNOSA E CONDUCE ALLE MALATTIE


LA CARNE É DANNOSA E CONDUCE ALLE MALATTIE
La fine della violenza sugli animali e il non mangiar più le loro carni
è l’inizio della salute, della Pace in se stessi e in tutto il mondo.
Il Comandamento “NON UCCIDERE” comprende tutte le creature perché non dice “NON UCCIDERE L’UOMO”, ma semplicemente “NON UCCIDERE” (riguarda cioè anche gli animali). Inoltre Gesù disse: “Chi di spada ferisce, di spada perisce” e “Ciò che seminate, raccoglierete”; questa è la Legge di CAUSA-EFFETTO, confermata anche dalla scienza. Infatti seminando morte si raccoglie morte come ora qui vi spiegherò.
Sapete che ogni anno si uccidono 15 miliardi di animali innocenti che hanno il solo torto di non sapersi difendere dall’uomo che credono loro amico e protettore?

Forse non sapete che per allevare animali da macello per trasformarli in bistecche si sta devastando mezzo mondo e si stanno distruggendo importantissimi polmoni verdi come ad esempio le foreste amazzoniche per farne pascoli, creando così gravi squilibri nell’ecosistema locale e mondiale a danno soprattutto dei popoli del Terzo Mondo?

Lo sapete come vivono gli animali, come vengono violentati, costretti a vivere in spazi ridotti per ingrassare più rapidamente, come vengono gonfiati e rimpinzati di ormoni e antibiotici e come vengono anemizzati per annullare la loro vivacità, la loro vitalità e per rendere le carni più rosee?
Lo sapete che insieme alle loro carni mangiate ormoni, anemizzanti, antibiotici, adrenalina ecc. ed anche la loro paura e la loro angoscia, poiché essi “sentono” che saranno uccisi e liberano nel sangue l’adrenalina, cioè l’ormone della paura? Ecco perché il mondo si sta autodistruggendo: perché l’umanità è diventata superpaurosa. L’uomo, mangiando carne, assume in se stesso la paura dell’animale ucciso e diventa ciò che mangia: l’incarnazione vivente della paura. Essa è l’origine dell’ansia e dell’aggressività, la stessa aggressività e cattiveria che stanno distruggendo l’ambiente e l’umanità intera.    
L'industria alimentare e le multinazionali farmaceutiche viaggiano di pari passo, l'una ha bisogno dell'altra e queste due entità insieme, generano introiti circa venti volte superiori a tutte le industrie petrolifere del globo messe insieme...potete quindi ben capire che gli interessi economici sono alla base di questa disinformazione.
Se tenete conto che ogni malato di cancro negli stati uniti fa guadagnare circa 250.000 dollari a suddette multinazionali, capirete che questa disinformazione è voluta ed è volta a farvi ammalare per poi tentare di curarvi"
  86 MINUTI

08 maggio 2013

RADICALI LIBERI, STRESS OSSIDATIVO - Inquinamento, rumore, stress, fumo, agenti chimici, radiazioni, tensioni familiari e sociali


Inquinamento, rumore, stress, fumo, agenti chimici, radiazioni, tensioni familiari e sociali.



DENHAM HARMAN E LA TEORIA DELL'INVECCHIAMENTO

Prima di entrare nel vivo dell'argomento, serve fare un approfondimento sui radicali liberi, in quanto si parlerà spesso di questo. Denham Harman, classe 1916, "father of the theory of aging", pioniere della gerontologia moderna, è stato il primo nel 1956, quando era docente alla Berkeley University-California, a parlare di questo argomento, elaborando una vera e propria teoria rivoluzionaria dei radicali liberi, secondo la quale, col passare degli anni essi si accumulano e colpiscono il Dna, ossia il patrimonio genetico, oltre che gli stessi mitocondri cellulari, ovvero le strutture indispensabili alla produzione di energia nel nostro corpo.

MOLECOLE FASTIDIOSE CHE CI ROVINANO L'ESISTENZA

L'ossidazione all'interno delle nostre cellule è la stessa reazione chimica che fa scurire una mela o una patata tagliata, o fa arrugginire un chiodo. Da questa ossidazione, che nei giusti limiti è fisiologica e normale, ma che viene alterata in aumento da vari fattori quali fumo, alcol, veleni, stress, nascono i radicali liberi in eccesso. Cosa sono questi radicali liberi, queste molecole fastidiose capaci di rovinarci l'esistenza?

