Visualizzazione post con etichetta ESERCIZI A CASA TUA. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta ESERCIZI A CASA TUA. Mostra tutti i post

15 febbraio 2018

MIGLIORARE LO STILE DI VITA - Ecco il curriculum di Raymond Bard Personal Trainer Operatore Olistico e Ideatore di molti progetti di utilità sociale






Mi propongo come Accompagnatore e consigliere di fiducia per quelle persone colte che mettono al primo posto dei loro bisogni il desiderio di felicità e benessere. Accompagnatore o angelo custode per brevi viaggi, weekend in centri olistici , conferenze, spa, seminari, club, hotel Amo, studio, sperimento, imparo e Insegno Benessere Olistico, Bioenergie , Reiki , Filosofie Orientali, Yoga, Pnl, Karma, Riequilibrio dei Chakra, Magia d'amore, Buddhismo, costellazioni familiari sistemiche, Naturopatia, dal 1995 ad oggi... e non mi fermo mai... 
Sono presidente e co-fondatore della A,P,S. NAMASTE INTERNATIONA COMMUNITY NO PROFIT Se cercate un normale personal trainer ce ne sono moltissimi bravi e con tanto tempo a disposizione ... Se cercate un maestro di vita, una persona saggia e geniale , un angelo custode, una persona altruista e amorevole, un modellatore del vero benessere olistico che vi faccia comprendere le leggi fondamentali dell'universo fino ad arrivare a chi siete veramente allora forse meritate il meglio... Cioè un incontro con mè.. Quando l'allievo è pronto trova il suo maestro... Prima lo segue e poi chi chiede se può imparare da lui... Potete trovare i miei articoli, ricerche, pensieri, aforismi, immagini, progetti, risultati,seminari, su internet (Google, Facebook, Instagram, ecc.) E POI DECIDETE SE CONTATTARMI... Disponibile per: Olistic Training personalizzato, Palestre di alto livello, Club e centri benessere, Educatore di Amore e altruismo, Collaborazioni con altri professionisti, Associazioni culturali e sportive, Accompagnatore personale per decisioni importanti, Gestione del personale in eventi socio sportivi culturali, Gestione ed efficienza del personale in eco villaggi, Analisi personali sul livello energetico, Analisi Funzionale e posturale, Supporto e sostegno umanitario , Creazione e supporto di spazi per lo sviluppo della creatività e genialità per anziani e bambini. Realizzazione di Sala pesi e fitness, Responsabile benessere e relax presso palestre, Responsabile del fitness e benessere grandi condomini, hotel , agriturismo, vivai, ville, spiagge, camping, ecc. (Poche parole per buoni intenditori)



http://www.bancalavorofitness.com/raimondo-bardoni

http://www.raymondbard.com/p/crediti-professionali-diplomi-attestati.html

Prenotazione Consulenze
raymondbard@hotmail.it

04 marzo 2015

COUPON PERSONAL TRAINER A CASA TUA SOLO SE ABITI VICINO - OFFERTA FINO A ESAURIMENTO APPUNTAMENTI

COUPON STAMPA E PRESENTALO 
Se abiti in questi paesi o limitrofi.

Offerta fino a esaurimento prenotazioni





Home Personal Training  
Outdoor Personal Training

Personal Trainer al tuo Domicilio, nella tua palestra, in ufficio, a casa dell'amici/a,  all'aria aperta, in vacanza, la domenica al parco,

Offro consulenza lezioni esercizi ginnastica al vostro domicilio a orari concordati e senza che vi scomodiate da casa
Non servono grandi spazi per un allenamento proficuo e per l'attrezzatura che dispongo.

Offro la mia massima competenza ed esperienza dal 1995 per farvi raggiungere i vostri obbiettivi nel minore tempo possibile senza inutili stress psico fisici e privazioni alimentari.
Il vostro programma di allenamento verrà studiato nei minimi dettagli in base alla vostra morfologia al tipo di lavoro che svolgete, al vostro intero stile di vita.
Possibilità di creare gruppi di 3 persone per ridurre i costi e aumentare la motivazione.

Disponibile per : Fitness, Ginnastica a corpo libero,Mental training,  Hatha Yoga, Tecniche di dimagrimento, Educazione alimentare, Allenamento Funzionale, Ginnastica Posturale, Body Building, Fitness in età evolutiva, Riequilibrio energetico, Naturopatia, Filosofie orientali (Tao, Buddismo,Yoga, Kundalini, Campane tibetane, ecc.) 

Autore di molti articoli,studi, gruppi su internet riguardanti il benessere a 360 gradi ( Cerca Raymond Bard )
Fitness, Naturopatia medicina naturale, Mente corpo energie, Crescita interiore e spirituale, Sindrome da stanchezza Cronica, Fibromialgia, Problemi del rachide, Stress lavoro correlato, Intossicazione da metalli pesanti, Lombosciatalgie, fascite plantare, Progetti umanitari Amore altruismo cooperazione, volontariato, ecc.

Diplomi,attestati,qualifiche,esperienza saranno forniti a chi ne fa richiesta.
o on line tramite la banca nazionale professionisti del fitness (nonsolofitness)

Nb: Massimi risultati.
La durata di un training completo teorico pratico ha una durata che va da 80 minuti a 100 minuti per un massimo di 2 volte a settimana.

Esempio : lun e giov, mart e ven,merc e sab, giov e dom,


Coupon valido solo per chi abita a Bernareggio (MB) e limitrofi 


Stampa per te... o regalalo ...


19 aprile 2013

Riprendiamo il controllo del nostro corpo - La postura e la sua funzionalità- Articolo di Raymond Bard

La postura e la sua funzionalità.

Il nostro corpo non è altro che un insieme di cellule viventi autonome comunicanti (cioè dotate di vita propria, metabolismo)
Certamente questo sistema o comunità cellulare funziona bene solo se c'è sintonia  e un  perfetto equilibrio di forze ed energie.
Il corpo umano si potrebbe paragonare a un paesino  abitato da tante persone (cellule) che collaborano insieme per una vita sana e felice, dove ognuno esegue un proprio compito a favore di tutta la comunità.  

Al principio della vita i sistemi viventi passarono da monocellulari ai più sofisticati   sistemi multicellulari per il semplice motivo di potersi spostare in ambienti più adatti alla comunità cellulare.
Così per esigenze evolutive alcune cellule diventarono delle strutture rigide e semi-rigide per avvolgere,proteggere,contenere,organizzare e mobilitare l'insieme cellulare.

Come in un piccolo eco-villaggio gruppi di cellule si sono evolute formando diversi apparati;  L'apparato respiratorio, l'apparato digerente e altri apparati di distribuzione...

In questo articolo parlerò dell'apparato locomotore e della sua struttura multifunzione.
Non dimentichiamo che la nostra struttura corporea non solo ci rende mobili e belli, ma serve anche a contenere, proteggere e  sorreggere i vari apparati e organi vitali.

La nostra struttura è molto simile a quella di un edificio.


Immaginate se in un edificio non ci sia equilibrio e simmetria o se decidessimo di modificare la struttura esistente in modo anomalo.
Immaginate oltretutto, di avere un edificio mobile con i pilatri e le pareti vive che si muovono.

Con questi esempi vi ho fatto capire l' importanza della nostra complessa struttura corporea e le sue funzioni vitali.

Cos'è la Postura ?

La postura altro non è che la posizione più idonea del nostro corpo nello spazio,  per muoversi con il minor dispendio energetico; ad essa vengono a concorrere vari fattori interni ed esterni. 
(neurofisiologici, biomeccanici, emotivi, psicologici e relazionali).

La nostra struttura corporea è formata da 206 ossa legate tra loro da oltre 500 muscoli, questi ultimi servono a modellare il corpo e alla postura.

Certamente i fasci muscolari hanno un ruolo importantissimo per la nostra struttura, cioè ogni muscolo contraendosi o rilassandosi ha un'influenza sui segmenti ossei a cui è inserito.
La nostra struttura è  un elaborato sistema di leve.


La postura di un individuo è frutto del vissuto della persona stessa nell'ambiente in cui vive,  determinato anche da stress, traumi fisici ed emotivi,  posture professionali scorrette ripetute e mantenute nel tempo,  respirazione scorretta, squilibri biochimici derivati da una scorretta alimentazione, ecc..


La postura è l' espressione delle esperienze personali di ogni individuo e riflette il suo modo di essere nella vita quotidiana. 
Del resto è risaputo che la componente emotiva influenza negativamente la postura. Le emozioni negative ci schiacciano come se portassimo un peso sulle spalle, mentre quelle positive ci aprono e ci distendono.





La postura è il nostro personale modo di stare e di muoverci nello spazio circostante. E’ in continua evoluzione e soggetta ad influenze interne ed esterne.


Interne o emozionali: Cioè la nostra personalità, il nostro vissuto. 
Ad esempio, una persona timida ed introversa avrà un atteggiamento in chiusura (spalle arrotolate e cadenti, capo in avanti ecc.).
Esterne o ambientali:  Il tipo di attività lavorativa, lo sport praticato, traumi, lesioni ecc.

Il movimento rivela chi e come siamo
Vi è una stretta connessione tra emozioni e atteggiamento posturale. 
Per esempio nella PNL (programmazione neuro linguistica) si studiano i movimenti corporei in relazione alla stato emozionale  interpretando  i  altri soggetti : gesti, espressioni,  modi in cui gestiscono  gli spazi , movimenti corporei e posture.


Un problema fisico o psichico può costringerci  a contrarre in modo anomalo alcuni distretti muscolari e di conseguenza modificare il nostro apparato scheletrico  in termini di movimento e postura, causando prima infiammazioni e poi a lungo andare un danno  strutturale  di tipo osteoarticolare e  neurologico.

La ginnastica posturale  permette di riportare alla nostra consapevolezza parti del corpo bloccate, eliminando le tensioni muscolari, imparando movimenti e posture più naturali e funzionali possibili.

La migliore postura si traduce in un riequilibrio delle tensioni muscolari, in maggiore elasticità e flessibilità, soprattutto a livello della colonna, con benefici ed effetti sul nostro assetto affettivo.



La ginnastica posturale,offre un efficace strumento di prevenzione e di intervento sulle più diverse problematiche che si evidenziano nella colonna vertebrale e dunque sulla postura della persona. 

La sedentarietà,  le scorrette posture durante le ore di lavoro, la debolezza e/o la rigidità dei gruppi muscolari, il poco tempo dedicato alla cura del corpo, alla prevenzione e al benessere, sono fattori che alterano lo stato di salute e la serenità dell’individuo. 

Per molti anni l'uomo ha costruito  immense strutture, migliorandole progressivamente, 
dimenticandosi  la  propria meravigliosa struttura....  
Il proprio corpo e il suo contenuto.

Oggi è diventato un'obbligo pensare a noi stessi e dedicare del tempo ad una disciplina che si prende cura della  nostra globalità,  lavorando sulla consapevolezza del proprio corpo e della respirazione, sulla corretta posizione da assumere e mantenere nelle attività quotidiane, diventa una priorità e un buon metodo per mantenere e migliorare la nostra salute.


Le alterazioni morfologiche o posturali  non sono legate a cause muscolari bensì all'adozione di errati schemi motori associati al S.N.C., si ripercuotono sia sulla statica che sulla dinamica del corpo e vacillano tra normalità e patologia.
Sono causate da esperienze psicomotorie carenti o da deficit nel processo di maturazione dei centri di controllo neuromuscolare (il soggetto non conosce o non sa servirsi del proprio corpo). 

Ne è un esempio quando il soggetto è rigido, maldestro, lento a muoversi, ha difficoltà nell'orientarsi e nell'adattarsi nello spazio, i suoi movimenti sono scoordinati ed imprecisi, assume posizioni scorrette.

Per queste difficoltà il trattamento consiste nell'educazione 

posturale, cioè  una ginnastica  fatta di  movimenti che favoriscano 

l'allungamento di alcuni distretti muscolari contratti ,  la percezione 

della propria rappresentazione corporea nello spazio e  il corretto 

uso del nostro corpo nella vita di ogni giorno.

Si consiglia di affidarsi ad un esperto,questi esercizi dovranno 

essere eseguiti dopo una preparazione di riscaldamento, 

gradualmente, in assenza di particolari patologie , con la giusta 

respirazione, ecc.ecc.



Alcune immagini:






Raymond Bard Personal Trainer



Forse Potrebbe interessarvi anche L'ALLENAMENTO FUNZIONALE:
Tratto parzialmente da:
http://www.raymondbard.com/2013/04/lallenamento-funzionale-o-allenamento.html


L'Allenamento Funzionale o Allenamento Naturale o Integrale,  secondo il Personal Trainer Raymond Bard

Oggi "la teoria del tutto" è ovunque, dalla fisica quantistica all'alimentazione integrale, dalla biologia alla fisiologia ecc.

Ma oggi parleremo solo di ginnastica o attività motoria, dopo oltre 20 anni di studi nelle multi discipline riguardanti il corpo la psiche e le energie posso permettermi di creare delle mie teorie...

Oltre 20 anni fa, cominciai a fare culturismo (oggi si chiama body building) a quel tempo cominciai a leggere tantissimi libri di cultura fisica e dopo pochissimo tempo capì che il vero allenamento in termini di qualità e  risultati era quello eseguito con manubri , bilanceri e a corpo libero ....
Negli anni ho visto una  crescita pazzesca di nuovi attrezzi nelle palestre e di nuovi studi e teorie sull' isolamento muscolare.

Certamente una grande palestra piena di nuove macchine, belle, comode e magari computerizzate ...  certo tutto questo fa  molta scena... e invoglia a cominciare ad allenarsi.

La macchina o l'attrezzo  consente solo al vostro corpo di muoversi attraverso un piano di movimento reclutando solo pochi muscoli, tendini e legamenti facendoli diventare sempre più forti, ma poi in una situazione di vita reale vi è un grande squilibrio.  (i grandi muscoli diventano più forti e i piccoli muscoli di sostegno rimangono deboli). 

Ma dietro a tutto questo c'è sempre il business del Dio denaro, e dove c'è business c'è informazione distorta o deviata...  (come dico sempre io.. "la verità sta nella semplicità)


Quello che mi fa riflettere molto è la nascita di migliaia di teorie e strategie di allenamenti per dimagrire per tonificare per massa per forza per resistenza per rovinarsi la vita e per disperdere energie inutilmente....

Cos'è l'allenamento funzionale ?

L'allenamento funzionale è un'allenamento naturale, cioè un'insieme di movimenti multi articolari eseguiti usando tutti i muscoli del corpo...  
Ricordate l'uomo primitivo? 
Ecco il nostro corpo è predisposto per vivere in natura...  Non seduto in una sedia per otto ore o lavorare davanti un macchinario per altrettante ore eseguendo sempre gli stessi movimenti.

Adesso riuscite a capire per quale motivo molti di voi hanno  problemini di squilibri e tensioni muscolari che poi diventano di tipo infiammatorio e degenerano...

L'allenamento funzionale serve a far lavorare in perfetta sintonia e armonia tutto il corpo, in movimenti  naturali e sicuri, oltre a   formare il vostro equilibrio, la forza e la flessibilità, molto utili nella vostra vita di tutti i giorni.