SOBRIETÀ ED EQUILIBRIO MINIMIZZANO IL PERICOLO

In condizioni normali vi è uno stato di equilibrio tra la produzione di radicali liberi e la loro neutralizzazione da parte dei meccanismi antiossidanti dell'organismo. Buona parte dello stress ossidativo proviene dall'ambiente esterno (inquinamento, rumore, stress, fumo, agenti chimici, radiazioni, tensioni familiari e sociali). Ma pure il nostro organismo produce, come sottoprodotti metabolici, molecole instabili ed ossidanti che includono radicali liberi e sostanze ROS, reattive all'ossigeno. Acidificare il nostro organismo alcalino e costringerlo a rimediare con metodi di emergenza tipo processi-tampone, significa produrre radicali liberi supplementari. Alcune di queste molecole (superossido, perossido di idrogeno e ossido nitrico) sono fisiologicamente utili e necessarie per la vita, ma possono diventare nocive se presenti in eccesso o in condizioni non-appropriate.

IL GRANDE NEMICO DA COMBATTERE È LO STRESS OSSIDATIVO

Sebbene il nostro corpo abbia elaborato meccanismi di difesa e di controllo (antiossidanti endogeni come gli enzimi superossido-dismutasi, la catalasi, la perossidasi, o anche molecole ad azione antiossidante come il glutatione, l'ormone melatonina, e lo stesso acido urico), non è in grado di contrastare lo stress ossidativo esuberante. Anche perché i radicali liberi in eccesso producono i loro danni in tempi brevissimi ed istantanei.

IN GIOVENTÙ GLI ERRORI SI TAMPONANO PIÙ FACILMENTE

Chi sono i radicali liberi RL? L'anione superossido O2- (il più diffuso), l'idrossile OH-, l'ossido nitrico NO-, il perossido di idrogeno o acqua ossigenata H2O2, l'Ossigeno Singoletto O2+ (particolarmente invadente), l'ossigeno O+ e l'Idrogeno H-. 
Cos'è che li causa? Le infiammazioni, il fumo, lo stress, l'alcol, l'aria viziata, l'attività fisica intensa ed esagerata (provocatrice di aumento di 50 volte nei RL, cioè del 5000%). Ovvio che quando si è giovani, non solo in senso anagrafico, esiste nell'organismo un maggiore effetto-tampone.

I FATTORI DI PATOLOGIA

Quando prevale la produzione di RL si viene a determinare un danno chiamato stress ossidativo, un fenomeno che fa impazzire il nostro orologio biologico scatenando accelerazione dei processi di invecchiamento e una lista di 50 patologie-base e si sta allungando giorno dopo giorno. Lo stress ossidativo è favorito da fattori chimici (farmaci, droghe, fumo, alcol), da fattori fisici (radiazioni, rumori, campi elettromagnetici, computer, telefonini, micro-onde), fattori biologici (vaccini), fattori mentali (depressione, panico, paura, ansia, stress), fattori nutrizionali (cibi carnei).

EFFETTI EVIDENTI E VERIFICABILI DELLO STRESS OSSIDATIVO

Esistono effetti immediati e verificabili dello stress ossidativo, tipo perdita della memoria, incapacità di concentrazione, insonnia, impotenza, rughe, calvizie, macchie sulla pelle, decremento muscoli ed aumento adipe, ansia e depressione, stato di malessere generale,stanchezza cronica e malattie degenerative neuromuscolari.

ELETTRONE SPAIATO E REAZIONI RADICALICHE A CATENA

Chimicamente parlando i RL sono atomi o gruppi di atomi con un elettrone spaiato nell'orbitale più esterno. Detto in altri termini, si parla di molecole instabili e socio-chimicamente affamate, visto che hanno un elettrone in esubero che le rende pronte a reagire con altre molecole, scatenando reazioni a getto continuo. Pur di stabilizzarsi tendono a sottrarre, per ossidazione, un elettrone alle specie circostanti, mediante reazioni a catena denominate reazioni radicaliche.

LE MODALITÀ FORMATIVE DEI ROS, RADICALI DELL'OSSIGENO

Tra i RL vi sono le specie radicaliche dell'ossigeno (ROS) che si formano: A) Durante i processi respiratori, B) Nelle reazioni enzimatiche implicanti trasferimento di elettroni, C) Nelle leucocitosi digestive e nelle reazioni immunitarie (specie neutrofili e macrofagi) per effetto del NAPDH di membrana, emoproteina riduttasi, oltre che attore proteico al pari di feredossina e cito-cromo B5, generante superossido atto a distruggere eventuali microrganismi, D) Nelle perfusioni e danni correlati (esempio nel ritorno del flusso sanguigno dopo un periodo di ischemia e relativi stati infiammatori di recupero), E) Ossigenasi nel metabolismo dell'acido arachidonico, F) Nelle reazioni di ossidoriduzione di proteine da parte del citocromo P450.