Immaginate di sollevare una borsa da terra, prendere o spostare  un'oggetto pesante da uno scaffale o spingere un divano , quanti muscoli usate? 
Usate tutti i muscoli del corpo in simbiosi tra loro con contrazioni  muscolari proporzionali tra loro in un perfetto equilibrio energetico e funzionale....

Con questo capirete a cosa serve fare un esercizio di isolamento muscolare? dato che poi nessun muscolo lavora da solo? 
 L'allenamento funzionale è l'allenamento che fanno i soldati, gli agenti di polizia e molte altre organizzazioni che vogliono allenare i propri uomini in modo integrale aumentando le performance sia a livello di forza, resistenza, scatto, equilibrio, riflessi ecc. usando tutti e 3 i sistemi energetici del nostro organismo, imparando a metabolizzare in modo attento e veloce l'energia proveniente dal dal cibo.

L'allenamento funzionale si effettua  solitamente in grandi spazi o ancora meglio all'aperto "in mezzo alla natura"  perciò parchi,boschi,spiagge,foreste ecc.  magari in una bella giornata di sole insieme ad amici.

Si consiglia di affidarsi a bravi istruttori o personal trainer per un corretto svolgimento degli esercizi evitando inutili infortuni e perdite di tempo improvvisandovi esperti.

Raymond Bard Personal Trainer del Benessere
Consulenza gratuita in tutta italia



Raymond Bard è anche Istruttore Specializzato di Allenamento Funzionale e Ginnastica Posturale. riconosciuto dalla FIEFS e dalla AICS (Enti riconosciuti dal CONI




28 febbraio 2013

Psicologia dello sport e allenamento della mente - Mental training


Psicologia dello sport e allenamento della mente -  Mental training



L'aspetto psicologico è determinante per un atleta.

 Le tecniche di mental training possono aiutare l'atleta e possono essere un valido aiuto.

 In che modo?


Nelle attività sportive e motorie l'allenamento è il fulcro per il raggiungimento di ogni target che ci si prefigga.
Psicologia dello sport e allenamento della menteSpesso, alla parola allenamento si associa solo l'attività fisica ripetuta con regolarità, costanza e metodo. Ma lo sport non è solo il rendimento del corpo, anzi, si raggiunge la prestazione massimale solo quando mente e corpo sono coordinati, sono tutt'uno. È necessario che corpo e mente vadano di pari passo in un percorso di miglioramento della performance. Se, infatti, è vero che ogni sport e attività fisica richiedono un corpo che funzioni al meglio e che sia abituato (allenato) a rispondere in maniera adeguata agli stimoli allenanti, è anche vero che ogni sport e ogni attività motoria richiedono spiccate capacità di concentrarsi, di gestire le proprie emozioni, di evitare le distrazioni, di tollerare la frustrazione e l'ansia, di riprendersi da una sconfitta e di saper gestire il momento decisivo.
Ad allenare queste ultime funzioni, interviene, con le sue metodologie e i suoi strumenti, la Psicologia dello sport, che si occupa proprio dei processi e delle conseguenze mentali dell'attivita' fisica e sportiva svolta in contesti competitivi, educativi, ricreativi, preventivi o riabilitativi.
L'esordio ufficiale della Psicologia dello Sport in Italia risale al primo Congresso Mondiale sulla Psicologia dello Sport che si svolse nel 1965 a Roma grazie all'impegno del Prof. Ferruccio Antonelli. Nel resto del mondo la sua evoluzione e crescita ha proseguito soprattutto negli USA e nell'Europa del nord.
La Psicologia dello Sport, da sempre, si propone come disciplina che analizza i processi mentali e gli effetti della pratica sportiva direttamente sulla persona, con l'obiettivo di migliorare la strada verso il conseguimento del benessere e della salute per favorire l'incremento della prestazione sportiva.

Le tecniche del Mental Training

Gli strumenti principali utilizzati da questa disciplina sono riconducibili principalmente alle strategie di tipo cognitivo-comportamentale, tra le quali, le più usate sono il goal-setting, le tecniche di imagery e self-talk, le metodiche di autoregolazione dell'arousal, allenamento della concentrazione e gestione dello stress.
La sistematizzazione di queste e di molte altre tecniche, costruisce un vero e proprio programma di allenamento della mente dell'atleta, che impara progressivamente a conoscere sé stesso ed a gestire ed ottimizzare tutte le sue abilità e caratteristiche. In questo senso si definiscono il mental training e lo sport coaching, che rappresentano un vero e proprio allenamento mentale che aiuta l'atleta a potenziare le proprie capacità, nell'assoluto rispetto dell'integrità psicofisica.
Le strategie cognitivo-comportamentali, sviluppate negli anni 70 e tuttora ampiamente utilizzate, mirano a far acquisire all'atleta le abilità di controllare e comprendere i propri processi mentali ed emotivi, partendo dal presupposto che la gestione o la modifica dei processi cognitivi e degli stati emotivi negativi può contribuire al miglioramento della prestazione. Per realizzare i suoi obiettivi, il Mental training interviene sulle funzioni psicologiche determinanti la pratica motoria basandosi sull'elenco delle abilità mentali di base individuate da Martens, nel 1988:

Controllo Arousal (controllo dell'attivazione)

Con il termine arousal è indicata in psicofisiologia l'intensità dell'attivazione fisiologica e comportamentale dell'organismo. Quando l'organismo deve effettuare una prestazione deve attivarsi, cioè mettere in moto una serie di processi caratteristici dello stato di arousal quali l'aumento della vigilanza e dell'attenzione, l'attività dei muscoli che si preparano allo sforzo ed il cuore e i polmoni che si preparano al dispendio di energia. E' di fondamentale importanza per un atleta saper raggiungere e mantenere il livello ottimale di attivazione psicofisiologica richiesto dalla performance, allenandosi con delle semplici tecniche di attivazione o disattivazione secondo le esigenze.

Self-talk (monologo interiore)

Formulare obiettivi e inserirli in una narrazione interna che escluda l'intervento di pensieri intrusivi e distraenti.

Goal-Setting (formulazione degli obiettivi)

Molte volte gli insuccessi di un atleta sono dovuti ad un'inadeguata scala degli obiettivi da perseguire durante il periodo di allenamento, e questa scarsa capacità di pianificare degli specifici standard di abilità da raggiungere in un compito può compromettere l'esito della stagione agonistica. Il Mental Training aiuta l'atleta a scomporre i grandi obiettivi in sub-obiettivi a breve, medio e lungo termine, sufficientemente difficili (e quindi allenanti) ma raggiungibili, mirati al miglioramento graduale della prestazione più che al risultato (spesso imprevedibile).

Gestione Stress (gestione delle emozioni sotto stress)

Lo stato di stress si verifica quando l'atleta percepisce una discrepanza tra la richiesta ambientale (sfida) e le risorse che egli percepisce di avere a disposizione per affrontare la sfida (livello di abilità). Quando le risorse sembrano non bastare l'atleta metterà in gioco strategie di coping non adeguate che non gli permetteranno di superare la sfida. Anche l'allenatore può essere sottoposto a stress ed essere iper o ipo - attivato come i suoi atleti; si renderà quindi necessario adottare delle strategie per abbassare o incrementare il livello di attivazione dell'allenatore e degli atleti per permettere una analisi coerente e veritiera delle richieste stressanti e delle competenze in possesso degli sportivi. Fra le tecniche di gestione dello stress annoveriamo lo Stress Inoculation Training, la desensibilizzazione sistematica (EMDR: eye movement desensibilization and reprocessing) e la ristrutturazione cognitiva.

Abilità attentive (anticipazione e concentrazione)

Con il costrutto di Attenzione, in verità, vengono individuate molte componenti del funzionamento cognitivo. Tra queste alcune tra quelle maggiormente coinvolte e determinanti la performance dell'atleta sono: capacità di anticipazione, capacità di elaborazione dei dati da parte del sistema nervoso, capacità di filtrare le informazioni per trattenere solo quelle rilevanti, capacità di gestione delle emozioni, capacità di restringere ed allargare il focus dell'attenzione, capacità di dirigere l'attenzione all'interno ed all'esterno di sé. La concentrazione, in estrema sintesi, è la capacità di focalizzare l'attenzione su un compito per un determinato periodo di tempo, senza che essa venga distolta da fattori distraenti interni (ad es. pensieri negativi) ed esterni (ad es. il rumore della folla). In questo caso si parla di Focusing. Trattando delle abilità attentive non può essere tralasciato, inoltre, il concetto di "preparazione all'azione" (Holender, 1980) ben distinto dalla concentrazione. Il concetto di anticipazione e gli studi che lo hanno riguardato sostengono che lo scopo di un'azione determina la struttura dell'atto motorio. Qualunque azione motoria è anticipata dalla preparazione cognitiva. Questa competenza anticipatoria è una delle tante capacità che fanno parte dello stile attentivo di una persona.

Imagery (capacità di creare e controllare immagini mentali)

Gli atleti vengono progressivamente allenati alla rappresentazione mentale della propria performance,aiutandosi con stimoli immaginativi che coinvolgono tutti i sensi (sinestesia) e favorendo in questo modo un coinvolgimento emotivo e cognitivo. La capacità di visualizzare comprende alcune attività applicabili allo sport, fra cui l'osservazione di altri atleti in azione (dal vivo o videoregistrati) seguita dalla ripetizione immaginata delle sequenze motorie (allenamento ideomotorio); il passo successivo consisterà nell'esecuzione pratica da parte dell'atleta del movimento prima osservato e poi visualizzato. Allenare la propria capacità immaginativa ha anche un forte valore di allenamento delle capacità di attenzione e concentrazione che trova la sua declinazione nel miglioramento della selettività corticale, come evidenziato da Goleman (2003), infatti l'attenzione funzionante ai suoi migliori stansard "implica piccole aree chiaramente demarcate di eccitamento corticale, circondate da aree di inibizione. Quando si verifica una sbavatura nella demarcazione del cervello di eccitazione e inibizione, c'è un passaggio di eccitazione alle aree cerebrali irrilevanti per il compito del momento. La specificità corticale ben regolata, d'altra parte, caratterizza un funzionamento da svegli ben riposati che permette la flessibilità nell'affrontare le domande ambientali con risposte abili e funzionali. La flessibilità neurologica che sottostà al meccanismo dell'attenzione focalizzata permette all'attivazione cognitiva e neurale di cambiare a seconda delle richieste situazionali fluttuanti".
La tecnica dell'Imagery, preceduta sempre da una breve seduta di rilassamento, viene anche utilizzata prima della gara come momento di concentrazione e di visualizzazione del percorso.

Rilassamento

Le tecniche di rilassamento, come il Training Autogeno o il Rilassamento Progressivo di Jacobson, vengono utilizzate per prendere consapevolezza della tensione muscolare a riposo e in attività (Inventario corporeo), per gestire situazioni ansiogene o stressanti, sono preparatorie a qualsiasi attività immaginativa e rappresentano già, esse stesse un primo passaggio di allenamento delle competenze attentive. Inoltre, nello specifico la tecnica del Training Autogeno, ha il potenziale di funzionare come Metafora che permette di sperimentare quanto, una giusta focalizzazione sulla performance aiuta ad ottenere il risultato che ci si prefigge.

Incremento della motivazione e dell'autostima

L'acquisizione di fiducia in sè è la vera chiave della motivazione: se l'atleta ha fiducia in sè e in quello che è in grado di fare non solo è motivato, ma accresce le sue probabilità di avere successo. Fino a quando l'atleta cercherà solo nell'ambiente esterno di soddisfare i suoi bisogni di sicurezza, stima ed approvazione, la vittoria gli sfuggirà, poichè il suo senso di identità personale sarà dipendente da fattori esterni di cui avrà bisogno. In questo caso in Psicologia di parla di locus of control: un soggetto con locus of control esterno tenderà ad attribuire le cause di tutto ciò che gli accade all'ambiente fuori da sé; al contrario un soggetto con locus of control esterno tenderà ad attribuire la causa di tutto ciò che gli accade a sé stesso. In entrambe i casi l'intervento del Mental Trainer sarà focalizzato a riportare il sentimento dell'atleta in una direzione di self efficacy equilibrata, arrivando alla comprensione che ciò che mi accade è determinato da cause esterne ed interne che si intrecciano dialetticamente. Il vero miglioramento della performance sta nell'avere una buona competenza di analisi e attenzione, che permetta di far individuare tutte le componenti che causano un evento dipendenti da me e saperle migliorare.

Gestione dell'ansia pre-agonistica

La prevenzione ed il trattamento dell'ansia costituiscono uno dei principali problemi e dei maggiori obiettivi della medicina e della psicologia dello sport. L'ansia preagonistica è legata all'imminenza di una competizione particolarmente impegnativa e temuta. Le tecniche di gestione dell'ansia pre-agonistica meggiormente usate sono ad esempio il rilassamento e la desensibilizzazione sistematica, da apprendere sotto la guida dello psicologo dello sport e da esercitare poi autonomamente e regolarmente.

Quando ci si rivolge alle tecniche di Mental Training?

L'allenamento mentale dell'atleta è, quindi, una componente essenziale dell'allenamento sportivo. Senza dubbio si può affermare che un atleta che alleni solo la parte fisica delle sue competenze di performance raggiungerà risultati parziali. Questo il presupposto che fa del Mental Training un pilastro irrinunciabile dell'allenamento motorio dell'atleta che vuole realmente migliorare la sua performance. Esiste una casistica che evidenzia come al Mental Trainer si rivolgano di solito l'allenatore di un Club o di una squadra, lo staff dirigenziale e il singolo atleta, professionista o non. Holm, Beckwith, Ehde e Tinius (1996), hanno dimostrato come un programma comprendente self-talk, imagery e goal-setting, proposto a tennisti di college universitari, contribuisse a determinare una significativa riduzione dell'ansia competitiva. Altri autori, utilizzando programmi di allenamento mentale in diverse discipline sportive, hanno ugualmente riscontrato riduzione dell'ansia e miglioramento della fiducia (Daw e Burton, 1994; Maynard, Smith e Warwick-Evans, 1995; Murphy e Woolfolk, 1987; Weinberg, Seabourne e Jackson, 1981).
Le motivazioni più frequenti per cui è richiesto il Mental Training sono relative ad una posizione in classifica non soddisfacente, difficoltà di attenzione e concentrazione, alla riabilitazione psicofisica del disabile, a rilevanti e controproducenti sintomi riconducibili ad ansia e stress, a problemi di relazione con l'allenatore, o di burn out, di depressione o sintomi psicosomatici dell'atleta, alla vigilia di un importante avvenimento sportivo o ad un semplice desiderio di completare l'allenamento fisico con l'allenamento mentale. Il compito del mental training, in tutti questi casi, è sostenere l'individuo e il gruppo nella gestione delle richieste situazionali dell'attività sportiva, aiutandolo a fronteggiare i problemi sfruttando il proprio bagaglio di conoscenze che possono contribuire al miglioramento della performance e della promozione del benessere e della fitness integrata della persona.
Ultimo aggiornamento dell'articolo: 
I professionisti del fitness

30 gennaio 2013

Personal Trainer - Istruttore di Fitness e Benessere privato - Perchè ?

 Personal Trainer - Istruttore di Fitness e Benessere privato - Perchè?