I CITOCROMI P450, MAGGIORI MOLECOLE DETOSSIFICANTI DELL'ORGANISMO
I citocromi P450, sottoclasse delle ossidasi a funzione mista, sono una super-famiglia enzimatica di emo-proteine, presente in tutti i domini dei viventi. I P450 sono i maggiori attori nella detossificazione dell'organismo, in quanto sono anche trasportatori di elettroni e di permeabilità. Agiscono su un gran numero di substrati esogeni (farmaci e tossine esterne, minerali inorganici assunti con diete cotte o con integratori e vitamine sintetiche) e di substrati endogeni (scarti organici, detriti cellulari definiti virus o meglio fattori intasanti). Sono note più di 7500 molecole tipo P450.

ELENCO DEI MAGGIORI ANTI-OSSIDANTI

Per bloccare, limitare e tenere sotto controllo i radicali liberi esistono gli antiossidanti. Gli antiossidanti combattono i RL con un meccanismo semplicissimo. Cedono istantaneamente l'elettrone in più e disinnescano la miccia. Quali sono i miglior i antiossidanti? Acido lipoico, aminoacidi solforati come cistina, metionina, cisteina, metionina, taurina, acido cistico (contro H2O2), ascorbato di potassio, betacarotene, bioflavonoidi, catalasi, caffeina (ma è acidificante), glutatione, licopene, catalasi corporale (trasformante H2O2 in H2O e O2), coenzima Q10, EDTA (acido etile-diammico tetracetico), luteina (carotenoide), melatonina (scavenger o spazzino contro i radicali OH-), melograno (acido ellagico), metionina, MSM, potassio (frutta), quercitina, resveratrolo, rame-selenio-zinco (nei vegetali naturali che li contengono), vitamine A-C-E-B al naturale, zeaxantine, e moltissime altre strutture molecolari che vengono scoperte in continuazione.

5000 ORAC AL GIORNO E 6500 ANGSTROM AL GIORNO, QUOTE MINIME PER STARE IN FORMA

All'Università di Boston hanno scoperto che il record mondiale di anti-ossidazione appartiene all'uva nera. Seguono le prugne nere, i mirtilli, le more e le fragole, e comunque la frutta scura, a patto che la buccia non venga scartata. Si è anche provveduto a stabilire dei valori misurabili, ossia una scala illustrante il potere antiossidante dei vegetali.
 Il termine ORAC sta per Oxygen Radical Absorbance Capacity, e rappresenta il metro di misura del potere ossidante nei vegetali, qualcosa di paragonabile agli Angstrom usati da André Simoneton per esprimere il potere viobrazionale dei cibi nella sua scala Bovis-Simoneton. E come in quel caso c'era una quota ideale del benessere fissata a 6500 Angstrom, in questo caso la quota minima di ORAC antiossidanti è di 5000 unità al giorno, raggiungibile solo se uno si alimenta col vegancrudismo e con un 70% circa di crudo almeno.

TEST SPETTROFOTOMETRICO DI CARRATELLI PER MISURARE LO STRESS OSSIDATIVO

Frutta e verdura sono state suddivise in 3 gruppi, dove il 1° gruppo di alimenti apportanti 200 ORAC, il 2° gruppo 500 ORAC e il 3° gruppo 1200 ORAC per porzione. Il chimico italiano Mauro Carratelli ha messo poi a punto un test spettrofotometrico per valutare i livelli ematici di RL attraverso la capacità ossidante totale del sangue. Si tratta del d-ROM test che effettua l'analisi dello stress ossidativo, dove si prende una goccia di sangue da un dito e la si analizza. ROM sta per Reactive Oxygen Metabolites. Con 300-320 unità U-CARR siamo nella fascia accettabile border-line dello stress, con 321-340 si parla di livello lieve di stress ossidativo, con 341-400 livello medio, con 401-500 livello elevato, e oltre 500 si ha stress ossidativo altissimo.