Non buttare via il tuo tempo ,senza risultati e fatica inutile .... Potresti abbandonare per sempre!! Ecco perchè farsi seguire da un Personal Trainer

Non buttare via il tuo tempo .....
 Senza risultati e fatica inutile .... 
Potresti abbandonare per sempre!! 

Ecco perchè farsi seguire da un Personal Trainer.


Disponibili  in base al tuo tempo libero e le tue esigenze, concordando e pianificano le sessioni di allenamento.


 Il Personal Trainer ti aiuterà  a raggiungere i tuoi  obiettivi desiderati, aiutandoti nel tuo percorso verso un benessere a 360°.
 
Ecco le 12 ragioni per farsi seguire da un Personal Trainer


  • Motivazione. Il Personal Trainer può avere diverse facce, può essere non solo un coach, ma anche un educatore, un confidente, un modello da seguire, la maggior fonte di incoraggiamento e motivazion
  • Costanza. Trovi difficile seguire il tuo programma? Pianificare appuntamenti regolari con un PT ti aiuta ad eliminare ogni scusa per non allenarti
    1. Sicurezza. Il PT ti mostrerà come allenarti correttamente, in assoluta sicurezza (escludendo gli esercizi per te inadatti e da evitare) e come utilizzare al meglio le attrezzature,evitando incidenti e infortuni a breve e a lungo termine.
    2. Programma Individuale. Ad ognuno il proprio programma, non è detto che ciò che funziona per un individuo, funziona per tutti gli altri. Ogni persona ha un apparato osteo-articolare,muscolare,sistema nervoso,equilibrio ormonale e recupero, diverso da ogni altro...
    3. Allenamento efficace. Nessuno ha tempo da sprecare in una routine di allenamento inefficace ed improduttiva. Il tuo PT ti aiuterà a massimizzare il tuo tempo per raggiungere i tuoi obiettivi il più velocemente possibile.
    4. Supervisione. Hai bisogno di qualcuno che ti osservi mentre fai gli esercizi? Che ti dia un feedback sul tuo modo di correre? Il tuo PT serve proprio a questo: ad osservare, ad assisterti, e, se necessario a correggerti,spiegandoti cosa fai e perchè lo fai...
    5. Preparazione sportiva: Vuoi battere il tuo miglior amico in una partita di tennis,calcio,nuoto,corsa,bici? Il tuo PT è in grado di prepararti atleticamente per ogni prestazione sportiva.
    6. Riabilitazione. Un PT in base alle sue conoscenze ed esperienze è in grado di preparare un programma di riabilitazione post-traumatica(magari in collaborazione di un medico fisiatra)  o uno di riequilibrio muscolare per evitare incidenti futuri.
    7. Allenamenti speciali. Numerose ricerche testimoniano che anche gli individui con problemi particolari possono migliorare la propria condizione attraverso l'allenamento. Molti PT sono in grado di far allenare efficacemente e in tutta sicurezza chi soffre di osteoporosi, diabete, asma e problemi cardiaci.
    8. Autostima. E' un dato di fatto, chi si sente in forma appare in forma, e vice versa. Il tuo PT non solo ti farà raggiungere gli obiettivi, ma ti aiuterà a settarne sempre di più ambiziosi mettendoti in condizione di vincere nuove sfide.
    9. Benessere e futuro. Il Personal trainer dopo un certo numero di sedute ti avrà educato sul benessere nella sua totalità, Sarai capace di continuare anche da solo e insegnare ai tuoi cari ciò che hai imparato e messo in pratica...
    10. Gratitudine. Nessuno mai dimentica il proprio Personal Trainer. Il bravo PT è colui che cambia non solo l'aspetto fisico e motorio, ma vi cambia la vita totalmente...  Non ha prezzo in denaro ciò che colui fà.....       

    01 settembre 2012

    ANNO 2012 CAMBIO DIMENSIONALE - TI SENTIRAI DIVERSO ASCOLTATI DI PIU'

    ANNO 2012 CAMBIO DIMENSIONALE

    Ci troviamo in un punto cruciale della nostra stessa esistenza, che ci è tanto cara. Possiamo accettare con facilità i cambiamenti che stanno accadendo dentro di noi, scegliendo di creare una nuova e diversa realtà che onori ognuno di noi come parte di un più grande tutto, oppure possiamo scegliere di fare resistenza al nostro risveglio, di opporci con tutte le nostre forze e ricadere nell'ignoranza. La scelta è sempre stata questa.

    La nostra coscienza sa sempre che tutto è perfetto così, ma la mente ci dice una cosa diversa. La mente, che è la nostra parte pensante e razionale, in sinergia con l'ego ci assicura sulla nostra sicurezza e ci aiuta a capire quello che pensiamo di stare facendo. Il sé pensante è limitato alla materia cerebrale e dipendente dai dati che ricaviamo attraverso l'esperienza. Ma la coscienza non è limitata all'esperienza fisica e opera all'interno di un costruzione universale generale ed è di natura illimitata e sempre consapevole di una realtà più grande.
    Sostanzialmente è fatta di un'energia luminosa che funziona in base ai principi dell'elettromagnetismo.
    Quando siamo felici, ci sentiamo bene e completi. Se invece sviluppiamo modelli mentali che ci separano dagli altri o ci fanno sentire inferiori, sperimentiamo stati negativi e la comunicazione attraverso il nostro corpo rispecchia questa negatività nella malattia, nel sovrappeso o in un malfunzionamento generale. Spesso, il modo in cui ci presentiamo al mondo è un riflesso diretto del nostro sé interiore.

    Quando è il cervello a condurre il gioco, le porte sul nostro vero essere, sulla coscienza, sono sbarrate. Non abbiamo più accesso a un sapere superiore e al ricordo del nostro vero essere. A causa di questa direzione evolutiva, l'umanità nel suo insieme ha chiuso la porta su una più grande realtà.

    Mentre ci avviciniamo al 2012, molti fattori stanno continuando a cambiare la nostra struttura genetica ed elettromagnetica, e il loro rapporto. Dentro di noi, e soprattutto nel nostro DNA, conserviamo il ricordo innato del nostro essere precedente. E' questo ricordo che ci spinge continuamente a riscoprire chi e che cosa siamo. Spesso estrapoliamo il nostro sé divino proiettandolo su un dio esterno, ma in realtà siamo noi ciò che cerchiamo.
    Mentre evolviamo con un movimento circolare che ci riporta sempre più vicino alle nostre origini, al nostro Sé perfetto, l'energia della natura continua a procedere per spirali, come ha sempre fatto sin dall'inizio del tempo. Evolvendo ritorniamo sempre di più a ciò che eravamo all'inizio. Anzi, prima ancora dell'inizio.