VALORE ORAC DEI CIBI E RECORD MONDIALE DELL'UVA NERA

Alimenti di 1° gruppo: 3 albicocche (172 Orac), 3 fette melone (197), 1 tazza cavolfiore cotto (400), 1 pera (222), 1 pesca (248), 1 banana (223), 1 mela (301), 1 melanzana (326), 1 cetriolo (36), 1 pomodoro (116), 1 piatto spinaci crudi (182), 1 piatto fagiolini cotti (404). Alimenti di 2° gruppo: 1 pompelmo rosa (1188 Orac), 1 avocado (571), 1 kiwi (458), 1 cucchiaio uvetta secca nera (396), 1 cipolla (360), 1 tazza cavoli Bruxelles (1384), 1 patata americana (433), 1 peperone (529), 1 susina (626), 1 succo d'arancia (1142), 1 patata arrostita (575), 1 succo pompelmo (1274), 1 grappoletto uva nera (569), un grappoletto uva bianca (357). Alimenti di 3° gruppo (elementi più ricchi): 1 tazza di fragole (1170 Orac), 3 prugne nere (1454), 1 arancia (983), 1 tazza more (1466), 1 cavolo verde cotto al vapore (2048), 1 tazza spinaci cotti (2042), 1 tazza di mirtilli (3480), 1 bicchiere di succo di uva nera (5216, record mondiale). Altri amici anti-stress ossidativo sono i broccoli, olio d'oliva, extravergine, germogli, grano saraceno, carote, finocchi, radicchio, mango, papaia, lattuga, cachi, fiori di zucchine, lupini, peperoni, porri, aglio, tarassaco, ananas, limoni, rosa canina, biancospino, piselli, rape, patate.

ENTRIAMO NEL MAGNIFICO MONDO COLORATO E PROFUMATO DEI POLIFENOLI

Veniamo ora ai rimedi più specifici, entrando non nei macelli, non nei fast-food, non nei bar carichi di panini-camposantini, non in ristoranti che mandano fuori odori di cadaveri affumicati, ma nel magnifico mondo della natura. 
Parliamo di polifenoli, vale a dire di molecole organiche che costituiscono una numerosa famiglia di metaboliti derivati da cellule vegetali. I metaboliti sono sostanze trasformate e rese più semplici, più idrofile e solubili rispetto alle molecole di partenza, e quindi eliminabili facilmente nelle urine se in eccesso. Nelle piante, che ne sono cariche, esercitano un'azione protettiva dalle radiazioni ultraviolette delle sostanze instabili ROS (reactive oxygen species), e quindi dallo stress ossidativo dei radicali liberi che le minaccia come succede pure per l'organismo umano.

160 MILA SPECIE COMMESTIBILI A DISPOSIZIONE DELL'UOMO, E NIENTE GHIGLIOTTINE
I polifenoli sono presenti in tutte le 160.000 piante commestibili esistenti sul pianeta Terra e rappresentano pertanto una parte integrante e fondamentale della dieta umana. Si suddividono in fenoli semplici, tannino e flavonoidi. Vengono anche chiamati "cibo per la mente" e mantengono giovane il cervello, contrastando l'invecchiamento delle cellule nervose. Ottimi dunque come prevenzione sia per l'autismo nei bambini che per il Parkinson e l'Alzheimer per gli anziani. Contribuiscono alla pigmentazione, ma anche all'aroma, alla fragranza, e al sapore delle piante che li contengono.

ALBERT SZENT-GYORGYI, GRANDE SCIENZIATO UNGHERESE

I flavonoidi, componenti-base di frutta e verdura, assieme ad acqua biologica, vitamine naturali e minerali organicati, sono stati scoperti dallo scienziato ungherese, Nobel per la medicina, Albert Szent-Gyorgyi (1893-1986), scopritore pure della vitamina-C, da lui isolata nel 1937. Il lato interessante è che contengono preziose sostanze solforate chimicamente socializzanti.

I FLAVONI DELLA PERMEABILITA'


I flavoniidi, o bioflavonoidi, derivano il loro nome dl latino flavus che significa color giallo-oro, ma che poi assumono colore arancio, rosso, violetto a seconda di altre sostanze coinvolte, rappresentano il gruppo più comune di polifenoli, con 4000 e oltre composti, che aumentano di numero man mano che la ricerca li sta portando a galla. Un po' come nel campo delle vitamine poi che si stimano essere 30 mila, mentre ne conosciamo soltanto un centinaio. Gruppo dei 4000 che si trova nelle piante in forma glicosilata, legata cioè a zuccheri naturali monosaccaridi o polisaccaridi. Vengono anche chiamati vitamina-P, P come permeabilità e come penetrazione attraverso le membrane. Senza di essi il metabolismo umano non avrebbe nemmeno luogo. L'idrolisi di un glicoside libera glicone ( cioè glucosio) e aglicone o antrachinone (cioè alcol).

100 MILA CHILOMETRI DI CAPILLARI DA PROTEGGERE CON SANGUE FLUIDO E NON MELMOSO

I bioflavonoidi esplicano azione protettiva sul sistema cardiovascolare proteggendo le cellule dai ROS (dalle reazioni di trasferimento di un elettrone e/o di un protone all'ossido). I bioflavonoidi inibiscono gli enzimi alteratori, essendo essi capaci di interagire coi ROS, e quindi sono di enorme interesse per la fisiopatologia cardiovascolare. Proteggono infatti il sistema cardiovascolare, in particolare vene, arterie oltre che la vastissima rete corporale di vasi capillari con 100000 km di micro-canalizzazione a servire i 75-100 trilioni di cellule del corpo.

REGOLAZIONE MESTRUALE E NORMALIZZAZIONE DEL FLUSSO SANGUIGNO

Di straordinaria importanza per le donne in quanto regolarizzano e semplificano il mestruo. Hanno azione vasodilatatoria. Vitamina C e vitamina P assieme sono in grado di migliorare il tono venoso e la resistenza parietale dei vasi capillari, dando loro più elasticità. I flavonoidi sono normalizzatori del flusso sanguigno.

LA RUTINA E LA PRECARIA CIRCOLAZIONE LINFO-EMATICA DEGLI ARTI INFERIORI

In genere si tende a identificare la vitamina P nella rutina, che è poi pure essa uno dei glucosidi flavonoici, presente soprattutto negli agrumi, nei limoni, nei capperi, nella menta, nei vegetali, nel grano saraceno. La rutina contiene a sua volta l'eccezionale flavonolo quercitina, legato al disaccaride rutinosio. Si lega bene al ferro bivalente, bloccando la formazione di radicali liberi. La rutina è fattore di contrasto agli edemi e alla precaria circolazione linfoematica degli arti inferiori.

POLIFENOLI AMICI DEL CUORE

Grazie alla loro capacità antiossidante, i composti polifenolici in vitro hanno dimostrato di essere ingredienti base per ridurre le ossidazioni dell'LDL, che sono processi fondamentali nella formazione dell'ateroma, nella lesione iniziale delle pareti vascolari che porta all'aterosclerosi. I bioflavonoidi riducono pure l'ipertensione e il suo impatto sull'arteriosclerosi. Interagiscono con gli enzimi intracellulari che controllano la funzione endoteliale. Hanno proprietà estrogeniche ed effetti modulanti sui sistemi enzimatici. Hanno effetti regolativi su lignani ed isoflavoni, sostanze vegetali ad attività simil-estrogenica. Agiscono come protezione antiossidativa delle aree acquose interne alle cellule e nei fluidi corporei come il sangue.

RIDUZIONE DI EMATOMI ED EMORROIDI

I flavonoidi si suddividono in antocianine (o antociani), pro-antocianine, pro-antocianidine o PAC, calconi (enzimi polichetidi-sintasi, metaboliti di batteri, funghi e piante), catechine, flavoni, flavonoli (pigmenti), flavon-lignani, carotenotidi, flavanoni, isoflavoni, neoflavoni. Parliamo di sostanze naturali che costituiscono il profilo compositivo fito-chimico di molte piante, partecipando alle loro molteplici colorazioni e sfumature, e sono contraddistinti da provate proprietà benefiche sulla salute psico-fisica dell'organismo. Spiccate proprietà riducenti verso ematomi ed emorroidi. I flavonoidi sono dei fito-nutrienti dotati di duttilità sul piano del riequilibrio biochimico.

FLAVONOIDI FORMIDABILI IN TUTTE LE DIREZIONI

Possiedono azione anti-ossidante, anti-infiammatoria, anti-allergica, anti-emorragica, anti-emorroidale, anti-abortiva, anti-leucemica, anti-trombotica, anti-aggregante. Mantengono il buon funzionamento del sistema immunitario, del sistema vascolare, del sistema epatico, dermico e neurologico. Riducono la fragilità dei capillari e quindi risolvono gonfiori ed edemi agli arti inferiori. Contrastano la ritenzione idrica, la cellulite, le problematiche venose, le vene varicose, le ulcere, i sanguinamenti gengivali, le epistassi (sanguinamento dal naso), il sanguinamento emorroidale, i disturbi della retina di origine diabetica ed ipotensiva, migliorando la vista notturna.

DERIVATI DAL FLAVONE E DALL'ISOFLAVONE

I flavonoidi più diffusi e noti sono derivati dal flavone (2 fenil-y-benzopirene) o dal suo isomero isoflavone (3 fenil-y-benzopirene). L'isomero è un composto che ha la stessa formula chimica ma diversa formula strutturale. Ne citiamo alcuni come l'apigenina (flavone presente nel sedano, prezzemolo, pompelmo, noci e camomilla), l'ipericoside (betulla), l'iperina (iperico), la quercitrina, l'isoquercitrina (melissa), il kaemp-ferolo (broccoli, pomodori, fragole, uva, Bruxelles, mele), la luteolina (timo, tarassaco, salvia, carota, finocchio, peperoni, sedano), la rutina, la vitexina (passiflora, biancospino), gli antociani, la quercitina.