    16 giugno 2012

    Calcolo delle zone della frequenza cardiaca allenante

     
     



    Calcolo delle zone della frequenza cardiaca allenante
     La formula più comunemente utilizzate è la formula di Cooper
    FCM = 220 – età del soggetto (in anni)











    Risultati:
    Leggera
    (50-60%)

    Zona 1
    Facile
    (60-70%)
    Zona 2
    Aerobica
    (70-80%)

    Zona 3
    Anaerobica
    (80-90%)
    Zona 4
    VO2 Max
    (90-100%)

    Zona 5
    Camminare
    Questo è il livello più basso al quale potete allenarvi ma serve ugualmente a migliorare il vostro stato di fitness.
    Adatto per principianti o persone che non si allenano da molto tempo.
    Serve a migliorare la salute generale, oppure per chi è in superallenamento e necessita di un periodo di recupero. Va anche bene per chi desidera perdere peso ricorrendo, come principale fonte energetica, ai depositi di grasso.
    Jogging
    Questo è il range che comincia a dare benefici al cuore: migliora la funzionalità del cuore e la capacità delle cellule muscolari di utilizzare l'ossigeno.
    Allenandosi in questo range la principale fonte energetica è il grasso corporeo, ecco perché è anche chiamata "zona per il dimagrimento".
    Adatta per l'allenamento per il fitness (attività fisica lenta e prolungata) perché il corpo diventa più efficiente a fornire sostanze nutritive ai muscoli in allenamento ricorrendo soprattutto al grasso come principale fonte energetica.
    Corsa Questo è il livello più adatto per il fitness cardiovascolare e spesso è chiamato "zona aerobica" o "zona della frequenza cardiaca ideale".
    Adatta per allenarsi con lo scopo di migliorare la capacità cardiorespiratoria oppure la capacità del corpo di trasportare il sangue ricco di ossigeno alle cellule muscolari oltre che rimuovere l'anidride carbonica dalle cellule. Dopo un po' potrai correre per un numero superiore di metri impiegando meno tempo. Il corpo brucerà meno glucosio e una quantità maggiore verrà immagazzinata sotto forma di grasso per essere utilizzata a scopi energetici (incrementando la resa in allenamento).
    Efficace anche per aumentare la forza muscolare in generale.
    Zona intensa
    (85-90%= soglia anaerobica)
    Questo è il livello al quale passi dall'allenamento aerobico a quello anaerobico e il passaggio è chiamato soglia anaerobica. A questo punto il corpo non riesce a smaltire con efficacia l'acido lattico dai muscoli in allenamento. L'acido lattico è un sottoprodotto del consumo di glicogeno nei muscoli.
    Adatta per coloro che vogliono soprattutto migliorare la prestazione atletica.
    Allenandosi in questa zona i muscoli sono stanchi, il respiro è affannato e ti senti affaticato.
    Il beneficio dell'allenamento in questa zona è la possibilità di aumentare la capacità del corpo di tollerare e smaltire l'acido lattico per un periodo di tempo maggiore perché aumentano gli enzimi muscolari responsabili del metabolismo anaerobico.
    Importante che un agonista conosca la propria soglia anaerobica perché quando è in forma può gareggiare in prossimità o sulla propria soglia aerobica.
    (VO2 Max)
    Puoi allenarti a questo livello soltanto per brevi periodi di tempo.
    Dovresti allenarti in questo livello soltanto se sei molto allenato.
    Questo è il range in cui l'acido lattico si accumula molto velocemente perché sei in debito d'ossigeno con i muscoli.
    Il beneficio dell'allenamento in questa zona è l'incremento delle le fibre muscolari a contrazione veloce (aumento della velocità).
    Non adatta per un lavoro molto protratto, questa zona dovrebbe essere usata soltanto nell'interval training o negli scatti di velocità.

    06 giugno 2012

    COME PERDERE PESO FACENDO L'AMORE - RAYMOND BARD

    PERDERE PESO FACENDO L'AMORE             
    Sperate che diete dell’ultimo minuto o tardive iscrizioni in palestra vi possano rimettere in forma per l’estate? 
    Fate più sesso. E’ il consiglio di una nota rivista statunitense che ha pubblicato un divertente studio sul rapporto tra performance amatoria e perdita di calorie. 
    Se durante un amplesso normale e un po’ banalotto (10 minuti nella posizione del missionario) si bruciano dalle 200 alle 300 calorie, la passione sfrenata e l’attenzione ad alcuni particolari possono aiutarvi a unire l’utile al dilettevole, trasformando i vostri incontri d’alcova in veri e propri allenamenti mangia-grassi. Vediamo in dettaglio alcune mosse e la loro efficacia dietetica.

    Slacciarle il reggiseno: 12 cal

    Slacciarlo con una mano sola: 47 cal.

    Spogliare completamente la partner passiva: 80 cal

    Spogliare completamente il partner passivo: 95 cal

    20 minuti di preliminari (per lui) : 107 cal

    20 minuti di preliminari (per lei): 87 cal.

    10 minuti di rapporto sessuale (missionaria): 250 cal

    10 minuti di rapporto sessuale (lei sopra): lei 300 cal, lui 130

    10 minuti di rapporto sessuale (da dietro): lei 200, lui 350 più benefici

    agli addominali

    10 minuti di rapporto sessuale in piedi: 600 calorie e probabile colpo della

    strega per lui

    Sigaretta sul letto dopo il rapporto: 12 calorie

    Rivestimento in fretta e furia e discesa dalla tromba delle scale

    per arrivo del legittimo/a consorte: 110 cal

    Nota bene: per tutte le voci, aggiungere un 15% se si pratica con l’amante, sottrarre un 15% se con moglie o marito.

    UN CONSIGLIO PER LUI: A parte di scherzi, accanto a tenerezza e dolcezza, provate a stupire la vostra partner con un amplesso più vigoroso e “fisico” del solito.

    UN CONSIGLIO PER LEI: Non siate troppo passive col partner. Prendete l’iniziativa anche fisicamente per equilibrare lo sforzo dell’amore.

    Buona serata e ricordate che “in tutti i tipi di unione, ciascuno dovrebbe comportarsi secondo la sua naturale inclinazione”.