AGRUMI, BACCHE E MIRTILLI

Dove si trovano i bioflavonoidi? Primato assoluto per agrumi e bacche. Il mirtillo blu della Patagonia, ad esempio è tra i più apprezzati. Comunque tutti i mirtilli, l'uva spina, l'uva ribes, le more, i lamponi, l'uva rossa inclusa la buccia e i semi, ogni tipo di uva comunque. Ma anche albicocche, mele, pere, prugne, carote, zenzero, origano (contiene tImolo e carvacloro, sostanze antibatteriche e anti-infiammatorie), timo, salvia, menta, mentastro.

CI SONO PURE I NEMICI

Quali sono gli acerrimi nemici, incompatibili con i flavonoidi? Il fumo, lo stress, la paura, la preoccupazione, l'aspirina, il cortisone, l'antibiotico, l'antipiretico e il caffè .


QUERCITINA, SOSTANZA NATURALE PIÙ IMPORTANTE DEL PIANETA

Vediamo in dettaglio alcuni dei flavonoidi più importanti. Partiamo dalla quercitina, bioflavonoide bianco, oltre che antistaminico naturale. Pur se ancora poco conosciuta dalla gente, è una delle sostanze naturali più importanti sulla faccia del pianeta, in quanto regina contro allergie ed infiammazioni. Sappiamo che l'intestino non è solo stomaco e tubo intestinale, ma contiene il 70% del sistema linfatico-immunitario, per cui va rispettato religiosamente, e non insultato tutti i giorni con cibarie abominevoli e cervellotiche, assunte a casaccio o in base ad abitudini tanto famigliari quanto dannose.

L'ESPERIDINA E L'EFFETTO ANTI-ARTROSICO SUL COLLAGENE

L'esperidina è un flavonoide ed un vasoprotettore specifico che si trova negli agrumi, nella pasta interna e nella buccia più che nel succo. Il suo alcol o aglicone è chiamato esperetina. La quercitina, assieme alla esperidina, incrementa la resistenza dei capillari e regola la loro permeabilità. Ha inoltre forte azione anti-artrosica, nel senso che contrasta la degenerazione del collagene. L'esperidina aumenta l'efficienza del collagene nei cox-artrosici e rinforza pure il tessuto connettivo.

ANTI-INFIAMMATORIO ED ANTI-STAMINICO NATURALE

La quercitina è il migliore antinfiammatorio, antiallergico ed antistaminico naturale. Inibisce la presenza di istamina stabilizzando i basofili. Controlla la degranulazione di mastociti, basofili e neutrofili. Inibisce la sintesi delle citochine e i loro effetti sui tessuti articolari. Le citochine o citoleuchine sono molecole proteiche prodotte dal sistema immuno-ematopoietico, capaci di indurre produzione, differenziazione e morte nelle altre cellule. La quercitina riduce la sintesi di sostanze chemiotattiche deputate al richiamo di cellule infiammatorie circolanti.

ANTI-EMORRAGICO, ANTI-HERPES LABIALE E VAGINALE

La quercitina inibisce gli enzimi calcio-ossigenasi e lipo-ossigenasi, capaci di ridurre i principali agenti infiammatori istamina, bradichinina e PGE2 (prostaglandine). E' anche un modulatore degli stati ansiogeni. Essenziale per la ossidazione della vitamina-C, protegge dalle emorragie e dalla rottura dei capillari. La fragilità dei vasi sanguigni porta alla formazione di macchie rossastre e di edemi sotto-pelle, oltre che mini-emorragie interne e ad accumulazione di liquidi nei tessuti (ritenzione idrica). Assieme alla lisina, è la migliore sostanza naturale contro l'herpes labiale e vaginale.

CONTRASTATRICE DI PARKINSON ED ALZHEIMER

È un free-radicals-scavenger e quindi opera direttamente una sottrazione di radicali liberi alle operazioni corporali. Ha azione anti-apoptoica (protezione da danni neuro-muscolari) ed azione cito-protettiva. Risolve i danni da perossido di idrogeno (radicali liberi) e quindi blocca Parkinson e Alzheimer. Aiuta la prostatite e i dolori pelvici. Allevia la fatica e aumenta il numero di mitocondri all'interno delle cellule, e quindi il potere energetico del sistema cellulare. Ideale per la gente stanca, avvilita, depressa e sfibrata. Aumenta la potenza aerobica del 3,9% (ovvero il VO2 max, il massimo consumo di ossigeno). Aumenta la resistenza fisica allo sforzo del 13,2%, e pertanto di straordinaria importanza per gli sportivi.