    31 maggio 2012

    ESEMPIO DI SCHEDA DI ALLENAMENTO NUMERO 2 VARIANTE B

    SCHEDA DI ALLENAMENTO  NUMERO 2  VARIANTE B

    ESEMPIO DI SCHEDA DI ALLENAMENTO INTENSIVA - RAYMOND BARD

    ESEMPIO DI SCHEDA DI ALLENAMENTO INTENSIVA        



    BENEFICI TRATTI DA STUDI MEDICI e DOMANDE E RISPOSTE PIù FREQUENTI SULLE PEDANI VIBRANTI

    BENEFICI  TRATTI DA  STUDI MEDICI  e 
     DOMANDE E RISPOSTE PIù FREQUENTI
     

    - ”Migliori Prestazioni Fisiche a tutti i livelli” -
    - ”Maggiore Forza Esplosiva” -
    - ”Aumento della Tonicità, Rassodamento e Definizione Muscolare” -
    - ”Migliore Circolazione Sanguigna e Ossigenazione” -
    - ”Aumentata Azione Linfo-Drenante” -
    - ”Netta Attenuazione degli Inestetismi della Cellulite” -
    - ”Aumento del Metabolismo” -
    - ”Migliore Flessibilità, Mobilità e Coordinazione” -
    - ”Livelli Ormonali Ottimizzati” -
    - ”Maggiore Densità Ossea (previene l’osteoporosi)” -
    - ”Ringiovanimento del Collagene” -
    - ”Perdita di Peso, Grassi e Cellulite” -
    - ”Maggiore Massa Muscolare Magra” -
    - ”Migliore Digestione, nonché Assunzione e Distribuzione di Sostanze Nutritive” -
    - ”Riduzione del Dolore” -
    - ”Riduzione dello Stress” -
    Tutta questa meraviglia di risultati e benefici… in soli 10/15 minuti al
    giorno!
    Come funziona l’allenamento vibratorio?
    Cos'è di fatto la WBV? Per dirla in termini semplici, è l'applicazione di frequenze di vibrazione
    variabili ai sistemi muscolare, scheletrico, organico, ghiandolare e nervoso dell'intero corpo. Tali
    vibrazioni solitamente variano da 20 Hz a ben 60 Hz a seconda della marca e del tipo di macchina
    impiegata. Le varie frequenze di vibrazione producono effetti diversi sulla funzionalità del corpo. In
    generale, frequenze inferiori sono molto efficaci per l'allenamento alla resistenza, il riscaldamento
    e il raffreddamento, mentre frequenze superiori sono soprattutto usate per il massaggio e
    l'aumento della circolazione sanguigna nei tessuti periferici del corpo. Le vibrazioni, generate da
    una piattaforma che vibra meccanicamente, sono trasmesse al corpo attraverso le sue parti
    (generalmente i piedi o le mani che sono in contatto con la piattaforma o la pedana vibrante). Il
    corpo automaticamente si adegua a questi stimoli meccanici rispondendo con un riflesso di
    stiramento. Tale riflesso che si produce nei muscoli è di fatto un adeguamento riflessivo del
    cervello. Di conseguenza, la WBV fa sì che il cervello si alleni in un modo che induce un effetto
    neurorigenerante. In altre parole, il cervello ringiovanisce tornando ad uno stato di funzionalità più
    sano.
    Infatti la vibrazione dei muscoli stimola le terminazioni primarie del fuso muscolare, che eccita i
    motoneuroni, causando la contrazione riflessiva del muscolo (definito come riflesso tonico di
    vibrazione). Si tratta di una risposta neurologica.
    Il modo più semplice per capire questo concetto è pensare al riflesso che si ottiene dando un colpo
    leggero appena sotto la rotula del ginocchio. La gamba si estende istantaneamente non appena
    ricevuto questo colpo leggero.
    La vibrazione migliora la sincronizzazione delle unità motorie e può avere effetti positivi sulla
    risposta neurologica alla contrazione dei muscoli, permettendo un'attivazione più concreta dei
    motori primi durante un movimento specifico e una migliore coordinazione nell'attivazione dei
    relativi muscoli.
    Quanto dura l’allenamento vibratorio?
    Bastano 10/15 minuti di allenamento vibratorio per ogni sessione di allenamento 3 volte alla
    settimana per ottenere i risultati desiderati. La maggior parte delle persone pensa che la forma
    fisica dipenda dalla durata dell’allenamento, ma è la costanza e l’intensità i fattori che danno i
    maggiori risultati. Assumendo la varie posizioni sulla pedana vibrante potrete stimolare diversi
    distretti muscolari. Quindi sarà possibile facilmente e in poco tempo in quasi ogni parte del corpo.
    Ci sono differenze nella forma degli esercizi (es. piegamenti, balzi,
    ecc.) svolti sulla pedana vibrante rispetto ai tradizionali esercizi per
    allenare la forza?
    Alcuni esercizi di fitness tradizionale vengono eseguiti allo stesso modo degli esercizi sulla pedana
    vibrante. Dopotutto, i principi fisiologici e cinetici del corpo umano con cui abbiamo a che fare sono
    sempre gli stessi. La parte inferiore della schiena è naturalmente curva (lordosi). Da un punto di
    vista funzionale, la schiena è più forte a livello della lordosi di quanto non lo sia a livello della
    curvatura posteriore (cifosi). Allenandosi con la pedana vibrante, il carico che grava sulla parte
    bassa della schiena è inferiore, perché manca il carico aggiunto dal peso del bilanciere.
    Quali sono i motivi per i quali l’allenamento vibratorio si sta così tanto
    diffondendo?
    In molti centri di fitness, ma anche nell’allenamento dello sport di alto livello (soprattutto di alcune
    squadre professionistiche di calcio, basket, di football americano, ecc, ecc.) si sta sempre più
    diffondendo l’utilizzazione di attrezzature per lo sviluppo della forza muscolare nelle quali si usano
    le vibrazioni.
    Da questa utilizzazione e dalle diverse ricerche medico-scientifiche effettuate èstato dimostrato e
    riscontrato non solo uno sviluppo della forza in tempi più rapidi di quanto non avvenga con i metodi
    tradizionali (esercizi a carico naturale, pesi liberi e macchine isotoniche per la muscolazione), ma
    anche:
    - effetti positivi sulla cellulite;
    - un’azione anti-invecchiamento;
    - un effetto anti-osteoporosi (per il quale è nato l’allenamento vibratorio);
    - un progressivo dimagramento, dovuto all’aumento del rilascio di ormoni prodotti naturalmente
    dal corpo, che brucerebbero i grassi e aumenterebbero il metabolismo, ecc, ecc.
    Il tutto in tempi molto brevi e senza particolare fatica. Ciò ne spiega la diffusione nei centri di
    fitness e non solo in essi.
    L'allenamento con la pedana vibrante può migliorare la flessibilità?
    Si, tutti i muscoli e le articolazioni allungate durante l'allenamento vengono completamente messe
    in moto. Le vibrazioni inoltre allentano le aderenze, agendo positivamente sulla flessibilità. La
    ricerca ha dimostrato che gli esercizi di stretching con vibrazione aumentano notevolmente la
    flessibilità rispetto agli esercizi di stretching tradizionali.
    Usando la pedana vibrante in posizioni diverse è possibile allungare muscoli diversi. Gli organi del
    tendine del Golgi vengono attivati durante l'allenamento favorendo un profondo rilassamento
    (tendine riflesso). Un vantaggio ulteriore deriva dal fatto che i muscoli vengono allungati in
    posizione attiva e funzionale, mantenendo la forza esplosiva.
    Gli esercizi con la pedana vibrante devono essere svolti prima o dopo
    l'allenamento cardiovascolare?
    E' possibile inserire l'allenamento con la pedana vibrante in qualsiasi momento del programma di
    allenamento. Alcune persone preferiscono iniziare l'allenamento con i pesi, passare poi
    all'allenamento cardiovascolare e infine agli esercizi-vibranti sulla pedana. Tuttavia, è possibile
    adattare il programma a seconda delle preferenze personali. Non è necessario rispettare un ordine
    particolare nell'esecuzione delle diverse fasi che compongono la sessione di allenamento. Comunque
    è sempre meglio seguire il programma personalizzato e professionale di un qualificato Personal
    Trainer professionista.
    E la cellulite? Ho sentito dire che riduce la cellulite... è vero?
    Uno studio effettuato in Europa presso una clinica di medicina dermatologica ha dimostrato che
    l'allenamento vibratorio può ridurre sensibilmente la comparsa della cellulite, a livello superficiale
    (consigliata sempre una corretta alimentazione in abbinamento).
    Attualmente sono in corso ulteriori ricerche medico-scientifiche da parte di diversi centri di
    sviluppo scientifico che stanno confermando l’efficacia di questa nuova metodica estetica.
    L'allenamento vibratorio rappresenta un esercizio completo?
    L'allenamento vibratorio raggiunge tutti gli obiettivi di un programma di forza e tonificazione,
    offrendo in più tutti i benefici discussi in precedenza. Tuttavia non rappresenta un sostituto
    dell'esercizio cardio-vascolare abbinato ad una dieta appropriata (sempre consigliati).
    E’ possibile sostituire tutto il programma fitness di allenamento con il
    programma di allenamento vibratorio su pedana?
    L’allenamento con la pedana vibrante offre tutti i benefici che si possono ottenere attraverso un
    regolare allenamento fitness: fatta eccezione per l’ingrandimento e l’allenamento del muscolo
    cardiaco, è possibile ottenere qualsiasi altro risultato, come forza muscolare, flessibilità,
    coordinazione e resistenza muscolare.
    Se si smette di allenarsi con la pedana vibrante dopo averne fatto un
    uso regolare per diverse settimane, quanto durano i risultati ottenuti?
    Come in tutti i tipi di allenamento, interrompendo la stimolazione i risultati raggiunti regrediscono
    e scompaiono nel corso del tempo (infatti è fondamentale la costanza e regolarità come sempre).
    Tale fenomeno naturale è causato dalla legge biologica della reversibilità. Riducendo o sospendendo
    l’uso della pedana vibrante dopo una fase di allenamento regolare (3 o 4 sedute alla settimana), gli
    effetti benefici scompaiono lentamente. Tuttavia, la velocità di regressione è strettamente
    individuale e dipende da diversi fattori.
    L’allenamento sulla pedana vibrante è efficace?
    Sulla pedana vibrante è possibile eseguire tutti i movimenti di base del corpo umano e, svolgendone
    alcuni in modo dinamico, i risultati aumentano ancora maggiormente. Tali risultati possono essere
    integrati nella vita di tutti i giorni. Naturalmente, se l’allenamento vibratorio fa parte di un
    programma specifico di allenamento, sarà necessario i movimenti dello sport specifico in questione
    in modo tale da incrementare i benefici dell’allenamento mirato e personalizzato al soggetto e agli
    obiettivi. Si può migliorare la forza e la resistenza muscolare sulla pedana vibrante di un qualsiasi
    gesto sportivo specifico di uno sport utilizzando un allenamento specifico sulla pedana ed
    utilizzando posizioni mirate (fatevi sempre seguire da un Professionista dello sport qualificato
    anche in questo tipo particolare di allenamento).
    Da quanto tempo esiste l’allenamento vibratorio?
    Alla fine del diciannovesimo secolo alcuni scienziati scoprirono che la vibrazione meccanica poteva
    alleviare il dolore e pertanto è stata impiegata per curare dei disturbi fisici. Nel ventesimo secolo
    sono state intraprese delle ricerche per capire l’influenza delle vibrazioni nella crescita e nella
    struttura ossea. Poiché gli astronauti soffrivano di una significativa diminuzione della densità ossea
    durante la permanenza nello spazio, si sono rese necessarie delle terapie per combattere tale
    sintomo. Anche il notevole aumento della popolazione anziana ha spinto gli scienziati a ricercare un
    collegamento tra l’allenamento vibratorio e la densità ossea: si è scoperto che la terapia vibratoria
    migliora sensibilmente la densità ossea. A metà del ventesimo secolo, la ricerca scientifica ha
    dimostrato inoltre che le vibrazioni trasferite al corpo causano un riflesso da stiramento in cui i
    muscoli sono contratti continuamente. Negli anni ‘70 diversi scienziati russi hanno studiato gli
    effetti dell’allenamento vibratorio , riscontrando un notevole aumento della forza muscolare, della
    flessibilità, della coordinazione e della capacità di recupero. Nell’occidente solo dopo la caduta
    della Cortina di Ferro alcuni scienziati israeliani e italiani (C. Bosco) hanno riscoperto e sviluppato
    il principio dell’allenamento vibratorio. In campo terapeutico i metodi di vibrazioni locali sono stati
    usati e sono usati sia a scopo preventivo che durante il recupero o la riabilitazione a seguito di
    traumi.
    L’allenamento cardiovascolare va fatto sempre?
    In ogni caso, con l’allenamento vibratorio non si raggiungerà mai un adattamento del muscolo
    cardiaco o ipertrofia. Nel caso di un soggetto o un’atleta che la pedana vibrante come parte della
    preparazione atletica e fisica, si raccomanda di integrare anche l’allenamento cardiovascolare in
    un programma completo. In tal modo, l’allenamento vibratorio fungerà da catalizzatore migliorando
    enormemente l’effetto della stimolazione cardiovascolare.
    La pedana vibrante migliora la circolazione in tutto il corpo o agisce
    solo localmente?
    Negli esercizi-massaggio la circolazione migliora principalmente a livello locale con un visibile
    effetto anche anticellulite. Anche la circolazione nei muscoli aumenta notevolmente. Durante gli
    esercizi che prevedono la contrazione (statica o isometrica) dei muscoli, solitamente la circolazione
    diminuisce temporaneamente (vasocostrizione). Comunque allenandosi in piedi sulla pedana
    vibrante, la circolazione nella pelle e nei muscoli aumenta sensibilmente. Si registrano aumenti
    della circolazione sanguigna fino a 100 volte!
    Quali sono i vantaggi dell’allenamento vibratorio dinamico
    (effettuando il movimento assieme alle vibrazioni)?
    Sulla pedana vibrante è possibile eseguire in modo statico o isometrico (senza movimento) o
    dinamico (con movimento). Durante l’attività quotidiana di vita e l’attività sportiva utilizziamo il
    nostro corpo e la maggior parte dei nostri muscoli in modo dinamico: per questa ragione gli esercizi
    dinamici sono più efficaci da un punto di vista funzionale (più simile all’uso normale dei muscoli e
    dei movimenti). Se la pedana vibrante è utilizzata per persone sedentarie, si può decidere di
    eseguire gli esercizi in modo statico. E’ necessario comunque iniziare le prime sessioni sulla pedana
    vibrante con esercizi statici in modo tale da apprendere la tecnica giusta. Si consiglia di essere
    seguiti sempre da un Personal Trainer professionista e specializzato nell’allenamento vibratorio
    almeno nella fase iniziale delle sedute (prime 10 sessioni).
    Le regole del fitness convenzionale possono essere applicate anche
    all’allenamento con la pedana vibrante?
    Molte delle regole valide per l’allenamento con i pesi o macchine isotoniche (fitness) possono essere
    applicate anche all’allenamento vibratorio. Tuttavia il recupero è molto più veloce. Se ci si sente
    bene e l’intensità dell’allenamento è sta aumentata gradualmente, è possibile usare la pedana
    vibrante tutti i giorni. Raccomando di programmare la tabella degli allenamenti in modo tale da
    allenare prima i gruppi muscolari più grandi e poi quelli più piccoli e di alternare i gruppi muscolare
    da allenare nelle diverse sedute di allenamento.
    Mia madre ha 75 anni, può allenarsi con l’allenamento vibratorio?
    Una delle prime applicazioni della pedana vibrante è stata nella lotta contro l’osteoporosi, con
    ottimi risultati. La ricerca scientifica ha rilevato una connessione diretta tra la forza muscolare e la
    densità ossea. Le vibrazioni che colpiscono il corpo durante una sessione di allenamento vibratorio
    su pedana stimolano enormemente il tessuto osseo (ottimo per le donne in menopausa). Usando la
    pedana vibrante è possibile attivare i muscoli in modo efficace, facile, sicuro e semplice. Durante
    l’allenamento vibratorio inoltre, il carico sulle articolazioni, sui legamenti e sui tendini è molto
    inferiore rispetto al normale allenamento con i pesi o attrezzature.