QUERCITINA PURA E QUERCITINA GLICOSIDICA

Materialmente parlando, la quercitina pura è un composto giallo-verdastro insolubile in acqua, mentre i suoi composti e derivati glicosidici risultano più idrosolubili. Il 25% della dose pura ingerita viene assorbita dall'intestino tenue attraverso il ciclo portale (vena porta), va al fegato che la re-distribuisce ai vari tessuti del corpo. La quercitina glicosidica invece viene assorbita direttamente dal colon, dove la flora intestinale idrolizza i glicosidi. Troviamo abbondante quercitina nell'iperico (erba di San Giovanni), finocchio, rapa, aglio, sedano, cavolfiore, cavoli, fagioli, fave, lupini, ceci, broccoli, cime di rapa, crescione, cavolo, ciliegie (specie acerole ed amarene), cipolla, capperi, mele, uva rossa, anche uva bianca, peperoncino rosso o paprika, zenzero, vino rosso (ma vedi danni alcol), the verde (ma vedi danni acidificazione).

ECCEZIONALI E POTENTI CATECHINE

Quanto alle catechine, sono potenti polifenoli antiossidanti e solubili in acqua, oltre che facilmente ossidati. Duemila catechine sono note per avere una "struttura di flavon", per cui sono chiamate pure flavonoidi. La loro efficacia consiste nella capacità di attaccarsi facilmente alle proteine e anche ai metalli nocivi (piombo, mercurio, cromo, cadmio, nichel). Contrastano i radicali liberi, rallentano l'invecchiamento, riducono il colesterolo LDL nel sangue, impediscono il restringimento dei vasi sanguigni, prevengono arteriosclerosi, trombosi, infarti e ictus cerebrali, abbassano la pressione, bloccano gli enzimi assorbi-zucchero e prevengono il diabete, combattono l'aggregazione piastrinica, la dissenteria, il colera, le malattie gengivali, le ulcere gastriche. Creano simbiosi intestinale favorendo i batteri utili come il bifidus. Le catechine hanno pure qualità disintossicanti e chelanti.

SOVRA-PERFORMANTI RISPETTO ALLE VITAMINE

Le catechine sovra-performano di 10 volte la vitamina-C e la vitamina-E come collettori del radicale alchilico perossile. Nelle catechine vengono incluse sostanze tipo CE, ECG, EGC EGCG, chiamate "sostanze catechimico-inclusive"). La EGCG significa ad esempio epigallo-catechin-gallato ed è la più potente di queste catechine, essendo 25-100 volte più antiossidante di vitamina-C e vitamina-E.

CAROTENOIDI, MOLECOLE DEL BENESSERE

I carotenotidi sono pigmenti gialli e arancione e rossi, liposolubili, oltre 700 sostanze finora identificate. I più importanti sono l'alfa-carotene, il beta-carotene, la beta-criptosantina, la luteina, la zeaxantina e il licopene. Le zeaxantine ad esempio sono presenti nelle ovaie, nei testicoli e nell'occhio, dove costituiscono un fattore protettivo contro la degenerazione maculare. Si trovano nelle pesche, nella zucca, nelle albicocche, nella papaia, nelle prugne, nelle patate a pasta gialla. Le astaxantine, chiamate anche molecole del benessere, appartengono alla classe delle xantofille.

DOVE STA IL LICOPENE IL CANCRO NON ENTRA

Il licopene va pure annoverato tra le sostanze più straordinarie. Basti solo pensare che i suoi livelli sierici nel corpo sono inversamente proporzionali agli sviluppi di cancro al pancreas e alla cervice! Blocca i radicali liberi e in particolare l'ossigeno singoletto, inibisce la perossidazione lipidica e possiede attitudine chemioprotettiva. Il licopene conferisce colore rosso alle sostanze che lo contengono. Pertanto, pomodori, anguria, uva scura, guava rosso, radicchio rosso scuro, cavolo rosso e così via, sono particolarmente importanti.

NON ABBIAMO CONQUISTATO LE VETTE HIMALAYANE MA SIAMO NEI PARAGGI

Detto tutto questo, appaiono in tutta la loro banalità argomenti tipo B12 e Omega-3, usati in continuazione e a sproposito. C'è da aggiungere poi una cosa importante. Nessuno pensi di aver conquistato il K2, e di mettersi a dormire sugli allori. Il potere farmaceutico ha già messo le mani su queste cose. Dopotutto i laboratori, con dentro gli omini in camice che ci lavorano da mattina a sera ce li ha sempre Big Pharma e solo Big Pharma, sempre Monsanto e solo Monsanto.

LA VORACITÀ DEI MERCANTI È SEMPRE IN PRIMO PIANO

Questa gente non vuole mica cambiare mentalità e optare per il naturale. Ha solo annusato l'esistenza di un nuovo grande filone d'oro da sfruttare. Sta solo cercando di mimare i prodotti della natura e di riproporli sottoforma di altrettanti integratori, ignorando il fondamentale fatto che antiossidanti, polifenoli, flavonoidi, catechine e quercitine, al pari delle vitamine vere e dei minerali veri, non si prestano affatto a questi giochi di prestigio. Basta andare sui vari siti internet per trovare i nuovi prodotti-miracolo. Aromi sì, profumi sì, colorazioni sì, tutto in regola ma solo apparentemente. I flavonoidi in arrivo puzzano di dolciastro e di chimica, e mai di aria di campagna.

OCCHI TUTTORA UMIDI PER IL RAGAZZO DELLA VIA GLUCK

Per questa gente ecologia significa autostrade pulite e funzionali, aria asettica, colori fosforescenti, lampade abbronzanti, acque alcaline, succhi devitalizzati, eccitazioni viagrate, bambole artificiali, segni di croce formali, vivisezioni e ghigliottine quintuplicate e ben nascoste, fast-food standardizzati, polifenoli in polverine, più vitalizzazione generale per tutti con ettolitri di sangue rosso pro-capite/anno.
Un mondo plastificato e senz'anima. Un mondo di cemento dove il filo d'erba dà soltanto fastidio. Un ulteriore insulto al Ragazzo della Via Gluck che continua ad albergare e a ruggire in ognuno di noi.
UNA STRATEGIA FORMIDABILE DI PREVENZIONE, DI MANTENIMENTO E DI RECUPERO

Visto che continuo ad essere tempestato da richieste di aiuto per malattie apparentemente diverse, ma innescate dagli stessi ingredienti patologici, cerco di formulare una strategia formidabile di prevenzione, di contrasto e di recupero, valida per tutti, si tratti di cardiopatia, di circolazione, di leucemia, di gastrite, di colite, di emorroidi, di tumore al seno, di depressione, di sclerosi, e chi più ne ha più ne metta. Qui andiamo al centro e nel cuore del crudismo, ovvero in quella zona dove stanno nascosti i tesori e i segreti della salute. Zona riservata chiaramente al crudismo di frutta e verdura, e dunque del tutto tabù per le proteine animali di qualsiasi genere.

STRUMENTI COGNITIVI AVANZATI DA AFFRONTARE E NON SCHIVARE

Senza fare tante chiacchiere su argomenti triti e ritriti di nome B12 e Omega-3, questo articolo offre a ognuno di noi strumenti cognitivi di eccezionale ed epocale portata. Qui abbiamo l'arma non solo per stare bene e far quadrare il cerchio della salute senza soluzione di continuità, ma anche per mandare a casa coda tra le gambe qualsiasi avversario carico di pregiudizi, di ignoranza, di testardaggine e di chiusura mentale.

SOSTANZE APPARTENENTI A TUTTI MA IN PARTICOLAR MODO AL DOMINIO VEGAN-CRUDISTA

Niente ideologie, niente psicologie, niente riferimenti storici, ma solo fatti concreti dimostrati ampiamente con prove di laboratorio, e quindi verificabili e controllabili in qualsiasi momento da chiunque lo voglia fare. Parliamo infatti di sostanze fondamentali ed insostituibili, di sostanze amiche ed alleate che si trovano solo ed esclusivamente nella frutta e nella verdura allo stato naturale non cotto, non sintetizzato, non zuccherato. Sostanze che si armonizzano simbolicamente con vitamine naturali e minerali organicati, e quindi fanno parte del pacchetto alimentare classico del vegan-crudismo.

Tratto da:http://valdovaccaro.blogspot.it/2013/02/radicali-liberi-stress-ossidativo-e.html    ma con qualche mia piccola modifica.

Potrebbe interessarvi:
http://www.raymondbard.com/2013/05/sta-veramente-male-da-oltre-6-mesi.html

http://www.raymondbard.com/2013/04/gli-effetti-dellinquinamento.html

http://www.raymondbard.com/2013/04/sensibilita-chimica-elettrochimica-e.html

http://www.raymondbard.com/2013/05/lo-stress-ossidativo-e-quindi-una.html

http://www.raymondbard.com/2013/05/lessenza-della-vita-lipersensibilita-la.html

http://www.raymondbard.com/2013/05/metalli-tossici-esame-del-capello-video.html

http://www.raymondbard.com/2013/04/il-glutatione-come-antiossidante.html

http://www.raymondbard.com/2013/04/non-sara-un-virus-distruggere-il-genere.html

Mi aspetto la vostra partecipazione con commenti e condivisioni...
Ognuno di noi è partecipe della vita ... 
Raymond Bard


Clicca su post più vecchi

Clicca          su       post più vecchi

Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.