    Clicca su post più vecchi

    Clicca          su       post più vecchi

    Dona a chi impiega il suo tempo per gli altri con amore e altruismo. dona per alimentare il bene.

    ATTENZIONE A TUTTI I SITI INTERNET

    ATTENZIONE Le informazioni contenute in questo sito(anche se selezionate con attenzione) come in tantissimi altri siti internet,sono di carattere informativo e generico, pertanto devono solamente essere usate a scopo didattico e NON per diagnosi su se stessi o su terzi, NON per scopi terapeutici, NON per automedicazione. In NESSUN CASO le informazioni presenti in questo sito si sostituiscono al parere di un medico. Pertanto si esortano i visitatori a rivolgersi IN OGNI CASO al proprio medico per avere dei pareri seri e professionali sul proprio stato di salute e sulle eventuali terapie da adottare. I gestori del sito non si assumono responsabilità per danni, di qualsiasi natura, che l'utente, attingendo le informazioni da questo sito, potrebbe causare a se stesso a o terzi, derivanti da uso improprio o illecito delle informazioni riportate in questo sito, o da errori e imprecisioni relativi al loro contenuto, o da libere interpretazioni, o da qualsiasi azione che l'utente del sito possa intraprendere autonomamente e disgiuntamente dalle indicazioni del proprio medico curante.

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
    L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post.Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.
    Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.L'autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.